banda

Le bande militari celebrano il 2 giugno nelle stazioni ferroviarie: la banda della brigata meccanizzata Pinerolo, erede della banda del 231° reggimento Avellino

Si è esibita ieri, 2 giugno, nella stazione ferroviaria di Bari Centrale sulla base dell’iniziativa del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che, con l’organizzazione del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane in collaborazione con il ministero della Difesa, ha inteso così commemorare la Festa della Repubblica proprio in uno scalo ferroviario, dall’importanza logistica fondamentale nella gigantesca opera di ricostruzione all’indomani della Seconda Guerra Mondiale.

La banda della brigata Pinerolo, fa sapere la stessa unità, è uno dei più prestigiosi veicoli di diffusione della musica militare dell’intera Forza Armata. Trae le sue origini dalle bande reggimentali, in particolare, è erede delle tradizioni musicali della banda del 231° reggimento Avellino.

A seguito del sisma del 1980 in Irpinia, il complesso musicale fu sciolto per essere poi ricostituito il 20 settembre 1984. Nel 1996, dopo la riorganizzazione delle bande e fanfare dell’Esercito, fu nuovamente soppressa per essere ricostituita  in fase sperimentale, con sede nella caserma Ruggero Vitrani, sede del Reparto comando e supporti tattici Pinerolo, in Bari, il 17 aprile 2004.

Da tale data la banda ha accompagnato e suggellato i momenti salienti della storia più recente della brigata Pinerolo, sia in occasione di cerimonie in territorio nazionale che in occasione dell’impegno dei sette reggimenti dipendenti in teatri operativi all’estero, tra i quali Kosovo e Albania.

La grande unità, con gli oltre 5mila uomini e donne, rappresenta un’importante realtà perfettamente inserita nel tessuto socio economico della Puglia. Il 15 gennaio 2010 la banda viene ufficializzata in via definitiva dallo stato maggiore Esercito. Attualmente è  diretta dal primo maresciallo Carlo Resta.

La banda della brigata Pinerolo è composta da sottufficiali, graduati musicanti e volontari in ferma prefissata. La gran parte dei musicanti è diplomata presso il Conservatorio. L’organico prevede 31 unità suddivise in strumenti ad ancia, ottone e percussioni.

Il vasto e variegato repertorio, che spazia dalla tradizionale produzione di marce militari e straniere alle trascrizioni per banda, ha consentito al complesso di partecipare a numerosi concerti musicali. Nel mese di maggio del 2005 ha partecipato al 6° Festival della cultura europea in Algeria, e il 22 giugno dello stesso anno ha suonato durante l’udienza dal Santo Padre a Roma. Recentemente ha partecipato, unitamente al coro del 10° reggimento Trasporti, a un’esibizione per i bambini ricoverati presso l’Ospedale Giovanni XXII, riscuotendo grande apprezzamento e simpatia da tutti gli astanti.

Articoli correlati:

La brigata meccanizzata Pinerolo in Paola Casoli il Blog

2 giugno 2014, le Forze Armate celebrano la festa della Repubblica Italiana: il programma della sfilata ai Fori Imperiali (1° giugno 2014)

Fonte e foto: brigata Pinerolo