Flavio Tosi

Precetto pasquale militare interforze a Verona presieduto dal gen Primicerj, COMFOTER

PSi è svolta ieri mattina, 24 marzo, nella Chiesa di San Bernardino, a Verona, la celebrazione del Precetto Pasquale Militare Interforze per tutto il personale delle Forze Armate, delle Forze dell’Ordine e dei Corpi Armati dello Stato.

La funzione religiosa è stata officiata da S.E. Monsignor Giuseppe Zenti, vescovo della diocesi di Verona, e concelebrata dai cappellani militari di diversi comandi e unità del Veneto.

PAll’evento, presieduto dal Comandante delle Forze Operative Terrestri, generale Alberto Primicerj, erano presenti il sindaco di Verona, Flavio Tosi, le principali autorità civili e militari scaligere, una nutrita rappresentanza delle Forze Armate, dei Corpi Armati e delle Forze dell’Ordine e le Associazioni combattentistiche e d’arma.

Al termine della cerimonia, nel formulare a tutti i presenti gli auguri di Pasqua, il generale Primicerj ha voluto estendere il suo saluto a tutta la città di Verona, per la vicinanza e l’affetto sempre dimostrato ai suoi cittadini in uniforme, e ha espresso il prPoprio ringraziamento ai cappellani militari, per l’impegno pastorale e l’incessante opera di assistenza spirituale svolti al servizio delle Forze Armate.

Articoli correlati:

Il precetto pasquale in Paola Casoli il Blog

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

I cappellani militari in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

P

Giorno della Memoria: il COMFOTER, gen Primicerj, nella commemorazione dell’Olocausto a Verona

Shoah-27-01-2015_0016Questa mattina, 27 gennaio, il Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Alberto Primicerj, ha partecipato al Giorno della Memoria, ricorrenza voluta dal Parlamento Italiano per commemorare le vittime dell’Olocausto.

La commemorazione è cominciata in Piazza Bra con la deposizione di una corona d’alloro al Monumento ai deportati e, a seguire, nel Salone della Gran Guardia, le massime autorità cittadine, il sindaco Flavio Tosi, e il Prefetto, dottoressa Perla Stancari, hanno consegnato le onorificenze del governo e le medaglie della città.

Shoah-27-01-2015_0018La scelta della data intende ricordare lo stesso giorno del 1945, quando le truppe dell’Armata Rossa, durante la loro avanzata verso Berlino, arrivarono nella cittadina polacca di Oswiecim (Auschwitz) dove scoprirono il campo di sterminio e liberarono i pochi superstiti, rivelando al mondo l’orrore del genocidio.

Nel Giorno della Memoria si ricordano anche i Giusti tra le Nazioni, tutti i non ebrei che, a rischio della propria vita, hanno salvato gli ebrei dalla Shoah.

Articoli correlati:

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

Shoah-27-01-2015_0026 mod

Esercito Italiano: premiata Milena Zanotti, caporalmaggiore scelto campionessa italiana 2012 di paracadutismo nella specialità atterraggio di precisione

Si è svolta il 2 dicembre, nella Sala degli arazzi del comune di Verona, alla presenza del sindaco Flavio Tosi, la consegna al caporal maggiore scelto dell’Esercito Milena Zanotti della Medaglia di bronzo al Valore Atletico.

L’onorificenza, concessa dal Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) a sportivi che conseguono risultati agonistici di particolare interesse, è stata consegnata all’atleta della Sezione paracadutismo di Pisa del Reparto attività sportive dell’Esercito, in quanto vincitrice nel 2012 del titolo di campionessa italiana di Paracadutismo sportivo nella specialità della precisione in atterraggio.

Milena Zanotti, effettiva al Centro addestramento paracadutismo di Pisa, è un’ atleta veronese di nascita, con oltre 3.000 lanci al suo attivo e già tre titoli italiani individuali conquistati a partire dal 2009.

Articolo correlato:

Parashow 2013: i risultati della Sezione paracadutismo del Centro sportivo Esercito Italiano (20 novembre 2013)

Fonte e foto: COMFOTER

COMFOTER, cambio al vertice: il gen Primicerj subentra al gen Bernardini. Il CaSME, gen Graziano: non si può risparmiare sull’addestramento. Foto

Il Capo di stato maggiore dell’Esercito, generale Claudio Graziano, ha presieduto oggi, nel Palazzo della Gran Guardia di Verona, la cerimonia di avvicendamento alla guida del Comando delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER).

Dopo circa due anni e mezzo, il generale Roberto Bernardini ha ceduto la guida del comando veronese al generale Alberto Primicerj, già comandante delle Truppe Alpine.

Alla cerimonia erano presenti tutti i comandanti dei reparti dipendenti del COMFOTER e numerose autorità civili  e religiose, a dimostrazione dei profondi legami e sinergie con le comunità locali.

Il generale Graziano, nel suo intervento, ha sottolineato come “in un momento di razionalizzazione è importante concentrarsi sulle forze operative con l’ammodernamento dei mezzi e con l’addestramento, perché è un aspetto sul quale non si può risparmiare”.

A margine della cerimonia, inoltre, rispondendo alle domande dei giornalisti sull’attuale situazione internazionale e su un possibile impiego di assetti dell’Esercito, ha precisato che si tratta di “valutazioni e decisioni che spettano evidentemente all’autorità politica e al parlamento. L’Esercito, al pari delle altre Forze Armate, si prepara per far fronte alle missioni che ci vengono assegnate dal Paese come abbiamo fatto negli ultimi 30 anni di impegni all’estero. Resta fondamentale – ha aggiunto il Capo di stato maggiore – dare la giusta attenzione all’addestramento perché bisogna fornire gli strumenti al personale affinché sia preparato e non corra rischi inutili”.

Il Comando delle forze operative terrestri (COMFOTER) ha sede a Verona ed è il comando responsabile della preparazione, dell’addestramento e approntamento delle forze operative dell’Esercito impiegate in operazioni sul territorio nazionale e nelle missioni internazionali. Da questo comando dipendono oltre 70.000 unità, pari a circa il 70% del totale dell’intera Forza Armata.

Articoli correlati:

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Il gen Alberto Primicerj in Paola Casoli il Blog

Il gen Roberto Bernardini in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Esercito Italiano; COMFOTER

Giuramento dei volontari all’Arena di Verona: cittadinanza onoraria all’85° reggimento Addestramento volontari. “Garantire fondi addestramento”, insiste CaSME gen Graziano

Si è svolto nel pomeriggio di venerdì, 18 ottobre, nell’anfiteatro Arena di Verona, alla presenza del ministro della Difesa Mario Mauro e del Capo di stato maggiore dell’Esercito, generale Claudio Graziano, il giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana dei volontari in ferma prefissata di un anno dell’85° reggimento addestramento volontari.

Il generale Graziano, dopo aver ringraziato il ministro Mauro, “la cui presenza rappresenta un messaggio forte di affetto e vicinanza per tutti i militari dell’Esercito in Italia e all’estero”, e i rappresentanti del Parlamento, la senatrice Bonfrisco, gli onorevoli D’Arienzo e Fantinati, ha rivolto un sentito ringraziamento al sindaco, Flavio Tosi, e all’amministrazione comunale di Verona, per aver concesso la cittadinanza onoraria all’85° reggimento addestramento volontari.

“Dovrete tenere fede al giuramento del valore, del coraggio, dell’altruismo, del senso dello stato e della collettività – ha detto il generale Graziano rivolgendosi ai volontari – questa è la base dell’Esercito, l’uomo con il suo coraggio affronta il rischio e rappresenta il centro di gravità della forza armata”.

“Siamo impegnati in un delicato processo di razionalizzazione e trasformazione intesa a concentrare le risorse sulla componente operativa – ha proseguito il generale Graziano – l’addestramento significa sicurezza del personale impiegato nei teatri di operazioni”.

L’Esercito Italiano da più di vent’anni opera nei contesti internazionali, in Afghanistan, in Libano, in Kosovo, ha sottolineato il generale Graziano, “per fare bene, è importante che continuino a essere garantiti i fondi per l’addestramento e la preparazione dei nostri militari, perché non si possono fare sconti sulla preparazione, l’addestramento e la capacità di operare in sicurezza”.

Fonte e foto: stato maggiore Esercito