Nrdc-Ita, uomini e donne esercitati per affrontare ogni minaccia per la prossima Nrf 16

Inizia l’ultimo semestre a disposizione del corpo di reazione rapida della Nato (Nato Rapid Deployable Corps Italy, Nrdc-Ita) per mettere a punto la preparazione in vista del turno di comando come componente terrestre alla prossima Nato Response Force (Nrf 16).

Dal 1° gennaio e per tutto il primo semestre del prossimo anno, infatti, gli uomini e le donne della caserma Ugo Mara di Solbiate Olona, dove ha sede Nrdc-Ita, saranno costantemente pronti per ogni intervento si rendesse necessario nell’ambito della forza di reazione rapida della Nato. Che non significa soltanto dispiegabilità e autonomia a partire da cinque giorni dall’ordine, ma soprattutto un approccio completo a minacce ibride. Dal terrorismo ai disastri naturali.

Apertura a trecentosessanta gradi e massima flessibilità, ecco cosa ci si aspetta da un comando Nrf. Che sia capace di interventi ad ampio spettro e che abbia conoscenze specialistiche per poter interagire con un ambiente complesso. Per garantire tutto questo la struttura deve essere agile. E addestrata.

Le future esercitazioni che avvicineranno ancora di più l’Nrdc-Ita al suo prossimo ruolo di vertice hanno la funzione di addestrare il personale a livelli di complessità crescente.

La prima di queste, in programma a giugno, è denominata Eagle Meteor 10. A seguire, il prossimo mese di ottobre, la Noble Light 10, per finire con la Steadfast Juno, ultimo impegno prima del turno di comando della Nrf 16.

Articoli correlati:

Nrdc-Ita si prepara a guidare la componente terrestre di Nrf 16 e riceve la visita del generale Bouchard (26 marzo 2010)

Nrdc-Ita: un 2010 di esercitazioni per il prossimo turno di comando nella Nrf (16 febbraio 2010)

Esercitazione Eagle Blade 09: scenario di guerra per l’Nrdc-Ita (23 novembre 2009)

Nrdc-Ita: visita del comandante della 3° divisione britannica in vista della prossima Eagle Blade e del turno di Nrf (15 giugno 2009)

Fonte: Nrdc-Ita

Foto: PAO Nrdc-Ita