Battaglia degli Altipiani 1916

Esercito, TRAMAT: i primi cent’anni degli Autieri, protagonisti della Battaglia degli Altipiani

20080522_festa TRAMAT_Esercito Italiano - sAlle 10.15 di oggi, 18 maggio, nella Scuola Trasporti e Materiali (TRAMAT) dell’Esercito sarà celebrato il centesimo anniversario della fondazione dell’Arma Logistica dell’Esercito alla presenza dei vertici della Forza Armata, fa sapere l’Esercito con un comunicato stampa.

La ricorrenza è legata all’aspra Battaglia degli Altipiani che, nel maggio 1916, consentì di arrestare le truppe austro-ungariche proiettate verso la pianura veneta allo scopo di aggirare il dispositivo difensivo italiano. La manovra ebbe successo anche grazie al contributo degli Autieri, che seppero trasferire in brevissimo tempo dal Fronte dell’Isonzo a quello degli Altipiani migliaia di soldati e materiali.

Oggi, l’Arma dei Trasporti e Materiali assicura il sostegno alle unità della Forza Armata sul terreno nazionale e nei teatri operativi esteri, fornendo altresì concorso in casi di pubblica calamità per il sostegno della popolazione civile.

All’evento presenziano il Comandante Logistico dell’Esercito, generale Adriano Vieceli, e generale Vincenzo Puri, Comandante Trasporti e Materiali.

Articoli correlati:

Il TRAMAT in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto (d’archivio): Esercito Italiano

TRAMAT, “espressione di modernità” afferma il CaSME gen Graziano nel 97° della Battaglia degli altipiani

Si è celebrato il 22 maggio scorso il 97° anniversario della Battaglia degli altipiani che, per tradizione, coincide con la festa dell’Arma dei Trasporti e Materiali dell’Esercito (TRAMAT).

Il Capo di stato maggiore dell’Esercito (CaSME), generale Claudio Graziano, nel Comando Logistico di Proiezione dell’Esercito, ha rivolto un pensiero commosso ai caduti “che con supremo coraggio, hanno tenuto fede al giuramento prestato, fino all’estremo sacrificio” ed espresso “sentimenti di affettuosa vicinanza” ai feriti in operazione, dopo aver ringraziato le autorità e gli ospiti intervenuti “a questa significativa ricorrenza, celebrata all’insegna della massima sobrietà, come si conviene in un momento di grave crisi economica”.

Nel suo intervento, il generale Graziano, rivolgendosi al generale Vincenzo Porrazzo, decano dell’Arma dei Trasporti e Materiali, e a tutti gli autieri ha sottolineato che “senza il fondamentale apporto dell’Arma dei Trasporti e Materiali, le operazioni di trasporto di personale e mezzi, di rifornimento, di mantenimento in efficienza di sistemi d’arma sempre più sofisticati, non sarebbero possibili. L’Arma dei Trasporti e Materiali riveste un ruolo fondamentale per l’intera Forza Armata, nell’ambito della quale rappresenta una delle più efficaci espressioni di modernità, capacità di trasformazione e propensione all’innovazione”.

Nella sala polifunzionale del Comando logistico di proiezione, che ha sede nella città militare della Cecchignola, erano schierati la Bandiera di guerra dell’Arma dei Trasporti e Materiali, il Labaro e il Medagliere dell’Associazione Nazionale Autieri d’Italia.

Nell’ambito della cerimonia militare il generale Graziano ha consegnato la Croce di Bronzo al Merito dell’Esercito al tenente colonnello Santo Saitta, per aver pianificato e condotto, nel 2010, una rischiosa operazione di recupero in Afghanistan.

La ricorrenza celebra la Battaglia degli altipiani di Asiago che fu combattuta, nel corso della Prima Guerra Mondiale, tra il 19 e il 22 maggio 1916. In quell’occasione si distinsero i primi reparti automobilistici dell’Esercito, che, trasportando al fronte in tempi brevi una grande quantità di uomini e materiali, segnarono una svolta decisiva per le sorti del conflitto.

Articoli correlati:

Il TRAMAT in Paola Casoli il Blog

Fonte: stato maggiore Esercito

Foto: stato maggiore Esercito

21 maggio: il Tramat festeggia 93 anni di movimentazione truppe e materiali

Era il 22 maggio 1916 quando le unità di trasporto dell’Esercito Italiano dimostrarono la capacità di muovere ingenti quantità di truppe e materiali.

Dagli altipiani vicentini stavano per dilagare verso la Pianura Padana le truppe dell’esercito austroungarico: si combatteva la Prima Guerra Mondiale e ogni prato lasciato al nemico era un centimetro di orgoglio ferito.

In quella che passò alla storia come la battaglia degli Altipiani furono proprio gli autieri a permettere il contrasto dell’avanzata avversaria, rendendo possibile lo schieramento delle truppe italiane con una rapida movimentazione di truppe e di materiali.

Domani 21 maggio, a distanza di quasi un secolo, saranno il comandante delle scuole dell’Esercito, generale Angelo Dello Monaco, il comandante Logistico dell’Esercito, generale Rocco Panunzi, e il generale Mario Righele, capo dell’Arma dei Trasporti e Materiali (Tramat), a celebrare la festa del Tramat nel 93esimo anniversario della battaglia degli Altipiani nella sua sede presso la caserma Rossetti di Roma, dove è ospitato il comando Logistico dell’Esercito organizzatore dell’evento.

Nel corso della cerimonia, che avrà inizio alle 10, sarà consegnata la Medaglia d’Oro al Merito Civile alla Bandiera di Guerra dell’Arma Trasporti e Materiali, distintasi per le operazioni di soccorso alle popolazioni vittime di calamità naturali e per la bonifica da ordigni e residuati bellici.

La new entry nella consueta sfilata di mezzi sarà il nuovo veicolo blindato Freccia, consegnato dal consorzio Fiat Iveco – Oto Melara (azienda del gruppo Finmeccanica) all’Esercito Italiano in un primo esemplare lo scorso 17 febbraio nel Centro polifunzionale di sperimentazione dell’Esercito a Montelibretti.

Articoli correlati: 22 maggio 2008 – Esercito Italiano: il Tramat dalla battaglia degli Altipiani alla logistica digitalizzata

Fonte: smE

Foto: www.esercito.difesa.it

Esercito Italiano: il TraMat dalla battaglia degli Altipiani alla logistica digitalizzata

 

Si è tenuta oggi 22 maggio alla Cecchignola nella sede dell’Arma Trasporti e Materiali (TraMat) dell’Esercito Italiano la festa del corpo che ha le sue origini nel 1903 in un nucleo di militari addetti alla condotta delle automobili a benzina, poi diventati il 1° settembre 1906 la Sezione Automobilistica.

Lo status attuale del TraMat risale al 1998 e assolve i compiti relativi alla logistica, con responsabilità sui materiali d’armamento e sui mezzi, apparati e sistemi d’arma indispensabili per il movimento e il combattimento terrestri. E’ fondamentale per il dispiegamento dei contingenti nei teatri operativi.

La festa del TraMat è legata alla battaglia degli Altipiani, di cui quest’anno ricorre il 92° anniversario. Fu infatti il 22 maggio 1916 che i primi nuclei motorizzati dimostrarono la capacità nel movimentare uomini e materiali in tempi brevi, come richiedeva il contesto della battaglia al fine di contrastare l’offensiva dell’Esercito Austro-Ungarico in procinto di entrare nella Pianura Padana.

L’evento si è tenuto alla caserma Rossetti sede della Scuola TraMat alla presenza del capo di stato maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Fabrizio Castagnetti, del comandante logistico dell’Esercito, generale Giorgio Ruggieri, del comandante delle scuole dell’Esercito, generale Angelo Dello Monaco, e del capo dell’Arma Trasporti e Materiali, generale Vincenzo De Luca.

Nel corso della cerimonia è stato possibile vedere i principali veicoli in dotazione all’Esercito, tra cui il Dardo e il veicolo tattico multiruolo Lince, e i mezzi storici, tra cui anche quelli che hanno partecipato alla recente Mille Miglia.

Accanto all’aspetto storico è stata messa in evidenza la contemporaneità con materiali ad alto contenuto tecnologico e sistemi sofisticati. La sala operativa digitalizzata, che consente la governance di tutti i processi logistici, e il magazzino di ricambi digitalizzato evidenziano il cammino percorso dall’arma dal lontano 1903.

La preparazione e l’aggiornamento professionale del personale dedicato agli enti logistici è assicurato dalla scuola del TraMat, che stimola anche lo sviluppo e la ricerca nel campo dei materiali e delle procedure operative. Molti ex allievi si sono dati appuntamento sul web in occasione della ricorrenza dell’Arma. E chi scrive ha avuto occasione di frequentare il XXV Cocim proprio nelle aule della scuola TraMat.

Fonte: Esercito Italiano