Teuliè

Teuliè: giurano gli 86 allievi del corso Musso III

Si è svolta sabato mattina, 23 marzo, in Piazza Duomo a Milano, la cerimonia di giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana degli 86 allievi del 1° anno della Scuola Militare Teuliè, ha fatto sapere la stessa Scuola con un comunicato stampa.

L’atto solenne, suggellato con la tradizionale formula del “Lo giuro”, è stato rimarcato dalla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina; del Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Giovanni Fungo, e del Comandante del NATO Rapid Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA), Generale di Corpo d’Armata Roberto Perretti, ma soprattutto dai tanti familiari e amici dei giovani cadetti accorsi per questo significativo evento.

Alla cerimonia hanno preso parte numerose autorità civili, militari e religiose nonché i Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma e i Gonfaloni della città metropolitana di Milano e della Regione Lombardia. Presente anche il Sergente Andrea Adorno, decorato di medaglia d’oro al valore militare ed esempio prezioso di elevate virtù militari e umane che ha formulato un indirizzo di saluto agli allievi.

Il CaSME, gen Farina, dopo aver ringraziato le autorità intervenute, rivolgendosi agli allievi del corso Musso III ha sottolineato: “è stata grande l’emozione che ho provato al vostro grido con cui avete appena prestato il giuramento al cospetto del Tricolore, il vessillo che racchiude tutti i valori fondanti della nostra identità. Con questo gesto avete suggellato la vostra fedeltà alla Patria, divenendo servitori dello Stato, delle sue Istituzioni e del Popolo Italiano”.

Nel rivolgersi ai genitori ha poi aggiunto: “la strada intrapresa dai vostri figli è sicuramente non comune e comporta il sacrificio della vicinanza fisica, a volte dell’apprensione, che da genitore ben conosco, e che si concretizza nell’impossibilità di condividere la quotidianità cui eravamo abituati fino a ieri”.

Nel corso della cerimonia, accompagnata dalla musica della fanfara dell’11° reggimento Bersaglieri, il Comandante della Scuola Militare Teulié, col Daniele Pepe, ha riconsegnato al Sindaco del Comune di Milano, Giuseppe Sala, il Primo Tricolore simbolo delle “Cinque Giornate” di Milano, che quest’anno celebra il 171° anniversario.

La Scuola Militare Teuliè, Liceo d’élite dell’Esercito, offre mediante un concorso pubblico la possibilità a tutti i ragazzi e le ragazze che abbiano concluso con esito positivo il secondo anno dei Licei classico e scientifico di proseguire il triennio di studi. È proprio di questi giorni la pubblicazione del bando di concorso per l’ammissione all’anno scolastico 2019 – 2020.

L’Istituto garantisce una vasta e profonda preparazione particolarmente attenta al completamento di tutti i programmi didattici previsti dal MIUR, includendo nel percorso formativo discipline che favoriscono il processo di formazione etico – morale, culturale e fisica degli allievi mediante l’applicazione di un codice di comportamento ispirato alle regole militari.

La trasversalità della cultura militare è presentata agli allievi come piattaforma educativa sulla quale s’innestano valori e conoscenze necessarie allo sviluppo di competenze che saranno spendibili in qualsiasi contesto. Negli oltre 200 anni di vita si è confermata un’indiscussa eccellenza che ha formato e continua a formare centinaia di giovani sia nell’ambito militare sia nel mondo civile, quali politici, uomini di cultura, industriali, diplomatici, “ma, sempre e comunque, cittadini esemplari”, conclude il comunicato.

Fonte e foto: Scuola Militare Teuliè

Scuola di Applicazione: giura il 31° corso della Riserva selezionata

Ventidue ufficiali appartenenti al 31° corso della Riserva Selezionata hanno pronunciato venerdì 14 dicembre scorso la formula del giuramento dinanzi alla Bandiera del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, decorata di medaglia d’argento al Valore Militare.

Ne ha dato notizia con un comunicato stampa la stessa Scuola.

La cerimonia si è svolta nella suggestiva cornice del Salone delle Armi di Palazzo Arsenale per l’occasione gremita di familiari, amici e da personale dell’Istituto di studi militari.

Il Generale di Divisione Salvatore Cuoci, Comandante per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, rivolgendosi ai presenti ha sottolineato: “La fedeltà al giuramento non deve essere provata solo nei momenti gravi o di pericolo, ma è una testimonianza che viene onorata silenziosamente nelle attività quotidiane, agendo con onestà e lealtà”. 

Obiettivo del corso è stato fornire ai frequentatori gli strumenti di base per un proficuo inserimento nella realtà dell’Esercito, in previsione di un loro futuro impiego in contesti operativi nazionali e internazionali.

In possesso di una professionalità di peculiare interesse per l’Esercito, il personale della Riserva selezionata ha seguito un ciclo formativo di cinque settimane, che ha previsto studi teorici ed esercitazioni pratiche.

Il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito presiede alla formazione di base e avanzata del personale appartenente ai diversi ruoli e categorie della Forza Armata.

Ha alle proprie dipendenze l’Accademia Militare di Modena, la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo, le Scuole militari Nunziatella di Napoli e Teuliè di Milano, la Scuola Lingue Estere dell’Esercito di Perugia, l’80° Reggimento Addestramento Volontari Roma di Cassino e il Centro Studi Post Conflict Operations di Torino, quest’ultimo preposto allo studio, alla ricerca e alla formazione di personale militare e civile, nazionale e internazionale, nei settori della ricostruzione e stabilizzazione.

Fonte e foto: Scuola di Applicazione

CME Puglia: l’Esercito incontra gli studenti

Personale specializzato del Comando Militare Esercito (CME) Puglia, agli ordini del Generale di Brigata Mauro Prezioso, è stato accolto dal sindaco di Latiano, dott Cosimo Maiorano, presso il salone dei congressi del Palazzo di Città a Latiano (Brindisi), per un incontro con gli studenti delle classi terze dell’Istituto Comprensivo Latiano, ha fatto saepre con un comunicato stampa di ieri, 4 ottobre, lo stesso CME Puglia.

Nel corso di tale incontro sono stati illustrati compiti e funzioni delle Forze Armate e le varie prospettive di carriera offerte dall’Esercito: arruolamenti per volontario in ferma prefissata di 1 anno (VFP1), Scuola Allievi Marescialli Accademia Militare di Modena, nonché le modalità di accesso alle scuole militari Nunziatella e Teuliè.

Durante la conferenza, organizzata in sinergia con l’Associazione ex Allievi della Nunziatella, vivo interesse hanno suscitato gli interventi del gen Paolo Fabiano, Presidente regionale dell’associazione, che ha raccontato la sua esperienza di ex allievo, e del magg Mauro Lastella, Capo Sezione Pubblica Informazione del CME, che ha promosso la conoscenza della cultura della Difesa, evidenziando come l’Esercito si riveli una preziosa risorsa per il Paese.

La conferenza di orientamento professionale, tenutasi a Latiano con lo scopo di far conoscere il ruolo svolto dall’Esercito in ambito nazionale e internazionale e, allo stesso tempo, fornire agli studenti le informazioni relative alle opportunità professionali offerte, risulta essere una novità per il territorio, spiega il CME Puglia, in quanto nell’intera provincia non sono presenti Reparti della Forza Armata.

Fonte e foto: CME Puglia

Scuola di Applicazione: tre gli eventi sportivi per la “Primavera di sport a Piazza d’Armi” a Torino

Il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito organizza quest’anno tre eventi sportivi inseriti nel calendario della “Primavera di Sport a Piazza d’Armi”, ha fatto sapere con un comunicato stampa la stessa Scuola.

Domani, sabato 5 maggio, avrà luogo il tradizionale “Trofeo Sportivo Scuola di Applicazione”, giunto alla decima edizione: una vera e propria miniolimpiade che vedrà gli ufficiali della Scuola di Applicazione dell’Esercito confrontarsi in diverse discipline sportive con le rappresentative di atleti civili e di altre Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.

Pentathlon, rugby, mountain bike, scherma, judo, pallavolo, pugilato, equitazione, staffetta nuoto 12×50, torneo di pallanuoto, corsa campestre, staffetta 4×100 – 12×400, tiro sportivo, tiro alla fune e CAGSM (un percorso volto ad addestrare i militari a operare e muovere in presenza di ostacoli) sono le discipline che impegneranno gli atleti.

Le gare si svolgeranno al Centro Sportivo Militare “Cap. Porcelli” (Piazza d’Armi Corso G. Ferraris 200), con inizio alle 09.00 e termine alle 17.30, fa sapere la Scuola di Applicazione.

L’ingresso è gratuito e i più piccoli potranno trascorrere una giornata all’aria aperta nel cuore della città divertendosi con le attività e i giochi per bambini curati dalla Sezione Torinese dell’Associazione Nazionale Alpini.

Nei giorni 18-19-20 maggio avrà luogo il “Concorso Ippico Nazionale A “Memorial Federigo Caprilli”. Anche questo evento si svolgerà presso il Centro Sportivo Militare “Cap. Porcelli” (Piazza d’Armi Corso G. Ferraris 200), con inizio alle 09.00 e termine alle 17.00, fa sapere la Scuola.

L’ultimo dei tre eventi sportivi in programma avrà luogo il 27 maggio con la manifestazione podistica non competitiva “3^ Correndo nelle Caserme”.

Dieci chilometri di tracciato cittadino con partenza e arrivo presso il Centro Sportivo Militare “Capitano N. Porcelli”, percorso che apre le porte ai cittadini di sei storiche caserme torinesi: la “Morelli di Popolo”, sede del Reparto Supporti della Scuola di Applicazione dell’Esercito, il cortile dello storico Palazzo Arsenale, sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, la “Monte Grappa”, sede della gloriosa brigata Alpina Taurinense, la “Caserma Cernaia”, sede della Scuola Allievi Carabinieri, la “Caserma Emanuele Filiberto di Savoia Duca d’Aosta”, sede del Comando Regionale Piemonte della Guardia di Finanza, e la “Caserma Riberi”, sede del Polo alloggiativo del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito.

“Un mese di sana competizione sportiva con gli Ufficiali della Scuola di Applicazione dell’Esercito che, partecipando alle più significative manifestazioni sportive del territorio, consolida l’immagine di una istituzione impegnata nella divulgazione dei fondamentali valori etici e di solidarietà e assume particolare significato anche alla luce del ruolo centrale della preparazione fisica nel percorso formativo degli Ufficiali”, scrive la Scuola nel comunicato stampa.

Il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito presiede alla formazione di base e avanzata del personale appartenente ai diversi ruoli e categorie della Forza Armata.

Ha alle proprie dipendenze l’Accademia Militare di Modena, la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo, le Scuole militari Nunziatella di Napoli e Teuliè di Milano, la Scuola Lingue Estere dell’Esercito di Perugia, l’80° Reggimento Addestramento Volontari Roma di Cassino e il Centro Studi Post Conflict Operations di Torino.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

“Correndo per le caserme” in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito

Teulié: in 72 giurano fedeltà alla Repubblica Italiana

Si è svolta nella mattinata del 23 marzo scorso la cerimonia di giuramento di fedeltà alla Repubblica Italiana degli allievi del 1° anno della Scuola Militare Teulié, ha fatto sapere lo stato maggiore dell’Esercito con un comunicato stampa del 23 marzo stesso.

L’atto solenne, suggellato con la tradizionale formula del “Lo giuro”, è stato rimarcato dalla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), gen Salvatore Farina, del Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito (COMFORDOT), gen Pietro Serino, e delle famiglie degli allievi presenti numerose all’importante evento.

Nel corso della cerimonia, a cui hanno partecipato autorità civili, militari e religiose, il Comandante della Scuola Militare Teulié, col Gianluca Ficca, ha riconsegnato al Presidente del Consiglio comunale di Milano, dott Lamberto Bertolè, il Primo Tricolore simbolo delle “Cinque Giornate”, che proprio quest’anno celebra il 170° anniversario.

Il CaSME, rivolgendosi ai 72 giurandi provenienti da tutte le regioni d’Italia, ha così affermato: “Voi, allievi del corso Masotto III avete la mia personale ammirazione e quella di tutti gli ospiti, le autorità, i concittadini e gli ex allievi qui presenti. A Voi dico siate dei fratelli, aiutatevi oggi, domani e sempre l’un l’altro. Non abbiate paura. Siate orgogliosi e fate proposte, i vostri comandanti vi ascolteranno. Così sarete dei grandi uomini e dei grandi soldati”.

Infine, rivolgendosi ai familiari presenti alla cerimonia, il gen Farina ha aggiunto: “Solo voi sapete quanto è difficile lasciar volare i propri figli come gli uccellini che lasciano il nido e volano da soli. Questo va riconosciuto nella forza, nella volontà e nel coraggio di voi genitori. Grazie di aver avuto questa forza!”

Presenti all’evento il Gonfalone del Comune di Milano, della Regione Lombardia e della Città metropolitana di Milano, i Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, oltre che la gloriosa Bandiera dell’Istituto, decorata di Medaglia di Bronzo al merito dell’Esercito, e centinaia di ex allievi.

La Scuola Militare Teulié, liceo d’élite dell’Esercito, mediante un concorso pubblico, offre la possibilità a tutti i ragazzi e le ragazze che abbiano concluso con esito positivo il secondo anno dei licei classico e scientifico di proseguire il triennio di studi.

È di questi giorni la pubblicazione del bando di concorso per l’ammissione all’anno scolastico 2018 – 2019, ricorda il comunicato stampa dell’Esercito.

La scuola garantisce una vasta e profonda preparazione particolarmente attenta al completamento di tutti i programmi didattici previsti dal MIUR includendo nel percorso formativo discipline che favoriscono il processo di formazione etico – morale, culturale e fisica degli allievi mediante l’applicazione di un codice di comportamento ispirato alle regole militari.

La trasversalità della cultura militare è presentata agli allievi come piattaforma educativa sulla quale s’innestano valori e conoscenze necessarie allo sviluppo di competenze che saranno spendibili in qualsiasi ambito.

Articoli correlati:

La Teulié in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: PI SME

CESIVA: mission, compiti e l’esclusivo patrimonio culturale nella visita degli allievi della Teuliè

Si conferma punto di riferimento per la simulazione addestrativa e la formazione il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA) di Civitavecchia.

Dal 29 gennaio al 4 febbraio scorso, il Centro ha ricevuto gli allievi della Scuola Militare Teuliè che, nell’ambito delle attività d’istruzione, sono stati ospiti del CESIVA per conoscerne mission, compiti e patrimonio storico-culturale.

Nel dettaglio, spiega lo stesso CESIVA in un comunicato stampa odierno, sono stati ospitati nel Centro gli Allievi del primo anno del corso “Masotto III” della Scuola Militare Teuliè di Milano.

Dopo aver presenziato alla cerimonia dell’alzabandiera nella mattinata del 29, gli allievi hanno incontrato il vicecomandante del Centro, il gen Manlio Scopigno, per i saluti di benvenuto.

Hanno poi preso parte a un briefing sui compiti del CESIVA tenuto dal Capo Ufficio Programmazione addestrativa e Coordinamento (PAC), col Flavio Lauri, nel quale è stato evidenziato il ruolo primario, in ambito della Forza Armata, del Centro in materia di simulazione addestrativa Live, Constructive e Virtual e nell’approntamento dei posti comando, degli staff e delle unità destinate all’impiego fuori del territorio nazionale.

Al termine dell’incontro, gli Allievi sono stati condotti dal direttore della Biblioteca, il ten col Simone Franchetti, ai siti storici d’immenso valore culturale presenti presso la caserma Giorgi di Civitavecchia.

Il tour è iniziato proprio dalla Biblioteca, all’interno della quale sono custoditi oltre 100.000 volumi di storia, letteratura, scienze naturali e applicate, geografia, lingue straniere, materie prettamente militari e libri attinenti a tante altre discipline, compresi i quattro Incunaboli del 1.400, i cinquantatré volumi del 1.500 e i 95 del 1.600.

Successivamente è stata la volta del Museo storico, dove i giovani allievi hanno potuto ammirare il Sacrario e le tre sale nelle quali sono custoditi la memoria e i documenti di oltre 140 anni di storia.

Il tour si è quindi concluso con la visita delle antiche Cisterne romane, scoperte nel 1987 dall’archeologo civitavecchiese Ennio Brunori.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

La Teuliè in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

Scuola Sottufficiali Esercito: inaugurazione congiunta Anno Accademico per gli istituti e le scuole militari. Le foto

Al rintocco della Campana del Dovere ha preso il via ufficialmente l’Anno Accademico 2017/2018 per tutti gli istituti di formazione dell’Esercito Italiano, fa sapere la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo con un comunicato stampa del 24 novembre.

La cerimonia si è svolta nella mattinata di venerdì scorso nell’aula Magna della caserma Soccorso Saloni, sede della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), gen Danilo Errico, e del Magnifico Rettore dell’Università degli Studi della Tuscia, prof Alessandro Ruggieri.

Alla cerimonia era presente una folta rappresentanza degli allievi della Forza Armata, unitamente a numerose autorità civili e militari, tra cui il dott Antonio Sabino, Procuratore Militare della Repubblica, il Prefetto della Provincia di Viterbo, dott Giovanni Bruno, il Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, gen Pietro Serino, e il Sindaco della città di Viterbo, ing Leonardo Michelini.

Il gen Errico, rivolgendosi agli allievi, li ha esortati ad affrontare ogni sfida preparandosi a essere i futuri Comandanti dell’Esercito Italiano.

“Ci saranno situazioni – ha affermato il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito – in cui dovrete essere in grado di interagire, con flessibilità e intelligenza. Un compito in cui noi italiani ci siamo sempre distinti quali interpreti di un approccio di successo: la famosa via italiana che ci ha garantito grandi risultati e unanime apprezzamento da parte della comunità internazionale”.

I suggestivi tre rintocchi della Campana del Dovere hanno un altissimo valore simbolico negli Istituti di Formazione dell’Esercito, spiega il comunicato della Scuola: “suggellano il momento solenne, richiamando tutti i frequentatori alla responsabilità e all’impegno assunto nei confronti dell’Istituzione a ricordo di tutti coloro i quali, nel rispetto del giuramento prestato, hanno sacrificato la vita per il bene dell’Italia”.

Durante la cerimonia sono stati premiati gli Ufficiali e gli allievi frequentatori primi classificati per merito complessivo al termine del 1° anno di corso nei vari Istituti.

Il prof Ruggieri ha evidenziato come, nell’ambito della decennale collaborazione dell’Ateneo con l’Esercito Italiano, alla luce del continuo e costante processo di innovazione tecnologica, sia importante “la sinergia tra le due Istituzioni per garantire una didattica che possa offrire, sempre, una preparazione non solo culturale ma anche tecnica, fondamentale per saper affrontare le sfide future”.

Il CaSME ha dichiarato ufficialmente aperto l’Anno Accademico/Scolastico 2017-2018 in collegamento video con tutti gli Istituti militari della Forza Armata: la Scuola di Applicazione di Torino, l’Accademia Militare di Modena, la Scuola di Lingue Estere dell’Esercito di Perugia e le due Scuole militari, Nunziatella di Napoli e Teulié di Milano.

Il gen Serino, al quale il CaSME ha affidato la responsabilità della Formazione dal 1° febbraio 2017, si è rivolto ai giovani allievi sottolineando come “l’inizio di un nuovo Anno Accademico rappresenti, oggi, un importante valore aggiunto, laddove il mondo universitario e della formazione sono chiamati a confrontarsi con una realtà estremamente dinamica, in continua evoluzione”.

“Gli Istituti di Formazione dell’Esercito, seguendo un iter formativo sviluppato coniugando una didattica di livello scolastico e universitario con un’intensa attività ginnico-sportiva, unitamente a un impegnativo programma di attività militari, hanno il compito di preparare, accrescere e consolidare, nei frequentatori, i valori che caratterizzano il militare, quali onore, lealtà, coraggio, senso del dovere, fedeltà alle Istituzioni, conclude il comunicato.

Articoli correlati:

Esercito: alla Scuola Sottufficiali inaugurazione Anno Accademico congiunta per istituti di formazione e scuole militari (20 novembre 2017)

Fonte e foto: Scuola Sottufficiali dell’Esercito

 

Scuola di Applicazione: al via la Una Acies 2017, 1.600 i militari coinvolti fino a fine luglio su tutta la penisola

Inizia oggi, 30 maggio, l’esercitazione congiunta Una Acies 2017, fa sapere la Scuola di Applicazione dell’Esercito.

Durerà fino alla fine di luglio e vedrà 1.600 militari dell’Esercito addestrarsi contemporaneamente in varie località del Friuli Venezia Giulia, Valle d’Aosta, Lazio e Puglia, si apprende.

Organizzata dal Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito sotto la supervisione del  Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito (COMFORDOT), Una Acies 2017 ha lo scopo di consolidare e standardizzare la preparazione degli Allievi Ufficiali dell’Accademia Militare di Modena, degli Allievi Marescialli della Scuola Sottufficiali di Viterbo, degli Ufficiali della Scuola di Applicazione di Torino, degli Allievi delle Scuole militari Teulié (Milano) e Nunziatella (Napoli).

Grazie al qualificato contributo di unità e specialisti provenienti dalle diverse unità della Forza Armata, l’esercitazione costituisce una importante occasione di crescita professionale per i futuri quadri dell’Esercito addestrati “in un’unica schiera”.

Tra le attività “pianificate e condotte nel pieno rispetto dell’ambiente”, sottolinea il comunicato stampa, sono in programma tiri con armi individuali, combattimento nei centri abitati, elitrasporto tattico, tecniche alpinistiche con ascensione al Gran Paradiso, lancio con paracadute, tiri di artiglieria, tecniche di pronto soccorso e esercizi di orientamento topografico.

Di particolare interesse i momenti di approfondimento culturale nei diversi luoghi simbolo della storia militare italiana ubicati al nord, al centro e al sud della Penisola.

L’esercitazione prevede anche numerose occasioni di incontro con la popolazione e rappresenta per i più giovani l’opportunità per avvicinarsi all’Esercito anche con la prospettiva di una futura scelta lavorativa.

“Una Acies 2017 consentirà infine ai numerosi militari provenienti da tutta Italia di apprezzare lo straordinario patrimonio culturale, artistico e naturalistico delle quattro regioni interessate dall’esercitazione”, conclude la Scuola di Applicazione.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto d’archivio: Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito

Teulié, Esercito: in 72 giurano fedeltà alla Repubblica

“Oggi – fa sapere un comunicato stampa odierno, 24 marzo, dell’Esercito Italianosettantadue Allievi, 43 ragazzi e 29 ragazze, del 1° anno della Scuola Militare Teuliè hanno giurato fedeltà alla Repubblica Italiana alla presenza del Sottosegretario alla Difesa, Onorevole Domenico Rossi, del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico e del Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino”.

All’evento hanno partecipato autorità civili, militari e religiose oltre ai familiari degli allievi protagonisti della giornata.

Nel corso della  cerimonia, il Comandante della Scuola Militare Teuliè, col Gianluca Ficca, ha riconsegnato all’Assessore alla Trasformazione digitale e servizi civici di Milano, professoressa Roberta Cocco, il Primo Tricolore che sventolò durante le storiche Cinque Giornate di Milano.

“La nostra società accusa principalmente una crisi di valori etici e morali”, ha detto il Sottosegretario di Stato alla Difesa on Rossi nel suo intervento rivolgendosi agli allievi della Scuola, “voi che alla vostra età avete fatto una scelta, siete la risposta a questa crisi. Siate dunque portatori di germi sani di cui la società ha bisogno per avere un futuro migliore”.

Dopo aver rivolto un pensiero di vicinanza alle vittime del recente attentato a Londra, il Sottosegretario Rossi ha concluso esortando gli allievi a “non aver paura di perseguire i propri sogni e ideali, rimanendo sempre fedeli, nella vita, al giuramento prestato”.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, durante il suo intervento, rivolgendosi agli allievi, ha sottolineato come “con il giuramento che avete appena proferito vi siete assunti un impegno che vi lega al rispetto di valori quali: onore, disciplina, costanza, lealtà e senso del dovere e dell’appartenenza, che si perpetueranno in ogni espressione della vostra esistenza e che costituiscono, da sempre, il patrimonio etico di quanti indossano un’uniforme e di ogni cittadino degno di questo nome”.

Presenti anche i Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, il Gonfalone del comune di Milano, della Regione Lombardia e della città metropolitana di Milano oltre che la gloriosa Bandiera dell’Istituto, decorata di Medaglia di Bronzo al merito dell’Esercito, e centinaia di ex allievi.

La Scuola Militare Teulié, liceo d’élite dell’Esercito Italiano, mediante un concorso pubblico, offre la possibilità a tutti i ragazzi e le ragazze che abbiano concluso con esito positivo il secondo anno dei licei classico e scientifico di proseguire il triennio di studi.

È proprio di questi giorni la pubblicazione del bando di concorso per l’ammissione all’anno scolastico 2017-2018 (link articolo in calce).

La scuola garantisce una vasta e profonda preparazione particolarmente attenta al completamento di tutti i programmi didattici previsti e nel contempo includendo nel percorso formativo diverse discipline sportive, tra cui l’equitazione, il nuoto e la scherma.

L’elemento che caratterizza maggiormente gli allievi formati dall’istituto sono i valori etici e morali propri dei militari dell’Esercito Italiano, che attualmente garantisce un impegno complessivo di circa 12.000 uomini e donne quotidianamente presenti sul territorio  nazionale nell’ambito delle operazioni Strade Sicure e Sabina, circa 8.000, oltre che all’estero nell’ambito delle principali missioni con circa 4.000 militari.

Articoli correlati:

La Teulié in Paola Casoli il Blog

Nunziatella e Teulié: al via il concorso per l’ammissione di 160 allievi alle Scuole Militari dell’Esercito, info CME Abruzzo (24 marzo 2017)

Fonte e foto: Esercito Italiano

Nunziatella e Teulié: al via il concorso per l’ammissione di 160 allievi alle Scuole Militari dell’Esercito, info CME Abruzzo

“Il 17 marzo è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ( 4^ Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.21 del 17-3-2017)  il concorso per l’ammissione di 160 Allievi alle Scuole Militari dell’Esercito “Nunziatella” di  Napoli e “Teuliè” di Milano per l’anno 2017”, fa sapere il Comando Militare Esercito (CME) Abruzzo con un comunicato stampa del 20 marzo.

I posti sono così ripartiti:

1)         “Nunziatella” di Napoli:

             –  3° Liceo Classico: posti 32;

             –  3° Liceo Scientifico: posti 48;

      2) “Teulè” di Milano:

             –  3° Liceo Classico: posti 32;

             –  3° Liceo Scientifico: posti 48.

“Per l’accesso alle Scuole Militari, veri college all’avanguardia per la formazione,  è richiesta (con riserva di presentazione), sia nel caso del liceo classico che di quello scientifico,  l’ammissione al 3° anno”, specifica il comunicato.

Durante i tre anni di studio sono previsti, oltre ai normali programmi tipici dei due licei, anche  addestramento militare, tanto sport e un corso intensivo di inglese con stage estivo in Inghilterra. Presso le Scuole Militari sono  a disposizione degli allievi laboratori scientifici, biblioteche, aule di informatica e  multimediali per le lingue straniere, palestre, saloni da ballo e sale per il tempo libero.

La domanda di partecipazione può essere presentata, dal 18 marzo al 18 aprile 2017, esclusivamente on-line sul sito www.esercito.difesa.it.

Per maggiori informazioni gli interessati possono rivolgersi al  Comando Militare Esercito Abruzzo – Ufficio Reclutamento e Comunicazione presso la Caserma G. Pasquali sita in L’Aquila all’indirizzo SS.80 n.1. I recapiti sono: tel. 086225345 o 0862412552 (centralino) interno 0211, e-mail: casezpipr@cmeaq.esercito.difesa.it  o  infoconcorsi@cmeaq.esercito.difesa.it

Articoli correlati:

Nunziatella e Teulié in Paola Casoli il Blog

Il CME Abruzzo in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto (d’archivio): CME Abruzzo