past papers

Nove anni, pelo nero lucido e fiuto antiesplosivo: il labrador Treo premiato a Londra con la prestigiosa PDSA Dickin Medal

Heyhoe_TreoE’ l’equivalente della più alta onorificenza militare del Commonwealth la medaglia assegnata mercoledì 24 febbraio a Treo, che nel 2008 ha salvato innumerevoli vite di soldati e civili nel corso del suo turno di impiego in Afghanistan.

Treo è un cane. Un lucidissimo labrador nero di nove anni che serve Sua Maestà con il suo fiuto antiesplosivo. La PDSA Dickin Medal gli è stata conferita per il suo coraggio e per la sua devozione al servizio svolto come military working dog. E’ il riconoscimento più prestigioso per un animale, l’equivalente appunto della Victoria Cross per gli esseri umani.

Alla cerimonia, svoltasi all’Imperial War Museum di Londra, Treo era accompagnato dal suo conduttore sergente Dave Heyhoe. Insieme fanno coppia fissa da cinque anni. “Treo è un cane speciale – ha dichiarato il sergente Heyhoe – e c’è un motivo per cui lo chiamo ‘il mio ragazzo’: è perché mi sento sicuro quando è al mio fianco e so che già tante volte mi ha salvato la vita”.

sgtHeyhoe_TreoTreo non ha mai vacillato dal suo impegno in Afghanistan nella provincia di Helmand, dove sempre in prima linea ha evitato la perdita di molte vite umane. A un primo ritrovamento di ordigni improvvisati (IED) pericolosamente trappolati e nascosti nell’agosto 2008, è seguito il rinvenimento di altri IED posizionati lungo strade frequentate e pronti a scoppiare non solo al passaggio dei soldati ma anche al traffico dei civili.

Treo è stato donato all’Esercito Britannico da un civile quando aveva un anno. L’addestramento ha evidenziato le sue doti decisamente compatibili con le responsabilità richieste dal teatro operativo. Ora l’esemplare di labrador è in pensione e vive con il suo conduttore Dave Heyhoe, non senza aver inciso splendidi momenti nel cuore di chi lo ha incontrato durante la sua attività operativa di cane antiesplosivo.

Come riferisce il maggiore Graham Shannon comandante della Ranger Company 1 R Irish, che ricorda un momento di recupero in una base temporanea dopo una serie di attacchi a fuoco subiti a Sangin: “C’erano il sergente Heyhoe e Treo. Treo correva dietro alla sua palla e all’improvviso non sembrava più di essere a Sangin: solo un pugno di amici seduti in cerchio a parlare di cani. E la guerra sembrava lontana mille miglia”.

Il PDSA, ovvero il People’s Dispensary for Sick Animals che ha conferito l’alta onorificenza a Treo, è l’organizzazione caritatevole di veterinari più importante del Regno Unito. Fornisce assistenza e cure gratuite ad animali i cui padroni versano in condizioni di bisogno e promuove un rapporto responsabile con i propri animali da compagnia. E’ stato fondato nel 1917 dalla londinese Maria Dickin.

Articoli correlati:

Unifil, Libano: cani volanti al Sector West (26 febbraio 2010)

Attenzione mine (23 novembre 2005)

La Task Force Astro, una difficile opera di ricostruzione (14 novembre 2004)

Fonti: UK MoD, PDSA

Foto: UK MoD, PDSA

Al Qaeda franchise

natalia springerAl Qaeda è come un franchising: cede il marchio e poi ciascuno si costruisce la propria cellula, spiega il ministro dell’Interno Roberto Maroni. E lo stanno ripetendo con lui già da qualche giorno non solo gli analisti e i politici, ma anche i media italiani improvvisamente illuminati e conquistati da questa definizione.

Eppure cinque anni fa, anzi, cinque anni e tre mesi fa, lo aveva detto anche una negoziatrice dell’Unhcr, Natalia Springer (foto), nel corso di un ciclo di conferenze sulla comunicazione in ambito militare all’Università dell’Insubria di Varese.

Il concetto espresso da Springer il 12 luglio 2004 era chiaro: l’assenza di un bipolarismo stile Guerra Fredda  ha consentito lo sviluppo di gruppi armati localizzati ma globali, ravvicinati da un disinvolto utilizzo di internet per la chiamata a raccolta.

Nel corso dell’intervento erano emerse la particolare caratterizzazione dei nuovi conflitti, operati da mercenari, e la pericolosità dell’istituzionalizzazione di conflitti latenti.

Tutti concetti ugualmente applicabili in teatro operativo così come entro i confini del nostro stato, ugualmente declinabili in linguaggio militare tanto quanto in quello civile.

Per chi fosse interessato all’argomento, sulla stampa estera c’è materiale anche datato (un esempio del 2005: Battling the al-Qaeda franchise, di John Simpson su BBC).

L’articolo Al Qaeda è un franchising a firma Paola Casoli era stato pubblicato su Pagine di Difesa il 14 luglio 2004 e ripubblicato in questo blog.

Articolo correlato: Al Qaeda è un franchising (14 luglio 2004)

Foto: eltiempo.com

Terror & Gratitude: Albanian Imam’s Kosovo Mission

pubblicato da Serbianna il 29 dicembre 2007

According to information reports Kosovo Albanian Imam Kastriot Duka could be a terrorist, an extremist one who recruits minors in order to train them to be Islamic fundamentalists. Despite his long beard that is in the tradition of his Salafi faith, Imam Kastriot Duka behaves like a gentleman. He makes you feel at home even if as he washes himself before praying. One can visit him without having to make appointments.

“Please, feel free to serve yourself with water or a coke. I’ll be back in few minutes”, he said in his kitchen during the muezzin’s call to pray.

At a first glance this kitchen is quite similar to any other, except for a hundred DVDs stored close to a little television set below the window: an unusual passion for cinematography for a Salafi. Kastriot Duka is the Imam in Marina’s mosque, in the hearth of Drenica Valley in Kosovo. He lives here because he is Albanian.

“I am Hoxha imam, my name is Imam Xhamal Duka. I come from Elbasan city,” he says.

“I was an Imam in Albania before 1999. There I took in my house two families escaping from Kosovo war,” underlines the Imam his patriotic credentials.

“Five months after the refugees came I received the visit of a person coming from Britain to help the people. At that moment we decided together to leave Albania and to go to Kosovo with refugees; we started building a mosque,” declares Imam.

Imam Duka identifies “the person coming from Britain” as a “director” that “sent him to a mufti in Kosovo”, but it seems the connection was not good enough. Reports suggest that this mysterious “director” could perhaps be Thomas Jeppesen, a Dane that coordinates a British-based NGO.

“Kastriot is a good man, a good Muslim, he makes money to let Xhamal build a mosque,” he tells about himself.

Imam Kastriot says that the reason he is on Kosovo is to teach.

“I teach forty children Islam and Quran, they come here every Saturday and every Sunday and I think they are very good students, they bring the scarf,” describes Imam.

Albanian Muslims of the area consider the Imam to be a holy man because he gave money and other help to the poor Muslims. Poor locals get meat and other food from him and exercise-books, clothes and 20 euros per month.

“Who’s sending you money, mr Duka?” I asked.

“Well, I’m not a rich man. I receive money from organisation Rahma Mercy from Britain,” says the Imam.

Imam Duka is also helping the orphans. He says that these are the “children who had their Baba killed in fighting with Serbs”.

Inside the home of Hamit Kelmendi, Duka’s friend, the Italian MSU Regiment that is part of the NATO peace mission in Kosovo, the KFOR, uncovered 14 documents related to minors aged from 6 to 10. All of the children are the responsibility of  Imam’s collaborator, Demir Kelmendi, Hamit’s son. Kelmendi receives 100 euros per month each minor in order to educate and sustain them. This money, like other, comes from Great Britain, where a Salafi group with British passports is sending euros with banking transactions directly addressed to imam Duka.

He certainly wishes for more money to realize his projects for Muslim Albanians living in the area of Marina.

“We will make a well because there is not enough water here,” says the Imam. “In this area it is very difficult to find water. We started with one well in Marina school but we need much more”.

Water is of particular issue in Kosovo because the majority of it comes from the Gazivoda Lake located in the north that is inhabited by ethnic Serbs who may cut the water off if Kosovo Albanians unilaterally declare independence from Serbia.

“What do you think about independence of Kosovo, Mr Duka?” I asked him.

“A good idea, not only for Balkan people but also for European people because, you understand, people in Kosovo does not have any connection with Serbia: people in Kosovo is Albanian, has Albanian language, has Albanian flag, has Albanian culture,” says the Imam.

Unlike Imam’s in other parts of the world, Imam Duka feels good about America because it sustains Albanian Muslim hopes for independence.

America is not a Muslim state, I reminded him.

“We have one god, we both have one god so there is no problem,” Imam explains the apparent theological inconsistency of why a non-Muslim America may support a Muslim state.

“People in Kosovo, Albanian people, have respect for Europe and for America because you help people in Kosovo very, very much. At every moment we think good for America and for Europe,” claims Imam Duka.

But if you ask imam Duka what happened in Fort Dix last 7th may 2007 he games to not understand.

“An attack in Fort Dix? Six Muslims coming from former Yugoslavia? I don’t understand what you’re saying. In a military base in New Jersey?” Imam puzzlingly questions the reports then suddenly recollects and deflects the blame.

“Ah, I remember, but they were from Macedonia,” concludes the Imam.

I reminded him that four of them were ethnic Albanian.

“Maybe some Americans think that you are a dangerous terrorist if you have this, the beard. But I think that persons bringing explosives in buses are doing so only for money. Someone give you money to be a bomb suicide. This is not Quran, this is not Muslim,” says the Imam.

“You can ask whoever here what do they think about Americans: they will all speak good about America and Europe, because you’re helping us. United Nations have government, we respect UNMIK,” says the Imam.

Duka is not worried about the presence of Serbs: “they are in Pristina, in Prizren but we don’t have any problem because we don’t have any connection with them and I’m sure that after the independence we shall work together”.

He feels so sure of this that he decided to pass Austerlitz Bridge in Mitrovica on 16th June 2006, at nine o’clock in the morning. According to Italian reports Imam Duka was not alone but took along with him Hasa Sahuri, Agim Mucani, Murat Zabeli and, Agim Duka who could be Imam’s brother. Their goal in entering the beleaguered Serb enclave was to simply “take a look” of Serbian side.

Kosovo Protection Service or KPS, fearing panic and rage by ethnic Serbs, stopped the men.

Imam Duka has a lot of friends. He used to receive visits from Great Britain during last years. Three men alleged to be British citizens arrived in Marina’s mosque on 15th October 2005: one of them could be Khaleel Patel, the independent business consultant looking for business partners on web four years ago, when in a message on The Saudi Network he told about innovative business idea that could generate a net profit from 200% to 1000%!

Now you could find Patel’s picture on Rahma Mercy website. Six months later, on april 14th 2006, those three men where in imam Duka’s car, a Isuzu Trooper with Kosovo plates, between Pristina and Mitrovica.

I’ve asked him if he’s ever been contacted by terrorists?

“Me? Here? I don’t know. No, no. Because we are like Islam, we are a compact group and you can see it by yourself: in eight years United Nations and Europe and America have never been attacked with any bomb because we have respect for you and your job here. If you go to Iraq, there it is dangerous,” says the Imam.

On the other side, information services report suspected ties between Imam Duka and “dangerous Islamic fundamentalists”. Some of these Muslim Albanian terrorists include:

– Shaqiri Xhezair, also known as Hoxha Mazlumi, is the imam of the Jeni Mahala mosque in Prizren: he has ties with the Kosovo Police Service (KPS), Kosovo Protection Corps (KPC), UNMIK and al-Qaeda.

– Samedin Xhezairi, also known as Commander Hoxha, is one of the organizers of March Pogrom against Serbian ethnic minority in 2004.

– Ekrem Avdiu, founder of Abu Bakr Sadiq group, an “extreme Islamist terrorist organization” that use to meet in a private house in Zhabare. Avdiu is alleged to participate in the crime in Goradzevac on 13th August 2003 when a group of children bathing in Bistrica River were shot at by the Albanian terrorists then blamed the Serbs thus initiating a bloody pogrom of Kosovo Serbs.

– Sami Billali, leader of Al Wafq al Islami, a very radical NGO based in Pristina that receives money directly from the Arab Committee of Saudi Arabia. Reports indicate that Billali trains young suicide bombers in Kosovo.

– Rexhep Selimi, former commander of TMK/KPC Academy in Pristina; now a member of K-ShIK. Idriz Shabani, arrested in 2003 for having illegal weapons, also known as Luta.

Despite the allegations of terror ties, Imam Duka is a real gentleman. He offers hospitality, courtesy and a room to stay all night long, waiting for a better weather.

I finally asked him whether KFOR, UNMIK, USA will need to go away once Kosovo becomes independent.

“No, no. Why?” asked aback the Imam.

Perhaps because Kosovo will have its sovereignty and you will stay alone here I probed.

“No, no. Why? Do the same you did in Bosnia,” he ended disclosing his proof political knowledge in international matters.

On the way out, Imam Duka let me go with a present, a box of cookies for my children, without unveiling his secret: the name of the man who burnt the Danish Embassies in Beirut and Damascus in early 2006 because of Danish sarcastic newspaper cartoons against Islam.

See also:

Caro Angelo, il Kosovo è una patata bollente (26 marzo 2009)

Kosovo: calma piatta. Intanto arrivano i parà del Tuscania

pubblicato da Embedded il 20 novembre 2007

Il voto del 17 si è svolto nella massima tranquillità. La bassa percentuale di affluenza, pari al 43%, è stata giudicata negativamente dal capo della missione di osservazione elettorale del Consiglio d’Europa Giovanni Di Stasi, che ha ritenuto il dato allarmante e pericoloso per il futuro più prossimo.

Se gli albanesi si sono presentati al voto in così bassa percentuale, circa il 94% della totalità degli affluiti alle urne, allora il voto non è stato scambiato come espressione di una scelta di indipendenza del Kosovo come poteva sembrare fino alla scorsa settimana.

A Pristina, ma anche a Decane, Pec/Peja, Prizren, Bresovica, c’è molta calma e non si sono verificati disordini. Per ogni eventualità nella base dei Carabinieri a Pristina sono arrivati da due giorni anche una decina di paracadutisti del reggimento Tuscania, specializzati nella gestione di situazioni di emergenza.

“La loro presenza eleva il profilo qualitativo della nostra missione in teatro operativo”, spiegano alla Msu. Una missione quella dei Carabinieri della Msu che è impegnata in prima linea nel mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica.

Kosovo: Hashim Thaci sarà il nuovo premier?

pubblicato da Embedded il 15 novembre 2007

Magari non andrà così, ma le imminenti elezioni del 17 novembre in Kosovo sembrano già avere un vincitore: Hashim Thaci. Secondo fonti locali ci sarebbe infatti l’inclinazione a designare Thaci quale successore di Agim Ceku. E senza brogli elettorali ma solo per un accordo comune, sempre citando una voce del Kosmet.

Magari davvero non andrà così, ma un articolo che sottolinea la determinazione del leader del Partito democratico in Kosovo (PDK) – Thaci appunto – a ottenere l’indipendenza per la regione amministrata dalle Nazioni Unite da otto anni fa riflettere.

Thaci ha dichiarato alla Reuters che l’Occidente “ha promesso che riconoscerà l’indipendenza del Kosovo” e ha aggiunto: “Abbiamo ricevuto delle esplicite assicurazioni che l’indipendenza del Kosovo sarà riconosciuta internazionalmente”.

Considerato che Thaci si ritiene già vincitore con il suo partito, queste affermazioni rappresentano un monito più efficace delle varie foto dei guerriglieri in nero che circolano in questi giorni.

Fonte: Rinascita Balcanica

Kosovo: simulazione di elezioni oggi a Pristina

pubblicato da Embedded il 3 novembre 2007

Alle due di oggi pomeriggio a Pristina, presso il quartier generale della missione di osservazione elettorale del Consiglio d’Europa, si terrà una sessione elettorale simulata per consentire ai 14 osservatori di lungo termine di familiarizzare con le procedure di voto e di conteggio. Le elezioni, quelle vere, si terranno invece in tutto il Kosovo sabato 17 novembre prossimo.

Nel corso della simulazione gli esperti risponderanno alle domande dei giornalisti accreditati con il Consiglio d’Europa.

Fonte: Consiglio d’Europa

Kosovo indipendente: pari o dispari

pubblicato da Embedded il 31 ottobre 2007

Leggo l’articolo su Il Giornale dell’inviato a Washington: Gli Usa: Kosovo indipendente o ritiriamo tutti i nostri soldati pubblicato oggi on line.

Non ci credo. Non ci credo proprio che gli US possano pensare di lasciare una mega base come Camp Bondsteel. Certo a loro non converrebbe mantenere una tale infrastruttura (un vero e proprio paese) in un’area serba. Considerato l’aria fredda che tira da est e le promesse di indipendenza fatte all’etnia albanese, per gli americani un Kosovo serbo sarebbe un mare in tempesta. E Camp Bondsteel una nave da abbandonare.

Ma non sembra sia questo il caso. E poi sa di ricatto: o l’indipendenza o ce ne andiamo. Cos’è, un modo sbrigativo per districarsi dalla faccenda? Mh, un po’ infantile. Forse un affondo sulla pedana della diplomazia internazionale per smuovere un po’ le acque, lasciando però l’amaro in bocca all’etnia albanese che tanto confida sullo zio Sam.

Questa boutade serve tuttavia da campanello d’allarme per l’Europa. Il meccanismo avviato dall’allora presidente del Consiglio Massimo D’Alema, che ha portato al bombardamento della Serbia, non ha fatto altro che accelerare il meccanismo di inversione dei ruoli nel gioco di vittima-carnefice che caratterizza i Balcani. E ora a rischiare è l’etnia serba. Se questo è il risultato, tanto valeva fare pari o dispari.

Commenti:

Ceti, Mercoledì 31 Ottobre 2007 ore 21:20

Purtroppo gli Usa hanno capito che la Russia non cede. E, pur concordando con l’autrice del post, debbo dire che secondo un quotidiano locale kosovaro, gli americani rinuncerebbero all’indipendenza del Kosovo in cambio di cospicui finanziamenti (si parla di decine di miliardi di dollari ogni anno). Sarà vero? Chissà.

Nel frattempo, mi informo meglio leggendo un mensile universitario che sulla questione kosovara (cfr. www.acidopolitico.it) ha parlato con molta più profondità di un “quotidiano nazionale” come il Giornale.

Paola Casoli, Giovedì 1 Novembre 2007 ore 10:43

Ceti, tutto ciò continua a puzzare di ricatto. Sembra allora che si sia voluta tentare la strada dell’usucapione e che, non riuscito l’esperimento, ci si ritiri solo dietro la concessione di un finanziamento. Ma forse è la lectio facilior e dietro c’è tutto un mondo da scoprire.

Chiaro che Putin non cede. In primo luogo per questioni di politica interna, a partire dal fatto che non potendo più essere eletto presidente si deve assicurare la posizione di premier. Un premier di polso, da vero judoka. E poi c’è la politica estera, ma è un discorso lungo che lascio agli analisti.

Segnalo intanto che nel Kosmet la simpatia dei serbi per i russi appare molto forte. Verificherò di persona se la testimonianza raccolta è estesa ai vari livelli e categorie sociali. Non vorrei che fosse un indizio di sfiducia nei confronti del governo centrale da parte di chi si trova su un terreno minato, perché se così fosse si aprirebbero altri scenari che magari andrebbero a coinvolgere anche la Republika Srpska di Bosnia.

Intanto la ringrazio per avermi indicato un sito che non conoscevo e che andrò a leggere in modo più approfondito.

Paola Casoli

Kosovo: osservatori dal Consiglio d’Europa per le elezioni del 17 novembre

pubblicato da Embedded il 16 ottobre 2007

Stanno diventando pienamente operativi in questi giorni gli osservatori che il Consiglio d’Europa (CoE) ha formato e inviato in Kosovo in vista delle elezioni del 17 novembre prossimo.

I quattordici esperti provenienti da Austria, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Moldavia, Paesi Bassi, Svezia e Regno Unito hanno seguito una formazione di due giorni il 9 e 10 ottobre a Pristina. La finalità di tale intervento, per cui l’Unmik ha fatto ricorso al Consiglio d’Europa per la quinta volta consecutiva, è il controllo sul processo elettorale affinché siano rispettate le condizioni di democrazia e trasparenza.

Il comunicato stampa del Consiglio d’Europa fa sapere che le aree di insediamento degli osservatori sono per ora Gjiliane, Mitrovica Nord e Sud, Pec/Peja, Pristina, Prizren e Serbia. Ma, riferisce il capo della missione di osservazione del CoE Giovanni Di Stasi, “Il nostro piano di schieramento non è inciso su marmo. Si adatterà alle conclusioni dei nostri esperti o al sorgere di nuovi elementi. In generale, gli osservatori sono inviati laddove il loro lavoro si rivela più utile per la nostra missione.”

Fonte: Consiglio d’Europa

Incendi: i militari italiani li spengono anche in Kosovo

pubblicato da Embedded il 29 agosto 2007

benna_VegaI militari del 7° reggimento Vega dispiegati in Kosovo con la task force Ercole comandata dal maggiore pilota Mauro Bloise stanno lottando contro gli incendi che devastano il sud-ovest della provincia amministrata dalle Nazioni Unite.

Nella sola giornata di lunedì gli elicotteri italiani hanno svolto sei missioni per un totale di una decina di ore di attività sul fuoco. In tutto 92 trasporti con la benna – un contenitore trasportato al gancio baricentrico dell’elicottero (foto task force Ercole) – per un totale di oltre 52mila litri di acqua lanciati sulle fiamme.

L’attività si concentra soprattutto su incendi nell’area municipale di Pec nel sud-ovest del Kosovo.

Accanto agli italiani è attivo con due equipaggi anche un elicottero sloveno Bell-412, che lascerà il Kosovo a fine missione il prossimo 31 agosto.

Fonte: 7° Vega Rimini

Foto: task force Ercole

Commenti:

giacomo, Domenica 2 Settembre 2007 ore 20:59

sono passato per i Balcani i primi giorni di luglio. bosnia, più che altro, e croazia: già bruciavano i monti, già i campi di sterpaglie. e già allora non c’era nessuno che spegneva i roghi…

Kosovo: il ritrovamento di oltre 90 chili di esplosivo vicino a Pec

pubblicato da Embedded il 27 agosto 2007

Lo scorso 23 agosto un pattugliamento congiunto tra la Multinational task force West a comando italiano di Kfor e la polizia del Kosovo ha consentito il ritrovamento vicino a Pec di 480 panetti di esplosivo, per un totale di oltre 90 chili (92,6 chili per la polizia kosovara,  96 chili per lo stato maggiore della Difesa ).

La polizia del Kosovo – che ritiene che l’esplosivo sia tnt che “sicuramente non serviva a pescare” – ha riferito del conseguente arresto di padre e figlio albanesi presenti nell’abitazione dove ha avuto luogo il ritrovamento. Lo stato maggiore della Difesa italiano aggiunge in una nota stampa che oltre ai 96 chili è stato rinvenuto anche materiale per la manutenzione di armi da guerra.

Cosa si potrebbe confezionare con 96 chili di tnt? “Una bella autobomba”, riferisce il generale di brigata, attualmente in riserva, Fernando Termentini esperto in bonifica mine e ordigni esplosivi e difesa Nbc. “Tutto dipende – continua – se con l’esplosivo sono stati trovati gli inneschi: in quel caso si potrebbe davvero ipotizzare un eventuale attentato. Se così non fosse si potrebbe pensare invece a un immagazzinamento di materiale esplosivo, magari recuperato da mine”.

Lo stato maggiore della Difesa ha confermato stamane che con l’esplosivo non sono stati rinvenuti inneschi.

Fonte: Southeast European Times, stato maggiore Difesa