corazzata Roma

Marina Militare: scompare Aldo Baldasso, uno degli ultimi reduci della corazzata Roma. Cordoglio del CaSMM amm Girardelli

“Il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli, esprime alla famiglia del Sig. Aldo Baldasso, il profondo cordoglio e la vicinanza, sua personale e di tutta la Forza Armata, per la scomparsa di uno degli ultimi reduci della corazzata Roma, affondata il 9 settembre del 1943 al largo della costa sarda dell’Asinara, sulla quale prestava servizio in qualità di Cannoniere.”

Questo il messaggio di cordoglio diffuso oggi pomeriggio, 19 gennaio, dalla Marina Militare.

Articoli correlati:

La corazzata Roma in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto d’archivio: Marina Militare

Foto d’archivio

La Marina commemora tutti i marinai scomparsi in mare all’indomani dell’affondamento della corazzata Roma dopo l’Armistizio dell’8 settembre

Corazzata ROMA-scalataDomani, venerdì 9 settembre, la Marina Militare ricorderà i caduti in mare con la cerimonia commemorativa della “Giornata della Memoria dei Marinai Scomparsi in Mare”, a perenne ricordo del sacrificio dei marinai militari e civili scomparsi in mare.

È la stessa Forza Armata a darne notizia con un comunicato stampa del 6 settembre

La celebrazione si svolgerà presso il Monumento Nazionale al Marinaio d’Italia, a Brindisi.

È dal 2012 che questa giornata commemorativa viene celebrata proprio nel giorno in cui si ricorda l’affondamento della corazzata Roma e dei cacciatorpedinieri Da Noli e Vivaldi il 9 settembre 1943, giorno dopo l’Armistizio.

corazzata RomaQuel tragico 9 settembre, il mare inghiottì gran parte degli equipaggi delle navi colpite.

Un totale di quasi 1.700 marinai, tra cui il comandante della corazzata Roma, capitano di vascello Aidone Del Cima e il Comandante delle Forze Navali da Battaglia della Regia Marina, l’ammiraglio Carlo Bergamini.

Il 17 giugno del 2012, adagiato a oltre mille metri di profondità e a circa 16 miglia dalla costa sarda, fu localizzato il relitto della corazzata Roma che rappresenta uno dei più importati sacrari della Marina Militare.

Programma della Cerimonia a Brindisi (fonte Marina Militare):

11.00             Arrivo della massima autorità

a seguire       Inizio della Cerimonia

a seguire       Accensione dell’Ara Votiva

a seguire       Benedizione e deposizione della corona d’alloro all’interno della Cripta del Monumento al Marinaio  e firma dell’Albo d’Onore

a seguire       Liturgia della Parola, officiata dell’Ordinario Militare/Arcivescovo di Brindisi-Ostuni

a seguire       Allocuzioni Autorità

12.00             Termine cerimonia

Corazzata ROMA_scalataArticoli correlati:

La corazzata Roma in Paola Casoli il Blog

La Marina Militare ricorda i caduti in mare nell’anniversario dell’affondamento della corazzata Roma (9 settembre 2015)

Giornata della memoria dei marinai scomparsi in mare: domani la Marina ricorda i caduti in mare e commemora la corazzata Roma. Il programma a Brindisi e La Maddalena (8 settembre 2014)

Fonte e foto d’archivio: Marina Militare

corazzata roma

La Marina Militare ricorda i caduti in mare nell’anniversario dell’affondamento della corazzata Roma

Corazzata-RomaOggi, mercoledì 9 settembre, la Marina Militare ricorda i caduti in mare con la cerimonia commemorativa della Giornata della memoria dei marinai scomparsi in mare, a perenne ricordo del sacrificio dei marinai militari e civili scomparsi in mare.

Le celebrazioni si svolgeranno sia presso il Monumento Nazionale al Marinaio d’Italia, a Brindisi, sia nelle acque dell’arcipelago di La Maddalena, a bordo di nave Lipari della Marina Militare.

La giornata commemorativa è dedicata al giorno in cui si ricorda l’affondamento della corazzata Roma, il 9 settembre 1943 (link articoli in calce).

Quel tragico 9 settembre, il mare inghiottì 1.393 marinai, insieme al comandante della nave, capitano di vascello Aidone Del Cima, e al Comandante delle Forze Navali da Battaglia della Regia Marina, l’ammiraglio Carlo Bergamini.

Corazzata ROMA scalataLa regia nave Roma, uno dei più importati sacrari della Marina Militare, è stata identificata il 17 giugno del 2012 (link articoli in calce). Parte del relitto si trova adagiato a oltre mille metri di profondità e a circa 16 miglia dalla costa sarda.

Programma della cerimonia a Brindisi (fonte Marina Militare):

11.00 Arrivo della massima autorità

a seguire Inizio della Cerimonia

a seguire Accensione dell’Ara Votiva

a seguire Benedizione e deposizione della corona d’alloro all’interno della Cripta del Monumento al Marinaio e firma dell’Albo d’Onore

Corazzata ROMA-scalataa seguire Liturgia della Parola, officiata dell’Ordinario Militare/Arcivescovo di Brindisi-Ostuni

a seguire Allocuzioni Autorità

12.00 Termine cerimonia

Programma della cerimonia a La Maddalena (fonte Marina Militare):

10.15 Imbarco autorità a bordo di Nave Lipari (ormeggiata in banchina Punta Chiara La Maddalena);

A seguire trasferimento verso Cippo Roma (Isola di Santo Stefano);

11.00 Benedizione e Deposizione in mare della corona d’alloro;

A seguire Rientro in porto a La Maddalena

corazzata RomaArticoli correlati:

La corazzata Roma in Paola Casoli il Blog

La Giornata della memoria dei marinai scomparsi in mare in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Marina Militare

Giornata della memoria dei marinai scomparsi in mare: domani la Marina ricorda i caduti in mare e commemora la corazzata Roma. Il programma a Brindisi e La Maddalena

Domani, martedì 9 settembre 2014, la Marina Militare  ricorda i caduti in mare con la cerimonia commemorativa della “Giornata della memoria dei marinai scomparsi in mare”, a perenne ricordo del sacrificio dei marinai militari e civili scomparsi in mare.

L’istituzione della giornata commemorativa è dedicata al giorno in cui si ricorda l’affondamento della corazzata Roma: 9 settembre 1943.

Le celebrazioni si svilupperanno in due luoghi, a Brindisi alle 11.00, presso il Monumento Nazionale al Marinaio d’Italia, e nelle acque dell’arcipelago di La Maddalena, a bordo della fregata multiruolo Margottini.

Durante il transito di nave Margottini nelle acque dell’arcipelago di La Maddalena, verrà celebrato il 71° anniversario dell’affondamento della corazzata Roma e dei cacciatorpedinieri Da Noli e Vivaldi. A bordo sarà tenuta una conferenza rievocativa dei fatti  del 9 settembre 1943 a seguito della quale sarà deposta simbolicamente una corona in mare in ricordo dei Marinai scomparsi in mare.

Programma della cerimonia a Brindisi, Rione Casale (fonte Marina Militare):

11.00          Arrivo della massima autorità

a seguire             Inizio della Cerimonia

a seguire    Accensione dell’Ara Votiva

a seguire    Deposizione della corona d’alloro all’interno della Cripta del Monumento al Marinaio

e firma dell’Albo d’Onore

a seguire   S. Messa celebrata da S.E. Mons. Domenico Caliandro, Arcivescovo di Brindisi e Ostuni

12.00     termine cerimonia

Programma Sardegna (fonte Marina Militare):

10.00     Imbarco degli ospiti a bordo della Margottini – molo 9 del porto di Olbia (Isola Bianca)

A seguire            trasferimento verso l’arcipelago di La Maddalena

A seguire            conferenza rievocativa

12.00     Deposizione della corona d’alloro

A seguire            Rientro in porto a Olbia

Hashtag: #GiornataMemoriaMarinai

Articoli correlati:

Corazzata Roma: nel 70° anniversario dell’affondamento la Marina Militare ceklebra la Giornata della memoria dei marinai scomparsi in mare (9 settembre 2013)

Foto e fonte: Marina Militare

Corazzata Roma, nel 70esimo anniversario dell’affondamento la Marina Militare celebra la Giornata della memoria dei marinai scomparsi in mare

Oggi, 9 settembre, settantesimo anniversario dell’affondamento della corazzata Roma, la Marina Militare ricorda i caduti in mare con la cerimonia commemorativa della Giornata della Memoria dei Marinai Scomparsi in Mare, a perenne ricordo del sacrificio dei marinai militari e civili scomparsi in mare.

La cerimonia solenne si terrà a partire dalle 11 di oggi, 9 settembre 2013, presso il Monumento Nazionale al Marinaio d’Italia di Brindisi.

All’evento, che si svolge il giorno in cui si ricorda l’affondamento della corazzata Roma, avvenuto il 9 settembre 1943, prenderà parte il Capo di stato maggiore della Marina, ammiraglio Giuseppe De Giorgi, oltre alle locali autorità civili e religiose.

Celebrazioni sono in programma anche a La Maddalena, nell’omonimo arcipelago a nord della Sardegna.

Presso la Biblioteca del Circolo Ufficiali di La Maddalena, sempre oggi, 9 settembre, alle 9.30, si terrà la conferenza dal titolo L’armistizio e le Forze Navali da Battaglia, seguita da una cerimonia che si svolgerà alle 11.00 presso la banchina di Punta Chiara (La Maddalena) e alla quale presenzierà, in rappresentanza del Capo di stato maggiore della Marina Militare, impegnato a Brindisi, il contrammiraglio Gualtiero Mattesi, Comandante del Comando Militare Marittimo Autonomo della Sardegna.

Articoli correlati:

L’armamento fotografato conferma l’identità della corazzata Roma, la Marina non ha dubbi (5 luglio 2012)

La corazzata Roma in Paola Casoli il Blog

Fonte: Marina Militare

Foto: Marina Militare

La Marina Militare torna a Lineablu con le navi convoglio della corazzata Roma, la tutela del mare e la sicurezza della navigazione

Si conferma il connubio tra la Marina Militare e Lineablu, la trasmissione in onda da vent’anni sulla rete RAI. Durante questa 20esima edizione sono in programma puntate dedicate al ritrovamento delle due navi convoglio della Corazzata Roma, Noli e Vivaldi, affondate nelle Bocche di Bonifacio il 9 settembre del 1942; la salvaguardia dei mammiferi marini e tutto ciò che concerne la sicurezza della navigazione sia in vicinanza della costa che in alto mare.

La conferenza stampa del rinnovato sodalizio si è tenuta ieri mattina nella Nave Scuola Palinuro della Marina Militare, ormeggiata nel porto di Civitavecchia.

Vi hanno partecipato il Capo di stato maggiore della Marina Militare, l’ammiraglio Giuseppe De Giorgi, la conduttrice del noto programma televisivo, Donatella Bianchi, il nuovo co-conduttore Fabio Gallo,il produttore, Marco Zavattini, e il comandante di Nave Palinuro, il capitano di fregata Mauro Panarello.

Durante la conferenza la dottoressa Bianchi ha confermato la sinergia che in questi anni si è creata e consolidata con la trasmissione, grazie all’impegno che la Marina Militare pone sulle problematiche ambientali e alla sua costante e crescente vicinanza ai temi sociali. Il Capo di stato maggiore ammiraglio De Giorgi ha infatti sottolineato quanto la Marina sia “duale” da sempre, come dimostrano l’esperienza di Haiti e il supporto a Operation Smile, valorizzando così l’impiego di Nave Cavour quale ”piattaforma per il supporto alle calamità naturali e sostegno alla popolazione civile in ogni porto nazionale e non”.

Il prossimo appuntamento con Operation Smile è previsto questo fine settimana a bordo di Nave Cavour a Taranto.

Articoli correlati:

La Marina Militare ad Haiti in Paola Casoli il Blog

Fonte: Marina Militare

Foto: Marina Militare

Dopo l’8 settembre 1943. Commemorazione dell’affondamento della corazzata Roma

Viene commemorato oggi 10 settembre, alla presenza del ministro della Difesa Giampaolo Di Paola, l’affondamento della corazzata Roma avvenuto il 9 settembre 1943 all’indomani dell’armistizio con cui il Regno d’Italia, formalmente, cessava le ostilità contro gli Alleati nell’ambito della Seconda Guerra Mondiale.

La cerimonia di commemorazione dell’affondamento della Corazzata Roma, il cui relitto è stato rinvenuto il 17 giugno scorso, si svolgerà nelle acque del Golfo dell’Asinara  a bordo di nave Bergamini, la  fregata multiruolo che porta il nome dell’ammiraglio Carlo Bergamini, comandante in capo delle forze navali da battaglia nel 1943.

L’evento avrà luogo sul punto esatto dell’affondamento, stabilito grazie al recente ritrovamento del relitto per opera dell’ingegner Guido Gay.

Sul ponte di volo della fregata saranno presenti, insieme al ministro, i sopravvissuti all’affondamento, il Comandante in Capo della squadra navale ammiraglio Giuseppe De Giorgi e il figlio dell’ammiraglio Bergamini, oltre alle autorità civili, militari e alle Associazioni d’Arma e combattentistiche.

A sessantanove anni dall’affondamento della corazzata saranno ricordati, dal mare, i 1.393 caduti i cui resti  giacciono a più di 1.200 metri di profondità.

Articolo correlato:

L’armamento fotografato conferma l’identità della corazzata Roma, la Marina non ha dubbi (5 luglio 2012)

L’8 settembre 1943 in Paola Casoli il Blog

Fonte: Marina Militare Italiana

Foto: L’Unione Sarda

L’armamento fotografato conferma l’identità della corazzata Roma, la Marina non ha dubbi

È inequivocabile la coerenza delle immagini dei pezzi di artiglieria contraerea con quelli imbarcati sulla corazzata Roma, secondo la Marina Militare.

Si tratta del verdetto ufficiale espresso sulla base delle prove fotografiche presentate ieri mattina 4 luglio alla conferenza stampa sul ritrovamento della corazzata Roma, la nave militare affondata 69 anni fa e fotografata per la prima volta il 17 giugno 2012.

La conferenza, che si è tenuta nella Biblioteca dipartimentale del Circolo Ufficiali di La Maddalena, è stata introdotta dall’ammiraglio Eduardo Serra, a capo del Comando militare marittimo autonomo della Sardegna, ed è avvenuta alla presenza di numerosi esponenti della Marina Militare, tra cui  il contrammiraglio Roberto Camerini, Capo della comunicazione Marina Militare,  il capitano di vascello Francesco Loriga, Capo dell’Ufficio storico della Marina, e il comandante Pier Paolo Bergamini, figlio dell’Ammiraglio Carlo Bergamini, comandante delle Forze navali da battaglia della Regia Marina, Medaglia d’Oro al Valor Militare.

Nel corso della conferenza stampa è stato proiettato un filmato delle attività svolte per il raggiungimento in profondità del relitto al largo dell’Asinara. La corazzata Roma è stata raggiunta in profondità grazie a un sistema, ideato dall’ingegner Guido Gay, che ha permesso l’individuazione e in seguito il riconoscimento ufficiale da parte della Marina Militare dei resti dell’unità classe Littorio progettata dal generale Pugliese.

La corazzata Roma,  una delle prime Unità da 35.000 tonnellate costruita al mondo, non fece in tempo a partecipare a nessuna missione di guerra. Varata nel 1940 e completata nel 1942, l’unità lasciò il porto di La Spezia il 9 settembre 1943 in base alle clausole armistiziali, ma fu colpita da bombe a razzo lanciate da aerei germanici affondando di conseguenza al largo dell’isola dell’Asinara, in Sardegna.

Fonte: Marina Militare

Foto: intoscana.it