ricerca e sviluppo

Industria della Difesa e formazione militare: sinergia ribadita nella visita alla Oto Melara della Scuola Applicazione Esercito

20150701_Scuola Applicazione_7° corso allievi uff ferma prefiss_visita Oto MelaraIl 7° corso allievi ufficiali in ferma prefissata, insieme con il comandante della Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, generale Claudio Berto, ha svolto una visita didattica presso lo stabilimento della società Oto Melara, di La Spezia, il 1° luglio scorso.

Gli Ufficiali, accolti dall’amministratore delegato della società, ingegner Roberto Cortesi, hanno partecipato alla presentazione dei principali programmi di ricerca e sviluppo in atto, dall’artiglieria ai veicoli blindati, dalle munizioni guidate ai sistemi navali e antiaerei; successivamente hanno potuto seguire le varie fasi del processo produttivo aziendale direttamente nel sito di produzione e nei laboratori di testing, assistendo ad alcune prove che vengono effettuate per verificare la conformità dei sistemi e materiali ai requisiti tecnico-militari.

La visita presso l’Oto Melara ha consentito di integrare la preparazione teorica degli Ufficiali frequentatori del corso facendo loro acquisire un’esperienza professionale significativa, ovvero conoscere la realtà produttiva di sistemi d’arma tecnologicamente avanzati che costituisce punto di riferimento a livello internazionale.

L’incontro è proseguito nella sala riunioni della società, dove gli Ufficiali hanno potuto dialogare con i program manager e i responsabili aziendali dei vari settori di produzione nel settore Difesa, e si è concluso con il tradizionale scambio di crest, tra il generale Berto e l’ingegner Cortesi, a testimonianza della sinergia tra la formazione militare e l’azienda italiana.

Articoli correlati:

La Scuola Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Oto Melara in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola Applicazione

Cyber epigrammi – Niente F35 in Area C a Milano…

By Cybergeppetto

La Rete Italiana per il Disarmo ha lanciato la campagna nazionale “Taglia le ali alle armi” contro l’acquisto dei cacciabombardieri F-35 e per la richiesta al Governo di destinare i fondi risparmiati a garanzia dei diritti dei più deboli.

Il Comune di Milano, invece di occuparsi del costo del biglietto dei bus, dell’area C e di tutto quello che un Comune deve fare, ha deciso di aderire all’iniziativa, con tanto di conferenza stampa.

Non credo che il traffico di Milano si snellirà se ci saranno meno F-35 e penso che ognuno si debba occupare delle proprie competenze, invece di pontificare su cose sulle quali altri hanno responsabilità. Nel “chi fa che cosa” non si trova mai quello che fa ciò che gli si è chiesto di fare…