Francesco Paolo Figliuolo

COMLOG Esercito: il Policlinico militare del Celio nella rete formativa della Sapienza

È stata appena firmata una nuova convenzione tra il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito e l’Università degli Studi di Roma Sapienza, in virtù della quale il Policlinico Militare di Roma sarà inserito nella rete formativa delle scuole di specializzazione dell’Ateneo romano.

Nel dettaglio, fa sapere una nota stampa odierna del COMLOG, si apprende che questa mattina, 3 luglio, nel Rettorato dell’Università degli Studi di Roma Sapienza, alla presenza di numerose autorità militari e civili, tra cui il Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, già Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, e il Sottocapo di Stato Maggiore della Difesa, Generale di Corpo d’Armata Francesco Luigi De Leverano, è stata firmata un’innovativa e importante convenzione tra l’Esercito Italiano e il prestigioso Ateneo romano.

Il documento è stato firmato dal Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, e dal Magnifico Rettore, Professor Eugenio Gaudio.

“Tale proficuo rapporto di collaborazione, avviato proprio dal Generale De Leverano, già Comandante Logistico dell’Esercito, e dal Generale Errico,  vedrà operare in sinergia medici militari e professionisti universitari e consentirà al Policlinico Militare di Roma Celio, già impegnato in una vasta opera di riorganizzazione e razionalizzazione di natura organizzativa, infrastrutturale e funzionale, di accrescere le proprie capacità di intervento e cura fondamentali per il supporto della Forza Armata sia in Patria che nei molteplici scenari operativi all’estero”, si legge dalla nota. “Ciò anche nella prospettiva di una sempre più crescente integrazione nel tessuto sanitario civile e nel mondo accademico, in previsione di un’apertura delle eccellenze del comparto sanitario militare alle esigenze del Paese”.

Il Comandante Logistico, nel suo intervento, ha sottolineato come il processo in atto per il rafforzamento strutturato di sinergie sui temi della salute rappresenti non solo un esempio di virtuosa cooperazione interministeriale e interagenzia, ma anche un’imprescindibile prospettiva di sviluppo della sanità militare, in previsione di ampliare le proprie competenze di intervento, specialmente in contesti di strategica valenza operativa.

Grazie a questa convenzione si apre un percorso che renderà possibile valorizzare “in rete” alcune specializzazioni che rivestono un ruolo chiave nei vari contesti operativi dove sono schierati assetti sanitari militari.

Il Rettore, nel ringraziare tutte le personalità coinvolte per l’impegno profuso nel raggiungimento di questo importante risultato, ha sottolineato come il Policlinico Militare di Roma Celio rappresenti una risorsa per il Paese, con il quale già da tempo la Sapienza ha rapporti di collaborazione, e troverà con questa convenzione un motivo di crescita reciproca, sia per l’opportunità che i nostri giovani avranno di frequentare le qualificate strutture dell’ospedale, sia perché in questo modo si realizza quella sinergia tra sanità militare e civile che è uno degli scopi dell’apertura del Policlinico Celio alla popolazione.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: il Servizio veterinario dell’Esercito compie 158 anni- Allo studio materiali per il benessere degli animali

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha presenziato ieri, 26 giugno, a Grosseto, alla cerimonia di commemorazione del 158° anniversario del Servizio Veterinario dell’Esercito, costituitosi il 27 giugno 1861 quando, all’indomani dell’Unità d’Italia, vennero riuniti sotto un unico Comando tutti i Veterinari Militari dei diversi Eserciti preunitari, ha fatto sapere con una nota stampa il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Alla cerimonia, svoltasi nella caserma “M.O.V.M. Tenente Villi Pasquali”, sede del Centro Militare Veterinario (CEMIVET), alla presenza del Gonfalone della città e della Provincia di Grosseto e delle Autorità militari, civili e religiose cittadine, è intervenuto anche il Capo Reparto Veterinaria del Comando Logistico dell’Esercito, Colonnello Giovanni Rucco.

Nel corso dell’evento, che ha avuto inizio con la deposizione di una corona di alloro al monumento ai Caduti, il Comandante Logistico dell’Esercito ha evidenziato quanto l’operato degli appartenenti al Servizio Veterinario sia fondamentale, sotto il profilo igienico sanitario, per la logistica della Forza Armata, in patria e all’estero.

“La passione, l’amore nelle pratiche mediche per la cura e l’addestramento degli animali e le grandi conoscenze professionali costituiscono sicuramente un bagaglio che porterà il Servizio a traguardi sempre più importanti per il raggiungimento degli obiettivi della sanità militare, della logistica e della Forza Armata”, si legge nella nota del COMLOG.

All’evento erano presenti circa 20 studenti frequentatori del 37° Campus militare di studi veterinari provenienti da tutti i Dipartimenti di Medicina Veterinaria d’Italia.

La cerimonia ha segnato il termine di due intense settimane trascorse dagli studenti presso il Centro Militare Veterinario, caratterizzate da eventi formativi che hanno arricchito il loro bagaglio culturale ed esperienziale in un contesto militare.

La formula didattica utilizzata, spiega il COMLOG, prevedeva l’alternanza di attività teorico – pratiche, a cura di Professori Universitari e Ufficiali Veterinari operanti in settori d’eccellenza, quali la clinica, la chirurgia, la ginecologia e l’alimentazione dei cani e dei cavalli, a testimoniare le sinergie esistenti tra la Veterinaria Militare e la Veterinaria Accademica.

Il Centro Militare Veterinario è una realtà articolata che unisce componenti specialistiche come il Gruppo cinofilo, che forma i binomi “cane – conduttori” impiegati in contesti operativi sul territorio nazionale e all’estero, le componenti allevatoriali e addestrative del cavallo, e l’Infermeria veterinaria, a supporto di attività cliniche, diagnostiche e chirurgiche del cane e del cavallo.

Il Servizio veterinario della Forza Armata, tra l’altro, è responsabile della definizione, del coordinamento e del controllo delle misure volte a garantire la tutela della salute degli animali in tutti i contesti di impiego.

In questo quadro, si inseriscono anche le attività di studio e ricerca di metodologie, materiali e attrezzature che possono migliorare l’igiene e il benessere dei quadrupedi, nonché le tecniche di allevamento e di governo quotidiano.

Il progetto di collaborazione con ECOPNEUS è espressione di un’importante sinergia stabilita dal CEMIVET con il mondo della ricerca che ha consentito di disporre di locali nei quali potrà essere meglio valutato l’impatto sulla salute e benessere animale in relazione all’utilizzo di gomma riciclata da pneumatici fuori uso (PFU), anche attraverso valutazioni scientifiche effettuate in cooperazione con il Dipartimento di Veterinaria dell’Università di Perugia.

Le superfici in gomma a Grosseto coprono sette box per i cavalli, il locale di visita ostetrico-ginecologica del Centro, l’area per la riproduzione dei cani.

Nelle scuderie e nei maneggi per cavalli la tipologia di pavimentazione rappresenta un fattore cruciale per la salute, il comfort e il benessere complessivo dell’animale. Da essa dipendono, infatti, il possibile insorgere di gran parte dei problemi alle articolazioni e ai legamenti, di patologie respiratorie, ma anche le generali condizioni igienico sanitarie della scuderia.

Tali superfici garantiscono, inoltre, durata, resistenza all’usura e alle intemperie, isolamento acustico con attenuamento del rumore da calpestio in scuderia.

Giovanni Corbetta, Direttore Generale del consorzio ECOPNEUS, ha tracciato un bilancio delle cose fatte ed espresso un auspicio per il futuro: “Stiamo utilizzando ormai da qualche anno i pavimenti antiscivolo e altri manufatti in gomma riciclata in tutte le situazioni dov’è necessario proteggere gli animali da rischi di scivolamento. Siamo orgogliosi che anche un centro altamente specializzato e prestigioso come il CEMIVET abbia adottato questa tecnologia e ci auguriamo che in futuro molte altre realtà possano seguire questo esempio”.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG, “LOG.IN 2019”: convegno sullo sforzo logistico con l’intervento del nuovo CSE

Si è svolto il 19 giugno, a Firenze, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, il convegno “LOG.IN 2019”, sullo strumento logistico della Forza Armata.

Ne ha dato notizia il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Il congresso, organizzato dal COMLOG Esercito, ha abbracciato ampie analisi sull’attuale organizzazione logistica al fine di analizzarne le attività di mantenimento, rifornimento, trasporto e sanitarie, e, con la trattazione di case study specifici, delineando possibili soluzioni e scenari evolutivi.

“Il tutto – si legge dalla nota stampa del COMLOG – alla luce del più schietto dialogo e confronto che si è sviluppato in seno alla grande famiglia logistica della Forza Armata, nella suggestiva cornice della Sala storica del Cenacolo all’interno della Direzione di Amministrazione dell’Esercito, coinvolgendo anche l’Area tecnico-amministrativa della Difesa, a rimarcare quella sinergia che si è rivelata fondamentale nel moderno sviluppo capacitivo della Forza Armata”.

I lavori, aperti dall’indirizzo di saluto del Comandante Logistico, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, hanno visto, tra l’altro, l’intervento del Generale Enzo Stefanini, Presidente del neo costituito Centro Studi dell’Esercito (CSE), nuovo ‘centro di pensiero’ e realtà esterna alla Forza Armata, che si avvale di autorevoli esponenti del mondo accademico, industriale e scientifico nazionale, per rafforzare la più evoluta visione necessaria a supportare il percorso di trasformazione e sviluppo delle attuali capacità terrestri.

Il convegno ha dato voce soprattutto all’esperienza diretta dei Comandanti, a tutti i livelli, e dei loro Sottufficiali di Corpo che sono fondamentali nelle funzioni di comunicazione interna, al fine di corroborare le tradizioni logistiche e veicolare, in seno a tutto il personale dipendente, civile e militare, la visione coinvolgente di uno sforzo comune imprescindibile per conseguire gli obiettivi prefissati.

Nel corso del suo intervento, il CaSME, dopo aver ringraziato il Comandante Logistico per l’organizzazione del seminario, ha sottolineato quanto sia centrale per la Forza Armata la funzione logistica, senza la quale non c’è Comandante che possa esprimere appieno le proprie capacità operative, e quanto sia fondamentale portare avanti l’opera di formazione e valorizzazione di tutto il personale, civile e militare, che opera all’interno del delicato settore.

In sede di conclusioni, il Comandante Logistico dell’Esercito ha espresso la piena soddisfazione per gli esiti dell’attività svolta evidenziando come la logistica sia un ambito complesso, che richiede capacità di analisi multispettrali e interdisciplinari.

Inoltre, il Gen Figliuolo ha sottolineato come le soluzioni ai problemi possano essere trovate solo attraverso uno sforzo integrato e un continuo dialogo a tutti i livelli, creando quella condivisione di idee e unitarietà di intenti necessarie allo sviluppo dei processi tecnico-logistici della Forza Armata.

Fonte e foto: COMLOG

COMLOG Esercito: il Comandante logistico Gen Figliuolo in Sicilia per una due giorni di visite istituzionali

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha concluso nei giorni scorsi due giornate di visite istituzionali in Sicilia, fa sapere con una nota stampa il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Il primo giorno si è recato a Palermo dove, oltre a incontrare le autorità militari dell’isola, tra cui il Generale di Corpo d’Armata Carmine Lopez, Comandante interregionale Italia Sud-occidentale della Guardia di Finanza, ha avuto un colloquio con il Sindaco Leoluca Orlando.

Successivamente il Generale Figliuolo si è recato presso il Centro Rifornimenti di Commissariato (CERICO), dove è stato ricevuto dal Direttore, Colonnello Roberto Vadalà. Il CERICO è un ente logistico che si occupa di assicurare, per tutte le unità dell’Esercito presenti in Sicilia, il rifornimento del vestiario, dell’equipaggiamento e del casermaggio, nonché il mantenimento dei mezzi mobili campali.

L’attività di visita è proseguita presso la Sezione Rifornimenti e Mantenimento (SERIMANT), dove l’Alto Ufficiale è stato accolto dal Direttore, Colonnello Francesco Velardi. L’Ente si occupa di mantenimento, rifornimenti e alienazione di mezzi e materiali dei reparti presenti in Sicilia e Calabria ma anche di unità dislocate all’estero. Gestisce, inoltre, le armi e munizioni costituenti “ex corpi di reato” e la loro distruzione.

Il Comandante Logistico ha poi visitato il dipendente Deposito munizioni di Scalilli, dove è stato ricevuto dal Vicedirettore della SERIMANT, Tenente Colonnello Emanuele Modica, e dal Consegnatario dell’Ente, Luogotenente Vincenzo Pamelia.

Il secondo giorno il Comandante Logistico si è recato a Messina in visita al Dipartimento Militare di Medicina Legale (DMML) dove è stato accolto dal Direttore, Colonnello Francesco Rizzo.

Il Dipartimento svolge varie attività, dalla sorveglianza sanitaria pre e post impiego del personale nei teatri operativi alle attività medico-legali per l’idoneità al servizio e il riconoscimento da causa di servizio, dalla consulenza specialistica e diagnostica al rifornimento dei materiali sanitari per gli enti dislocati in Sicilia e Calabria. Compiti che vengono svolti non solo a favore del personale della Difesa ma anche a favore del personale di altre importanti amministrazioni pubbliche, come ad esempio la Guardia di Finanza, la Polizia di Stato e i Vigili del Fuoco.

A ulteriore testimonianza dell’integrazione del DMML con le altre istituzioni, rende noto il COMLOG, le parole di elogio ricevute sull’Ente da parte del Generale di Corpo d’Armata Luigi Robusto, Comandante interregionale dei Carabinieri.

“In tutte le visite agli Enti dipendenti – conclude la nota del COMLOG – il Comandante Logistico ha assistito ai briefing sui compiti istituzionali, sui risultati conseguiti nelle precipue e molteplici attività e sugli obiettivi futuri; ha visitato le infrastrutture e ha incontrato il personale, militare e civile, rivolgendogli parole di ringraziamento e plauso per l’impegno, la dedizione professionale e la passione finora mostrati da tutto il personale militare e civile”.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: il 186° anniversario del Corpo Sanitario, con il nuovo prestigioso M2JTC

“Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, ha presenziato ieri a Roma alla cerimonia di commemorazione del 186° anniversario del Corpo Sanitario dell’Esercito, istituito con Regio Decreto nel 1833”, ha fatto sapere con una nota stampa di oggi, 5 giugno, il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Alla cerimonia, che ha avuto luogo nell’Auditorium Valerio Nobili dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, alla presenza della Bandiera di guerra del Corpo Sanitario dell’Esercito, sono intervenuti il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, l’Ispettore Generale della Sanità Militare, Maggior Generale Nicola Sebastiani, il Comandante di Sanità e Veterinaria dell’Esercito, Maggior Generale Antonio Battistini, e la Presidente del Bambino Gesù, Dottoressa Mariella Enoc, oltre a numerose alte autorità militari, civili e religiose.

Presenti anche il medagliere dell’Associazione Nazionale della Sanità Militare e i labari e gli stendardi delle associazioni combattentistiche e d’arma.

La cerimonia militare è stata preceduta dalla conferenza scientifica sul tema “I bambini futuro del mondo: la pediatria nei contesti non permissivi”, in cui è emerso come la cura dei bambini e delle fasce più deboli rappresenti un elemento centrale della presenza della Sanità Militare nei teatri operativi.

“Con l’Ospedale Bambino Gesù – evidenzia la nota stampa – l’Esercito è dunque accomunato dalla stessa dedizione e cura al mondo dell’infanzia”.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito nel suo intervento ha sottolineato con orgoglio il ruolo strategico svolto con impegno e professionalità dalla Sanità Militare, sempre in prima linea nel salvare vite umane e nel limitare al minimo le conseguenze dei traumi e delle ferite nei Paesi in cui operano le Forze Armate Italiane.

Ha poi proseguito citando la recente costituzione presso la Scuola di Sanità del Multinational Medical Joint Training Center (M2JTC), unità volta a testare l’efficienza operativa e la prontezza degli assetti sanitari militari della NATO e delle nazioni partner.

Altrettanto importanti le innovazioni introdotte dall’Autorità di Vertice dell’Esercito con i recenti indirizzi volti a migliorare il comparto sanitario, quali, ad esempio: l’incremento del reclutamento, la valorizzazione dei Sottufficiali e Graduati con i nuovi iter formativi conformi ai profili del Servizio Sanitario Nazionale, l’aderenza a favore dei reparti operativi e al contempo il potenziamento del Policlinico Militare Celio, del CMO di Milano e dei Poliambulatori.

Riguardo al Policlinico Celio, in particolare, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito ha posto come obiettivo il raggiungimento entro fine anno di 40 posti letto nei settori clinici d’urgenza e la possibilità per tutti i cittadini di accedere alle capacità diagnostiche di tale ente.

Il Comandante Logistico dell’Esercito, nel suo intervento, ha illustrato tutte le collaborazioni in corso con il servizio sanitario nazionale e il mondo accademico, evidenziando come “il processo in atto per il rafforzamento strutturato di sinergie sui temi della salute rappresenti non solo un esempio di virtuosa cooperazione interministeriale e interagenzia, ma anche un’imprescindibile prospettiva di sviluppo della sanità militare, in previsione di accrescere le proprie competenze e capacità di intervento, specialmente in contesti di strategica valenza operativa”.

Nel corso della cerimonia è stata consegnata la Croce d’argento al Merito dell’Esercito alla Scuola di Sanità e Veterinaria Militare, per essersi particolarmente distinta nelle attività svolte in contesti operativi all’estero, e la Croce di bronzo al Merito dell’Esercito al Colonnello medico Florigio Lista, per gli eccellenti risultanti conseguiti nel campo della ricerca scientifica.

“La Sanità dell’Esercito, parte integrante della logistica militare, è un elemento centrale dell’organizzazione militare, perché assicura sia in Patria sia all’estero l’efficienza e l’efficacia della risorsa principale dell’Istituzione, quella umana”, conclude il COMLOG.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: il gen Figliuolo al CETLI NBC e al CEMIVET

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, il 16 e 17 aprile scorsi si è recato in visita istituzionale a Civitavecchia, presso il Centro Tecnico Logistico Interforze NBC (CETLI NBC), e a Grosseto, presso il Centro Militare Veterinario (CEMIVET).

Ne ha dato notizia il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito con una nota stampa del 18 aprile.

Il Gen. Figliuolo è stato accolto al CETLI NBC dal Direttore, Colonnello Vinicio Pasquali, che, nel corso di un briefing illustrativo, ha descritto le attività del Centro evidenziando le potenzialità dell’Ente nel campo della capacità di analisi di laboratorio per i controlli ambientali, del sostegno logistico per i materiali NBC, dello studio e della sperimentazione in ambito CBRN e della bonifica del territorio nazionale da ordigni a presunto caricamento speciale.

Nel corso della visita, il Comandante Logistico ha sottolineato come l’esclusività di molte delle attività svolte dal CETLI conferiscano all’Ente un ruolo centrale nelle moderne operazioni militari per il supporto logistico ai reparti della Difesa, soprattutto per il controllo ambientale a tutela del personale, sia in Patria sia all’estero. Al termine dell’attività il Generale Figliuolo ha evidenziato la professionalità e la passione espressa da tutto il personale militare e civile.

L’alto Ufficiale ha proseguito la sua vista a Grosseto, presso il CEMIVET, dove è stato ricevuto dal Comandante del Centro, Colonnello Simone Siena.

Dopo un briefing illustrativo sulle peculiari capacità espresse dall’Ente, tra le quali il Gruppo Cinofilo e il Reparto Ippico, il Direttore ha accompagnato il Comandante Logistico nelle varie articolazioni del CEMIVET, soffermandosi in particolare presso le scuderie dedicate all’allevamento dei cavalli e presso le strutture del Plotone Riproduzione e Allevamento del Gruppo Cinofilo, dove ha potuto vedere alcuni cuccioli in addestramento destinati a diventare unità cinofile operative dell’Esercito.

Successivamente il Comandante Logistico ha voluto salutare tutto il personale militare e civile dell’Ente esprimendo il suo vivo apprezzamento per gli eccellenti risultati raggiunti dal Centro Militare Veterinario.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: visita del gen Figliuolo al DMML di Padova, all’Università di Padova e al CERIMANT

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha concluso nei giorni scorsi la visita in tre enti logistici della Forza Armata dislocati nel Nord Italia, ha fatto sapere con una nota stampa del 1° aprile il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

L’Alto Ufficiale si è recato dapprima presso il Dipartimento Militare di Medicina Legale (DMML) di Padova dove è stato accolto dal Direttore, Colonnello medico Sergio Garofalo.

Dopo la resa degli onori e il saluto di benvenuto, il Comandante Logistico ha incontrato il professor Gino Gerosa, noto cardiochirurgo dell’Università degli Studi di Padova.

Nella circostanza il gen Figliuolo ha avuto modo di approfondire le delicate attività dell’Ente che vanno dall’espletamento delle funzioni medico legali e clinico-ambulatoriali alla consulenza medica, specialistica e diagnostica, svolte non solo a favore del personale della Difesa ma anche di altre amministrazioni pubbliche, come ad esempio la Guardia di Finanza, la Polizia di Stato e i Vigili del Fuoco.

Il DMML di Padova, che sorge nell’area storica dell’antico Monastero Benedettino di San Giovanni di Verdara, già ospedale militare dal 1860, è stato sempre un punto di riferimento per tutti i militari che hanno gravitato nelle varie caserme del nordest.

Durante la Grande Guerra, inoltre, con l’Università Castrense, ha avuto un ruolo importantissimo nella formazione dei medici al fronte.

Al termine della visita il gen Figliuolo si è recato presso l’Università degli Studi di Padova per siglare la convenzione tra il Comando Logistico dell’Esercito e il prestigioso ateneo patavino per la formazione specialistica dei medici e che vede coinvolto a pieno titolo il Dipartimento Militare di Medicina Legale.

Successivamente il Comandante Logistico dell’Esercito si è recato presso il 15° Centro Rifornimenti e Mantenimento (CERIMANT) di Padova, dove è stato accolto dal Direttore, Colonnello Carlo Tornaboni.

Nell’occasione il gen Figliuolo è stato aggiornato sulla situazione delle attività del CERIMANT, che vanno dal mantenimento, rifornimenti e alienazione di mezzi e materiali per gli Enti della Forza Armata dislocate nel Triveneto alla gestione delle armi e munizioni costituenti “ex corpi di reato”.

L’attività di  visita è proseguita ad Alessandria, presso il Distaccamento del 3° Centro Rifornimento e Mantenimento, dove il Comandante Logistico è stato ricevuto dal Direttore del 3° CERIMANT, Col Roberto Cernuzzi, e dal Primo Luogotenente Cosimo Fabbiano, Comandante alla Sede, che hanno fornito un punto di situazione sulle attività di ricezione, accantonamento, custodia e distribuzione dei materiali di armamento nonché sulla gestione degli automezzi dismessi presso il Parco Veicoli Inefficienti (PVI).

“In tutte le visite – conclude la nota stampa – il Comandante Logistico ha salutato il personale militare e civile, rivolgendo parole di ringraziamento e apprezzamento per l’impegno mostrato da tutti nell’assolvimento dei compiti istituzionali e per i lusinghieri risultati ottenuti nelle precipue e molteplici attività, che evidenziano efficienza e professionalità”.

Articoli correlati:

COMLOG: siglata convenzione per la formazione specialistica dei medici con l’Università di Padova (27 marzo 2019)

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: siglata convenzione per la formazione specialistica dei medici con l’Università di Padova

È stata siglata a Padova la convenzione per la formazione specialistica del medico tra il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) e l’Università di Padova, si apprende da una nota stampa di oggi, 27 marzo, dello stesso COMLOG.

Nel dettaglio, si apprende che per il completamento dell’attività assistenziale richiesta per la formazione dei medici iscritti alle scuole di specializzazione di area sanitaria dell’Università di Padova, il COMLOG mette a disposizione degli specializzandi il personale, le strutture e le attrezzature delle Unità Operative del Dipartimento Militare di Medicina Legale (DMML) di Padova quali assetti complementari della rete formativa delle Scuole di specializzazione di area medica.

La convenzione riguarda l’inserimento del DMML di Padova nella rete formativa delle Scuole di specializzazione in Medicina legale, Medicina del lavoro, Psichiatria e Patologia clinica e biochimica clinica e sancisce l’istituzione di un proficuo rapporto e una stretta collaborazione tra la Sanità militare e il mondo universitario e della ricerca.

Il gen Francesco Paolo Figliuolo, Comandante Logistico dell’Esercito (da cui dipendono, tra l’altro, il Comando di Sanità e Veterinaria dell’Esercito, il Policlinico Militare di Roma e i Dipartimenti Militari di Medicina Legale dell’Esercito), ha incontrato oggi il Prorettore Vicario dell’Università di Padova, Prof Giancarlo Dalla Fontana, per approfondire i dettagli della convenzione e le ulteriori forme di collaborazione discendenti dall’accordo siglato nel 2016 tra il Ministero della Difesa e la Regione Veneto, recentemente implementato dall’Ispettorato Generale della Sanità Militare.

Il gen Figliuolo, nella circostanza, ha ringraziato il prof Dalla Fontana e ha evidenziato come questa collaborazione rinnovi gli storici rapporti esistenti tra la sanità militare e civile nella prestigiosa sede di Padova, che ha sempre rappresentato uno snodo cruciale per le Forze Armate.

“In questo momento il rafforzamento strutturato delle sinergie sul tema della salute rappresenta non solo un esempio di virtuosa cooperazione interministeriale – ha evidenziato il Comandante Logistico – ma anche un’imprescindibile direttrice da perseguire per affrontare la complessità delle dinamiche che afferiscono a tale delicatissimo ambito”.

“Questo accordo consentirà a circa 100 medici in formazione specialistica di utilizzare il personale, le strutture e le attrezzature delle Unità Operative del Dipartimento Militare di Medicina Legale di Padova – ha spiegato il prof Dalla Fontana – a beneficio degli iscritti alle predette Scuole di specializzazione e la possibilità di  proporre al personale dipendente del Dipartimento Militare di Medicina Legale di Padova, in possesso dei requisiti specifici previsti dalla normativa vigente, le funzioni di professore a contratto, in un’ottica di mutuo scambio e reciproca collaborazione”.

Fonte e foto: COMLOG Esercito (nelle foto: il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale Francesco Paolo Figliuolo, e il Prorettore Vicario dell’Università di Padova, Prof. Giancarlo Dalla Fontana)

COMLOG: il gen Figliuolo in Lombardia al 3° CERIMANT, al Centro Ospedaliero Militare e al Deposito munizioni ed esplosivi

“Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha concluso nei giorni scorsi due giornate di visita in Lombardia recandosi presso il 3° Centro Rifornimenti e Mantenimento (CERIMANT) e il Centro Ospedaliero Militare a Milano e presso il Deposito munizioni ed esplosivi di Remondò (PV), ha fatto sapere ieri il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

Il primo giorno l’Alto Ufficiale è stato ricevuto presso la caserma Arturo Mercanti, sede del 3° CERIMANT di Milano, dal Direttore del Centro, Colonnello Roberto Cernuzzi che, dopo la resa degli onori, ha illustrato con un briefing i variegati compiti istituzionali dell’Ente.

Il Comandante Logistico ha visitato l’infrastruttura soffermandosi in particolar modo sulle attività relative all’immagazzinamento del materiale d’armamento leggero di nuova introduzione in Forza Armata e alla ricezione delle armi e materiali costituenti ex corpo di reato che i vari organi di polizia consegnano al 3°CERIMANT per la successiva distruzione o custodia giudiziaria.

Il gen Figliuolo ha proseguito la sua vista presso il dipendente Deposito munizioni ed esplosivi di Remondò di Mortara, in provincia di Pavia, dove è stato ricevuto dal Comandante dell’Ente, Tenente Colonnello Paolo Monti.

Il secondo giorno il Comandante Logistico si è recato in visita presso il Centro Ospedaliero Militare di Milano dove è stato ricevuto dal Direttore, Brigadier Generale Corrado Maria Durante, che, dopo la resa degli onori, ha illustrato le attività e l’organizzazione dell’Ente nel corso di un briefing a cui hanno partecipato i responsabili delle aree sanitaria, amministrativa e logistica-infrastrutturale sia del Comando Logistico sia dell’Ente.

“In tutte le visite – conclude il COMLOG – il Comandante Logistico ha incontrato il personale militare e civile, rivolgendo parole di ringraziamento e plauso per l’impegno e la dedizione professionale finora mostrati e d’incitamento affinché tutti continuino a operare con determinazione ed energia per l’ottimale assolvimento dei compiti istituzionali”.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

 

COMLOG: il gen Figliuolo in Sardegna per visitare DMML, SERIMANT e SERICO di Siliqua

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha concluso nei giorni scorsi due giornate di visita in Sardegna, fa sapere il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito con una nota stampa del 21 gennaio.

Il gen Figliuolo si è recato a Cagliari, presso il Dipartimento Militare di Medicina Legale (DMML), alla Sezione Rifornimenti e Mantenimento (SERIMANT), alla Sezione di Rifornimento di Commissariato (SERICO) e al Deposito munizioni ed esplosivi di Siliqua (CA).

Il primo giorno di visita, si apprende, l’Alto Ufficiale è stato accolto presso la caserma Amerigo De Murtas, sede del DMML di Cagliari, dal Direttore, Colonnello medico Stefano Ciancia, e successivamente, presso la caserma Attilio Mereu, sede della SERIMANT, dal Comandante dei Trasporti e Materiali dell’Esercito, Maggior Generale Arnaldo Della Sala, e dal Direttore, Colonnello Massimo Roma.

Il secondo giorno, il Comandante Logistico si è recato in visita presso la SERICO di Cagliari, nella caserma Riva Villasanta, dove è stato accolto dal Direttore, Ten Col Salvatore Ruiu.

Il gen Figliuolo ha poi visitato il Deposito munizioni ed esplosivi di Siliqua, dove è stato ricevuto dal Comandante dei Trasporti e Materiali dell’Esercito, dal Direttore della SERIMANT di Cagliari e dal Capo Deposito, 1° Maresciallo Alessandro Mamusi.

“In tutte le visite – conclude il COMLOG nella nota stampa – il Comandante Logistico ha assistito ai briefing sui compiti istituzionali degli Enti, sui risultati conseguiti nelle precipue e molteplici attività e sugli obiettivi futuri; ha visitato le infrastrutture e ha incontrato il personale, militare e civile, rivolgendogli parole di ringraziamento e plauso per l’impegno e la dedizione professionale finora mostrati e d’incitamento affinché tutti continuino a operare con determinazione ed energia per l’ottimale assolvimento dei compiti istituzionali”.

Fonte e foto: COMLOG