Roberto Bernardini

COMFOTER, cambio al vertice: il gen Primicerj subentra al gen Bernardini. Il CaSME, gen Graziano: non si può risparmiare sull’addestramento. Foto

Il Capo di stato maggiore dell’Esercito, generale Claudio Graziano, ha presieduto oggi, nel Palazzo della Gran Guardia di Verona, la cerimonia di avvicendamento alla guida del Comando delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER).

Dopo circa due anni e mezzo, il generale Roberto Bernardini ha ceduto la guida del comando veronese al generale Alberto Primicerj, già comandante delle Truppe Alpine.

Alla cerimonia erano presenti tutti i comandanti dei reparti dipendenti del COMFOTER e numerose autorità civili  e religiose, a dimostrazione dei profondi legami e sinergie con le comunità locali.

Il generale Graziano, nel suo intervento, ha sottolineato come “in un momento di razionalizzazione è importante concentrarsi sulle forze operative con l’ammodernamento dei mezzi e con l’addestramento, perché è un aspetto sul quale non si può risparmiare”.

A margine della cerimonia, inoltre, rispondendo alle domande dei giornalisti sull’attuale situazione internazionale e su un possibile impiego di assetti dell’Esercito, ha precisato che si tratta di “valutazioni e decisioni che spettano evidentemente all’autorità politica e al parlamento. L’Esercito, al pari delle altre Forze Armate, si prepara per far fronte alle missioni che ci vengono assegnate dal Paese come abbiamo fatto negli ultimi 30 anni di impegni all’estero. Resta fondamentale – ha aggiunto il Capo di stato maggiore – dare la giusta attenzione all’addestramento perché bisogna fornire gli strumenti al personale affinché sia preparato e non corra rischi inutili”.

Il Comando delle forze operative terrestri (COMFOTER) ha sede a Verona ed è il comando responsabile della preparazione, dell’addestramento e approntamento delle forze operative dell’Esercito impiegate in operazioni sul territorio nazionale e nelle missioni internazionali. Da questo comando dipendono oltre 70.000 unità, pari a circa il 70% del totale dell’intera Forza Armata.

Articoli correlati:

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Il gen Alberto Primicerj in Paola Casoli il Blog

Il gen Roberto Bernardini in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Esercito Italiano; COMFOTER

Cambio di comando al COMFOTER: al gen Bernardini, che lascia oggi il servizio attivo, subentra il gen Primicerj

È in corso a Verona, nell’auditorium del Palazzo della Gran Guardia, la cerimonia di cambio di comando del COMFOTER, il Comando delle Forze Operative Terrestri.

Il generale Roberto Bernardini (nella foto Comfoter con il Presidente Regione Veneto Luca Zaia in un recente incontro) cede il comando al parigrado Alberto Primicerj e lascia oggi il servizio attivo.

Il generale Primicerj arriva dal COMALP, il Comando Truppe Alpine, che ha lasciato venerdì scorso, 12 settembre, al generale Federico Bonato (link articolo in calce). Quella cerimonia, tenutasi al Teatro Cristallo di Bolzano, ha rappresentato l’ultimo impegno istituzionale del generale Bernardini.

L’evento odierno è presieduto dal Capo di stato maggiore dell’Esercito (CaSME), generale Claudio Graziano.

Articoli correlati:

Cambio comando al COMALP: al gen Primicerj subentra il gen Bonato, presente alla cerimonia il COMFOTER gen Bernardini che lunedì lascia il servizio attivo (13 settembre 2014)

Il generale Roberto Bernardini in Paola Casoli il Blog

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Il generale Alberto Primicerj in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto (d’archivio): COMFOTER

Esercito Italiano, cambio al vertice del 2° FOD: il gen Lops cede il comando al collega De Pascale e va al comando Formazione e dottrina Esercito a Roma

Cambio al vertice del 2° Comando Forze di Difesa (2° FOD): il generale Vincenzo Lops ha ceduto il comando al generale Carmine De Pascale dopo circa quattro anni di permanenza nell’incarico.

La cerimonia si è svolta ieri mattina, 2 settembre, all’interno della sala riunione della caserma Cavalleri di San Giorgio a Cremano, Napoli, alla presenza del Comandante delle Forze Terrestri (COMFOTER), generale Roberto Bernardini.

Il generale Lops, durante il suo mandato assunto il 10 dicembre 2010, ha condotto numerose e importanti attività innovative per realizzare un restyling capacitivo in termini di addestramento e approntamento dei circa 20mila soldati delle unità dipendenti, schierate nel centro-sud Italia (divisione Acqui e brigate Granatieri di Sardegna, Aosta, Garibaldi, Pinerolo, Sassari), unitamente alla gestione delle infrastrutture, del parco mezzi da combattimento e dei sistemi d’arma.

Per il conseguimento di tali obiettivi sono state adottate nuove modalità e procedure addestrative, sotto forma di Campus e Simposyum, in cui sono state analizzate, studiate e successivamente testate le procedure d’impiego, con simulazioni realistiche e aderenti alle esigenze operative dell’Esercito, le potenzialità delle unità dipendenti, sfruttando tutti i poligoni e aree addestrative della Forza Armata.

In tale contesto, sono stati realizzati specifici studi su Intelligence Tattica, Mission Command e Manovra, Esplorazione, Combat Eng e Sostegno Logistico, unitamente ai progetti  Soldato Atleta (innovativo percorso per l’addestramento individuale al combattimento), Mens sana in corpore sano ed Esculapio ed Hermes (progetti per la tutela e prevenzione sanitaria del soldato).

Tutte queste attività hanno ottimizzato le performance addestrative e garantito un’elevata prontezza operativa, ma l’azione di comando del generale Lops ha sempre inciso anche sull’efficienza del parco mezzi da combattimento e sistemi d’arma (in particolare PZH, carro Ariete, Freccia, Centauro e Dardo) portandola ai massimi livelli.

Per tutto il periodo di comando, le unità dipendenti sono state sostenute per la preparazione ai vari contesti operativi in cui l’Esercito è stato interessato, sia in ambito internazionale (Afghanistan, Libano, Kosovo, Gibuti, Libia, Mali), sia nazionale, ove, oltre a Strade Sicure, sono state gestite le operazioni Strade Pulite, Emergenza Profughi e, non ultimo, i pattugliamenti nella Terra dei Fuochi, unitamente a momenti emergenziali di pubblica calamità (terremoti, alluvioni, emergenza neve).

Per l’Operazione Strade Sicure, il comandante Lops è stato responsabile dei circa 3mila militari schierati da Roma a Lampedusa in concorso alle Forze dell’Ordine al fine di contrastare la criminalità organizzata, proteggere siti sensibili e garantire la sicurezza dei centri d’accoglienza immigrati.

Inoltre, in linea con la ristrutturazione della Forza Armata, avendo in tale ambito la responsabilità di coordinare i progetti Forza NEC e Soldato Futuro, assegnati alla brigata Pinerolo, sono stati posti in essere tutte le attività per lo sviluppo della sperimentazione del Posto Comando digiltalizzato, l’impiego del Freccia nei teatri operativi e  il trasferimento del 7° reggimento bersaglieri dalla sede di Bari in quella di Altamura.

Il generale Lops è stato designato quale Comandante del Comando della Formazione  e della Dottrina dell’Esercito Italiano a Roma.

Il generale De Pascale, che si è formato nei ranghi della brigata Garibaldi, proviene da recenti, molteplici e importanti esperienze nazionali e internazionali, in cui ha ricoperto prestigiosi incarichi di comando e di staff, da pochi giorni ha lasciato l’incarico di Comandante del Comando Logistico Sud di Napoli.

Articoli correlati:

Esercito Italiano, 2° FOD: cambio al vertice, il gen Lops cede il comando al collega De Pascale. Il COMFOTER gen Bernardini alla cerimonia (3 settembre 2014)

Il 2° FOD in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: 2° FOD

Esercito Italiano, 2° FOD: cambio al vertice, il gen Lops cede il comando al collega De Pascale. Il COMFOTER gen Bernardini alla cerimonia

Il Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Roberto Bernardini, ha presieduto ieri la cerimonia di avvicendamento del Comandante del 2° Comando Forze di Difesa (2° FOD).

Il generale Carmine De Pascale, proveniente dal Comando Logistico Sud di Napoli, ha assunto l’incarico succedendo al generale Vincenzo Lops, destinato al Comando Formazione e Dottrina dell’Esercito a Roma.

Alla cerimonia nella caserma Cavalleri di San Giorgio a Cremano, Napoli, erano presenti i comandanti delle brigate dipendenti, le autorità civili e le autorità militari dell’area napoletana.

Fonti e foto: COMFOTER, 2° FOD

COMFOTER, visita di commiato del gen Roberto Bernardini al presidente della Regione Veneto, Luca Zaia

Il Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Roberto Bernardini, si è recato il 29 agosto a Venezia a Palazzo Balbi per una visita di commiato al Presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in previsione della cessione del Comando delle Forze Operative Terrestri in programma il prossimo 15 settembre a Verona.

Nel corso del colloquio il Presidente della Regione ha espresso il suo più vivo apprezzamento per il supporto che l’Esercito Italiano fornisce nei confronti della società civile soprattutto in caso di eventi calamitosi.

Articoli correlati:

Il gen Bernardini torna all’Accademia militare di Modena prima di lasciare il servizio attivo il prossimo 15 settembre. Il suo saluto alla Bandiera (23 giugno 2014)

Il generale Roberto Bernardini in Paola Casoli il Blog

COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

COMFOTER: il gen Bernardini ha reso omaggio alle bandiere del 1°reggimento Aves Antares, dell’AVES e dell’Arma di Artiglieria. Foto

Il generale Roberto Bernardini, che cederà il Comando delle Forze Operative Terrestri e cesserà il servizio attivo il prossimo 15 settembre (link articolo in calce), si è recato in visita al 1° reggimento AVES (Aviazione Esercito) Antares in Viterbo lo scorso 6 agosto.

L’alto ufficiale che, nel grado di colonnello ha comandato il reparto dal 6 settembre 1996 al 9 marzo 1998, ha reso omaggio allo Stendardo da combattimento del reggimento, insignito della Medaglia d’Argento al Valor dell’Esercito.

La visita è proseguita al comando AVES dove il generale Bernardini, decano dell’Aviazione dell’Esercito, ha salutato la bandiera di guerra della specialità.

Successivamente il Comandante delle Forze Operative Terrestri si è recato presso il comando Artiglieria dell’Esercito in Bracciano, dove ha reso omaggio alla bandiera di guerra dell’Arma di Artiglieria, nei cui ranghi aveva iniziato la propria carriera militare.

Articoli correlati:

COMFOTER: il gen Bernardini torna all’Accademia militare di Modena prima di lasciare il servizio attivo, il prossimo 15 settembre. Il suo saluto alla bandiera (23 giugno 2014)

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

COMFOTER: visita al 121° reggimento artiglieria controaerei. Il gen Bernardini invita il personale a proseguire nell’impegno che sostiene l’alta professionalità

Ieri, 4 luglio, il Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Roberto Bernardini, ha reso visita al 121° reggimento artiglieria controaerei Ravenna.

L’alto ufficiale, accolto dal comandante dell’artiglieria controaerei, generale Cesare Alimenti, e dal comandante del reggimento, colonnello Massimo Mela, ha reso omaggio alla Bandiera di Guerra del reparto decorata con la Medaglia d’Argento al Valor Militare.

Nel corso della visita il generale Bernardini ha assistito a un briefing illustrativo sulle attività del reparto, ha effettuato un sopralluogo alle infrastrutture e alle aree operative del reggimento e incontrato il personale militare e civile.

Nel suo indirizzo di saluto, ha poi spronato gli uomini e le donne del reparto a operare con sempre maggiore impegno, serietà e determinazione al fine di perseguire gli obiettivi assegnati e si è complimentato per la professionalità e i risultati conseguiti nel corso delle numerose attività svolte sul territorio nazionale.

Articoli correlati:

COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

Smart Sapper 2014: il Genio militare in festa celebra la Battaglia del Piave (1918) alla presenza del COMFOTER

Si è svolta mercoledì 25 giugno scorso, a Roma, alla presenza del Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Roberto Bernardini, la Smart Sapper 2014, l’attività dimostrativa che ha celebrato i fatti d’arme della battaglia del Piave del 1918, Festa dell’Arma del Genio.

L’attività ha avuto luogo nella Forward Operating Base (FOB) Caccia Dominioni, zona addestrativa realizzata in accordo con gli attuali riferimenti dottrinali nel poligono guastatori S.Ten.M.O.V.M. Gigli, alla Cecchignola.

L’esercitazione si è basata su tecniche, procedure d’impiego e tecnologie disponibili per la protezione delle forze in teatro operativo (Force Protection), per la bonifica di itinerari  (Route Clearance) e per la bonifica di ordigni esplosivi a caricamento nucleare, chimico e batteriologico (CBRN EOD) .

Il generale Bernardini, nel suo intervento di saluto, si è complimentato per  la dedizione e la professionalità dei genieri, ha sottolineato il ruolo fondamentale  dell’Arma del Genio, pedina fondamentale e versatile dell’Esercito Italiano, e ha messo in risalto come essa rappresenti una delle più efficaci espressioni di modernità, capacità di trasformazione e propensione all’innovazione.

Articoli correlati:

Il Genio militare in Paola Casoli il Blog

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

Cambio al vertice del Comando Genio alla presenza del COMFOTER, gen Bernardini: al gen Li Gobbi succede il col Bindi

Si è svolta oggi, 26 giugno, nella caserma Ettore Rosso, sede del Comando Genio di Roma, alla presenza del Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Roberto Bernardini, la cerimonia del cambio del comandante dell’Arma del Genio e ispettore dell’Arma del Genio.

Al generale Antonio Li Gobbi è subentrato, dopo circa quattro anni, il colonnello Francesco Bindi, fino a oggi Capo di stato maggiore del Comando.

Al termine della cerimonia il comandante delle Forze Operative Terrestri ha inaugurato la mostra storica sul “Genio nella Prima Guerra Mondiale e nella Guerra di Liberazione”.

La rassegna, allestita all’interno dei locali dell’ex Circolo Ufficiali della caserma, si ripropone di creare un ideale collegamento tra il passato e il futuro dell’arma del Genio.

I materiali, risalenti ai citati periodi, provengono dall’Istituto storico e di cultura dell’Arma del Genio e saranno esposti fino alla fine del mese di luglio.

Articoli correlati:

Il Genio militare in Paola Casoli il Blog

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

Rientro dal Libano dei Granatieri, il COMFOTER gen Bernardini alla cerimonia si complimenta con il contingente per l’”attenzione e sensibilità verso popolazione e autorità”

Si è svolta ieri, 25 giugno, nella caserma Gandin di Roma, la cerimonia militare di rientro del contingente italiano in Libano a guida brigata Granatieri di Sardegna.

Il generale Roberto Bernardini, Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), ha presieduto l’evento al quale hanno partecipato autorità civili e militari e numerosi familiari, a testimonianza della vicinanza alla brigata e al suo personale.

L’alto ufficiale ha inteso esprimere nel suo discorso il proprio plauso per la professionalità espressa dagli uomini e dalle donne del contingente, complimentandosi con loro in modo particolare per aver dato prova di grande attenzione e sensibilità, nel rapportarsi con la popolazione e le autorità militari e civili libanesi.

La cerimonia è stata l’occasione per ripercorrere i sei mesi d’impegno della brigata Granatieri di Sardegna in territorio libanese in un periodo molto sensibile per la stabilizzazione dell’intera regione.

Articoli correlati:

La brigata Granatieri di Sardegna in Libano in Paola Casoli il Blog

I Granatieri di Sardegna in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER