tales

COSINT: continua l’attività all’insegna del motto “fatti, non parole”. Anche in Zambia

Sarà anche il loro motto, “fatti, non parole”, che per i Corpi Sanitari Internazionali (COSINT) è diventato lo stile di aiuto e di intervento ai bisognosi, ma Paola Casoli il Blog ha deciso di parlarne. Perché è anche con le parole che si viene a conoscenza dei fatti.

“Ecco un po’ di storia circa quanto è stato fatto e si farà in Zambia, anticipa via mail il Gen. B.(r.o.) dei Corpi Sanitari Internazionali Comando Lombardia Claudio Mantovani. Ed elenca una serie di interventi che da soli meriterebbero un articolo ciascuno.

Di più. Al telefono il gen Mantovani spiega nel dettaglio la ricostruzione di una chiesa in Zambia – precedentemente distrutta da Boko Haram, secondo quanto meglio specificato – “con sforzi non indifferenti della Associazione Amici dei frati di San Giovanni Battista di Desio e un contributo personale come Gen. B.(r.o.) dei Corpi Sanitari Internazionali Comando Lombardia, oltre al supporto del nostro Comandante Generale Gen.C.A. (r.o.) Alessandro Della Posta: la Chiesa ora è stata totalmente ristrutturata”.

“È stato proprio in questa realtà – continua Mantovani -che ho conosciuto il Console Generale del Gambia, Prof. Avv. Francesco Cristina, e grazie a quella che è divenuta fraterna amicizia sono partito con il progetto andato a buon fine in Gambia (alimenti, scarpe, quaderni, giocattoli etc etc ) arrivati tutti, nonostante il colpo di stato in atto in Gambia, ai bambini della Antonio Cristina Nursery School (link articolo in calce).

I due progetti richiedono un certo impegno, è per questo che “Ora sto lavorando con gli Amici della Associazione – fa sapere Mantovani -e grazie al supporto del nostro Comandante di Monza, Ten. Col.( r.o.) dott Carmelo Spinella, al recupero di materassi da spedire ai bambini dello Zambia e del Gambia”.

L’Associazione amici dei frati di San Giovanni Battista, da 20 anni, supporta le attività missionarie della Congregazione dei frati di San Giovanni Battista sia in Italia, sia in Africa, si apprende.

Il gen Mantovani ha recentemente stretto amicizia con Padre Innocenzo Ricci, divenuto poi cappellano del COSINT per il Nord Italia, e Mons Padre Jarek Cielecki, “Sacerdote Carismatico ed Esorcista che ha avuto la fortuna di vivere vicino a San Giovanni Paolo II”. Incontri che Mantovani considera “regalo di Dio”.

Tra i progetti umanitari compiuti a beneficio delle persone più vulnerabili e deboli, il gen Mantovani ha segnalato i più recenti:

Ristrutturazione Chiesa Conventuale

Convento e scuola di formazione dei frati novizi di San Giovanni Battista.

Diocesi di Lusaka (Zambia). Triennio 2013/2016 riqualificazione, ristrutturazione e agibilità chiesa conventuale.

Oggi, per le popolazioni dei villaggi limitrofi il principale riferimento di accoglienza, ascolto e spiritualità.

Progetto di alfabetizzazione

Missione dei frati di San Giovanni Battista, Diocesi di Chipata (Zambia).

Mantenimento allo studio attualmente di 30 bambini, le cui famiglie, le più povere tra i poveri non hanno alcuna risorsa economica.

I frati stimano nel biennio 2017/2019 di accogliere e garantire l’istruzione per oltre 100 bambini.

Articoli correlati:

Gli aiuti COSINT in Italia e all’estero in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COSINT/gen Claudio Mantovani

Associazione Ampio Raggio: il Ponte della Solidarietà Italia-Afghanistan riceve kit sportivi per la sua attività di aiuto

Si è svolta venerdì scorso, 24 febbraio, nella sala stampa del Palamangano di Scafati, in provincia di Salerno, la consegna di kit sportivi all’Associazione Ampio Raggio, che da tempo è impegnata ad alleviare le sofferenze delle fasce bisognose della società sia in ambito nazionale che internazionale.

Tre importanti società sportive presenti nel territorio scafatese – la Givova Basket, l’Associazione Sportiva Dilettantistica Scafatese calcio 1922 e l’Azienda Givova – si sono distinte per il loro prezioso gesto di generosità a favore del progetto “Ponte della Solidarietà Italia Afghanistan”, che ha ricevuto il patrocinio morale della Regione Campania, del Comune di Scafati, del Comune di Lettere, dell’Accademia Bonifaciana e del CSV di Napoli.

Presente alla cerimonia il Presidente dell’Associazione Ampio Raggio, il dottor Antonio Pio Autorino, che ha ringraziato le società sportive per il dono ricevuto e in particolare la dottoressa Chiara Cioffi “per l’instancabile e determinante impegno profuso silenziosamente nel corso di questi mesi a favore della nobile iniziativa”, fa sapere l’Associazione Ampio Raggio.

“Di altrettanto rilievo in questa cerimonia la collaborazione del Forum dei Giovani di Scafati, coordinato dal giovanissimo Carmine Sergianni, si apprende.

La notizia dell’evento è stata data proprio dall’Associazione Ampio Raggio, che ha visto confermati nel carattere della serata di beneficenza i propri valori di solidarietà e positività che hanno unito in un abbraccio simbolico tutti gli enti, le associazioni e le istituzioni unite ad Ampio Raggio.

Articoli correlati:

Ampio Raggio in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Associazione Ampio Raggio

Trincee in Trentino: a Nosellari, sulla prima linea austro-ungarica dell’Alpe Cimbra

È in programma venerdì 6 gennaio, giornata dell’Epifania, la visita guidata alle trincee di Nosellari, in provincia di Trento, a cura dell’Azienda per il turismo Folgaria Lavarone Lusern Alpe Cimbra.

Il Giro delle Trincee è un “percorso tematico, – spiega la stessa Azienda per il turismo nell’Alpe Cimbra – testimone del primo grande conflitto mondiale (1914-1918) che su queste alture, a partire dal maggio 1915, ha scritto drammatiche pagine di storia”.

L’escursione si snoda tra trincee e profondi ricoveri scavati nella roccia, attraverso cui il percorso ripercorre quella che fu la prima linea austro-ungarica dell’Alpe Cimbra, affacciata sul Regno d’Italia, cioè sulla sottostante valle dell’Astico, spiega il comunicato dell’azienda.

Il programma prevede una passeggiata con visita guidata al Giro delle Trincee, con ritrovo davanti alla Chiesa di Nosellari (Trento) alle 16. Informazioni sul sito dell’Azienda turismo Alpe Cimbra.

Articoli correlati:

L’Alpe Cimbra in Paola Casoli il Blog

Le trincee della Prima Guerra in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Azienda Turismo Folgaria Lavarone Lusern Alpe Cimbra