Scuola Fanteria

Cambio comando all’11° Bersaglieri: via il col Zizzari, subentra il col Puglisi

Si è svolta nella mattinata del 12 novembre, nella Caserma Leccis di Orcenico Superiore (Pordenone), la cerimonia di avvicendamento del Comandante dell’11° reggimento Bersaglieri, ha fatto sapere con un comunicato stampa dello stesso giorno la brigata Ariete: al colonnello Giuseppe Zizzari è subentrato il parigrado Lorenzo Puglisi.

Alla cerimonia, presieduta dal Comandante della 132^ Brigata corazzata Ariete, generale di brigata Angelo Michele Ristuccia, hanno partecipato le autorità civili e militari del territorio, tra cui il sindaco di Zoppola, Francesca Papais, e il sindaco di Casarsa della Delizia, Lavinia Clarotto, oltre ai rappresentanti delle associazioni combattentistiche e d’arma.

Il col Zizzari ha lasciato il reggimento dopo un anno di comando, periodo durante il quale ha saldamente guidato il reparto nelle numerose attività addestrative e operative condotte.

In particolare, ricorda il comunicato della Brigata, il continuo impegno nell’assicurare aliquote di personale per l’Operazione Strade Sicure, che vedrà, a breve, il reparto nuovamente impiegato alla guida di un raggruppamento operativo, questa volta nell’area di Roma, e l’approntamento dei Fanti Piumati per l’esigenza eNRF (enhanced Nato Response Force) del 2018, di cui l’11° reggimento Bersaglieri è una componente fondamentale.

In questo contesto, assetti del reggimento hanno preso parte, nelle settimane scorse, con il Comando della brigata Ariete, alla più importante esercitazione organizzata dalla NATO negli ultimi vent’anni, la Trident Juncture 2018, durante la quale sono state testate, tra l’altro, le capacità di elevata prontezza operativa delle forze costituenti la VJTF (Very High Readiness Joint Taske Force) dell’Alleanza Atlantica, che per il 2018 è a guida italiana.

Nel suo intervento di commiato, il col Zizzari ha ringraziato tutto il personale dell’11° reggimento per averlo ben supportato nel corso della sua attività di comando e ha rivolto un particolare ringraziamento ai rappresentanti delle istituzioni locali per gli ottimi rapporti di collaborazione sviluppati in questo periodo.

Ora l’ufficiale andrà ad assumere un prestigioso incarico presso il Raggruppamento Unità Addestrative di Capua (CE).

Il cinquantaseiesimo Comandante dell’11° reggimento Bersaglieri, col Lorenzo Puglisi, proviene dalla Scuola di Fanteria di Cesano, dove ricopriva l’incarico di Direttore del Centro di addestramento al combattimento.

Il gen Ristuccia, durante la sua allocuzione, dopo aver reso onore ai caduti di ogni epoca della gloriosa unità, ha ricordato le vittime dell’attentato di Nassiriya nella ricorrenza del quindicesimo anniversario.

Ha poi espresso il prorpio apprezzamento al col Zizzari per la sapiente gestione delle numerose attività condotte dall’11° Reggimento durante il suo periodo di comando, augurando successivamente le migliori fortune al nuovo comandante dell’unità in vista degli impegni che lo attendono.

La cerimonia è stata accompagnata in musica dalle note della fanfara dell’11° reggimento Bersaglieri.

Articoli correlati:

La Trident Juncture 2018 in Paola Casoli il Blog

La brigata Ariete in Paola Casoli il Blog

L’11° rgt Bersaglieri in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: 132^ Brigata corazzata Ariete

Scuola Fanteria: concluso il 16° corso per istruttore sniper

Tiratore Scelto in azioneSi è concluso venerdì 5 febbraio scorso, alla Scuola di Fanteria di Cesano, dopo due intense settimane di addestramento, il sedicesimo corso per istruttore tiratore scelto (sniper).

Il personale istruttore appartenente al dipartimento Armi e Tiro dell’istituto ha trasmesso ai frequentatori provenienti dalle brigate delle forze operative terrestri, già in possesso della qualifica di tiratore scelto, le nozioni necessarie per assolvere l’incarico di istruttore, fa sapere la stessa Scuola di Fanteria dell’Esercito.

L’esperienza formativa conseguita negli anni dal personale della Scuola di Fanteria, associata alla conoscenza acquisita dall’impiego dei nuclei sniper nei vari teatri operativi, ha consentito di stilare specifici programmi addestrativi, di circa 100 ore totali sia in aula sia sul terreno, finalizzati all’incremento capacitivo di questa peculiare componente della Forza Armata.

Tiratore scelto e SpotterNegli ultimi dieci anni l’Esercito ha affrontato numerosi impegni operativi in Italia e all’estero, caratterizzati sempre da una maggiore presenza di elementi ostili in grado di utilizzare in modo combinato diverse tecniche e metodologie di lotta, quali guerriglia e terrorismo per citarne alcuni.

Per tale motivo i tiratori scelti della Forza Armata, sono stati impegnati con sempre maggiore frequenza, permettendo di utilizzare personale altamente specializzato e addestrato in grado di intervenire riducendo al minino i rischi di coinvolgimento per la popolazione civile, i cosiddetti “collateral damage”.

Il comandante della Scuola di Fanteria, generale Massimo Mingiardi, durante la consegna degli attestati si è complimentato con i frequentatori del corso per l’impegno dimostrato e gli ottimi risultati conseguiti, sottolineando ancora una volta l’importanza dell’attività formativa svolta presso l’istituto.

Istruttore e Tiratore sceltoLa Scuola di Fanteria è responsabile della preparazione di base di tutti i militari della Forza Armata. Concorre nella formazione degli ufficiali, allievi ufficiali e marescialli, ed effettua corsi di specializzazione per gli incarichi dell’Arma di Fanteria. Inoltre, svolge corsi per istruttori ad alta valenza operativa e per particolari esigenze l’istituto organizza e conduce corsi per personale straniero o appartenente ad altra Forza Armata.

Articoli correlati:

La Scuola di Fanteria in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola di Fanteria

Istruttore e nucleo Tiratori Scelti

Gen. B. Massimo Mingiardi

Corso Istruttore Tiratore Scelto

Consegna Diplomi

Consegna diplomi 2

Osservatore (Spotter)