COMFOTER SPT: con l’Alzabandiera a Palazzo Carli si apre il 33° congresso della Federazione Internazionale dei Soldati della Montagna

“Con la cerimonia dell’alzabandiera, svoltasi per la prima volta, nel cortile di Palazzo Carli, sede del Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto (COMFOTER SPT), è stato ufficialmente aperto l’annuale congresso della Federazione Internazionale dei Soldati della Montagna – IFMS, giunto quest’anno alla 33^ edizione”, ha fatto sapere con un comunicato stampa del 26 settembre lo stesso comando veronese COMFOTER SPT.

All’evento erano presenti il Generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota, Comandante delle Forze Operative Terrestri di Supporto, il Sindaco di Verona, avv Federico Sboarina, il presidente della Sezione Alpini di Verona, sig Luciano Bertagnoli, il Presidente dell’Associazione Nazionale Alpini, ing Sebastiano Favero, e il Segretario generale della Federazione Internazionale soldati della montagna, Generale di Brigata Renato Genovese.

La Federazione Internazionale dei Soldati della Montagna è una federazione tra associazioni nazionali di soldati, in armi, congedati, di riserva o a riposo, con specifico addestramento alpino, spiega il comunicato.

Alla Federazione può aderire una sola associazione per nazione, si apprende: ne fanno parte Austria, Bulgaria, Francia, Germania, Italia, Montenegro, Polonia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti d’America e Svizzera.

L’Italia è rappresentata dall’Associazione Nazionale Alpini (ANA).

“Questa associazione internazionale – scrive il COMFOTER SPT – impegna le associazioni liberamente federatesi a:

  • promuovere collettivamente una cultura di pace, di libertà e di tutela dei diritti dell’uomo, fornendo un esempio positivo alle future generazioni
  • onorare la memoria dei Caduti delle Truppe da Montagna d’ogni Nazione, affinché, affinché il loro sacrificio sia di stimolo a costruire un mondo di pace durevole, di fratellanza e di giustizia;
  • perseguire attivamente la conoscenza, la comprensione e l’amicizia tra tutti i Soldati da Montagna;
  • dare un esempio alle future generazioni e favorire il riconoscimento, il rispetto e la comprensione reciproca;
  • contribuire alla comprensione tra le Associazioni aderenti, tra i loro soci, tra le generazioni future. 

Fonte e foto: COMFOTER SPT