marines

Ukraine: USA war machine is heating up its motors, 1600 Marines are headed for Kogalniceanu AFB

Giovanni Pallotta in Bucharest

With the southern area of Eastern Europe  causing worry and trepidation for many Chancellor’s offices around the world, and the whispering of so-called political encounters and negotiations (both public and private) have not helped to ease tensions, USA and its Allied war machine are heating up its motors.

If worldwide opinion is fully aware of Russia’s military exercises causing worry and fears, the manoeuvres and exercises by the Allied forces are a well-kept secret. Since the middle of March, in the areas situated near Ukraine, military and air force exercises has been regularly conducted by American, Romanian, Polish and Bulgarian military forces.

The first important military exercise took place in the Black Sea area on March 12th and involved the destroyer USS Truxtun, the warship Queen Mary, escorted by Romanian corvettes, Vice Admiral Eugeiu Rosca and Second Admiral Eustatiu Sebastian, and by the Bulgarian battleship Darzki.

This line-up may appear modest, if we take into consideration the forces that Russia can count upon in its naval base in Sebastopol; where Russia boasts a submarine, a cruiser, two destroyers, two battleships and an air float of 22 Sukhoi 24M and the famous Soviet Sukhoi 24 attack aircraft.

Regardless of this fact, the presence of four naval units from three different nations has evoked upsetting feelings for various reasons. First of all, the Romanian naval base of Constanta, situated 220 nautical miles from Sebastopol has become the departure port of operations. Furthermore and above all, the presence of a task force which includes the American air-craft carrier, George Bush, escorted by destroyers, Roosevelt and Philippine Sea, with 1700 marines and 90 Hornet and Superhornet all placed near the River Bosforo has evoked tension and worries.

Taking into consideration all these factors, one can understand the feelings of extreme anxiety and worry in Russian military and information sectors. These feelings can be summarized in the English foreign affairs journal Russian Global Affairs Director, Mr Fyodor Lukyaov. In a statement to Reuters, Mr Lukyav affirmed that concerning  American provocations, Mr Putin has every reason to be concerned about the Russian float in Sebastopol.

The exercises terminated at the end of March, however the tense situation in the Black Sea area has not been placated. On Sunday, April 13th, Romanian President, Mr Traian Basescu, visited the American destroyer, Donald Cook (which had been patrolling Romanian waters in the Black Sea since April 1st) and declared that he and his country opposed Putin’s political stance. During his visit on board, a Russian attack aircraft, the Sukhoi 24M, circled twelve times at a low altitude causing tension to the personnel on board while counter measures in case of an air raid were activated. Subsequently, this act was condemned harshly by the Pentagon that defined the action as a provocation without precedence and against all military protocol.

If the Black Sea area has been a hot spot during these last few weeks, the situation in the Eastern European skies is not much better. Meanwhile, during the last two weeks of March, American and Polish aviation have been carrying out joint operation actions. If, at the beginning of the crisis in the Crimean area joint operations had been foreseen only for the bombers, the Polish command has now asked for twelve F16s to be sent over. These aircrafts are not only able to respond to air fire, but they can also be used as fighter-bombers and reconnaissance aircraft. Simultaneously, with the end of the operations, the Commander of the American Air Force in Europe has received orders to set up patrols along the borders of Polish, Romanian and Ukrainian air space using planes equipped with Airborne Warning and Control Systems. The decision was confirmed by US Defense Secretary Chuck Hagel during a press conference on 18th April.

The picture that is emerging seems to be quite evident. Some NATO nations and the United States are gearing up to react to whatever scenario may appear on the horizon. On one hand, diplomacy is being used, thus taking on the role of Protectorate of regional order, while on the other the forces are getting ready to show Moscow that in case the stakes get higher, they are ready to take counter measures regarding the whole  area and in a very vast arena. In this “match”, Washington will be aided by its Eastern European allies, in particular Romania and Poland that have realized that they will have the opportunity to play an active role as real regional powers. It is important to remember that the Romanian authorities, in particular, are pressuring the American military forces to maintain a stable and constant presence of NATO forces in Romania, in particular it is important to consider the political efforts made by the former Romanian minister of Foreign Affairs, Mircea Geoana (he was minister in 2004 when Romania joined the NATO).

This pressure received tangible results on March 27th when the American government formally pointed out the need to reinforce American presence in the Air Force base of Kogalniceanu near Constanta. By the end of April, 1600 Marines airborne trained will be sent to the Romanian military base. With this increase of this contingent, an increase in logistic support, particularly, amphibious operation ships are also foreseen. These are all signs that let the reader understand that the game in Eastern Europe is still a long way from being over.

Giovanni Pallotta

See also:

Operativo in Romania l’hub di ingresso e uscita dall’Afghanistan per i militari americani. Sostituisce Manas in Kirgizistan (4 marzo 2014)

Photo credits novinite.com

Marina Militare, Flotta Verde: siglata la cooperazione con la US Navy per produzione di biocarburanti. Produzione di green diesel al via nella biorefinery di Porto Marghera

È stato firmato ieri, 2 aprile, nella Biorefinery Eni di Venezia, l’accordo di cooperazione tra la Marina Militare Italiana e la Marina Militare Americana, alla presenza del Capo di stato maggiore della Marina Militare (CaSMM), ammiraglio Giuseppe De Giorgi, e del Segretario della Marina degli Stati Uniti d’America (SECNAV), Ray Mabus.

Obiettivo dell’accordo, fa sapere il comunicato stampa della Marina Militare, l’interoperabilitá dei carburanti di nuova generazione per le navi e per gli aereomobili: le due marine hanno sperimentato con successo nei mesi scorsi miscele al 50% bioderivate e i risultati sono di grande auspicio anche per le altre marine dell’Alleanza Atlantica, riducendone la dipendenza dal petrolio.

Il Segretario della Marina degli Stati Uniti d’America, Ray Mabus, ha dichiarato: “La Marina e il corpo dei Marines si sono dati l’ambizioso obiettivo di utilizzare carburanti per il 50% derivanti da fonti alternative entro il 2020. Nel 2012 la Marina degli Stati Uniti ha presentato la Great Green Fleet, un gruppo navale dotato di mezzi aerei e navali che operano utilizzando fonti energetiche alternative. Questo accordo, significativo e importante, consentirà lo scambio di informazioni e dati tra la Marina Militare Italiana e quella degli Stati Uniti, in modo che possano operare al meglio in futuro, puntando a una minore dipendenza dal petrolio e a una maggiore sicurezza energetica”.

La frazione di qualità premium si produrrà in scala industriale presso la biorefinery Eni di Venezia a partire da maggio 2014. La biorefinery di Venezia è il primo esempio al mondo di raffineria petrolifera convertita per produrre biocarburanti da oli vegetali, anche di seconda e terza generazione: un risultato industriale con importanti ricadute sul territorio, che trasforma il tradizionale sistema della raffineria in un nuovo ciclo “verde”.

“Esprimo la mia soddisfazione per essere testimone, insieme al Segretario della Marina degli Stati Uniti, di una iniziativa così importante nei settori strategici dell’energia e della tutela ambientale. L’accordo di oggi – ha dichiarato il Capo di stato maggiore della Marina Militare Italiana, ammiraglio Giuseppe De Giorgi – mira a perseguire la piena interoperabilità dei carburanti alternativi per le unità navali delle due Marine, attraverso la condivisione dei risultati delle sperimentazioni. Questo accordo è un passo significativo verso l’incremento della sicurezza energetica, grazie alla minore dipendenza dal petrolio, a una maggiore attenzione all’ecosostenibilità e a una maggiore diversificazione delle fonti di approvvigionamento”.

“La nuova famiglia di navi che intendiamo costruire – ha aggiunto l’ammiraglio De Giorgi – sarà caratterizzata da bassissime emissioni e dalla possibilità di utilizzare carburanti alternativi. Queste navi sono concepite per esprimere le loro capacità di intervento anti inquinamento e di supporto alla popolazione in caso di calamità. Sono il segno tangibile del processo di trasformazione della Marina in senso duale”.

Eni, che a breve avvierà a Venezia la produzione nazionale di biocarburanti da fonti sostenibili certificate, è stata rappresentata dal direttore della raffineria, ingegner Michele Viglianisi, e dal vicepresidente esecutivo del settore Ricerca, Sviluppo tecnologico e Progetti di Eni Refining & Marketing, ingegner Giacomo Rispoli.

“La Raffineria Eni di Venezia – ha spiegato l’ingegner Rispoli –  è la prima raffineria al mondo oggetto di riconversione da raffineria convenzionale a green refinery. Dopo un anno e mezzo di attività per la progettazione, processi  autorizzativi, messa in opera modifiche impiantistiche, nel maggio 2014 avvierà i nuovi impianti green con carica vegetale, in attesa della disponibilità nel mercato di feedstock diversi, quali oli di frittura, grassi animali e altri waste del ciclo agricolo”.

La Marina Militare Italiana è la prima in Europa a sperimentare operativamente il green diesel, in anticipo anche rispetto alla scadenza europea che prevede l’uso del 10% di frazione bio entro il 2020.

Hashtag per la condivisione sui social: #FlottaVerde  #Biocarburanti

Articoli correlati:

Marina Militare, progetto Flotta Verde: domani la firma dell’accordo di cooperazione tra Marina Militare Italiana e Marina Militare Americana. Green diesel prodotto in biorefinery Eni di Porto Marghera (1° aprile 2014)

La Flotta Verde della Marina Militare in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Marina Militare

Afghanistan, cambio al vertice di ISAF NATO: il generale Allen lascia il comando al collega Dunford. Le foto

Il generale dei Marines americani Joseph F. Dunford Jr ha assunto ieri il comando della missione NATO ISAF in Afghanistan dal generale dei Marines americani John R.Allen.

La cerimonia del cambio di comando ha avuto luogo ieri, 10 febbraio, nel quartier generale di ISAF a Kabul, capitale dell’Afghanistan. Vi hanno presenziato alti ufficiali afgani, NATO e statunitensi, tra cui il generale tedesco Hans-Lothar Domröse, comandante dell’Allied Joint Force Command di Brunssum; il generale dell’esercito statunitense Martin E. Dempsey, chairman del Comitato dei Capi di stato maggiore; il generale dei Marines James N. Mattis, comandante dello U.S. Central Command.

Il generale Dunford ha fornito una visione di continuità nell’opera iniziata a vantaggio dell’Afghanistan. “Quello di oggi non è un cambiamento, ma una continuazione”, ha sottolineato il nuovo comandante di ISAF (COMISAF), spiegando che ha tutta l’intenzione di sfruttare lo slancio della campagna in corso e di continuare nel sostegno agli afgani fino a quando non saranno in grado di lavorare autonomamente per un futuro più favorevole.

I due generali, che si sono avvicendati al vertice della decennale missione NATO in Afghanistan, appartengono entrambi al corpo dei Marines e sono amici da 35 anni.

Il nuovo COMISAF ha servito precedentemente come vicecomandante del Corpo dei Marines; come vicecomandante della 1st Marine Division; come direttore delle Operations Division, Plans, Policies and Operations del comando del Corpo dei Marines, HQMC; come vicecomandante per i Piani, le Operazioni e la Policy; come generale comandante I MEF; infine comandandante del Marine Forces Central Command

Il generale Allen è rimasto al comando della missione ISAF per 19 mesi consecutivi. È il comandante più longevo negli undici anni della missione.

Sotto il suo comando le Afghan National Security Forces (ANSF), le forze afgane addestrate e cresciute sotto l’egida degli Alleati, hanno raggiunto quota 352mila unità fino a svolgere ora la maggioranza delle operazioni nel paese, creando così un forte baluardo all’insorgenza. Il generale Allen ha inoltre giocato un importante ruolo nella stabilizzazione dei rapporti con il vicino Pakistan, come ricorda la stessa NATO dal suo sito dedicato alla missione ISAF, scongiurando una vera e propria frattura dopo una serie di crisi nel 2011.

Articoli correlati:

Afghanistan, Petraeus passa il comando delle truppe alleate al collega John R.Allen (18 luglio 2011)

La missione ISAF in Paola Casoli il Blog

Le ANSF in Paola Casoli il Blog

Fonte: It SNR PAO; ISAF NATO

Foto: C.le Giusy Sorgente e Ten Col Stefano Sbaccanti/It SNR PAO

Una partnership tra US Army, Marines e Special Operations per affrontare il training del futuro con la penuria di fondi

Il tempo di uscire dall’impegno combat dell’Afghanistan ed ecco che dovrebbe delinearsi ciò che il Capo di stato maggiore dell’Esercito statunitense, generale Raymond T.Odierno, ha anticipato in una conferenza a un think tank di Washington lo scorso 1° novembre: un Office of Strategic Landpower, una sorta di centro nevralgico per le operazioni strategiche terrestri.

Il punto è far addestrare le forze di terra in un futuro caratterizzato da una crescente penuria di fondi. Una sfida che di sicuro interessa anche Aeronautica e Marina, ma che al momento è solo abbozzata e, come ha riferito la portavoce del generale Odierno, tenente colonnello Kathy Turner, a Defense News, risulta ancora lontana dalla realizzazione concreta. Per ora, si apprende, sono in corso l’individuazione del referente, la definizione dello scopo e la procedura di funzionamento del nuovo centro.

Di certo, come già il generale Odierno aveva anticipato più volte in passato, l’interdipendenza con le operazioni speciali è da considerarsi un elemento fondamentale soprattutto per quanto riguarda il training e il mentoring delle forze straniere. Le esperienze in Afghanistan e in Iraq dovrebbero servire soltanto come base di partenza, la raccomandazione è piuttosto di sviluppare una visione più ampia per poter affrontare sfide più complesse.

Difficile al momento per il Capo di stato maggiore Odierno definire la cifra di spesa di tale progetto. Sono necessari addestramenti virtuali ed esercitazioni live per arrivare a garantire capacità di manovra interforze dal plotone alla brigata e al momento non c’è un termine di raffronto, dato che solo in questi giorni hanno preso avvio i primi test del progetto a Fort Hood, in Texas.

Intanto è stato individuato, quale centro di addestramento, la 162nd Brigade di Fort Polk, in Louisiana, che finora si era occupata della creazione e del training delle forze irachene e di quelle afgane.

Fonte: Defense News

Foto: Army Times

Sicurezza: i 50 marines di Obama e i 50 vigili di Pisapia

L’assalto in stile militare, una battaglia di quattro ore con missili antiaereo e armi pesanti, che martedì sera ha ucciso l’ambasciatore americano Chris Stevens a Bengasi, in Libia, sta scuotendo l’Occidente. E anche le coscienze.

Chi non ricorda l’assicurazione di Obama al momento della lotta al dittatore libico, il leader Gheddafi che i profeti dicevano avremmo rimpianto, relativa alla presenza di uniformi in Libia, quel rassicurante no boots on the ground in nome della fiducia nell’indigeno. Peggio: in nome di una presuntuosa  volontà di distruggere e ricreare a propria immagine e somiglianza, dando per scontato che tutto fili liscio.

Il buonismo di Obama ha preso un duro colpo. Un po’ come il buonismo di Pisapia a Milano: quel medesimo no boots on the ground che ha cancellato la presenza dei militari sul terreno a tutela della sicurezza, nella piena certezza che la città fosse al riparo da crimini e tensioni.

La smentita per Pisapia è arrivata qualche giorno fa a ridosso di Porta Romana tra la folla dell’happy hour, dopo una sparatoria con vittime che ne seguiva un’altra di qualche giorno prima.

Così, per tenere testa al sopravvento degli eventi avversi, Obama ha inviato 50 marines in Libia e Pisapia 50 vigili a Milano. Come spesso accade quando si è travolti dai fatti si deve fare dietrofront e abiurare a principi precedentemente sbandierati con ingenua convinzione.

Troppa confidenza toglie la riverenza, dicevano i vecchi. Se vogliamo semplificare all’estremo, anche senza dare troppa ragione all’homo homini lupus di Hobbes, in fondo in fondo si tratta proprio di questo.

Articoli correlati:

Libia: Marines in partenza per la Libia a tutela delle sedi diplomatiche americane (12 settembre 2012)

La Libia in Paola Casoli il Blog

Foto: metronews

Libia: Marines in partenza per la Libia a tutela delle sedi diplomatiche americane

Secondo quanto riportato dal sito americano della NBC17, una cinquantina di Marines americani (sarebbero invece duecento, secondo quanto riferisce Ansa) sono in partenza per raggiungere la Libia e dare rinforzo di sicurezza alle sedi diplomatiche sul terreno dopo l’uccisione dell’ambasciatore americano Chris Stevens e di tre suoi uomini di staff, avvenuta ieri a Bengasi nel corso di un attacco in puro stile militare.

I Marines del gruppo Fleet Antiterrorism Security Team costituiscono un corpo di élite in grado di dispiegarsi rapidamente e operare ovunque nel mondo.

Nel darne la notizia, NBC ha sottolineato l’anonimato della fonte in quanto non autorizzata a rilasciare dichiarazioni pubbliche.

Fonte: AP/nbc17.com, Ansa

Foto: nbc17.com

F-35 Lightning II: al via il programma di valutazione piloti e manutentori per l’Air Force

È cominciato ieri 10 settembre nella base aerea americana di Eglin, in Florida, il programma di valutazione F-35A Lightning II Operational Utility Evaluation (OUE), un passaggio necessario per iniziare la formazione e prestare servizio come piloti e manutentori joint strike fighter.

La valutazione, che si prevede durerà circa sessantacinque giorni, coinvolgerà due piloti del 33° Fighter Wing insieme a due test pilot dell’Air Force.

Il momento era atteso dal luglio dello scorso anno in quanto rappresenta un traguardo significativo, come spiega il colonnello Andrew Toth, comandante del 33° Fighter Wing: “L’inizio dell’OUE rappresenta un altro traguardo fondamentale che l’Air Force e il programma F-35 hanno raggiunto insieme. È dall’arrivo del primo velivolo qui alla base, nel luglio scorso, che ci stiamo preparando a questo evento. In questi mesi gli uomini e le donne del 33° Fighter Wing hanno dimostrato di poter portare avanti con successo non solo la formazione a livello accademico, ma anche tutte le operazioni di volo in modo sicuro ed efficace”.

I due piloti del 33° Fighter Wing che affrontano la valutazione sono il maggiore John Wilson e il collega Matthew Johnston. Entrambi sono pronti a sottoporsi a un rigoroso percorso che prevede un’attenta analisi dei dati provenienti da tutti i diversi momenti della formazione JSF: manutenzione, lezioni frontali, simulazioni e voli.

Dal Military Flight Release di febbraio, undici piloti da caccia esperti hanno cominciato a esercitarsi nelle funzioni di base dell’F-35A per prepararsi a diventare il primo gruppo delle forze armate dedicato al caccia di quinta generazione.

Da parte dei responsabili del 33° Fighter Wing c’è la certezza che il loro team di piloti, Marines, partner aziendali e civili sia pronto per affrontare il prossimo traguardo che i futuri cinquant’anni di dominio dell’aria presenteranno.

Lo squadrone è responsabile della formazione dei piloti e dei manutentori. In un primo momento saranno basati a Eglin 59 velivoli e tre squadroni di volo, uno per ciascun servizio o variante di velivolo.

Finora il 33° Fighter Wing ha condotto oltre duecento missioni di volo con il JSF, sia nella variante A che B, con l’obiettivo di aumentare la familiarità con il velivolo di piloti e manutentori, di mettere a punto le infrastrutture logistiche e di continuare a sviluppare la maturità del velivolo. Questi voli iniziali con l’F-35A sono stati circoscritti, organizzati e condotti nel rispetto delle restrizioni e condizioni disposte a febbraio dal Military Flight Release.

“Siamo assolutamente pronti a sottoporci all’attenta valutazione dell’Air Force Operational Test and Evaluation Center, che ci fornirà un punto di vista esterno sul modo in cui abbiamo condotto la nostra missione – ha concluso Toth – Alla fine dell’esame dovremmo ricevere un’approvazione dall’Air Education and Training Command il quale certificherà che siamo pronti per la formazione”.

Articoli correlati:

L’F-35 Lightning II in Paola Casoli il Blog

Fonte: Eglin AFB

Foto: U.S. Air Force photo/Samuel King Jr.-Eglin AFB

Humvee rimpiazzati da Oshkosh: maggior protezione per le sfide future, a partire dai posti di lavoro

Il programma di rimpiazzo delle migliaia di Humvee, i veicoli ruotati multifunzione che hanno rappresentato un cavallo di battaglia per i militari americani, ha cifre a nove zeri. E tanti posti di lavoro in discussione.

Un vero e proprio asso nella manica da giocare in fase di campagna elettorale, visto che di sostituzione degli Humvee con gli Oshkosh in realtà si sentiva già parlare da mesi, ma se ne legge ampiamente solo in questi ultimi giorni, ora che la società del Wisconsin è in lizza per l’eventuale produzione.

L’ High Mobility Multipurpose Wheeled Vehicle (HMMWV), l’Humvee, appunto, sembra non essere più adeguato al teatro operativo così come è stato inteso finora. Una versione Joint Light Tactical Vehicle (JLTV), l’Oshkosh destinato a rimpiazzarlo, rappresenterebbe invece la declinazione più idonea alle sfide future.

La manovra di sostituzione, in realtà, coinvolge una questione di grande attualità: i posti di lavoro. In un periodo di revisione e tagli alle spese – il Pentagono vuole tagliare un trilione di dollari di spesa nella Difesa nei prossimi dieci anni – un ordine di questa caratura rappresenta un’ancora di salvezza per l’impiego.

Anche perché al momento si tratta del contratto più corpulento nel settore. Ogni veicolo da sostituire costa circa 250mila dollari. I conti sono presto fatti se si pensa che solo i Marine ne vorrebbero 55mila.

La Oshkosh Corp., per ora, preparerà 22 veicoli da sottoporre alla valutazione di Esercito e Marine. Se saranno di gradimento, al posto degli ormai familiari Humvee vedremo girare veicoli dai motori ibridi e silenziosi già a partire dal 2018.

Una sfida per le capacità militari, ma soprattutto per il mondo del lavoro in un’epoca di tagli e ristrettezze.

Fonte: Stars & Stripes

Foto: Oshkosh Corp

La burocrazia del Pentagono non concede il software anti-IED. Pericoloso gap tecnologico in Afghanistan per i militari US

Lo hanno i Marines, lo hanno i militari dell’Aeronautica e molte unità dell’Esercito. Lo hanno anche gli operatori delle forze speciali e chi lavora a contatto con il 1st Brigade Combat Team della 82nd Airborne Division, operativo in Afghanistan.

Ma i militari che proprio in quel team prestano servizio, discendenti diretti dei Devils in Baggy Pants di Anzio, non hanno in dotazione il programma Palantir, un prezioso strumento software che consente di individuare gli ordigni celati nel terreno lungo la strada prima di finirci sopra.

Bombe insidiose, gli IED, che nel giro di due settimane tra aprile e maggio di quest’anno hanno ucciso sei uomini di quel team. Il colonnello Mark Stock, comandante della brigata, ha riferito che del Palantir c’è bisogno urgente, si legge da Stars and Stripes, che riporta il The Fayettville Observer, perché il sistema attualmente in uso in realtà non si dimostra efficace e, anzi, presenta delle disfunzioni che mettono inutilmente a rischio la vita dei soldati, impedendo inoltre di accedere alla banca dati condivisa.

Di più. Il colonnello Stock punta il dito proprio contro la diversità dei sistemi in uso, che mette fuori gioco i suoi uomini impossibilitati a condividere dati e fare intelligence con i colleghi delle altre unità. Tagliati fuori, insomma. E a rischio di perdere la vita a ogni passo sul terreno.

Ma la sua denuncia sembra sia caduta nel vuoto visto che il Pentagono non ha accolto la richiesta della 1st Brigade. Il lavoro del Pentagono, ha spiegato Duncan Hunter, un rappresentante repubblicano dell’ House Armed Services Committee, l’assemblea permanente americana che supervisiona il Dipartimento della Difesa, è assicurarsi che le truppe dispongano dell’equipaggiamento necessario a salvare loro la vita e completare la missione. Il rifiuto di dotare i Devils del Palantir, sostiene Hunter attraverso le pagine del The Fayetteville Observer, è una questione di “accanita e inutile burocrazia nell’ambito dell’esercito statunitense”.

Hunter è un ex Marine che ha prestato in servizio due volte in Iraq e una volta in Afghanistan. Per lui “quando i comandanti sul terreno non vedono evase le loro richieste di equipaggiamento da parte dei burocrati di medio livello, allora il sistema è in pezzi. Spetta al Congresso e alla leadership militare colmare la lacuna e assicurare ai soldati ciò che serve per raggiungere il successo”.

Alla dura critica dell’ex Marine si è unito Larry Kissel, un democratico del North Carolina, anch’egli della House Armed Services Committee, che ha dichiarato che se i militari sul terreno ritengono che il Palantir sia lo strumento più efficace invocandone la assegnazione alle proprie unità, allora “non c’è ragione per cui non possa essere messo a disposizione di tutte le unità che ne hanno fatto richiesta”.

L’Observer, si legge, è venuto in possesso delle mail spedite dai vertici della 82nd Airborne Division che svelano drammaticamente l’inutilità del programma in loro dotazione. I diversi database in cui sono immagazzinati i dati degli IED sul terreno non sono condivisibili e la loro analisi tramite il software in uso richiederebbe alcuni giorni di lavoro, anziché le poche ore richieste dal Palantir.

Le richieste dei capi dei Devils sono state inoltrate all’esercito, che, invece di rispondere loro direttamente, ha contattato l’Observer per assicurare di aver dato il via in maggio a un progetto dedicato a far dialogare i due diversi software. La risposta su quanto ciò sia fattibile o meno arriverà a settembre.

Intanto, mentre i Devils sul terreno rischiano gli arti e la vita, un legislatore della California è pronto a far partire immediatamente un’inchiesta.

Fonte: Stars and Stripes

Foto: logo dalla pagina Facebook del 1st Brigade Combat Team, 82nd Airborne Division

Programma JSF, primo appontaggio sulla USS Wasp per l’F-35B destinato ai Marines

E’ stato compiuto il 3 ottobre scorso il primo atterraggio verticale in mare per la versione del Joint Strike Fighter (JSF) F-35 destinata ai Marines americani. Si tratta di un evento che la Lockheed Martin definisce nel suo comunicato stampa “una pietra miliare nella storia dell’aviazione navale”.

Il velivolo di prova BF-2 della versione F-35B Joint Strike Fighter (JSF) è atterrato con successo sul ponte della nave anfibia USS Wasp (LHD-1) accompagnato dall’entusiasmo del pilota collaudatore, il tenente colonnello dei Marines Fred Schenk, che ha elogiato l’impegno e la preparazione del team della Wasp e del JSF.

Questo primo atterraggio verticale costituisce l’avvio di una serie di prove iniziali sulle navi cominciate lo scorso lunedì e che dureranno per due settimane. I test sono predisposti per raccogliere dati sulla capacità del velivolo di effettuare decolli corti e atterraggi verticali su una nave in mare aperto, oltre a valutare in che modo l’aereo si integri con i sistemi di atterraggio della nave e con le operazioni sul ponte e nell’hangar. Nel corso delle prove verranno raccolti dati ambientali sul ponte con l’uso di strumenti supplementari al fine di misurare l’impatto dell’F-35B sulle operazioni sul ponte di volo.

La raccolta di dati è fondamentale per guidare lo sviluppo dei lavori successivi e integrare così il velivolo F-35B sulle navi anfibie con grandi ponti, tanto che  “Il primo atterraggio verticale in mare rappresenta una tappa fondamentale”, ha spiegato il colonnello dei Marines Roger Cordell, direttore della base militare per il collaudo e la valutazione dell’F-35 presso la Naval Air Station di Patuxent River.

Eppure “Non è semplice organizzare le prove in mare”, come ha sottolineato il viceammiraglio David Venlet, executive officer del programma F-35. “Fin dalla scorsa primavera avevamo pianificato di eseguire questo test il 3 ottobre e la squadra ha rispettato i tempi previsti. Le prestazioni nei vari aspetti del programma di sviluppo del velivolo sono sempre più affidabili. Professionisti della Marina e dei Marines, assieme ai team di Lockheed Martin, Northrop Grumman, BAE Systems, Pratt & Whitney e Rolls Royce lavorano senza un attimo di sosta per riuscire a consegnare l’aereo alla flotta”.

L’F-35B è la variante del Joint Strike Fighter per l’US Marine Corps, in grado di effettuare decolli corti e atterraggi verticali per l’impiego su navi anfibie o altri piste di volo non convenzionali allo scopo di fornire un’adeguata copertura aerea alla Marine Air-Ground Task Force. L’F-35B sostituirà gli Harrier AV-8B e gli Hornet F-18, attualmente utilizzati dai Marines, ed è in fase di collaudo e valutazione presso la Naval Air Station di Patuxent River prima di essere consegnato alla flotta.

Fonte: Ufficio Affari Pubblici Programma Joint Strike Fighter

Foto: Ufficio Affari Pubblici Programma Joint Strike Fighter, Wasp US Navy