Sebastopoli

Bersaglieri, specialità militare unicamente italiana: al 62° raduno nazionale ad Asti è presente l’Esercito con i reparti in armi

L’Esercito Italiano partecipa con propri reparti in armi al 62° raduno dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, in corso di svolgimento ad Asti fino a domani, 8 giugno.

Nella tradizionale sfilata a passo di corsa di domani, domenica 8 giugno, i bersaglieri in servizio saranno rappresentati dalla Bandiera di Guerra, la fanfara e una compagnia in armi dell’ 11° reggimento Bersaglieri.

Il Corpo dei Bersaglieri è una specialità dell’Arma di Fanteria e rappresenta l’unica specialità militare unicamente italiana.

Istituito nel 1836 con il compito di svolgere servizio di esplorazione, avanguardia e missioni di carattere ardito, sin dalle origini il Corpo dei Bersaglieri doveva costituire una parte della fanteria leggera.

Una specialità che, grazie alla scelta accurata degli effettivi e al particolare addestramento ed equipaggiamento, univa grande abilità nel tiro, spiccata resistenza allo sforzo fisico, in particolare alla corsa, con l’effetto di una straordinaria mobilità nelle operazioni militari.

Oggi i bersaglieri in servizio sono ordinati in 6 reggimenti e nella prestigiosa brigata Garibaldi, che ha sede a Caserta.

I fanti piumati si sono distinti combattendo su tutti i fronti dando prova di capacità dal Risorgimento ai giorni nostri. Dalle Guerre di Indipendenza alla Breccia di Porta Pia, passando per la lotta contro il brigantaggio fino alle Guerre Mondiali e di Liberazione.

Dopo il secondo conflitto mondiale sono stati impegnati in operazioni di mantenimento della pace in Libano, nel 1982, e nei Balcani, a partire dal 1995. Sono stati i primi a intervenire a Sarajevo nel Natale 1995, in Albania nel 1997, in Kosovo, nel 1999, e in Iraq nel 2003, dove la brigata Bersaglieri ha svolto ben tre cicli operativi, concludendo l’impegno militare italiano nel dicembre 2006.

Più recentemente i bersaglieri sono stati impegnati in Libano e in Afghanistan, dove la brigata Bersaglieri Garibaldi sarà nuovamente impiegata nel corso dei prossimi mesi.

I bersaglieri nelle missioni internazionali hanno sostenuto grandi sacrifici meritando numerosi riconoscimenti collettivi e individuali: lo scorso 7 maggio è stata attribuita la Medaglia d’oro al Valor Militare alla memoria  al maggiore Giuseppe La Rosa,  ufficiale del 3° reggimento Bersaglieri, caduto in Afghanistan l’8 giugno 2013.

La vocazione alle missioni internazionali non è nuova per i fanti piumati: un contingente di bersaglieri partecipò nel 1855 alla spedizione piemontese in Crimea dove prese parte alla battaglia della Cernaia e all’assedio di Sebastopoli a fianco delle truppe anglo-francesi, opposte a quelle russe. Proprio a seguito di quella prima impresa, gli ufficiali dei bersaglieri portano ancora oggi la sciabola curva, con l’elsa dorata e la testa di leone dagli occhi di rubino sull’impugnatura, in ricordo della scimitarra turca utilizzata in Crimea dal generale La Marmora.

La truppa continua ad indossare il fez, caratteristico berretto rosso col pennacchio blu, donato ai bersaglieri dagli Zuavi francesi proprio a seguito di quelle battaglie.

Oltre agli impegni all’estero, in epoca recente, non vanno poi dimenticati i numerosi interventi sul territorio nazionale sia per il controllo del territorio, come l’operazione Strade Sicure, sia in aree colpite da pubbliche calamità, come in occasione del sisma che colpì il Friuli Venezia Giulia nel 1976.

Ampio l’orizzonte dei valori di riferimento di questo Corpo dell’Esercito sintetizzati nel “decalogo”, da sempre punto di riferimento per i bersaglieri d’Italia. Dieci precetti in cui, accanto all’onore al Capo dello Stato, all’Obbedienza e all’onore alla Patria, non mancano i riferimenti al sentimento della famiglia e alla solidarietà tra compagni d’armi. Vengono poi indicati l’esercizio di tiro (da qui “bersaglieri”) e l’attività sportiva, ma anche la fiducia in se stessi, “altissima”, senza mai sfociare nella presunzione, fa sapere il comunicato stampa dell’Esercito Italiano.

Articoli correlati:

I Bersaglieri in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Esercito

Ukraine: USA war machine is heating up its motors, 1600 Marines are headed for Kogalniceanu AFB

Giovanni Pallotta in Bucharest

With the southern area of Eastern Europe  causing worry and trepidation for many Chancellor’s offices around the world, and the whispering of so-called political encounters and negotiations (both public and private) have not helped to ease tensions, USA and its Allied war machine are heating up its motors.

If worldwide opinion is fully aware of Russia’s military exercises causing worry and fears, the manoeuvres and exercises by the Allied forces are a well-kept secret. Since the middle of March, in the areas situated near Ukraine, military and air force exercises has been regularly conducted by American, Romanian, Polish and Bulgarian military forces.

The first important military exercise took place in the Black Sea area on March 12th and involved the destroyer USS Truxtun, the warship Queen Mary, escorted by Romanian corvettes, Vice Admiral Eugeiu Rosca and Second Admiral Eustatiu Sebastian, and by the Bulgarian battleship Darzki.

This line-up may appear modest, if we take into consideration the forces that Russia can count upon in its naval base in Sebastopol; where Russia boasts a submarine, a cruiser, two destroyers, two battleships and an air float of 22 Sukhoi 24M and the famous Soviet Sukhoi 24 attack aircraft.

Regardless of this fact, the presence of four naval units from three different nations has evoked upsetting feelings for various reasons. First of all, the Romanian naval base of Constanta, situated 220 nautical miles from Sebastopol has become the departure port of operations. Furthermore and above all, the presence of a task force which includes the American air-craft carrier, George Bush, escorted by destroyers, Roosevelt and Philippine Sea, with 1700 marines and 90 Hornet and Superhornet all placed near the River Bosforo has evoked tension and worries.

Taking into consideration all these factors, one can understand the feelings of extreme anxiety and worry in Russian military and information sectors. These feelings can be summarized in the English foreign affairs journal Russian Global Affairs Director, Mr Fyodor Lukyaov. In a statement to Reuters, Mr Lukyav affirmed that concerning  American provocations, Mr Putin has every reason to be concerned about the Russian float in Sebastopol.

The exercises terminated at the end of March, however the tense situation in the Black Sea area has not been placated. On Sunday, April 13th, Romanian President, Mr Traian Basescu, visited the American destroyer, Donald Cook (which had been patrolling Romanian waters in the Black Sea since April 1st) and declared that he and his country opposed Putin’s political stance. During his visit on board, a Russian attack aircraft, the Sukhoi 24M, circled twelve times at a low altitude causing tension to the personnel on board while counter measures in case of an air raid were activated. Subsequently, this act was condemned harshly by the Pentagon that defined the action as a provocation without precedence and against all military protocol.

If the Black Sea area has been a hot spot during these last few weeks, the situation in the Eastern European skies is not much better. Meanwhile, during the last two weeks of March, American and Polish aviation have been carrying out joint operation actions. If, at the beginning of the crisis in the Crimean area joint operations had been foreseen only for the bombers, the Polish command has now asked for twelve F16s to be sent over. These aircrafts are not only able to respond to air fire, but they can also be used as fighter-bombers and reconnaissance aircraft. Simultaneously, with the end of the operations, the Commander of the American Air Force in Europe has received orders to set up patrols along the borders of Polish, Romanian and Ukrainian air space using planes equipped with Airborne Warning and Control Systems. The decision was confirmed by US Defense Secretary Chuck Hagel during a press conference on 18th April.

The picture that is emerging seems to be quite evident. Some NATO nations and the United States are gearing up to react to whatever scenario may appear on the horizon. On one hand, diplomacy is being used, thus taking on the role of Protectorate of regional order, while on the other the forces are getting ready to show Moscow that in case the stakes get higher, they are ready to take counter measures regarding the whole  area and in a very vast arena. In this “match”, Washington will be aided by its Eastern European allies, in particular Romania and Poland that have realized that they will have the opportunity to play an active role as real regional powers. It is important to remember that the Romanian authorities, in particular, are pressuring the American military forces to maintain a stable and constant presence of NATO forces in Romania, in particular it is important to consider the political efforts made by the former Romanian minister of Foreign Affairs, Mircea Geoana (he was minister in 2004 when Romania joined the NATO).

This pressure received tangible results on March 27th when the American government formally pointed out the need to reinforce American presence in the Air Force base of Kogalniceanu near Constanta. By the end of April, 1600 Marines airborne trained will be sent to the Romanian military base. With this increase of this contingent, an increase in logistic support, particularly, amphibious operation ships are also foreseen. These are all signs that let the reader understand that the game in Eastern Europe is still a long way from being over.

Giovanni Pallotta

See also:

Operativo in Romania l’hub di ingresso e uscita dall’Afghanistan per i militari americani. Sostituisce Manas in Kirgizistan (4 marzo 2014)

Photo credits novinite.com

Non saranno le uova ad affondare la flotta russa a Sebastopoli, che resterà nel Mar Nero fino al 2042

Lo aveva già annunciato in marzo, a circa un mese dalla sua elezione a presidente dell’Ucraina. Per Viktor Yanukovych, vittorioso sulla rivoluzionaria arancione Yulia Tymoschenko nello scorso febbraio, la flotta russa sarebbe potuta restare nel Mar Nero ben oltre il 2017 nel suo storico quartier generale di Sebastopoli nella penisola di Crimea, in Ucraina.

Al filorusso Yanukovych non è costato nulla rinnovare il contratto d’affitto della base militare alla Russia, anzi, in cambio ci ha guadagnato gas russo a prezzo di favore. Al relatore in parlamento, invece, è come minimo costato un vestito nuovo, dato che è stato preso di mira da lanci di uova.

Ma l’annuncio della ratifica ha potuto comunque essere fatto con l’aiuto di due ombrelli neri tenuti aperti sulla testa del relatore (che avrà messo da parte ogni timore scaramantico). Non saranno mica delle uova ad affondare il progetto di rinnovo dell’affitto per l’intera flotta russa, un inquilino storico del Mar Nero dall’annessione della Crimea da parte di Caterina II nel 1783.

In realtà il controverso contratto ha una valenza politica e geostrategica significativa. Da una parte rinnova il legame con la Russia, ottenendo allo stesso tempo una fornitura di gas che garantirà tepore nei lunghi inverni sia al popolo che alla finanza dell’Ucraina; e dall’altra permette alla Russia di mantenere seppur con restrizioni i propri scali in Egitto, Libia e Tunisia – ovvero nel centro del Mediterraneo – quale riconoscimento delle proibitive condizioni di manovra da e per il Mar Nero.

Per il primo ministro russo Vladimir Putin, il contratto va letto in termini di cooperazione militare finalizzata a rafforzare la fiducia tra i due paesi sul piano economico, sociale e politico in vista di una holding energetica.

Fonti: BBC, Globalsecurity, Washington Times

Foto: Black Sea Fleet, The Globe and Mail