Bari

CME Puglia: il gen Castellano, COMFOP SUD, visita la Pinerolo alla Fiera del Levante, il Comando regionale e il CARA di Bari

Nei giorni scorsi il Comandante delle Forze Operative Sud (COMFOP SUD), Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, si è recato in visita ai reparti dipendenti di stanza a Bari, al C.A.R.A e al personale militare impegnato presso la 82^ edizione della Fiera del Levante, ha fatto sapere ieri lo stato maggiore Esercito.

Prima tappa il Distaccamento della brigata Pinerolo, attualmente impiegata fuori area, dove il gen Castellano è stato ricevuto dal col Antonio Camerino, Comandante del Distaccamento, che nel corso di briefing ha illustrato le attività in corso e quelle programmate da parte dela Brigata e dei reparti dipendenti.

Al termine della visita, il gen Castellano ha ringraziato il personale presente “per quello che fate e per come lo fate per la Brigata, per il COMFOP SUD e per l’Esercito Italiano. Avete dimostrato di sapervi adattare al cambiamento che la Brigata Pinerolo ha subito nell’ambito del processo di trasformazione”.

Successivamente, il Comandante del COMFOP SUD si è recato al C.A.R.A. di Bari dove è stato ricevuto dal col Giancarlo Coretto, Comandante del Raggruppamento Puglia che opera nell’ambito dell’operazione Strade Sicure, ha salutato i militari in servizio al centro e ha effettuato una visita alla struttura.

La visita è proseguita al Comando Militare Esercito (CME) Puglia, dove, dopo un office call con il Generale di Brigata Mauro Prezioso, il Generale di Corpo d’Armata Castellano ha salutato tutto il personale del comando territoriale al quale ha rivolto parole di plauso per il loro operato.

Al termine, il gen Castellano ha colto l’occasione per far visita ai militari dell’Esercito presenti alla Fiera Campionaria del Levante.

Il percorso all’interno dello spazio espositivo è iniziato con la visita ai mezzi e ai materiali in mostra statica ed è proseguito nell’area interattiva, dove sono state allestite una parete artificiale di roccia e il percorso di Military Fitness.

Fonte: Stato Maggiore Esercito

CME Puglia: commemorati la liberazione della città di Bari e il contributo dei baresi alla Resistenza

“È stata commemorata con una toccante cerimonia svoltasi in Corso Cavour a Bari, dinanzi al monumento dedicato al 51° Battaglione Bersaglieri AUC, la liberazione della città avvenuta il 9 settembre del 1943, grazie al contributo di militari, tra i quali quelli 51° Battaglione Bersaglieri AUC, della milizia volontaria e degli abitanti del borgo storico barese, coordinati dal Generale Nicola Bellomo intervenuto, in assenza di ordini, di sua iniziativa”, riferisce con un comunicato stampa del 7 settembre il Comando Militare Esercito (CME) Puglia.

Per l’occasione, fa sapere il CME Puglia, il Comandante Territoriale dell’Esercito in Puglia, Generale di Brigata Mauro Prezioso, su delega del Comandante del Presidio militare Interforze, Generale di Squadra Aerea Umberto Baldi, ha deposto una corona d’alloro presso il monumento eretto a Bari a memoria della liberazione.

Alla cerimonia, promossa dall’Associazione Nazionale Bersaglieri e patrocinata dalla Regione Puglia e dal Comune di Bari, erano presenti il viceprefetto, dottoressa Paola Marino, il vicesindaco di Bari, Pierluigi Introna, e numerose altre autorità civili e militari oltre a una folta rappresentanza di militari e associazioni combattentistiche e d’Arma.

“Nel giorno in cui si celebra la liberazione di Bari dall’occupazione nazifascista – scrive il CME Puglia – si commemorano le gesta e il sacrificio di quanti, tra militari e civili, diedero il loro contributo, talvolta estremo, dimostrando l’attaccamento alla città e alla Patria”.

A suggello di tale sacrificio, ricorda il comunicato, nel 2006 l’allora Presidente della Repubblica conferì alla città di Bari la Medaglia d’oro al Merito civile per la Resistenza, per l’eroico coraggio con cui si è distinta la popolazione.

A premessa della cerimonia, il gen Prezioso ha sancito il cambio di comando del Poliambulatorio di aderenza dell’Esercito, uno degli enti dipendenti dal CME Puglia, tra il col Vincenzo Giacobbe (uscente) e il col Ninì Mazzotta (subentrante).

Articoli correlati:

Il CME Puglia in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Puglia

Esercito: cambio comando alla brigata Pinerolo, il gen Mirra subentra al collega Del Col

20150717_TOA brigata Pinerolo_gen Del Col-gen Mirra (1)Si è tenuta venerdì 17 luglio, nella caserma Vitrani di Bari, sede del Reparto Comando e Supporti Tattici della brigata Pinerolo, la cerimonia di cambio del comando della brigata Pinerolo tra il generale Stefano Del Col, cedente, e il pari grado Gianpaolo Mirra, subentrante.

La cerimonia si è svolta alla presenza del comandante del 2° Comando delle Forze di Difesa (2° FOD), generale Antonio Vittiglio, e delle massime autorità civili, militari e religiose di Bari e provincia.

Il generale Del Col ha lasciato il comando della prestigiosa unità dopo quasi due anni di intensissima attività addestrativa e operativa svolta sia in patria che fuori dal territorio nazionale.

20150717_TOA brigata Pinerolo_gen Del Col-gen Mirra (3)La brigata, sotto la sua guida, è stata impegnata nel periodo ottobre 2014 – aprile 2015 in Libano al comando del contingente multinazionale costituito da 11 paesi e responsabile del Settore Ovest dell’area assegnata alle truppe delle Nazioni Unite nell’ambito della missione UNIFIL.

Contestualmente la brigata Pinerolo, che il 10 maggio 2014 ha ricevuto la cittadinanza onoraria della città di Bari, ha proseguito l’implementazione del programma di digitalizzazione dell’Esercito che vede la grande unità quale prima brigata dell’Esercito ad aderire, e sviluppare sul campo, il progetto Forza NEC: un progetto ambizioso, straordinariamente innovativo, che costituisce la punta di diamante dell’intero programma di modernizzazione della componente terrestre della Difesa (link intervista gen Del Col in calce).

20150717_TOA brigata Pinerolo_gen Del Col-gen Mirra (4)In patria la brigata ha continuato a partecipare all’operazione Strade Sicure nei settori di Roma, in Puglia, Sicilia e Calabria, operando al fianco delle Forze dell’Ordine nella lotta finalizzata alla prevenzione dei delitti di criminalità organizzata e ambientale.

Nel corso degli ultimi due anni la componente Genio della brigata ha proseguito nelle attività di bonifica di residuati bellici risalenti alla Seconda Guerra Mondiale nell’area di competenza del Basso Adriatico comprendente la Puglia, la Basilicata, il Molise, la Calabria e l’Abruzzo, e in particolare alla bonifica nel Porto di Molfetta.

20150717_TOA brigata Pinerolo_gen Del Col-gen Mirra (5)Il reggimento Genio di Foggia nel mese di settembre 2014 è intervenuto anche nelle aree del Gargano flagellate dall’alluvione. Intenso e costante è stato l’addestramento del personale della Pinerolo finalizzato a garantire la piena capacità operativa e la prontezza di impiego nei tempi e nei luoghi in cui l’autorità di governo decida di inviare la grande unità.

Il generale Del Col lascia il comando per ricoprire un prestigioso incarico presso gli organi centrali in Roma, fa sapere il comunicato stampa della stessa brigata Pinerolo.

20150717_TOA brigata Pinerolo_gen Del Col-gen Mirra (2)Articoli correlati:

Forza NEC, market walks, CIMIC e ISIS: intervista al gen Del Col, comandante del Sector West di UNIFIL in Libano (31 marzo 2015)

La brigata Pinerolo in Paola Casoli il Blog

Strade Sicure in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: brigata Pinerolo

20150717_TOA brigata Pinerolo_gen Del Col-gen Mirra (6)

Cerimonia di rientro UNIFIL Libano con il ministro Pinotti per la brigata Pinerolo

ESERCITO MINISTRO PINOTTI GEN ERRICO A BARI PER RIENTRO B PINOROLO LIBANO2Si è svolta ieri, 26 maggio, nella caserma Briscese di Bari, alla presenza del Ministro della Difesa, sen Roberta Pinotti, e del Capo di stato maggiore dell’Esercito, generale Danilo Errico, la cerimonia militare di rientro del Contingente Italiano a guida brigata PINEROLO impiegato in Libano nell’operazione UNIFIL.

Il generale Errico, rivolgendosi ai militari della brigata Pinerolo, ha detto che “da Soldato, da Comandante, da Uomo e da Padre, Vi ringrazio perché sono consapevole del silenzioso sacrificio che vi è richiesto e di quanto sia vitale, per noi militari, avere la certezza di poter contare su un sostegno familiare forte, sicuro e incondizionato”.

ESERCITO MINISTRO PINOTTI GEN ERRICO A BARI PER RIENTRO B PINOROLO LIBANO3La cerimonia è stata l’occasione per ripercorrere i sei mesi d’impegno della brigataPinerolo nel territorio libanese in un periodo molto sensibile per la stabilizzazione dell’intera regione; oltre 35.000 attività operative svolte tra pattugliamenti, check point, posti di osservazione e controllo, attività addestrative anche congiunte con le Forze Armate Libanesi (LAF)e numerosi progetti realizzati nel campo della cooperazione civile-militare per migliorare le condizioni di vita della popolazione locale.

La brigata meccanizzata Pinerolo è una delle grandi unità destinate alla “presenza e sorveglianza” del territorio nazionale, e ha partecipato alle recenti operazioni svolte sia in campo nazionale sia “fuori area”, come quella nella Terra dei Cedri.

Costituita nel 1821, la Pinerolo ha preso alle tre guerre d’Indipendenza, alla Grande Guerra, alla campagna d’Africa Orientale e alla Seconda Guerra Mondiale, durante la quale ha combattuto sul fronte occidentale, in Albania e in Grecia.

È stata impegnata in operazioni di soccorso delle operazioni colpite da pubbliche calamità, come il terremoto dell’Irpinia (1980), il sisma del Basso Molise (2002), l’alluvione dei comuni di Sarno, Siano e Quindici (1998) e Montacuto (dal 2010).

I militari della brigata Pinerolo concorrono, dall’agosto 2008, all’operazione Strade Sicure, che vede impegnati circa 4.800 militari dell’Esercito su tutto il territorio nazionale con compiti di vigilanza a obiettivi sensibili in concorso alle forze dell’ordine.

Articoli correlati:

La brigata Pinerolo in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Esercito Italiano; brigata Pinerolo

L’Esercito marciava… arriva a Bari. Gli appuntamenti di lunedì 18 maggio

L'Esercito marciavaLunedì 18 maggio 2015 la Città metropolitana di Bari sarà interessata dal progetto itinerante nazionale “L’Esercito marciava…” nell’ambito delle commemorazioni del primo conflitto mondiale (link articoli in calce).

In particolare, sono due gli appuntamenti da non perdere, fa sapere nella sua nota stampa il Comando Militare Esercito Puglia:

– alle 10.30 è indetta una conferenza nella caserma Domenico Picca, in piazza Luigi di Savoia, sede del Comando Militare Esercito Puglia, durante la quale saranno consegnati i fogli matricolari/stati di servizio di Caduti della Grande Guerra agli studenti dell’ITC Vivante di Bari e saranno premiati i vincitori del concorso fotografico “La via della Grande Guerra” residenti nelle province di Bari e Taranto;

– alle 11 è atteso il passaggio della staffetta sportiva non competitiva che da Lecce correrà fino a Trieste. All’interno della caserma Picca, aperta al pubblico nei giorni 18 e 19 maggio, ci sarà il cambio del tedoforo con il passaggio della responsabilità tra la Scuola di Cavalleria di Lecce e la brigata meccanizzata Pinerolo.

Articoli correlati:

Tutte le tappe e i programmi di “L’Esercito marciava…” in Paola Casoli il Blog

La staffetta del progetto “L’Esercito marciava…” in Paola Casoli il Blog

Il Centenario Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

L’Esercito Italiano in Paola Casoli il Blog

Fonte: Comando Militare Esercito Puglia

Brigata Pinerolo: il saluto alla città di Bari prima della partenza per UNIFIL, in Libano. Sperimentata la Forza NEC nel corso dell’addestramento

Si è svolta ieri, 25 settembre, nella caserma Vitrani di Bari,  sede del Reparto  comando e supporti tattici Pinerolo, alla presenza del comandante del 2° Comando delle Forze di Difesa (2° FOD), generale Carmine De Pascale, e di tutte le autorità civili,  religiose  e militari del territorio, la cerimonia di saluto in occasione della partenza della brigata Pinerolo per la missione delle Nazioni Unite UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon) in Libano.

La partenza avviene al termine di un intenso ciclo addestrativo  che ha visto la brigata impegnata non solo nella fase di approntamento del contingente italiano più numeroso impegnato attualmente fuori dai confini dell’Italia,  ma anche nel delicato compito di trasformazione e sperimentazione della Forza NEC (Network Enabled Capability).

La grande unità, guidata dal suo comandante, generale Stefano Del Col, assumerà il comando del Settore Ovest (SW) della missione ONU-UNIFIL nell’ambito dell’Operazione denominata Leonte XVII.

La Pinerolo, rinforzata da altri assetti provenienti da tutta Italia, assumerà la denominazione JTF-L (Joint Task Force – Lebanon) e opererà insieme alle Forze Armate di altre 8 nazioni (Slovenia, Brunei, Finlandia, Malesia, Corea del Sud, Ghana, Irlanda, Tanzania) per la piena applicazione della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Oltre 3.500 militari, di cui circa 1.100 italiani, garantiranno il monitoraggio della cessazione delle ostilità tra Libano e Israele; il supporto alle Forze Armate Libanesi (LAF) dispiegate nel Libano del sud, per favorire il graduale miglioramento delle loro capacità di controllo della medesima area, e, infine, l’assistenza alla popolazione civile attraverso la realizzazione di progetti CIMIC e Quick Impact Project per una crescita sostenibile della popolazione libanese.

Articoli correlati:

La brigata Pinerolo in Paola Casoli il Blog

La JTF-L di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: brigata Pinerolo

L’Esercito Italiano alla 78^ Fiera del Levante a Bari: nello stand anche lo Stabilimento chimico-farmaceutico militare con i suoi prodotti e il 9° Alpini con la palestra di arrampicata

“L’Esercito Italiano, una risorsa per il paese” è lo stand che l’Esercito Italiano presenta alla Fiera del Levante di Bari, inaugurata ieri 13 settembre e aperta al pubblico fino al prossimo 21 settembre, nell’area esterna del Padiglione 19.

Il significato del titolo scelto intende rappresentare una Forza Armata in continua evoluzione e al passo con le più recenti innovazioni tecnologiche, grazie a una costante collaborazione con l’industria della Difesa. Lo stand della 78^ edizione è collocato nell’area esterna del Padiglione 19 e risponde alla filosofia espositiva di “Entusiasmo e Innovazione”. L’entusiasmo è quello dei militari che ogni giorno rinnovano il proprio senso di appartenenza all’Esercito con l’impegno in Italia e all’estero.  L’innovazione è indicata dalla condivisione dei programmi futuri e dei progetti della Forza Armata quali la digitalizzazione e il Soldato Futuro.

Lo stand in fiera è organizzato dal Comando Militare Esercito Puglia, alle dipendenze del generale Natalino Madeddu, in collaborazione con lo Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare di Firenze, la brigata meccanizzata Pinerolo e la brigata alpina Taurinense. La novità assoluta è data dagli assetti dello Stabilimento Chimico Farmaceutico Militare che venderanno al pubblico profumi, cosmetici, cioccolato e liquori.

In questa edizione si conferma, dopo il grande successo dell’anno precedente, la presenza degli Alpini del 9° reggimento con la palestra artificiale a parete per l’arrampicata sportiva e la possibilità di scoprire il veicolo tattico leggero multiruolo Lince.

L’infoteam (personale specializzato nelle relazioni esterne) promuoverà la vita militare quale valida scelta in termini di professionalità acquisibile, valori, stile di vita e modelli di comportamento. Non mancheranno le informazioni sui principali concorsi banditi dall’Esercito e sul collocamento dei volontari nel mondo del lavoro dopo la ferma militare.

La Banda della brigata Pinerolo eseguirà alcuni concerti durante la Campionaria.

Fonte e foto (di repertorio): Comando Militare Puglia

Le bande militari celebrano il 2 giugno nelle stazioni ferroviarie: la banda della brigata meccanizzata Pinerolo, erede della banda del 231° reggimento Avellino

Si è esibita ieri, 2 giugno, nella stazione ferroviaria di Bari Centrale sulla base dell’iniziativa del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che, con l’organizzazione del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane in collaborazione con il ministero della Difesa, ha inteso così commemorare la Festa della Repubblica proprio in uno scalo ferroviario, dall’importanza logistica fondamentale nella gigantesca opera di ricostruzione all’indomani della Seconda Guerra Mondiale.

La banda della brigata Pinerolo, fa sapere la stessa unità, è uno dei più prestigiosi veicoli di diffusione della musica militare dell’intera Forza Armata. Trae le sue origini dalle bande reggimentali, in particolare, è erede delle tradizioni musicali della banda del 231° reggimento Avellino.

A seguito del sisma del 1980 in Irpinia, il complesso musicale fu sciolto per essere poi ricostituito il 20 settembre 1984. Nel 1996, dopo la riorganizzazione delle bande e fanfare dell’Esercito, fu nuovamente soppressa per essere ricostituita  in fase sperimentale, con sede nella caserma Ruggero Vitrani, sede del Reparto comando e supporti tattici Pinerolo, in Bari, il 17 aprile 2004.

Da tale data la banda ha accompagnato e suggellato i momenti salienti della storia più recente della brigata Pinerolo, sia in occasione di cerimonie in territorio nazionale che in occasione dell’impegno dei sette reggimenti dipendenti in teatri operativi all’estero, tra i quali Kosovo e Albania.

La grande unità, con gli oltre 5mila uomini e donne, rappresenta un’importante realtà perfettamente inserita nel tessuto socio economico della Puglia. Il 15 gennaio 2010 la banda viene ufficializzata in via definitiva dallo stato maggiore Esercito. Attualmente è  diretta dal primo maresciallo Carlo Resta.

La banda della brigata Pinerolo è composta da sottufficiali, graduati musicanti e volontari in ferma prefissata. La gran parte dei musicanti è diplomata presso il Conservatorio. L’organico prevede 31 unità suddivise in strumenti ad ancia, ottone e percussioni.

Il vasto e variegato repertorio, che spazia dalla tradizionale produzione di marce militari e straniere alle trascrizioni per banda, ha consentito al complesso di partecipare a numerosi concerti musicali. Nel mese di maggio del 2005 ha partecipato al 6° Festival della cultura europea in Algeria, e il 22 giugno dello stesso anno ha suonato durante l’udienza dal Santo Padre a Roma. Recentemente ha partecipato, unitamente al coro del 10° reggimento Trasporti, a un’esibizione per i bambini ricoverati presso l’Ospedale Giovanni XXII, riscuotendo grande apprezzamento e simpatia da tutti gli astanti.

Articoli correlati:

La brigata meccanizzata Pinerolo in Paola Casoli il Blog

2 giugno 2014, le Forze Armate celebrano la festa della Repubblica Italiana: il programma della sfilata ai Fori Imperiali (1° giugno 2014)

Fonte e foto: brigata Pinerolo

La Difesa al Salone dello Studente a Bari per promuovere una cultura della Difesa a salvaguardia degli interessi nazionali

Da oggi, 29 ottobre, e fino a dopodomani, 31 ottobre, la Difesa partecipa al Salone dello Studente – Campus Orienta a Bari, nella Fiera del Levante – Padiglione 20.

Professionisti appartenenti alle Forze Armate forniranno informazioni e soddisferanno le curiosità dei giovani visitatori negli stand dedicati a Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e sito Difesa (www.difesa.it).

La partecipazione ai Saloni dello Studente, che rappresentano una delle realtà più importanti nel settore dell’orientamento post-scolastico, vuole promuovere la conoscenza della Cultura della Difesa, intesa come l’insieme dei valori, delle tradizioni e delle finalità che caratterizzano l’operato delle Forze Armate al servizio della collettività, per la salvaguardia degli interessi nazionali.

Inoltre, i giovani studenti delle scuole superiori potranno orientarsi nel complesso percorso d’inserimento nella società del lavoro attraverso un’informazione puntuale e coerente circa la qualità e l’elevata specializzazione dei percorsi formativi e la varietà dei possibili settori d’impiego nell’ambito delle quattro Forze Armate.

Il 29 ottobre, presso la Sala Orientamento al Lavoro, dalle 11 alle 12 si terrà l’evento I giovani incontrano le Forze Armate, dove verranno illustrate ai partecipanti le componenti della Difesa, i diversi impegni e le opportunità professionali che il mondo militare può offrire loro.

Articoli correlati:

La Difesa al Salone dello Studente in Paola Casoli il Blog

Fonte: stato maggiore della Difesa

Logo del Salone dello studente

Bambini soldato in Congo e in Mali, INTERSOS ne parla oggi a Bari

“Il fenomeno dei bambini soldato – fa sapere INTERSOS, l’organizzazione umanitaria onlus fondata nel 1992 – colpisce più di 300mila bambini in tutto il mondo. Combattenti, schiave sessuali, raccoglitori di cibo, legna e acqua: bambini e bambine costretti a subire e perpetrare violenze che cancellano l’infanzia”.

Dal 2010 l’associazione è presente nella Repubblica Democratica del Congo per costruire scuole con l’obiettivo di togliere i bambini alla guerra, per garantire loro l’accesso all’educazione e il diritto al futuro. Con più di 100 operatori locali, INTERSOS raggiunge i bambini più vulnerabili, quelli più esposti al rischio dell’arruolamento, e i bambini ex soldato, che sono riusciti a uscire dalle forze armate e che hanno bisogno di sostegno psicosociale per il reinserimento a scuola e nelle famiglie.

Dal 2012 INTERSOS ha raggiunto anche il Mali, per far fronte con un centro di riabilitazione all’emergenza degli adolescenti arruolati nelle milizie armate.

A dare testimonianza della vita quotidiana di questi bambini e adolescenti, oggi pomeriggio a Bari, il responsabile educazione di INTERSOS, Paul Kakule Vyasongya, che ha lavorato nella Repubblica Democratica del Congo come responsabile dei progetti di educazione per i bambini più vulnerabili, incontrando volti e storie delle piccole vittime della guerra. Ora, è responsabile educazione in Mali.

Paul espone “Le storie e le immagini dal campo” oggi a Bari, alle 17.30, presso il Centro Padri Comboniani, dando testimonianza diretta del lavoro che INTERSOS svolge per arginare e scardinare il fenomeno dei bambini soldato.

Fonte: INTERSOS Puglia

Foto: INTERSOS