Difesa: inaugurato il NATO SFA CoE, Centro di eccellenza per la Security Force Assistance

Il 26 marzo scorso si è svolta la cerimonia di inaugurazione del NATO SFA CoE, il Centro di Eccellenza della NATO per la Security Force Assistance, presso la sede di Cesano di Roma all’interno del comprensorio della Scuola di Fanteria, ha fatto sapere lo stato maggiore della Difesa con un comunicato stampa.

Alla cerimonia hanno presenziato il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Gen Enzo Vecciarelli, il Capo di Stato Maggiore della Difesa della Repubblica Albanese, Gen.B. Bardhyl Kollcaku, e il vice Capo di Stato Maggiore della Difesa della Repubblica Slovena, Gen.B.Robert Glavas, insieme al rappresentante dell’Allied Command Trasformation (ACT) della NATO, Generale Nerim Bitlislioglu.

Il NATO SFA CoE, che vede l’Italia, la Slovenia e l’Albania quali sponsoring nation, è un progetto nato nel 2016 su proposta del Ministero della Difesa italiano con lo scopo di creare un hub di riferimento dedicato alla promozione degli sforzi dell’Alleanza per la stabilizzazione e la ricostruzione in qualsiasi scenario di crisi, ricorda il comunicato.

Il Centro è stato formalmente istituito il 13 dicembre 2017 con la firma di un Memorandum of Understanding tra le nazioni partecipanti e l’ACT e ha conseguito l’accreditamento NATO nel Dicembre del 2018.

“Questo Centro – ha sottolineato il gen Vecciarelli – fa parte di un più ampio sforzo volto a sostenere i tre impegni della Nato: difesa collettiva, gestione della crisi e cooperazione nel settore della sicurezza”.

Il compito del Centro è quello di concorrere allo sviluppo e alla sperimentazione di concetti, dottrina, lezioni apprese nei teatri operativi e alla standardizzazione delle capacità in seno all’Alleanza nel settore SFA nell’ambito delle attività formative e addestrative a favore delle Forze di Sicurezza Locali (Local Security Forces) guidate a creare e a sviluppare capacità sostenibili nel tempo.

Il rappresentante dell’ACT, gen Bitlislioglu, nel suo intervento ha sottolineato come “sia indispensabile la competenza specifica del NATO COE per il sostegno alla struttura di comando dell’Alleanza, alle forze in campo e agli altri enti decentrati della NATO”.

L’evento si è concluso con la visita dell’infrastruttura e la firma dell’albo d’onore da parte del Capo di Stato Maggiore della Difesa, conclude il comunicato.

Fonte e foto: PI SMD