raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo

Strade Sicure: saldi ed Epifania in sicurezza a Roma con i militari del Raggruppamento Lazio Umbria Abruzzo

Piazza Re di Roma, via Cola di Rienzo, viale Marconi a Roma, ma anche i centri commerciali Porta di Roma, EUR Roma 2 e Roma Est, sono le zone che hanno visto i militari dell’Esercito Italiano impegnati a tutela della sicurezza della popolazione in occasione di uno dei periodi dell’anno tradizionalmente dedicati agli acquisti stagionali.

L’Epifania e l’inizio dei saldi, spiega infatti un comunicato stampa dell’Esercito, hanno portato la Forza Armata a impiegare i militari nelle vie e presso alcuni centri commerciali dove maggiore è l’afflusso per gli acquisti.

Mentre nei centri commerciali il servizio è stato articolato su un pattugliamento all’interno delle strutture, si apprende, nelle vie dello shopping i soldati hanno espletato il compito di presidio del territorio con gli assetti normalmente adoperati per l’Operazione Strade Sicure. Il servizio è stato disposto dalla Questura di Roma.

È rimasto inalterato, fa sapere l’Esercito, il dispositivo della Forza Armata presente abitualmente in Piazza Navona e Via del Corso.

A partire dallo scorso 5 gennaio, comunica l’Esercito, il Raggruppamento Lazio Umbria Abruzzo, a guida della brigata Granatieri di Sardegna e agli ordini del gen Paolo Raudino, ha incrementato il suo dispositivo assumendo il comando della Task Force Roma 3 con la responsabilità delle zone colpite dal terremoto nell’Italia Centrale nel 2016 – 2017 e le sedi giudiziarie dell’Umbria in Perugia e Spoleto.

“Nel tempo la presenza capillare e costante dei soldati impiegati con le funzioni di agente di pubblica sicurezza, anche se limitatamente all’espletamento del servizio, ha costituito un fattore di deterrenza nei confronti della microcriminalità aumentando la percezione della sicurezza nella popolazione. Prova ne sono le continue richieste da più parti di impiego dei militari in tali compiti e le unanimi attestazioni di stima per l’operato svolto”, conclude il comunicato stampa.

Articoli correlati:

Strade Sicure in Paola Casoli il Blog

Il Raggruppamento Lazio Umbria Abruzzo in Paola Casoli il Blog

La brigata Granatieri di Sardegna in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando b Granatieri Raggruppamento Lazio Umbria Abruzzo Strade Sicure + Esercito Italiano

Strade Sicure: visita del CaSMD gen Graziano ai militari del Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa (CaSMD), gen Claudio Graziano, ha fatto visita al Comando del Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo del dispositivo dell’operazione Strade Sicure per portare l’augurio di tutte le Forze Armate in occasione delle prossime festività, si è appreso il 24 dicembre scorso dal sito istituzionale della Difesa tramite lo stesso Raggruppamento.

“L’impiego di militari nelle città, in supporto alle Forze dell’Ordine per il presidio del territorio, è stata una formula vincente. Lo dimostrano non soltanto i risultati delle attività svolte in oltre nove anni di ‘Strade Sicure’, ma anche il fatto che altri paesi europei – Francia, Belgio e Regno Unito – ci hanno imitato”. Queste le parole del gen Graziano nel rivolgersi al personale della sala operativa del Raggruppamento, da cui vengono monitorati e coordinati tutti i siti presidiati dal personale militare.

Il CaSMD ha poi voluto recarsi a rivolgere personalmente gli auguri ai militari presenti sui siti di Piazza Venezia, dell’Arco di Costantino e della stazione della metropolitana di Piazza della Repubblica, si apprende.

“L’Operazione Strade Sicure vede oggi impegnati circa 7.100 militari, ma – come ricordato anche dal gen Graziano – si è raggiunto l’apice di 10.000 militari con il contemporaneo impiego per il G7 di Taormina, conclude la Difesa.

Articoli correlati:

Strade Sicure in Paola Casoli il Blog

Il Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo; stato maggiore Difesa

Strade Sicure: il rgt Genio Ferrovieri di Castel Maggiore vigila sugli scali ferroviari romani

“L’Operazione Strade Sicure ha superato i nove anni, essendo stata avviata il 4 agosto 2008 a seguito della promulgazione della L. n. 125 del 24 luglio 2008 – ricorda un comunicato stampa del Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo di Strade Sicure, guidato dalla brigata Granatieri di Sardegnae tanti sono i contingenti che si sono alternati sulla piazza militare di Roma”.

In particolare a Roma, da alcuni mesi, sta operando un’aliquota di militari effettivi al reggimento Genio Ferrovieri di Castel Maggiore e al Battaglione Genio Ferrovieri Esercizio di Ozzano dell’Emilia, entrambi del Bolognese, inseriti nel Raggruppamento Lazio Umbria Abruzzo a guida brigata Granatieri di Sardegna.

I militari di questa specialità dell’Arma del Genio fanno parte, a livello nazionale, dei circa 7.000 uomini e donne dell’Esercito impiegati nel presidio del territorio.

Nella Capitale hanno il compito di vigilare due scali romani di grande importanza: la stazione Termini e quella Tiburtina.

Entrambi gli scali sono divenuti nodi di scambio e sono affollati in tutte le fasce orarie: “per i Ferrovieri dell’Esercito Italiano non si poteva scegliere una palestra migliore per perfezionarsi nel proprio addestramento tecnico-professionale che, nello specifico settore, prevede intensi periodi di formazione teorica e pratica per diventare macchinista, capostazione, capotreno o addetto alla manutenzione ferroviaria, spiega il comunicato.

Nello specifico, svolgendo ore di didattica frontale nelle aule del Battaglione Genio Ferrovieri Esercizio e ore di tirocinio nelle infrastrutture ferroviarie locali, i militari conseguono le certificazioni rilasciate dall’autorità nazionale e riconosciute a livello europeo per la condotta di treni, per divenire responsabile del convoglio ferroviario, o per specializzarsi nella manutenzione dell’infrastruttura ferroviaria.

Il livello di preparazione dei Genieri di Castel Maggiore e di Ozzano dell’Emilia è consolidato e approfondito a seguito dei ripetuti impieghi non solo nelle attività sul territorio nazionale, ma anche in quelle “fuori area”.

Viene, quindi, costantemente applicato il concetto di dual use, sottolinea il comunicato stampa, caratteristica duale dell’addestramento, in quanto è in grado di replicare diversi scenari operativi in modo assai fedele alla realtà, dalle strade ferrate della Bosnia, alle missioni in Kosovo, Albania e all’emergenza terremoto in Pakistan, dove il reggimento Genio Ferrovieri ha operato, sino alla vigilanza agli scali italiani.

“Per questo l’addestramento Dual Use viene utilizzato per addestrare il personale a operare all’estero, ma anche in Italia”, conclude il Comando brigata Granatieri.

Articoli correlati:

Il rgt Genio Ferrovieri in Paola Casoli il Blog

L’Operazione Strade Sicure in Paola Casoli il Blog

La brigata Granatieri di Sardegna in Paola Casoli il Blog

Il Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo Strade Sicure

Strade Sicure: alpini del 7° reggimento sedano rissa nella metro Anagnina di Roma

Strade Sicure_Esercito Italiano_RomaQuesta mattina, 14 agosto, intorno alle ore 7, nella stazione della metropolitana di Anagnina, a Roma, i militari del raggruppamento Lazio-Umbria-Abruzzo dell’operazione Strade Sicure hanno prestato soccorso a una donna in evidente stato di agitazione per una colluttazione in corso presso la propria edicola all’interno della stazione, fa sapere lo stesso Esercito in un comunicato appena diffuso.

I militari, effettivi al 7° reggimento alpini di Belluno, stavano per iniziare il proprio turno di servizio in supporto alle Forze di Polizia quando, allertati dalla donna, si sono precipitati presso l’edicola al fine di sedare l’aggressione da parte di due persone di nazionalità straniera.

20150814_Strade Sicure_Esercito Italiano_RomaI due, alla vista dei militari, hanno tentato di fuggire senza successo. Raggiunti, sono stati bloccati e posti in stato di fermo fino all’arrivo dei Carabinieri che hanno provveduto all’identificazione.

Allo stesso tempo il personale dell’Esercito, in coordinamento con gli addetti ai controlli della stazione metro, ha prestato un primo soccorso alla donna e provveduto a contattare il 118 per le medicazioni necessarie.

L’Esercito Italiano ha recentemente incrementato il proprio contributo nel settore della sicurezza nazionale, in particolare nella capitale. Nonostante la pausa estiva, i nodi di scambio come le stazioni metro rappresentano comunque i punti più sensibili, portando i militari dell’Esercito a incrementare il numero di controlli e perquisizioni.

20150814_Strade Sicure_Esercito Italiano_rissa edicola MM Anagnina_RomaArticoli correlati:

L’operazione Strade Sicure in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Esercito

Strade Sicure_Esercito Italiano