software

NRDC-ITA si esercita sulla cyber security. Concluso il seminario Eagle Mercury 2011

Il NATO Rapid Deployable Corps – Italy (NRDC-ITA) di Solbiate Olona, comandato dal generale Giorgio Battisti, ha ospitato nei giorni scorsi il seminario Eagle Mercury 2011 dedicato alla sicurezza informatica e alla difesa dai cosiddetti cyber attack.

Il 12 e il 13 luglio si sono alternati nella caserma Ugo Mara a Solbiate Olona, presso la sede del corpo di reazione rapida della Nato, conferenzieri provenienti dal settore militare e dalle industrie della Difesa e produttrici di hardware e software.

Nel corso della due giorni dedicata esclusivamente all’approfondimento delle tematiche relative ai sistemi di comando e controllo (C2) e all’analisi dell’evoluzione delle problematiche della sicurezza informatica, è stato presentato anche il calendario esercitativo fino a tutto il 2013.

Questi gli interventi:

il COTIE di Anzio ha trattato le Training Activities e la Cyber Defence;

gli specialisti delle comunicazioni di NRDC-ITA hanno preso in esame i sistemi C2 in ambito ISAF, su piano nazionale e NATO;

NCSA (NATO Communication and Information System Service Agency) è intervenuta su How NCSA can support operations and exercises in NATO environment;

CISCO ha trattato la Cyber Security e il Complex Project Management;

Thales ha sviluppato il tema relativo alla Tactical satellite communication e il C2;

Selex è intervenuta sulla Cyber security;

Microsoft ha parlato di Lifecycle data centre concept and security.

Articoli correlati:

Computer Information System (CIS)-study period alla Divisione Acqui (25 marzo 2011)

Le Forze Armate cinesi investono sulla guerra cibernetica (1° giugno 2011)

Il cyber terrorismo è una minaccia paragonabile a un attacco missilistico (19 ottobre 2009)

Cyber-guerra: gli Usa vogliono una digital warfare force (5 maggio 2009)

Fonte: PAO NRDC-ITA

Foto: PAO NRDC-ITA

Regali sotto l’albero: le nuove idiozie nell’era del tablet

By Cybergeppetto

Lo ammetto, ho comprato un tablet, una di quelle tavolette elettroniche che sanno fare meraviglie, ma che hanno un problema, il negozio on line.

Musica, libri e, soprattutto, tanti programmi “utili” per fare di tutto, dalle cose più serie alle fesserie più colossali.

Bisogna che io lo confessi apertamente, ho cercato qualche gioco da scaricare e, siccome anni fa avevo un palmare con un gioco pieno di palle colorate che bisognava far scoppiare quando si riusciva a trovarne alcune dello stesso colore e allineate, mi sono messo alla ricerca dell’antico gioco perduto.

Ho digitato la parola “balloon” e, meraviglie della tecnologia, ho scoperto che esiste un gioco in cui, soffiando sul microfono del tablet, si gonfia un palloncino virtuale fino a farlo scoppiare! Anche se non l’ho scaricato, oscurantista come sono, ho comunque dovuto meravigliarmi su come ho fatto a dare un senso alla mia vita senza aver mai fatto scoppiare un palloncino virtuale.

Il problema è che l’elenco di questi programmi è sterminato e amplificato dalla presenza nel tablet di un misterioso dispositivo, l’accelerometro, una cosa che se uno descrive facendo appello alla matematica potrebbe costringerci a ricorrere al concetto di limite di una funzione o di funzione derivata in un punto. Vi basti sapere, per quei poveri disgraziati che non dovessero già essere informati, che questo dispositivo è sensibile al movimento e per esempio, cambia la visualizzazione dello schermo quando voi girate il vostro aggeggio.

Tuttavia, ci sono applicazioni più interessanti, per esempio ci sono degli sfondi da applicare al tablet che raffigurano quei souvenir in cui un monumento, tipo il Duomo di Milano, è in una boccia di liquido piena di batuffoli bianchi che simulano la neve. La tecnologia ci cava dall’impaccio di comprare i souvenir, ma ci consente di agitare il tablet per ottenere lo stesso effetto ludico, la meraviglia del Natale è salva trecentosessantacinque giorni all’anno.

Un’altra chicca è costituita da un software che riproduce quel gioco in cui delle biglie a contatto sono appese a dei fili alla stessa altezza: in un’altra epoca si usavano per parlare degli urti elastici in fisica, ora non c’è più bisogno di avere un soprammobile in più in casa, basta trascinare la pallina da una parte con il dito sullo schermo e l’urto, attraverso la serie di biglie, muove l’ultima dalla parte opposta. Potremo educare i nostri eredi alle meraviglie della scienza dal nostro tablet.

Ma una delle cose che più mi ha stupito è un software che riproduce il ronzio di un ventilatore e che, secondo gli autori, selezionando il ronzio più appropriato, ci consente di riposare, salvo saltare sulla poltrona nell’istante in cui il perfido marchingegno suona per dirci che la ricreazione è finita e bisogna tornare a lavorare.

Vorrei tanto regalarvi altre emozioni del genere, ma l’elenco è troppo lungo, provate dunque a sfogliare l’area “utilities” (sic!) troverete, insieme ad alcune cose realmente utili a fare qualcosa, un sacco di paccottiglia tecnologica che ha il solo merito di non finire in discarica, ma che tuttavia riesce a costare qualcosa.

Io tengo per me l’idea, vecchia e passata di moda, che questi aggeggi servono a fare cose utili: calcolare, scrivere, avere informazioni.

Cybergeppetto

p.s. Steve Jobs, il padre padrone di una nota multinazionale dell’informatica, ha avuto un terribile incidente stradale per le vie di Cupertino: secondo un rapporto della polizia locale, il nostro non aveva le mani sul volante, ma, per errore, manovrava il suo tablet sul quale aveva tenuto aperto un gioco di pilotaggio di vetture in pista.

Foto: www.paperblog.fr