JWC

NATO JWC: cambio tra il gen Wolski e il gen Reudowicz, che promuoverà “non solo il JWC, ma anche la Norvegia”. Le foto

20160721_NATO JWC_change gen Wolski-gen ReudowiczIl generale polacco Andrzej Marek Reudowicz ha assunto il comando del NATO Joint Warfare Centre (JWC) di Stavanger, in Norvegia, lo scorso 21 luglio, subentrando al generale tedesco Reinhard Wolski che era al comando dal 24 settembre 2014.

La cerimonia del cambio di comando è stata presieduta dal generale francese Denis Mercier, NATO Supreme Allied Commander Transformation (SACT), basato a Norfolk, in Virginia (Stati Uniti).

Il gen Wolski ha inteso sottolineare, nel suo indirizzo di saluto, la peculiarità del JWC, comando dell’Alleanza pienamente dedicato all’addestramento, alla formazione e all’assistenza dei comandi militari e del personale: “Ecco a cosa serve il JWC, a supportare e assistere i comandanti nel raggiungimento dei livelli di ambizione della NATO”, ha dettagliato il comandante uscente.

A35V1913award1Il nuovo comandante, gen Reudowicz, ha fatto riferimento non solo alla perfetta complessità ormai raggiunta dalla struttura del JWC, ma anche al paese ospitante: “é un piacere sentire dell’inestimabile supporto novegese al JWC e al suo personale. Mi auguro che la cooperazione con la autorità locali, il Capo della Polizia e i rappresentanti del Ministero della Difesa continui e si accresca”.

E ha concluso così: “Prometto che promuoverò non solo il JWC, ma anche la Norvegia”.

Articoli correlati:

NATO JWC: cambio al vertice del comando dell’Alleanza in Norvegia, al gen tedesco Wolski succede il gen polacco Reudowicz (20 luglio 2016)

Il gen Reinhard Wolski in Paola Casoli il Blog

Il NATO JWC in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: JWC PAO

20160721_NATO JWC_cambio comando Wolski-Reudowicz (3)

20160721_NATO JWC_cambio comando Wolski-Reudowicz (1)

20160721_NATO JWC_cambio comando Wolski-Reudowicz (5)

20160721_NATO JWC_cambio comando Wolski-Reudowicz (2)

NATO JWC_Norway

20160721_NATO JWC_cambio comando Wolski-Reudowicz (4)

NATO JWC: cambio al vertice del comando dell’Alleanza in Norvegia, al gen tedesco Wolski succede il gen polacco Reudowicz

20160721_NATO JWC_change gen Wolski-gen ReudowiczSi tiene domani, 21 luglio, a partire dalle 13, nel quartier generale del NATO Joint Warfare Centre (JWC) di Stavanger, in Norvegia, la cerimonia di cambio di comando tra il gen tedesco Reinhard Wolski e il gen polacco Andrzej Marek Reudowicz.

La cerimonia sarà presieduta dal Supreme Allied Commander Transformation (SACT), gen francese Denis Mercier.

Articoli correlati:

COM_JWC_gen Reinhard WolskiIl gen Reinhard Wolski in Paola Casoli il Blog

Il NATO JWC in Paola Casoli il Blog

Fonti proprie

Combo da foto JWC e www.polska-zbrojna.pl

NATO JWC_Norway

Dove e come si addestrano i comandi dell’Alleanza Atlantica: il Nato JWC è su GQItalia con le foto del bunker

20151228_GQ Italia_bunker Nato in Norvegia_JWCDa GQ Italia online: “In Norvegia, nel bunker della Nato – Una sala operativa sotto 70 metri di roccia. Dove e come si addestrano i comandi dell’Alleanza Atlantica”, di Paola Casoli

Galleria immagini a questo link

È il comando Nato responsabile di tutte le esercitazioni dell’Alleanza Atlantica. Da qui passano il soldato di truppa e il top brass, indistintamente. Prima di partire per l’Afghanistan o per l’Iraq. Per fronteggiare la crisi russa o l’Isis che avanza.

Da qui si analizza tutto quello che succede nel mondo, attraverso il web conosciuto e sconosciuto, per mettere a punto strategie di addestramento al passo con i tempi.

Un centro nevralgico lontano dalle capitali dei think tank internazionali. In un ambiente che non immagineresti neppure. Non è l’MI6 di Londra, né una dependance del Pentagono: il Nato Joint Warfare Centre (JWC) – questo è il suo nome – si trova in Norvegia, a Stavanger, su un fiordo profondo 200 metri.

Ma non è esattamente quello che immagini. Niente a che vedere con i ghiacci islandesi o le cliniche austriache di memoria bondiana: il JWC è un elegante edificio nel più efficiente stile essenziale scandinavo. Mattoni rossi e vetrate che si aprono tra la roccia e il mare. Ci arrivi dopo una salita e una serie di rallentamenti pedonali, guidando a 40 all’ora tra ville in legno con le lanterne accese alle finestre.

È proprio all’ultima curva, dopo la fermata dell’autobus, che ti sorprende lo sventolio delle bandiere dei paesi Nato: benvenuto, sei nel cuore del sistema di training e formazione più avanzato di tutto il mondo occidentale.

COPYRIGHT_JWC_PAO_SIMULATIONMEDIALe barriere all’ingresso scompaiono nel pavimento appena inserisci il codice del tuo badge e quando si alza la sbarra ti trovi in un giardino ovattato, dove ogni suono è attutito dal vento del nord: dal fruscio dei pini sulla collina ai fuoristrada americani tra i rododendri dei viali d’ingresso. Che il più delle volte sono le mogli dei militari che vanno a fare la spesa nella shoppette della base, dove tra i troll formato souvenir e i tagli di carne di renna ci trovi anche i bottiglioni di gatorade da cinque litri.

Qui lavorano in 250 tra militari e civili della Nato al comando di un generale tedesco a tre stelle, Reinhard Wolski. Ma non c’è un tank né una mitragliatrice. Se pensavi a cavalli di Frisia, sacchi di sabbia e coltelli tra i denti, qui te la devi metter via. Non sei sul set di un film di guerra.

Copyright_NATO JWC (3)“Lavoriamo con il cervello, qui, non con le armi”, ti spiega il capo operazioni con un sorriso. E ti sorprende con i numeri: 4 mega esercitazioni all’anno, che coinvolgono fino a 5.000 persone ciascuna, alloggiate in parte al JWC e in parte nei comandi nazionali; 18 mesi per costruire ogni esercitazione, che va scritta esattamente come la sceneggiatura di un film; decine di ufficiali esperti di training costantemente in viaggio tra i comandi per offrire formazione e assistenza, in una rotazione su tutto l’arco dei 12 mesi. Più l’attività di intelligence per la creazione di scenari appropriati e aggiornati e tanta analisi per ricreare nella simulazione dell’esercitazione quello che poi succede per davvero nella realtà.

Un comando piccolo, ma “unico al mondo” sottolinea il generale Wolski. Uffici eleganti, pavimenti in parquet; cucine, docce e spogliatoi per ogni divisione. Sale riunioni antistress con vista sulle tuje e sul fiordo. Se non fosse che è mare penseresti a uno scorcio del Lago Maggiore.

Poi c’è lui, il bunker. Inaspettato. Silenzioso come un’auto elettrica nel centro di Stavanger. Misterioso dietro i tornelli d’acciaio. Per entrarci devi aspettare che la barriera in plexiglass si accenda di verde quando il sistema di controllo riconosce il tuo badge, lasciandoti entrare nelle viscere della collina di alberi di Natale dove un labirinto di corridoi si snoda per tre piani sotto terra.

“Abbiamo 70 metri di roccia sopra le nostre teste”, spiega il colonnello norvegese che mi fa strada mentre il sibilo della porta da caveau si richiude dietro di noi mettendo una barriera di trenta centimetri di acciaio e cemento con il mondo là fuori. “Da qui in caso di emergenza possiamo uscire percorrendo 200 scalini verso la sommità della collina, sbucando tra i ginepri del bosco. Oppure percorrendo l’altra uscita, che ti porta a valle ai piedi della struttura”. Vicino a dove vendono il gatorade in maxi formato, per capirci.

Costruito dai tedeschi nella Seconda Guerra Mondiale, ultimato subito dopo dai norvegesi, il bunker è il luogo dove si pianifica, si scrive e si conduce una intera esercitazione. Quando arrivi nella sala operativa, il nucleo di tutta la struttura, ti sembra di sentire la classica richiesta di un dry-martini-stirred-not-shaked dietro le tue spalle, dove una vetrata sfaccettata si apre sospesa su una sala sottostante dalle pareti tappezzate di tre maxi schermi che neanche in piazza Duomo per la finale della Nazionale.

E’ qui che batte il cuore del JWC. Invidiabilmente cablato, con un dipartimento media che elabora telegiornali e prodotti informativi a nastro. Sia simulati sia reali. Con la possibilità di collegarsi con ogni parte del mondo, digital divide permettendo.

La Nato è arrivata qui nel 1994 e dal 2001 vi ha creato questo centro di eccellenza del training. Anche se tutto il comando è delle forze armate norvegesi, che usano il bunker per la sua peculiarità di rifugio dove vivere per un mese intero completamente isolati dal mondo in caso di necessità. Non si sa mai, siamo nel Mare del Nord e la Russia è pur sempre dietro l’angolo.

Il titolo originale è In Norvegia, nel bunker della Nato, pubblicato il 28 dicembre 2015 su GQItalia

La galleria completa delle foto è a questo link

Articoli correlati:

Da GQ Italia online: Da Fukushima a euRathlon 15: robot e droni si sfidano per il bene dell’umanità – A Piombino l’esercitazione che mette in sistema robot e droni per la ricerca e il soccorso degli esseri umani nelle catastrofi. Ricordi Fukushima nel 2011? Stesso scenario, ma il soccorso è tutto tech

EuRathlon 15: grand challenge tra robot e droni per il bene dell’umanità (22 settembre 2015)

Fonti proprie

Foto: NATO JWC; copertina di GQItalia online

NRDC-ITA, il comando internazionale nella tradizione locale: a Legnano per San Magno

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (9)Una forte presenza internazionale ben inserita nel territorio e una perfetta sintonia con la tradizione e la cultura del posto fanno del Comando NATO di Reazione Rapida in Italia (NRDC-ITA) una eccellenza di integrazione, senza rinunciare all’alto profilo militare che lo contraddistingue nell’ambito dell’intera Alleanza.

“L’ambiente multinazionale è il fattore chiave che permette di operare con successo”, ha dichiarato il generale Luca Fontana, a capo della Divisione Supporti del Comando e orgoglioso legnanese che, pur nel servizio al Paese, ha mantenuto il forte legame con la sua terra.

“Il valore aggiunto che i militari delle 12 nazioni della Mara [la caserma sede del comando, ndr] forniscono nel pianificare un’operazione militare – ha tenuto a sottolineare il gen Fontana – è quello di porre in sistema tutte le implicazioni derivanti dal coinvolgimento di diversi attori, non solo militari, nell’attuale variegato contesto geopolitico internazionale”.

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (8)E non a caso NRDC-ITA era presente alle celebrazioni in onore di San Magno, patrono della città di Legnano, nel cui ambito i militari della caserma Ugo Mara di Solbiate Olona hanno allestito un punto informazioni proprio nella centrale piazza della basilica dedicata al Santo patrono, presentando alla cittadinanza alcuni mezzi in dotazione.

Tra questi ha destato grande interesse, soprattutto per i più piccoli, il veicolo di ultima generazione Lince: il mezzo ruotato, recente protagonista delle operazioni militari fuori dal territorio nazionale, rappresenta, in termini di solidità, protezione per l’equipaggio a bordo e mobilità sui terreni, quanto di più avanzato esista in campo militare.

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (7)NRDC-ITA, al comando del generale Riccardo Marchiò, è un Comando multinazionale al quale l’Italia fornisce il 70% del personale, mentre il rimanente proviene da altre 11 nazioni alleate. Il Comando è disponibile per interventi in aree di crisi in base a quanto stabilito dal Consiglio Nord Atlantico (NAC) e si è contraddistinto per i brillanti risultati conseguiti nella recente esercitazione Trident Jaguar 15 (link articoli in calce) che si è tenuta presso il NATO Joint Warfare Centre (JWC) di Stavanger, in Norvegia, lo scorso mese di aprile.

Articoli correlati:

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Tutto sulla Trident Jaguar 15 in Paola Casoli il Blog (esclusiva dalla Norvegia)

Fonte e foto: NRDC-ITA

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (10)

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (5)

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (6)

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (3)

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (2)

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (1)

20151108_NRDC-ITA_San Magno_Legnano (4)

Trident Jaguar 15: “NRDC-ITA ha accettato una sfida impegnativa”, ha commentato il senior mentor gen Camporini

TRJR15_gen Vincenzo Camporini NATO ACT senior mentor_NATO JWC StavangerDopo aver terminato l’incarico di Capo di stato maggiore della Difesa, ha deciso di mettere la sua esperienza a disposizione del sistema di addestramento della NATO: è il generale Vincenzo Camporini che, lasciato il servizio attivo, vola da un comando all’altro per “aiutare chi si addestra a farlo nel migliore dei modi”, come spiega a Paola Casoli il Blog. E nella Trident Jaguar 15 in Norvegia è stato a fianco del corpo d’armata di reazione rapida della NATO (NRDC-ITA) di Solbiate Olona.

Il generale Camporini è stato incaricato dall’Allied Command Transformation (ACT) della NATO di svolgere il ruolo di senior mentor, quale consulente specializzato che partecipa a tutte le attività addestrative fornendo suggerimenti che derivano dalla sua esperienza “senza mai fare valutazioni”, sottolinea lo stesso generale, spiegando che “il senior mentor, grazie alla conoscenza maturata in ambito internazionale di rilievo operativo nell’Alleanza, ha una visione strategica di utilità, che esprime in tempo reale in qualsiasi attività addestrativa”.

TRJR15_gen Vincenzo Camporini (secondo da sx)A fine esercitazione, i senior mentor redigono un report esponendo le proprie osservazioni sulla tipologia di esercitazione, la sua organizzazione e struttura. Alla richiesta di come sarebbe stato il report finale della Trident Jaguar 15, che ha validato il corpo d’armata italiano come comando operativo joint (Joint Task Force HQ, JTFHQ), il senior mentor gen Camporini ha dichiarato: “NRDC-ITA ha accettato una sfida impegnativa nella trasformazione in comando joint, una caratteristica che non era nel suo mandato di origine, essendo nato come comando terrestre; nel farlo è stato ben supportato dal JFAAC italiano (comando joint in grado di gestire operazioni aeree, ndr)”.

L’alto ufficiale, in merito alla valutazione complessiva della prestazione di NRDC –ITA in questa esercitazione, ha espresso commenti lusinghieri e molto positivi, concludendo che, nonostante come sempre ci possano essere opportunità di miglioramento, il comando italiano ha fornito una prova decisamente di elevatissimo livello.

Prima di riprendere la sua attività nell’ambito dell’esercitazione in corso, il gen Camporini ha inteso esprimere attraverso Paola Casoli il Blog un suo auspicio in riferimento alla particolare figura che egli ricopre: “L’Italia dovrebbe avere più attenzione verso il ruolo svolto dai senior mentor per fornire ad ACT tali professionalità con maggiore continuità e non solo occasionalmente”.

I senior mentor dell’ACT sono ufficiali generali che hanno da poco tempo lasciato il servizio e che assumono un incarico che può durare al massimo cinque anni. Ma sono troppo pochi gli esponenti militari italiani che hanno potuto transitate in questo incarico, si apprende dal generale Camporini.

Il numero di persone chiamate a svolgere questo ruolo in tutta la NATO non è particolarmente elevato (infatti i senior mentor sono circa 15), il loro attuale leader è generale tedesco Karl-Heinz Lather. Nel particolare esistono due tipologie di impiego: una ad indirizzo joint, specializzata in operazioni interforze, e quella di Forza Armata: il gen Camporini nel particolare è un “Air Senior Mentor”, cioè un esperto di settore dedicato alle tematiche delle forze aeree.

Articoli correlati:

La Trident Jaguar 15 in Paola Casoli il Blog

Foto: PAO NRDC-ITA

Trident Jaguar 15: il gen Marchiò porta il suo NRDC-ITA alla validazione Nato

TRJR15_NRDC-ITA in Stavanger (NOR)_NATO JWC (2)“Due erano i traguardi dell’esercitazione”, fa sapere il generale Riccardo Marchiò, comandante del Nato Rapid Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA) attualmente impegnato nella Trident Jaguar 15, ormai in fase di conclusione nel Joint Warfare Centre (JWC) di Stavanger.

“Il primo era mettere alla prova la capacità organizzativa e le procedure del comando, mentre il secondo era passare l’esame”, ha affermato senza mezzi termini il comandante, facendo riferimento alla validazione Nato che arriva alla fine della fase di trasformazione di NRDC-ITA in comando operativo joint (JTF HQ).

In più c’è un innegabile aspetto positivo segnalato dal gen Marchiò, ovvero l’opportunità fornita dall’esercitazione di individuare le aree migliorabili al fine di arrivare alla qualità totale: “ci saranno ulteriori momenti di verifica per aggiustare ciò che non è andato proprio perfettamente”, ha assicurato.

20150426_TRJR15_NRDC-ITA COM gen Riccardo Marchiò_NATO JWC Stavanger (NOR) (5)I contenuti di carattere politico, che hanno, indiscutibilmente, caratterizzato questo scenario di livello operativo, si sono rivelati estremamente utili ai fini del realismo dell’esercitazione permettendo di “allargare l’orizzonte con l’introduzione degli elementi di carattere non militare, che hanno arricchito e reso più stimolante l’evento addestrativo”.

Il comprehensive approach, termine con il quale si indica l’integrazione della componente militare con tutti gli attori e i protagonisti del moderno ambiente operativo, rappresenta, infatti, la modalità di lavoro che la Nato promuove e persegue attivamente negli ultimi anni.

NRDC-ITA_Trident Jaguar 15Quanto la realizzazione del comprehensive approach stia diventando sempre più concreta nell’ambito degli eventi addestrativi condotti dalle nazioni dell’Alleanza è testimoniato proprio dall’iniziativa dell’ NRDC–ITA di aver fatto uso per la prima volta di giornalisti embedded, inserendoli nella propria struttura durante una esercitazione importante e complessa come la Trident Jaguar 15.

“Per noi ha rappresentato un elemento innovativo di grande utilità, sia per implementare la comunicazione verso l’esterno, sia per l’apporto specialistico fornito”, ha concluso il comandante di NRDC-ITA, fornendo un resoconto positivo di tutte le attività svolte nel corso della Trident Jaguar 15.

Articoli correlati:

La Trident Jaguar 15 in Paola Casoli il Blog

Foto: PAO NRDC-ITA

“JWC perno della trasformazione della NATO”: a Stavanger il gen Zuliani, vice di ACT, parla dell’evoluzione verso la qualità totale

20150424_NATO JWC TRJR15 DVDay_NRDC-ITA COM gen Riccardo Marchi_NATO ACT DCOM gen Mirco Zuliani (1)Lo aveva già sottolineato ieri, 24 aprile, nell’auditorium del NATO Joint Warfare Centre (JWC), che il DVDay, Distinguished Visitors Day, è l’evento che rende visibile il risultato di un percorso di preparazione lungo 18 mesi, quanti ne sono serviti per preparare l’esercitazione Trident Jaguar 15 (link articolo in calce).

Ora, nel centro della città di Stavanger, in un breve momento di pausa dagli impegni istituzionali, il generale dell’Aeronautica Italiana Mirco Zuliani, vicecomandante dell’Allied Command Transformation (ACT) di Norfolk, qui al JWC in occasione dell’esercitazione Trident Jaguar 15 che sta coinvolgendo il corpo di reazione rapida della NATO (NRDC-ITA) di Solbiate Olona, ribadisce a Paola Casoli il Blog l’importanza del Joint Warfare Centre nel processo addestrativo dei comandi NATO e di paesi partner.

“Il JWC – afferma – è il comando fondamentale responsabile dell’intera concezione, organizzazione e condotta degli eventi addestrativi finalizzati a formare e preparare i comandi della NATO del livello operativo”.

20150424_NATO JWC TRJR15 DVDay_NATO ACT DCOM gen Mirco Zuliani (3)Stavanger, in stretta collaborazione con il Joint Force Training Centre (JFTC) di Bydgoszcz, (situato in Polonia), che dopo aver assolto il compito di formare il personale di prevista assegnazione a ISAF si è ora orientato all’addestramento dei comandi del livello tattico, e con il Joint Analysis and Lessons Learned Centre (JALLC) di Lisbona (in Portogallo), che si occupa delle lessons learned, costituisce la chiave di volta su cui si basa l’intero processo di trasformazione e formazione della NATO che costituisce l’essenza di ACT.

“Guidare la trasformazione della NATO in un processo continuo in direzione della qualità totale, attraverso esperienze, lessons learned, correzioni, aggiustamenti e processi, è esattamente il core dell’ACT”, spiega il gen Zuliani.

Il comando di Norfolk è infatti responsabile della concezione e della realizzazione dell’intero complesso concettuale degli eventi addestrativi, sviluppati sulla base dei criteri e dei requisiti identificati dal NATO Allied Command Operation (ACO). Nel particolare, poi, ogni esercitazione viene delineata dal JWC di Stavanger sulla base delle necessità addestrative peculiari dei singoli comandi che si devono esercitare.

Ad ACT è devoluta la responsabilità della formazione del livello operativo/strategico, mentre la formazione di base e quella del livello tattico rimangono alle singole nazioni. A questo proposito il comando di Norfolk stila un programma quadriennale di eventi addestrativi, aperto anche a paesi partner e, elemento importante proprio alla luce della continua trasformazione dell’Alleanza, disponibile a realizzare sinergie addestrative tra le esercitazioni condotte dalle singole nazioni e quelle sviluppate dall’Alleanza.

La mole di lavoro in ambito addestrativo è davvero elevata: “Tra CAX (Computer Assisted Exercises), LIVEX (Live Exercises), CPX (Command Post Exercise) ed esercitazioni nazionali sotto egida NATO – ci tiene a sottolineare il vicecomandante di ACT – c’è una esercitazione ogni 4 giorni! “.

Gli impegni tendono ad aumentare in modo direttamente proporzionale all’aumento del livello di specializzazione e il generale Zuliani ritiene importante “raggiungere l’opinione pubblica per rendere noto non solo l’impegno crescente dell’Alleanza, ma anche per informare il contribuente di come vengono spesi i suoi soldi”.

Attualmente, fa sapere il vicecomandante italiano di Norfolk, “dopo 20 anni di operazioni in aree di crisi si è raggiunto un livello altissimo di interoperabilità, che può essere mantenuto e incrementato solo tramite il processo esercitativo”.

La crisi ucraina, poi, “ha determinato una revisione del concetto della NRF (Nato Response Force) orientandolo verso una maggiore prontezza e una più spinta capacità di risposta, definendo la necessità di incorporare il concetto di comprehensive approach, visto che la NATO in sé non dispone di tutte le risorse e quindi non può identificare le soluzioni più idonee in modo isolato. Come conseguenza, quindi, si impone la necessità di incorporare nel processo di gestione di una crisi tutti le differenti entità politico/non militari che concorrono alla soluzione finale. In quest’ottica, replicando questa realtà, il JWC svolge un ruolo importante nelle esercitazioni”.

ACT, con i suoi circa 1.000 elementi, di cui 650 negli Stati Uniti e gli altri in Europa tra Mons e Bruxelles, “è il più grosso provider mondiale di insegnamento a distanza”. E ora, anticipa il generale Zuliani, è fermamente impegnato allo sviluppo di una dottrina della comunicazione strategica.

Articoli correlati:

Trident Jaguar 15: NRDC-ITA apre il capitolo delle esercitazioni “non article 5”. Chiaro messaggio NATO (24 aprile 2015)

Foto: PAO NRDC-ITA

Trident Jaguar 15: NRDC-ITA apre il capitolo delle esercitazioni “non article 5”. Chiaro messaggio NATO

20140424_NATO JWC_TRJR15_gen Primicerj COMFOTER_gen Marchiò NRDC-ITAAprendo gli interventi nella giornata dedicata ai visitatori vip nell’ambito dell’esercitazione Trident Jaguar 15, attualmente in corso nel NATO Joint Warfare Centre (JWC) di Stavanger, il generale italiano Mirco Zuliani, vicecomandante dell’Allied Command Transformation (ACT) NATO di Norfolk, in Virginia, ha inteso sottolineare che “il Distinguished Visitors Day (DVDay) è l’elemento visibile di una lunga preparazione durata ben 18 mesi”.

E oggi, 24 aprile, nel “comando NATO più settentrionale”, come ha ricordato il generale tedesco Reinhard Wolski, comandante del JWC, proprio mentre l’esercitazione Trident Jaguar 15 sta coinvolgendo il comando italiano di reazione rapida della NATO (NRDC-ITA) di Solbiate Olona, si mettono a frutto quei lunghi mesi di preparazione: per il JWC stesso, responsabile dell’intera architettura dell’esercitazione, e per NRDC-ITA, che come training audience finora sta svolgendo un ottimo lavoro, come lo stesso gen Wolski ricordava nella sua intervista di mercoledì 22 aprile (link articolo in calce).

Ed è proprio il comando italiano NRDC-ITA ad aprire la serie delle esercitazioni Trident Jaguar destinata a esercitare e a valutare i comandi di livello operativo joint che sono necessari alla NATO per poter gestire tutte le possibili aree di crisi come previsto dal livello di ambizione che l’Alleanza ha definito nel vertice di Lisbona nel 2010, dimostrando contemporaneamente di saper trasformare la propria struttura adeguandola ai mutamenti dello scenario geopolitico.

Subito dopo il comando italiano, infatti, sarà il similare comando inglese, ARRC (Allied Rapid Reaction Corps), a esercitarsi su uno scenario, come quello utilizzato da NRDC-ITA, caratterizzato da una situazione geopolitica complessa che bilancia effetti militari con situazioni politiche, basato su dati reali: a partire dalla geografia – l’area scandiva baltica; passando attraverso le infrastrutture realmente esistenti; per finire con paesi coinvolti che fanno realmente parte dell’Alleanza Atlantica.

La componente politica, mai come ora, rappresenta un elemento di fondamentale importanza nello sviluppo e nella condotta dell’esercitazione. L’ambiente operativo di riferimento, appositamente creato per la serie di esercitazioni Trident Jaguar, consente di ricreare uno scenario complesso i cui fattori militari e politici sono ideali per poter impiegare una forza multinazionale, tale da condurre operazioni del livello operativo joint a prevalente orientamento terrestre idonee a testare con realismo un Comando di una Task Force Joint secondo le procedure della NATO.

Questa trasformazione presuppone una “mentalità interforze più ampia”, come ha sottolineato il generale Riccardo Marchiò, comandante dell’NRDC-ITA, parlando oggi nell’auditorium del JWC di Stavanger.

Del resto, questo nuovo ruolo, che si indirizza a una tipologia di operazioni full spectrum e che può vedere un impiego della NATO sia come entità a sé stante, sia sotto l’egida di un mandato ONU o UE, corrisponde in modo diretto all’evoluzione dell’Alleanza così come indicato anche dalle risultanze del summit del Galles del settembre 2014. In tale contesto, infatti, il JTF HQ rappresenta la risposta ideale per far fronte a ogni sfida proveniente da un ambiente cosiddetto di hybrid warfare.

“È una questione di responsabilità crescente”, ha affermato il gen Zuliani. In cui “è necessario essere preparati per ogni evenienza, anzi, per il caso peggiore possibile”, gli ha fatto eco il vicecomandante del JFC di Napoli, il generale canadese Michael Day, sottolineando quanto sia importante “avere effetti deterrenti e dimostrare le proprie capacità”.

Un chiaro messaggio della NATO – “many voices, one message”, lo ha definito il gen Day – in un momento in cui, come ha evidenziato il vicecomandante inglese di NRDC-ITA, generale Sir George Norton, si assiste a una ”instabilità nel settore meridionale”.

Il periodo è dunque propizio per dare il via alla serie di esercitazioni Trident Jaguar, il cui obiettivo, sottolinea il comandante del JWC, gen Wolski, “è addestrare NRDC-ITA e ARRC per primi in operazioni non article 5”.

La mentalità più ampia a cui fa riferimento il gen Marchiò non prescinde tuttavia da una continua formazione, come ha dichiarato il comandante italiano dai microfoni dell’auditorium: “dobbiamo guardare al futuro”.

Ed è una visione che si basa sulla profonda comprensione degli attori presenti nell’ambito di una crisi, sottolinea il capo di stato maggiore di NRDC-ITA, generale Maurizio Boni. Un percorso già delineato nella esercitazione Eagle Joker 14 di Lecce, che in ottobre 2014 ha visto dispiegate 1.693 persone a centinaia di chilometri dalla sede di Solbiate Olona, come ricorda lo stesso gen Boni nel fornire i dati dell’attività che aveva condotto l’NRDC-ITA a ottenere la validazione nazionale come JTFHQ.

Oggi sono circa 1.100 gli uomini e le donne di NRDC-ITA che stanno sviluppando la Trident Jaguar 15 a Stavanger, provenienti dalle 12 nazioni rappresentate nel comando italiano. A completamento del complesso organico dell’esercitazione, l’Italia ha partecipato con il concorso di numerose cellule di risposta che hanno rappresentato la componente terrestre con le brigate Folgore, Julia, Granatieri di Sardegna, Friuli e Genio, quella marittima con il Maritime Component Command e quella aerea con il Joint Force Air Component Command, come esposto dal J7 di NRDC –ITA, colonnello Aldo Maria Vergano.

Tutta l’esercitazione è completamente ospitata all’interno del JWC. Ed è da questa collina che domina il fiordo di Stavanger che la NATO manda il suo messaggio di coesione e forza a concretizzare quanto stabilito e concordato dall’Alleanza nel recente summit del Galles.

Il rappresentante dello stato maggiore italiano presente a questa importante giornata, che vede l’Alleanza lanciare un messaggio forte di deterrenza e dimostrazione delle proprie rinnovate capacità, è stato il comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Alberto Primicerj.

Articoli correlati:

L’intervista al comandante del JWC gen Wolski di Paola Casoli il Blog

La Trident Jaguar 15 in Paola Casoli il Blog

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Foto: NRDC-ITA PAO

Trident Jaguar 15: NRDC-ITA “sta lavorando molto bene”, la soddisfazione del comandante del NATO JWC, gen Wolski

COM_JWC_gen Reinhard WolskiÈ molto soddisfatto il comandante del NATO Joint Warfare Centre (JWC) di Stavanger, il generale tedesco Reinhard Wolski, di come sta lavorando il NATO Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA) nell’ambito dell’esercitazione Trident Jaguar 15, in svolgimento in questi giorni in Norvegia.

“NRDC-ITA sta procedendo molto bene – ha dichiarato il gen Wolski in un’intervista rilasciata nel pomeriggio di oggi a Paola Casoli il Blog presso “l’unico comando NATO in tutta la Norvegia”, come ci tiene a sottolineare il comandante.

Di più. Per il gen Wolski il comando di reazione rapida di Solbiate Olona “costituisce una delle migliori training audience mai avute finora”.

“Si tratta di persone molto ben preparate – ha fatto sapere il generale tedesco – e mi sento di dire che sono soddisfatto”.

NRDC-ITA sta attualmente conducendo l’esercitazione Trident Jaguar 15 finalizzata a certificarla come un Comando Operativo Interforze (Joint Task Force Headquarters, JTF) in grado di gestire operazioni complesse, sincronizzando le attività della componente terrestre, con quelle navale e aerea, proprio come richiesto dalle direttive dell’Alleanza Atlantica sulla base dei propri livelli di ambizione.

TRJE15_gen Marchiò NRDC-ITA COM_gen Boni NRDC-ITA COSQuesta esercitazione condotta dal comando italiano è la prima del suo livello a essere interamente ospitata presso il JWC, il comando NATO totalmente dedicato alle esercitazioni a partire dalla loro progettazione, attraverso la direzione, per finire con le lessons learned relative al lavoro svolto.

Un processo che da solo richiede circa 15 mesi di preparazione: “mentre NRDC-ITA sta svolgendo la sua Trident Jaguar 15, noi stiamo già guardando alle prossime tre esercitazioni”, ha infatti spiegato il gen Wolski, facendo riferimento alla preparazione specifica del suo comando nell’architettura di eventi così complessi che coinvolgono comandi del livello operativo in scenari con le forze della NATO impiegate in base ai criteri dell’articolo 5 del Trattato Atlantico e al di fuori dello stesso articolo.

Articoli correlati:

NRDC-ITA in piena Trident Jaguar 15: oggi lo startex dell’esercitazione per la validazione Nato al JWC di Stavanger (20 aprile 2015)

La Trident Jaguar 15 in Paola Casoli il Blog

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Foto: JWC