validazione nazionale

Il vicecomandante delle forze NATO in Europa, Gen Sir Adrian Bradshaw, in visita a NRDC-ITA: bene l’Italia nel perseguimento dei livelli di ambizione dell’Alleanza

Ha espresso il proprio consenso per l’impegno dell’Italia nel soddisfacimento dei livelli di ambizione della NATO il generale inglese Sir Adrian Bradshaw, vicecomandante del Comando Supremo delle Forze Alleate in Europa (DSACEUR), a margine della visita di  ieri mattina, 24 ottobre, al Comando di corpo d’armata di reazione rapida italiano della NATO (NRDC–ITA, NATO Rapid Deployable Corps-Italy) di Solbiate Olona, in provincia di Varese.

Il DSACEUR è stato ricevuto dal Comandante di NRDC–ITA, generale Giorgio Battisti, che è appena rientrato dal Salento a fine esercitazione interforze e internazionale Eagle Joker 14, attività alla quale hanno preso parte 14 paesi dell’Alleanza Atlantica (link articoli in calce).

Il generale Bradshaw è stato aggiornato sullo sviluppo delle attività che hanno permesso al Comando NATO di Solbiate di ottenere la certificazione nazionale per gestire autonomamente forze navali e aeree in operazioni e di saper interagire efficemente nelle aree di crisi in qualsiasi parte del mondo.

La riconfigurazione in Comando Interforze (Joint Task Force Headquarters, JTF) con capacità di livello operativo, oltre che tattico, con una sempre maggiore presenza di personale della Marina Militare e dell’Aeronautica Militare, è la premessa per ottenere la certificazione NATO prevista nel 2015, che sarà successiva all’esercitazione Trident Jaguar 15 in programma dal 20 aprile 2015 al Joint Warfare Centre (JWC) di Stavanger, in Norvegia.

Il vicecomandante delle forze NATO in Europa ha particolarmente apprezzato le capacità funzionali-logistiche che la brigata di Supporto è in grado di assicurare al Comando NRDC-ITA per la sua peculiare e unica struttura, rispetto ai rimanenti Comandi a elevata prontezza (HRF), idonea a garantire, con le sue pedine, un supporto aderente alle esigenze.

Dopo la tradizionale firma dell’Albo d’Onore, il generale Bradshaw si è trattenuto con il personale delle 15 nazioni che costituiscono il Comando NRDC-ITA.

Articoli correlati:

Eagle Joker 2014: si conclude l’esercitazione NATO che porta NRDC-ITA alla validazione nazionale (20 ottobre 2014)

Eagle Joker 14: cominciata per NRDC-ITA in Puglia la fase finale dell’esercitazione di validazione come JTF (6 ottobre 2014)

NRDC-ITA, Eagle Joker 14 (EJ14): uomini e mezzi in viaggio verso Brindisi per schieramento nell’area addestrativa di Torre Veneri (24 agosto 2014)

NRDC-ITA, esercitazione Eagle Joker 14: inizia la fase di dispiegamento a Torre Veneri, in Puglia (17 agosto 2014)

Fonte e foto: NRDC-ITA PAO

NRDC-ITA: si conclude l’esercitazione Eagle Blade 14. Appuntamento a ottobre con la validazione nazionale

Si è conclusa stamane, 28 febbraio, l’esercitazione Eagle Blade 14, che ha visto impegnati nelle ultime due settimane circa 750 militari di Esercito, Marina, Aeronautica, Forze Speciali e Carabinieri nella caserma Ugo Mara di Solbiate Olona e nella base dell’Aeronautica Militare di Cameri, in provincia di Novara.

La Eagle Blade 14 è arrivata dopo mesi di preparazione specifica e ha consentito al personale esercitato di verificare le procedure di comando e controllo di operazioni congiunte per quanto attiene a manovra, supporto logistico, cooperazione civile e militare, governativa, con organizzazioni internazionali e umanitarie, interazione con media locali e internazionali.

Hanno partecipato all’esercitazione il Comando del NATO Rapid Deployable Corps Italy (NRDC-ITA), insieme con altre brigate italiane, di cui cinque combat (Friuli, Taurinense, Folgore, Julia, Pinerolo), e 4 Combat Support (RISTA, Contraerei, Genio, Artiglieria). Con loro anche il personale di rinforzo di altre Forze Armate proveniente da 14 diverse nazioni.

L’esercitazione Eagle Blade 14 ha costituito inoltre l’occasione per una prima verifica degli studi finora effettuati per la riconfigurazione in Joint Task Force Headquarters (JTFHQ), un Comando internazionale interforze che potrà impiegare Marina, Aeronautica, Carabinieri, oltre a unità di altri paesi della NATO.

In queste due settimane di intenso addestramento sono state anche gettate le basi per poter instaurare un dialogo con tutti gli attori presenti in un’area d’impiego, in modo da riuscire a scambiare informazioni e lavorare insieme in modo coordinato tenendo conto della dimensione politica, militare, economica, sociale, informativa, e infrastrutturale (da cui l’acronimo PMESII), secondo il concetto del comprehensive approach varato dalla NATO.

L’obiettivo principale di NRDC-ITA nell’anno in corso è la preparazione per il futuro impegno come Joint Task Force nel 2015. La Eagle Blade 14 è infatti la prima di una serie di tre importanti esercitazioni, che culmineranno con quella finale del maggio del 2015 durante la quale l’NRDC-ITA sarà testato dal Supreme Headquarters Allied Power Europe (SHAPE).

Il prossimo importante appuntamento con la validazione nazionale è in programma con l’esercitazione di ottobre 2014.

Articoli correlati:

NRDC-ITA, riflettori puntati sugli attori civili con il Knowledge Development Day nel corso della Eagle Blade 14 (26 febbraio 2014)

NRDC-ITA, Eagle Blade 14: non solo attività militare. Il processo di Knowledge Development apre al dialogo con gli attori civili nell’ambiente operativo. Media opportunity martedì 25 (23 febbraio 2014)

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: NRDC-ITA PAO