Apr 5, 2016
73 Views
0 0

La Marina al SeaFuture&MT 2016 supporta l’indotto nazionale: l’appeal del refitting

Written by

20160406_Marina MIlitare_SeaFuture2016 (2)Verrà presentato domani, mercoledì 6 aprile, presso la sede dell’Associazione Stampa Estera a Roma con una conferenza stampa a partire dalle 11, il Seafuture & Maritime Techologies 2016, evento italiano di rilevanza internazionale che avrà luogo presso la base navale della Spezia dal 24 al 27 maggio.

La manifestazione si afferma come piattaforma di business e confronto tecnico-scientifico tra i big player dell’economia del mare, la Marina Militare e le piccole e medie imprese e si pone l’obiettivo di attivare e implementare tutte le relazioni e interconnessioni tra imprese che hanno il mare come core business: cantieri, shipping, nautica, porti, Marine Militari Estere, tecnologie del mare, ambiente e pesca, fa sapere la stessa Marina Militare nel dare la notizia dell’evento.

20160406_Marina MIlitare_SeaFuture2016 (1)La presenza delle Marine Militari Estere, sottolinea il comunicato stampa, è un fattore determinante per la conoscenza diretta delle tecnologie e delle soluzioni proposte dal sistema impresa Italia.

I nuovi mercati, in particolare nel comparto Difesa, hanno visto l’affermarsi di grandi investitori, come Cina, Brasile, Turchia, e di una fascia di paesi che hanno bisogno di coniugare l’esigenza di dotazioni militari e civili con la disponibilità di budget contenuti e tempi di consegna ridotti.

In questo senso l’offerta di refitting da parte del sistema industriale italiano rappresenta un forte appeal, afferma la Forza Armata nel suo comunicato spiegando che le navi dismesse dalla Marina Militare rappresentano un buon affare per le Marine estere più piccole, perché sono garanzia di affidabilità nel tempo in quanto progettate e costruite in Italia dove la cantieristica e il suo indotto sono espressione di altissimo livello di tecnologia e innovazione, manifesto del made in Italy nel mondo.

L’attuazione del programma navale d’emergenza garantisce il mantenimento e l’incremento del vantaggio tecnologico nazionale e internazionale nel settore della cantieristica.

Il refitting e la vendita delle unità della Marina non più in linea costituiscono un’alternativa vantaggiosa rispetto alla demolizione, poiché generano lavoro per la cantieristica nazionale.

L’impiego degli arsenali della Marina Militare nelle attività di refitting costituisce un ulteriore valore aggiunto in termini di competenze e strutture.

Per la Marina Militare partecipare al SeaFuture&MT 2016 significa supportare le imprese nazionali e, di conseguenza, il sistema Paese.

“I bacini degli arsenali, con il proprio personale militare e civile, diventano sempre di più propulsori non solo di sicurezza, ma anche di benessere e prosperità per l’Italia: valorizzare al massimo le potenzialità degli stabilimenti e impianti della Marina, per renderli redditizi per lo Stato, facendo divenire gli arsenali siti “duali e produttivi” il più possibile autonomi dal punto di vista finanziario, aperti al mondo mercantile e industriale”, sottolinea la stessa Forza Armata.

Alla conferenza stampa di presentazione il 6 aprile interverranno: Cristiana Pagni, presidente di La Spezia EPS, azienda speciale della Camera di Commercio della Spezia; l’ammiraglio Roberto Camerini, comandante del Comando marittimo nord, il senatore Lorenzo Forcieri, presidente dell’Autorità portuale della Spezia e del Distretto ligure delle tecnologie del mare. Saranno presenti i principali sponsor della manifestazione.

Articoli correlati:

Il ridimensionamento della Marina Militare in Paola Casoli il Blog

Fonte: Marina Militare

Foto: seafuture.it

Article Categories:
Forze Armate