Sicurezza

Difesa, il SSSD on Tofalo da Washington alla Silicon Valley per “consentire ai nostri ricercatori, alle startup e alle PMI di spiccare il volo”

“In questi giorni ho avuto importanti incontri con le Autorità statunitensi e le maggiori realtà industriali del posto”, ha scritto il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) on Angelo Tofalo, che da Washington è giunto in California dove nella Silicon Valley ha in programma di incontrare aziende e startup americane e italiane.

È il suo addetto stampa a riportare quanto comunicato dal Sottosegretario sui canali social.

“Al centro degli argomenti – ha proseguito l’on Tofalo – la sicurezza cibernetica e le future tecnologie. In Villa Firenze, la nostra Ambasciata a Washington, abbiamo mostrato ai nostri alleati il ‘Sistema Paese Italia Cyber’. Una delegazione trasversale composta dalla Presidenza del Consiglio, dal Ministero della Difesa, dal Ministero della Sviluppo Economico e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale”.

“Solo realizzando azioni di sistema l’Italia può accrescere la sua credibilità internazionale e valorizzare le eccellenze che devono sedere ai tavoli in cui si progettano gli standard tecnologici del futuro”, ha evidenziato il sottosegretario Tofalo, che intende sentire “dalla voce di chi ha vissuto e stimolato la rivoluzione digitale degli ultimi 15 anni in che modo è possibile creare le condizioni per consentire ai nostri ricercatori, alle startup e alle PMI di spiccare il volo”.

Per l’on Tofalo “Il settore dell’innovazione, ovvero della realizzazione di idee ad alto impatto tecnologico, ha bisogno di una continua evoluzione dei modelli economici e organizzativi per essere concretamente sostenuto.”

E aggiunge: “Questo Governo ha l’ambizione di riportare al centro le idee degli italiani e per costruire piattaforme di supporto efficaci dobbiamo comparare i sistemi operativi in giro per il mondo. La Silicon Valley è uno di questi luoghi.”

Fonte: Cap Massimiliano Rizzo, Addetto alla Comunicazione del Sottosegretario di Stato alla Difesa, on Angelo Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

Difesa: il SSSD on Tofalo a Washington incontra rappresentanti governo USA sul tema della sicurezza cibernetica

“Difesa e Sicurezza sono i principali temi nell’agenda” del Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD), on Angelo Tofalo, in questi giorni a Washington per incontrare i rappresentanti del Governo degli USA, fa sapere il suo addetto stampa con un comunicato odierno.

Nella sede del National Cybersecurity and Communications Integration Center (NCCIC), struttura preposta alla difesa delle infrastrutture critiche statunitensi da eventuali attacchi cibernetici, il sottosegretario Tofalo è stato ricevuto dal Vicesegretario Thomas Mc Dermott.

“È evidente l’importanza che viene attribuita alla sicurezza cibernetica – ha evidenziato l’on Tofalo – Dobbiamo tutti essere consapevoli che la minaccia cyber è crescente e sempre più pervasiva e che ciascun Paese è un potenziale bersaglio. Simulazioni eseguite da specialisti hanno stimato che un attacco a una infrastruttura critica potrebbe determinare danni a cose e persone ben più gravi di quelli causati da un conflitto bellico. È indispensabile farsi trovare pronti.”

Dalla sicurezza cyber a quella più propriamente definita “tradizionale” che viene assicurata dagli uomini sul terreno: al Pentagono il sottosegretario Tofalo ha incontrato il Vice Sottosegretario alla Difesa per la Politica, David J. Trachtenberg, con il quale ha parlato dell’attuale scenario geopolitico e dell’impegno nei principali teatri internazionali.

“Particolare attenzione è stata dedicata alla stabilità dei paesi che rappresentano un fattore cruciale per la sicurezza”, conclude il comunicato stampa.

Fonte: Capitano Massimiliano Rizzo Addetto Stampa del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On Angelo Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

Difesa, il SSSD on Tofalo: “potenziare modello di difesa cibernetica”. Parte il Gruppo di Progetto Cyber

“L’obiettivo è quello di sviluppare un’architettura di difesa cibernetica che possa divenire un modello virtuoso da esportare poi anche in tutta la Pubblica Amministrazione”, ha affermato ieri, 27 febbraio, il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) on Angelo Tofalo alla prima riunione del Gruppo di Progetto C5ISR, costituito con Decreto del Ministro della Difesa, dottoressa Elisabetta Trenta, del 21 gennaio 2019, fa sapere con un comunicato stampa l’addetto alla comunicazione del SSSD.

“In materia cyber – ha poi sottolineato l’on Tofalo – la Difesa è il dicastero più avanti per quanto riguarda know how ed expertise”.

“In questo primo incontro è emerso il bisogno e l’intento comune di lavorare al fine di migliorare il modello di gestione e difesa del dominio cibernetico nell’ambito del Dicastero – ha evidenziato il Sottosegretario – Sono certo che grazie alle elevatissime capacità e competenze già presenti all’interno del Comparto Difesa, questo lavoro risulterà un moltiplicatore del potenziale esprimibile.”

Il tavolo di lavoro è stato concepito per costruire, insieme alle più importanti componenti dello Stato Maggiore della Difesa e delle singole Forze Armate, un percorso utile all’ottimizzazione e alla razionalizzazione delle competenze e dei flussi di informazione relativi all’amministrazione del dominio cibernetico, spiega il comunicato.

Il Gruppo di Progetto, posto alle dirette dipendenze del sottosegretario Tofalo, è guidato dall’Ammiraglio Ruggiero Di Biase, che coordinerà un team interforze di specialisti impegnati nella redazione di una proposta organica per favorire la riorganizzazione, già in atto, nel settore cibernetico all’interno della struttura della Difesa.

Il Gruppo predisporrà quindi le linee di indirizzo politico volte a individuare i margini di sviluppo per definire in modo armonico e omogeneo tutti gli aspetti relativi al dominio cibernetico e, più in generale, in materia di Information and Communication Technology (ICT), Comando e Controllo e Cyber Security, unitamente ai collegamenti/relazioni con la componente Intelligence, Surveillance Reconnaisance (ISR), conclude il comunicato stampa.

Fonte: Cap Massimiliano Rizzo Addetto Stampa del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On Angelo Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

Difesa: il SSSD on Tofalo all’IDEX2019 di Abu Dhabi pensa a una fiera annuale a Milano

“L’Italia ha tante realtà altamente competitive che non hanno nulla da invidiare alle altre nazioni. Sono qui per sostenere le nostre eccellenze della difesa affinché possano esser superati i gap e gli ostacoli per affermare il “made in Italy” nel mercato internazionale”, ha affermato il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) on Angelo Tofalo ad Abu Dhabi, dove è iniziata la 14esima edizione di IDEX2019 (International Defence Exhibition), una delle esposizioni biennali dell’industria della Difesa più importanti del Medio Oriente e Nord Africa, ricorda l’addetto stampa del Sottosegretario nel comunicato stampa del 18 febbraio con cui dà notizia della visita negli Emirati.

“Anche questo – ha proseguito l’on Tofalo – vuol dire fare politica, quella buona, e gli interessi dell’Italia. Le nostre aziende sono nodi strategici del Sistema Paese e motore dell’economia nazionale”.

“Come al solito ho un’agenda fitta di attività e andrò di corsa, senza sosta, per visitare tutti gli stand che espongono il Tricolore e incontrare le principali Autorità di vertice emiratine. IDEX rappresenta infatti una grande opportunità per stabilire e rafforzare cooperazioni con i principali attori dell’area. Un’occasione che dobbiamo sfruttare al massimo”, spiega Tofalo. “In questo settore, quando viene a crearsi un bisogno, accade che tanti competitor siano pronti a inserirsi e affermare le proprie tecnologie e prodotti”.

Il Sottosegretario ha evidenziato che “Si sente forte l’esigenza e inizieremo a pensare, con le aziende italiane, a una grande fiera sull’Industria della Difesa, magari a Milano, con cadenza annuale per costruire insieme il Sistema Paese”.

Nel corso della visita il sottosegretario Tofalo ha avuto la possibilità di incontrare e parlare con Mohammed bin Zayed Al Nahyan, il Principe erede dell’Emirato di Abu Dhabi, e il delegato per il Ministero della Difesa.

Quest’anno sono presenti a IDEX2019 oltre 1.300 aziende, numero in aumento rispetto all’ultima edizione, che occupano una superficie espositiva di quasi 170.000 metri quadrati, conclude il comunicato.

Fonte: Cap Massimiliano Rizzo Addetto Stampa del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On Angelo Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

Il SSSD on Tofalo nella sede operativa della Protezione Civile: asset strategico ed esempio virtuoso

“Asset strategico ed esempio virtuoso del Sistema Paese Italia”: è questa la definizione che il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) on Angelo Tofalo ha dato della Protezione Civile.

“Sono i nostri angeli custodi che lavorano in silenzio e vigilano costantemente per la nostra sicurezza fisica mettendo in capo altissime competenze e conoscenze tecniche scientifiche” ha proseguito l’on Tofalo in visita alla sede operativa della Protezione Civile, dove è stato accolto dal Capo Dipartimento, dottor Angelo Borrelli, e dal Direttore ufficio promozione e integrazione del servizio nazionale, dottor Agostino Miozzo.

“Qui non si fa burocrazia, si agisce e si prendono decisioni in pochissimo tempo”, ha voluto sottolineare il sottosegretario Tofalo nel corso della visita secondo quanto riportato dal comunicato stampa del 14 febbraio del suo addetto alla comunicazione.

Il Sottosegretario, che “da diversi anni segue con attenzione ed estremo interesse l’operato della Protezione Civile”, ha voluto poi ringraziare tutti gli uomini e le donne del Dipartimento che “operano 365 giorni l’anno, 24 ore su 24, con tanta competenza, sensibilità e passione.”

Fonte: Capitano Massimiliano Rizzo Addetto alla Comunicazione del Sottosegretario di Stato alla Difesa On. Angelo Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

Cyber: il SSSD on Tofalo e il presidente di Microsoft Brad Smith su Democrazia digitale e Sicurezza organizzato da IAI

“Non possiamo sottrarci da quelli che sono i rischi della digitalizzazione, dobbiamo ridurli puntando prima di tutto sulla formazione e sull’informazione: i primi strumenti che assicurano al Paese un adeguato livello di sicurezza”, ha dichiarato ieri, 13 febbraio, il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) on Angelo Tofalo alla conferenza “Democrazia digitale: la protezione dei cittadini nell’era dei big data” alla presenza di Brad Smith, Presidente di Microsoft, si apprende oggi dall’addetto stampa del Sottosegretario.

L’evento, organizzato dall‘Istituto Affari Internazionali (IAI) in collaborazione con Microsoft, si prefissava l’obiettivo di “far progredire la conoscenza di queste tematiche in un contesto italiano, anche in una chiave di maggior posizionamento strategico del sistema Paese”, scriveva lo stesso Istituto dal suo sito web.

Per il sottosegretario Tofalo “La democrazia digitale è come una marea che sta salendo in tutto il mondo e noi dobbiamo sovrastarla, navigarla, senza farci travolgere dalla sua forza. La generazione di ‘nativi digitali’ ogni giorno si confronta con i cosiddetti ‘immigrati digitali’ che hanno imparato a utilizzare le tecnologie digitali in età adulta. Per far sì che si possa continuare a comunicare, e soprattutto a capire e farci capire, l’alfabetizzazione digitale deve diventare una priorità.”

E conclude: “A questo deve necessariamente aggiungersi un’azione sinergica tra i Parlamenti sovrani e i giganti dei big data per definire regole internazionali e globali.”

Il sottosegretario Tofalo interverrà domani alla sessione di chiusura dei lavori della terza edizione di Itasec19, conferenza italiana sulla cyber security organizzata dal Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica in collaborazione con il CNR, conclude il comunicato stampa.

Fonte: Capitano Massimiliano Rizzo Addetto Stampa del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On. Angelo Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

Scuola Sottufficiali Esercito: una conferenza sulla guida sicura da parte della Polizia Stradale

Venerdì 1° febbraio scorso, nell’Aula Magna della Caserma Soccorso Saloni di Viterbo, sede della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, il dott Fausto Pietracci, Comandante del Distaccamento della Polizia Stradale di Monterosi, ha tenuto una conferenza informativa sul tema “Uso di sostanze stupefacenti e abuso di alcool durante la guida”.

È la stessa Scuola Sottufficiali a darne notizia con un comunicato stampa del 1° febbraio.

Dopo i saluti di rito, il dott Pietracci ha avviato i lavori con una disamina sul rapporto esistente tra le stragi del sabato notte e l’uso delle sostanze stupefacenti, nonché l’abuso di alcool durante la guida.

Successivamente, ha evidenziato il quadro normativo di riferimento applicabile alla specifica fattispecie della guida sotto l’effetto di alcool e stupefacenti per poi analizzare il rapporto tra bevande alcoliche ingerite e tasso alcolemico rilevato, proponendo anche una dimostrazione pratica con le apparecchiature in dotazione alle Forze dell’Ordine, precursore ed etilometro.

Alla conferenza hanno partecipato il Tenente Colonnello Michelangelo Genchi, Comandante del Battaglione Allievi Marescialli, con il personale della linea di Comando e gli Allievi Marescialli del XXI corso Esempio.

“Grande l’interesse suscitato nei frequentatori di corso – scrive la Scuola – i quali hanno avuto così modo di ampliare le proprie conoscenze su un fenomeno di particolare rilievo nel contesto sociale”.

La Polizia Stradale è una delle quattro Specialità della Polizia di Stato e si occupa in via principale del settore strategico del controllo e della regolazione della mobilità su strada. I suoi compiti, individuati all’art. 11 del Codice della Strada (Decreto Legislativo 30.4.1992, n. 285 e successive modifiche), contemplano le attività connesse alla prevenzione del fenomeno infortunistico, alla rilevazione degli incidenti stradali e all’accertamento delle violazioni in materia di circolazione stradale.

Fonte e foto: Scuola Sottufficiali dell’Esercito

Difesa: il SSSD on Tofalo ha incontrato delegati agenzia Difesa del Giappone

Il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) on Angelo Tofalo ha ricevuto il 31 gennaio scorso, a Palazzo Aeronautica, Nobuaki Miyama, Commissario di “Acquisition, Technology & Logistic Agency”, l’Agenzia giapponese equivalente al Segretariato Generale della Difesa italiana, ha fatto sapere il suo addetto stampa.

“Il Giappone rappresenta un importante partner per l’Italia”, ha sottolineato il sottosegretario Tofalo confermando la volontà del Dicastero di “favorire, tra i due Governi, una cooperazione nei settori della Difesa in grado di esprimere benefici reciproci e di consentire uno scambio e una conseguente crescita di know how”.

Tra gli argomenti trattati anche la materia cyber: “Per la Difesa, un settore strategico in continua evoluzione – ha detto il sottosegretario Tofalo – è quindi importante continuare a sviluppare e condividere progettualità cibernetiche per non restare indietro rispetto alle altre nazioni”.

Parole di apprezzamento sono state espresse dal Commissario Miyama in merito alle eccellenze industriali italiane della Difesa che ha avuto modo di conoscere e approfondire nel corso della sua visita.

Fonte: Cap Massimiliano Rizzo, Addetto Stampa del Sottosegretario di Stato alla Difesa On Angelo Tofalo

Foto: difesa.it

Difesa, il SSSD on Tofalo a Washington esprime “le molteplici perplessità sul programma F35” al Sottosegretario Mrs Lord

Il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) on Angelo Tofalo ha incontrato a Washington, nel corso della sua visita negli Stati Uniti, Mrs Ellen Lord, Sottosegretario alla Difesa degli Stati Uniti; il Generale Edwin Wilson, responsabile del settore Cyber Defense USA; e, nella sede della DIA (Defense Intelligence Agency), il Generale Robert Ashley, come si apprende dal suo addetto stampa in data 26 gennaio.

“Questa mattina – ha informato l’on Tofalo dal suo profilo facebook – ho incontrato Mrs Ellen Lord, Sottosegretario alla Difesa degli Stati Uniti, con la quale ho avuto un colloquio proficuo e costruttivo. Abbiamo spaziato sulle tematiche più significative e importanti di natura industriale e di cooperazione nel settore della Difesa”.

“Mrs Lord mi ha chiesto in particolare del programma F35. Me l’aspettavo. Con l’estrema sincerità che lega due popoli amici e con assoluta fermezza ho espresso le molteplici perplessità che questo governo ha sul programma. Ho chiaramente detto che è in atto uno studio specifico, approfondito ed attento sul dossier F35, mirato a verificarne anche il rapporto costi/benefici. In 20 anni abbiamo già speso diversi miliardi. Una volta completato lo studio, il Ministro [della Difesa, Elisabetta] Trenta lo sottoporrà al Presidente [del Consiglio, Giuseppe] Conte per le opportune valutazioni e conseguenti decisioni. Nel contempo ho anche chiesto al mio omologo statunitense di supportarci politicamente nell’indirizzare altri Paesi a realizzare i propri velivoli in Italia presso la FACO di Cameri, asset strategico della nostra Aeronautica Militare, al fine di salvaguardare le capacità occupazionali dello stabilimento. Con Mrs Lord abbiamo poi affrontato la tematica della cyber security e l’eventualità di iniziare collaborazioni specifiche nel settore.”

Con il Generale Edwin Wilson, responsabile del settore Cyber Defense USA, “abbiamo affrontato approfondimenti sulla legislazione, sia statunitense che italiana, che disciplina lo specifico settore”, informa poi l’on Tofalo: “Si è parlato di formazione, di reclutamento e di future linee guida per il cyber a livello globale. Ci siamo intesi da subito e ripromessi di incontrarci nuovamente al più presto per partire con nuove e importanti collaborazioni tra Italia e USA.”

Nella stessa giornata Tofalo ha incontrato nella sede della DIA (Defense Intelligence Agency) il Generale Robert Ashley.

Scrive il sottosegretario Tofalo: “In un ambiente di particolare amicizia e apertura abbiamo discusso importanti temi di reciproco interesse, riguardanti: la protezione cibernetica delle nostre infrastrutture militari, le procedure e le best practices per la formazione del personale e per l’incremento della cultura della sicurezza informatica e la tutela del nostro patrimonio tecnologico e di conoscenze. Abbiamo infine concordato di incrementare la già ottima collaborazione nel settore attraverso dedicati incontri tra esperti. Il Gen Ashley mi ha infine ringraziato per il contributo e il ruolo che l’Italia svolge con i propri militari in molteplici e difficili teatri operativi nel mondo.”

Infine, la visita al Pentagono e al Memorial dedicato alle vittime dell’11 settembre 2001, per l’on Tofalo “una ferita alla democrazia che non si potrà mai rimarginare.”

Fonte: Cap Massimiliano Rizzo Addetto Stampa del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On Angelo Tofalo

Foto dal profilo facebook dell’on @AngeloTofalo

Difesa, il SSSD on Tofalo negli stabilimenti Leonardo a Philadelphia: “una splendida realtà USA in cui pulsa forte il cuore e l’impegno italiano”

Il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) on Angelo Tofalo, in missione negli Stati Uniti, ha visitato gli stabilimenti di Leonardo a Philadelphia (Pennsylvania), ha fatto sapere oggi, 25 gennaio, il suo addetto stampa.

Alla Leonardo di Philadelphia sono impiegati circa 600 dipendenti, spiega il comunicato stampa, destinati ad aumentare nel corso del 2019.

“Qui, da oltre 30 anni, vengono prodotti quelli che sono considerati tra i migliori elicotteri al mondo, ha dichiarato il sottosegretario Tofalo. “È sempre una grande soddisfazione scoprire tecnologia Made in Italy”.

Il Sottosegretario è in viaggio negli Stati Uniti per “cinque intensi giorni per parlare con i nostri Alleati di Difesa, Sicurezza, Tecnologia, Intelligence e Industria”. Dopo aver incontrato le “eccellenze industriali italiane che operano e si affermano sui mercati internazionali” presso l’ambasciata italiana, il Sottosegretario si è recato dunque alla Leonardo di Philadelphia.

“È qui, nello Stato della Pennsylvania – ha sottolineato l’on Tofalo – che si producono gli AW119, unici elicotteri al mondo, monomotori, certificati per il volo IFR (Instrument Flight Rules). È sempre presso questa importante realtà aeronautica, dove operano anche qualificati ingegneri italiani, che si produce il convertiplano AW609. Velivolo estremamente complesso e custode di tecnologie innovative. In poco più di dieci anni dell’insediamento industriale a Philadelphia sono stati consegnati a diversi clienti, statuali e non, oltre 570 elicotteri di diversi modelli.”

Fonte: Cap Massimiliano Rizzo, Addetto Stampa del Sottosegretario di Stato alla Difesa, On Angelo Tofalo

Foto dal profilo facebook dell’on @AngeloTofalo