Nrdc-Ita, il generale Giorgio Battisti assume il comando dal collega Gian Marco Chiarini

Si sta concludendo nella caserma Ugo Mara di Solbiate Olona, sede del Nato Rapid Deployable Corps – Italy (Nrdc-Ita), la cerimonia del cambio di comando tra il generale Gian Marco Chiarini, cedente, e il collega Giorgio Battisti, che ora è il nuovo comandante del corpo di reazione rapida.

Il generale Chiarini lascia Nrdc-Ita dopo tre anni di comando e assume il ruolo di rappresentante militare per l’Italia presso i comitati militari Nato e UE a Bruxelles.

Nel suo discorso di saluto, il generale Chiarini ha ricordato quanto detto il 27 agosto 2008: “Quando assunsi il comando tre anni fa dissi che uno dei miei scopi era quello di vedere intorno a me persone che operavano in piena serenità, senza i volti contratti dallo stress o dalle contrarietà che il lavoro quotidiano provoca in ciascuno di noi. So di non avere realizzato con questo semplice auspicio la città ideale, ma credo che almeno in parte siamo riusciti a conseguire anche questo obiettivo”.

Rivolgendosi al nuovo comandante, il generale Chiarini ha affermato: “Al Generale Giorgio Battisti affido Nrdc-Ita con l’auspicio che possa guidarla verso sempre nuovi successi. So che per competenza ed esperienza professionale è la persona più indicata per svolgere questo compito. A lui il mio sincero augurio di tante soddisfazioni”.

Il più sentito ringraziamento del generale Chiarini va al personale di Nrdc-Ita “ per questi tre anni meravigliosi che abbiamo trascorso insieme. Tutto ciò che abbiamo costruito non andrà disperso. Sarà per me motivo di orgoglio se ogni tanto vi ricorderete di questo Comandante, forse un po’ troppo moralista, forse un po’ troppo sognatore, ma che ha fortemente creduto in ciascuno di voi. Perchè, come vi ho sempre ripetuto, voi non siete l’ingranaggio di una macchina, per quanto efficiente possa essere. Ognuno di voi è l’intera macchina e ognuno di voi ha la capacità di cambiare il corso degli avvenimenti”.

Il generale Battisti ricopriva l’incarico di Capo di stato maggiore del Comando delle Forze Operative Terrestri in Verona dal 31 maggio 2008. Il 1° gennaio 2011 è stato promosso generale di corpo d’armata. E’ stato il primo comandante del contingente italiano in Afghanistan dal 13 febbraio al 16 giugno 2003, sia per la missione Nibbio 1 (nell’ambito dell’operazione Enduring Freedom) sia per la missione Isaf.

Articoli correlati:

CoE – Centre of Excellence – The NATO Rapid Deployable Corps Italy in Solbiate Olona (Part I and II)

Nrdc-Ita, il generale Gian Marco Chiarini lascia il comando e vola a Bruxelles (11 giugno 2011)

Foto: PAO NRDC-ITA, L’Arena