Usa

Stati nordici più uniti contro la minaccia russa: intelligence e cooperazione con Stati baltici a difesa dell’Artico

20150410_Aftenposten Norvegia_i cinque ministri nordiciFarsi trovare pronti per ogni emergenza: questo il motto che unisce la Difesa dei cinque stati nordici Danimarca, Finlandia, Norvegia, Svezia e Islanda. Niente di nuovo in tema di quella solidarietà e cooperazione che unisce il nord in una intesa di lunga data se non fosse che ora, di fronte alle nuove sfide internazionali, “i cinque” hanno deciso di andare ben oltre.

Così, come riporta un articolo del quotidiano norvegese Aftenposten di venerdì 10 aprile, una cooperazione militare più forte, ed estesa anche agli Stati baltici, è stata siglata in forma di una vera e propria dichiarazione quale diretta risposta all’aggressività manifestata dalla Russia, scomodo vicino delle nazioni nordiche, come spiega sin dalle prime righe il documento.

I firmatari dell’accordo sono: Ine Eriksen Søreide, ministro della Difesa della Norvegia; Nicolai Wammen, ministro della Difesa della Danimarca; Carl Haglund, ministro della Difesa della Finlandia; Gunnar Bragi Sveinsson, ministro degli Esteri dell’Islanda; Peter Hultqvist, ministro della Difesa della Svezia.

Dal documento, pubblicato dal quotidiano di Oslo, emerge la chiara volontà di condurre insieme più attività esercitative e di scambiare più informazioni, per non farsi cogliere di sorpresa dalle emergenze che dovessero delinearsi in ambiente terrestre, navale e aereo nell’area baltica, scandinava e, soprattutto, artica.

Ma i concetti chiave della cooperazione non vertono solo intorno a un incremento del numero di esercitazioni da svolgere insieme, bensì anche a una più stretta collaborazione industriale, in particolare in ambito Difesa, e allo scambio di informazioni di intelligence, oltre al trattamento di materiale cyber in piena cooperazione.

Interesse nei confronti di questo accordo è già stato manifestato sia da paesi europei, quali Polonia, Olanda, Germania e Gran Bretagna, attratti da questo concetto di cooperazione estesa nell’ambito della Difesa; sia dagli Stati Uniti, che a fine maggio condurranno quasi certamente insieme con le Forze Armate dei paesi nordici l’esercitazione Arctic Challenge, di previsto svolgimento in territorio norvegese e svedese.

Ci si aspetta infatti che gli USA prendano parte all’esercitazione di primavera con un considerevole numero di caccia F-16 basati nel Regno Unito, secondo quanto riferisce Aftenposten, citando contestualmente il commento della professoressa Janne Haaland Matlary, consigliere del ministro della Difesa norvegese: “Va tenuto conto del fatto che ci saranno reazioni negative da parte russa, e comunque ciò non andrà enfatizzato”.

“Due anni fa – ricorda Haaland Matlary – la Norvegia aveva dato avviso alla Russia dell’esercitazione Joint Viking nel Finmark, contea al confine con la Russia [all’estremo nord del paese, ndr], prevista nel 2015: questo bastò a determinare una dura reazione verbale dai vertici di Mosca”.

Intanto dall’Aftenposten si apprende che l’unione siglata dai “cinque” non intende sostituirsi alla Nato e che gli stati firmatari non sono obbligati a combattere gli uni per gli altri, ma di certo l’accordo costituisce una più credibile deterrenza, da raggiungere attraverso un maggior numero di impegni e di esercitazioni militari, specialmente in Lettonia e nella regione del Finmark, attività che si sono rese “assolutamente necessarie”.

L’obiettivo è raggiungere una preparazione specifica per poter operare in quelle particolari aree del pianeta, dove solo chi si è addestrato nel peculiare ambiente nordico può contare di far fronte all’impegno. È il motivo per cui già la Svezia e la Finlandia si stanno spostando verso nord per i loro addestramenti.

Articoli correlati:

Il concetto di VJTF NATO in Paola Casoli il Blog

La Russia in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Aftenposten

Space Race Propaganda: USA vs URSS. A matter of posters

By Giovanni Pallotta

Today it is impossible to think of any scientific discovery that is not communicated via  Internet.  In this manner, millions of scientists and science-lovers are made aware of discoveries and new conquests almost live, with the use of videos that are ready to show in minute detail the latest developments in every scientific sector.  As we well know, mankind has not always been this fortunate in terms of communications and often scientific discoveries were made available only to small groups of elite scholars, who in any case were never updated immediately.  Paradoxically speaking, sometimes the diffusion of the discovery was more complicated than the discovery itself, physical distances and language barriers were sometimes the most difficult obstacles to overcome.

The event that marked the turning point  in the field of scientific communications took place during the so-called, “Space Race,” in other words that particular historic moment that coincided with the imposing development of human knowledge regarding space and celestial bodies. The “Space Race” was seen not only as a genuine quest for knowledge, but it soon became a “battlefield” of ideologies between the two superpowers  at that time to emerge at the end of World War II:  the United States of America and the Union of the Soviet and Socialist Republic.  A true and authentic scientific war fought on two fronts: scientific progress on one hand and the communication of such accomplishments on the other hand.  Both Washington, D.C. and Moscow tried in every possible way to boldly proclaim the scientific achievements of their own nation.  We can say that the posters which announced such scientific achievements played a very significant role in communications before the advent of television.

In order to understand the importance of the “Space Race,” it is necessary to place ourselves in the historical  and political context following World War II.  In 1945, the Americans having dropped atomic bombs on Hiroshima and Nagasaki, decreed the end of the Second World War and showed the whole world their immense military and above all scientific supremacy.  On the other hand, the Soviets, did not waste time  and immediately started an impressive  scientific research programme which led to creation of the first Soviet atomic bomb, thanks to the “collaboration” with Nazi scientists and the theft of American knowledge and documents.  The knowledge of the fact that the “Atomic Bomb” formulas were also in the hands of the Soviets caused a great feeling of panic among the Americans who subsequently decided to increase their production of nuclear arms. In this manner, the two world superpowers began a constant escalation of  nuclear arms that brought about the accumulation of enormous nuclear arsenals, with the force to cause terrible damage to the whole world. Once the projects regarding nuclear arms were completed, the attention on military strategies inevitably moved towards gaining knowledge on the place/places to launch atomic weapons.  So with the passing of time, it became more and more necessary to learn  about outer space, seen as an area for military manoeuvres and experiments of utmost importance.  A need for to learn about outer space also led to the construction of better built and more powerful atomic arms.  From this military starting point , research was also conducted that enabled man to conquer space. The USSR was the first nation to send man into space. In 1961, Yuri Gagarin on the spaceship Sputnik was the first man to go into orbit around the Earth. It took the  United States eight  years to match and pass the Soviet move, so in 1969 in the spaceship called Apollo 11, Neil Armstrong was the first man to land on the Moon.  The battle between the two superpowers regarded not only scientific supremacy but also ideological and communicative dominance.  Differences in terminology immediately emerged, for example the Soviets preferred the term, “Cosmonaut,” while the Americans coined the work, “Astronauts.” This may appear as a subtle lexical variation, but it actually underlines the deep ideological differences that separated the two blocs.

The communications departments from both the Soviet and the American blocs worked just as hard as the scientific research teams to announce to the rest of the world the progress that each side had been making in the Space Race.  Many different means of communications were used.  The Americans were actually able to broadcast Neil Armstrong’s historical landing on the Moon live, thus forever changing the concept and procedure of how events would be transmitted  in the future.  Even though, television broadcasting was the most obvious means in this subtle war of communications.  Exchanges also took place using other means, such as press releases issued from the various press agencies and most insidiously through the use of posters which were tangible proclamations that announced the various scientific developments that were taking place on both parts.

The Soviets, confident due to the fact that they had been the first to send a man into space took  a  psychological advantage of their supremacy by using very aggressive forms of communications towards the Americans.  However, it is interesting to note that the counter attacks by the United States and the National Aeronautics Space Agency (NASA) were just as strong.

In the poster n.1,  the public could see that the globe (recognizable by the meridians and parallels designed), surrounded by outer space (understood by the representation of many stars). In the foreground, we see the triumphant pose of a gigantic Soviet cosmonaut announcing Soviet power and supremacy.  It is interesting to focus on the cosmonaut’s expression- it is not a look of neither joy, nor awe nor incredulity but it is one of a person who knows and recognizes his own strength and power. He is not smiling; he is simply telling  the world that he knows that the mission that had been set by the Soviets has been accomplished and that the Soviet bloc is ahead of the Americans. We can say that he is gloating about his country’s accomplishments. In this context, the point is clear, starting with the symbol of the Communist party , in other words the hammer and the sickle that stand out in the image. The two symbols emerge in the Cosmonaut’s taut muscles which underline the strength of the Russian people, who with their predominance will take Communism to heights that had never been reached before that moment; making it a type of world symbol (if we look carefully, we can see that the two symbols were placed ABOVE the earth and this was done with purpose).  The image is then completed with  a caption in Cyrillic that encompasses the world which states, “long life to the Soviet population, the space pioneers!”  The message that Soviet opinion makers wanted to diffuse was very clear; the presence of Yuri Gagarin in orbit was not his own personal victory  nor was it the victory of the scientific team that worked on the project, but it was the victory of the whole Soviet population.  Upon a closer look at the poster, it is important to reflect on the cosmonaut’s face.  He cannot be recognized, he does not depict a specific person, but he represents the whole community of the Soviets that has imposed its scientific discoveries on the rest of the world.

The Soviet propaganda machine however, could be even more straightforward.  The second poster was issued on the third anniversary of the Sputnik launch and it shows a Sputnik (soviet spaceship whose propulsion comes from the symbol of the regime, the ever present hammer and sickle). The spaceship leaves behind a “hot spot” which we presume is well-known and recognized and it propels itself with great arrogance towards the unknown world of outer space.  The writing or caption, in cursive Cyrillic script states, “We were born to make your dreams come true.” The dreams that the poster cites seem quite obvious, in other words the conquest of outer space. However, upon a closer look, we can interpret the caption in another way, in other words, the dream of uniting the world under the command  of Communism[1].  So we can say that the missile does not depart from a specific geographical area but from an indistinct orange-colored mass, that represents the planet Earth.  Above the Earth we find the rising imperial and imposing symbol of Communism itself, projected towards a new era and towards a new future after having resolved the conflicts on the planet Earth, making it a safe and peaceful place to live.

After suffering such an affront, the Americans commenced their counter-attack.  It began with President, John F. Kennedy’s speech in 1962 where he declared:  “We choose to go on the moon in this decade and do the other things, not because they are easy, but because they are hard, because that goal will serve to organize and measure the best of our energies and skills, because that challenge is one  that we are willing to accept, one we are unwilling to postpone, and one which we intend to win, and the others, too.”[2]

Obviously, following Kennedy’s speech, NASA knew that they could no longer make any mistakes and succeeded in the feat that represented the apex of the so-called “space race,” in other word, putting man on the Moon.

This time it is the Americans turn to issue a victory poster. The message that the  American poster  represents their supremacy over the Soviet forces, who had failed in their endeavor.  As we can see in poster number 3, the image celebrates Man’s landing on the Moon.   We immediately note the aggressiveness of the image. The three astronauts are standing in a warrior-like position after winning  a victory on a battlefield; two of them are holding rifles, while the third one is engaged in planting the American flag on lunar soil, obviously after having removed and ripped up the Soviet banner.  In the distance, we can see the Earth and we can clearly identify the North American continent, the homeland of the victorious soldiers involved in the fight against Communist forces.  There is no need to interpret the caption as it is self-explanatory, clear and highly aggressive towards the Communists.  The Moon must be saved from Communist threat and in order to do this, the only solution is the presence of the invincible US SPACE MARINES.   In the poster, we can almost feel the United States pride, the  flying flag is the perfect testimonial in the fact that the nation was able to win forever the scientific battle against the enemy.  It represents a county that is ready to fight its enemy on any field and in any sector especially when the nation’s superiority is questioned.  Adversaries are eliminated without any mercy.  To continue the parallelism between American and Soviet propaganda (communications) it is also correct to take into consideration the commemorative poster of the 1969 accomplishment, as we looked at the Sputnik success in an earlier paragraph of this paper.

Poster number 4 represents the final results of the concepts previously stated in poster number 3, in other words, in the long run, the United States always win.  This poster is highly significant, in the background we can see the waving American flag, while in the foreground we can see six figures, in the right we can see one of the American founding fathers recognizable from his style of clothing and hairstyle, telling the viewer that America’s past is a vital part of the country’s present.  In the lower left-hand corner, we can see young people and children that represent America’s future; it is important to highlight that among the children there is a black child, that exemplifies the fact that the United States is the land of opportunity for all.  In the center we see the States’ present, in other words the country’s victory in the “Space Race.” A soldier is shown saluting the flag.  All the figures are gazing upwards in a trusting way, aware of the fact that the nation’s future will be full of glory and victory in the eternal battle against the forces of evil, that is to say the Soviet forces.  It is a poster that makes a strong impact on viewers, there is no need for a caption as we saw in the previous three posters that we took into consideration and analysis.  This poster shows the majesty, the power and the history of the Nation, without wasting time to give explanations that  in any case would appear superfluous. In order to understand what the United States represent, the viewer only needs to look at the Nation’s flag, past,  present and  future in its most splendid form.

Having given a brief analysis of the various images, we can now look at analyzing the similarities and differences between them.   First of all, both the American and the Soviet posters are characterized by a heavy use of political symbols: the hammer and sickle on one hand and the Stars and Stripes on the other.  Both emphasize the main characters involved in the Space Race, in other words the astronaut or in Soviet terms, the cosmonaut.

Let’s now look at some differences, for the Russians, the cosmonaut represents the population (the face is unrecognizable), for the Americans the astronaut is a part of society, in other words, a warrior who has been called upon to fight in a war for scientific and technological supremacy.  Hidden behind this initial observation is the basis in itself for the ideological differences between the two super powers.  On one hand, man is seen in his totality and therefore a metaphor of his nation which is united in imposing its scientific  knowledge on others.  While on the contrary, the Americans give importance to the individual, first seen as a warrior and then as an example for future generations.

At a first glance, what appears to be a slight difference actually sums up eloquently the main differences of the opposing ideologies.  Another difference that emerges regards the use of colors and light/shadow images.  In the Soviet posters the image is clear, surrounded by celestial obscurities, almost underlying the efforts made by the Russians to guarantee their cultural superiority.  However, in the American posters, brilliant colors (reds, oranges and blue) are used to recall the feeling of celebration to underline the Americans pride in obtaining their victory and their first step on the Moon.

In conclusion, each nation tried to assert its supremacy using every available means.  In particular, communications and mass media were the best method to make any message readily widespread.  Through the use of posters that concentrated on the “Space Race,” both the Soviets and the Americans also wanted to diffuse not only their scientific advancements, but to also communicate their ideological differences.  This means of communications  was extremely effective in a period spanning from the late 1950s to the early 1970s when diffusing a message was so much more complex than it is today.  Posters were immediate and clearly delivered their message using symbols that were readily understood by millions. In today’s face paced communications industry, those posters would have very little influence or impact, but at that time in history they were the most efficient and effective means of conveying the countries’ messages, both in terms of scientific discovery and above all in terms of ideologies.

Giovanni Pallotta


[1] The exporting of Communism in the world is the main aim of Soviet policy since
the days of Trotsky (1879-1940)

[2] John F. Kennedy, Speech at Rice University, Houston, September 12, 1962

Foto: il Pianeta Terra è del Telegraph, le lmmagini dei poster sono state fornite dall’autore

Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente, M.Antollovich/13

By Marco Antollovich

Cap 2: Gli Stati Uniti in Georgia.Una democrazia di comodo

L’occidentalizzazione della Georgia doveva tuttavia avere una base ideologica: la democrazia. Si tratta però di un espediente che molti autori trovano semplicemente funzionale alla politica di espansionismo statunitense e di allargamento della NATO.

Un caloroso discorso di George W. Bush spiegava infatti che: “Dalla Rivoluzione delle Rose nel 2003, il popolo georgiano ha tenuto delle libere elezioni, ha spianato la strada ad una crescita economica e ha costruito le fondamenta per una democrazia prospera”.

Il fatto che uno studio di Reporter Senza Frontiere abbia constatato un peggioramento nella libertà di stampa, facendo slittare la Georgia dal 73° al 93° posto dal 2003 al 2005 e che l’opposizione abbia accusato Saakashvili di clientelarismo, corruzione e autoritarismo è stato a lungo trascurato dalle cancellerie occidentali.

Anche la definizione stessa di “elezioni libere” sembrava stridere con gli avvenimenti reali: il filo-occidentale e democratico Saakhasvili, sebbene fosse stato eletto con una maggioranza quasi bulgara di voti nel 2003 (97,4) anche se in realtà nel 2003 Saakashvili era l’ uomo del momento, un leader carismatico, la figura chiave della “Rivoluzione delle Rose”; mancava in Georgia una vera opposizione, nè un possibile rivale per il futuro presidente, alle presidenziali del 2008 aveva vinto sì alla prima tornata elettorale, ma con un 53,47% di voti, accompagnato da accuse di brogli da molti osservatori internazionali.

Ciò che contava per l’Occidente erano altri avvenimenti, di minor importanza forse, ma che testimoniavano l’esistenza di una Georgia molto vicina all’Europa e agli Stati Uniti: una delle strade più importanti di Tbilisi era stata nominata George W. Bush Avenue in seguito alla visita del presidente nel 2005 e Saakashvili aveva dato inizio alla costruzione del nuovo palazzo presidenziale costruito da un architetto italiano su modello della Casa Bianca a Washington. Il fatto che fosse costato 12 milioni di lari, circa lo 0,2 % dell’intero budget statale non venne nemmeno menzionato.

Nel 2008 i principali partner commerciali di Tbilisi erano ormai tutte potenze regionali che avevano scavalcato la Russia, diminuendo l’influenza che Mosca aveva avuto sulla Georgia di Shevardnadze: Turchia, Azerbaigian, Ucraina e Germania avevano infatti declassato la Russia al quinto posto.

Come sottolinea Julien Zarafiran nel suo testo “Les Etats-Unis au Sud Caucase postsovietique” “Non si è più davvero sicuri che gli Stati Uniti sostengano qui la “democrazia” che trova difficoltà ad affermarsi appieno in Georgia. Loro sostengono piuttosto uno stato, grazie al quale la promozione della democrazia ha permesso un avvicinamento significativo e che è diventato un alleato”.

La decisione americana di adottare una politica di “soft power” nel Caucaso sarà solo il primo passo verso una politica di “hard power”. Come già analizzato precedentemente, il neonato esercito georgiano non era stato in grado di riaffermare lo status quo pre-1989 nelle regioni secessioniste, né tantomeno sarebbe stato in grado di contrastare un attacco russo, nell’eventualità (non troppo remota) in cui gli attriti tra Mosca e Tbilisi fossero degenerati in un conflitto aperto.

Oltre al sostegno economico in aiuto all’ideale democratico, giunsero in Georgia contributi altrettanto generosi per il rafforzamento della Difesa georgiana.

Cosa cercavano gli USA nell’alleato georgiano?

Un esercito forte avrebbe permesso a Saakashvili di ottenere un maggiore consenso interno, facendo leva sulla possibilità di attaccare le due regioni (ormai dichiaratesi indipendenti) e riportarle sotto il controllo di Tbilisi.

La formazione di battaglioni addestrati dalle truppe americane nella lotta contro il terrorismo internazionale avrebbe potuto ridurre le accuse di incompetenza (rivolte dai Russi) dell’esercito georgiano per quanto concerneva il controllo dei confini nella vallata del Pankisi.

I migliori reparti dell’esercito georgiano sarebbero stati mandati in Iraq e Afghanistan, avvicinando sempre più la Georgia alla  NATO.

Un ammodernamento radicale dell’esercito avrebbe implicato un acquisto massiccio di nuovi armamenti statunitensi, israeliani e, in seguito, ucraini.

La Georgia cominciò a ricevere aiuti americani già dal 1994 attraverso l’“International Military Education Training” volto appunto ad addestrare il neonato esercito georgiano, ricevendo 2,5 milioni di dollari dal 1994 al 2001 solo attraverso questo programma. In totale, nello stesso periodo, i fondi americani stanziati per un miglioramento della difesa georgiana ammontano a più di 40 milioni di dollari.

La crisi successiva alla guerra in Cecenia portò gli Stati Uniti a compiere un ulteriore passo: attraverso il “Train and Equip Program”, dal 2002 al 2004, l’invio di istruttori dell’esercito statunitense in Georgia fu accompagnato dalla vendita di autovetture, camion (circa 150), pezzi di ricambio per aerei da guerra, munizioni, carburante, divise e strumentazione radio.

Ben 150 milioni di dollari vennero stanziati in 12 anni attraverso il “Georgia Border Security and Low Enforcement”, una soluzione-escamotage volta ad addestrare le truppe georgiane senza che ciò potesse formalmente costituire una minaccia per Mosca: il programma infatti mirava a rafforzare il controllo sulle regioni di confine a Nord della Georgia, bloccando l’attività di contrabbando transfrontaliera e dichiarando guerra al terrorismo internazionale. Aumentando i controlli nella vallata del Pankisi, Georgia e Russia appianavano le divergenze d’opinione sulla questione cecena, dal momento che Tbilisi stessa si era impegnata a fronteggiare i ribelli ai confini.

Forte dei contributi ricevuti, la Georgia si impegnò, sia con Shevardnadze che con Saakashvili, a partecipare alle missioni NATO, fornendo un contributo non trascurabile.

Nel 1999 la Repubblica Georgiana prende parte alla missione in Kosovo, mettendo a disposizione circa 150 uomini raggruppati in reggimenti tedeschi e turchi. L’impegno si sarebbe fatto progressivamente maggiore durante la guerra in Iraq: dal 2003 al 2008 sarebbero stati impiegati quasi 4000 soldati georgiani, che avrebbero costituito la terza forza numerica dopo Stati Uniti e Regno Unito.

Durante la missione ISAF in Afghanistan lo spazio aereo georgiano venne aperto alla NATO, causando non pochi attriti con la Russia, e Tbilisi firmò il “Partnership Action Plan on Terrorism”, fornendo un contributo ufficiale alla lotta al terrorismo.

Nel 2012 la Georgia sarà il primo paese non NATO, in quanto a numero di soldati in campo, con ben 1685 uomini.

A fronte degli sforzi militari compiuti in supporto delle forze NATO, nel 2005 la Georgia firmò con la NATO un Piano di Azione Individuale (MAP) nella speranza di essere totalmente integrata come membro della struttura Nord Atlantica.

Nonostante la forte pressione degli Stati Uniti, al summit di Bucarest del 2008 né la Georgia né l’Ucraina riuscirono a ottenere il riconoscimento come membri.

Non bisogna trascurare infatti il ruolo di Francia e Germania sia come potenze NATO sia come partner commerciali della Russia. Una presa di posizione troppo marcata, con l’entrata delle due repubbliche all’interno dell’Alleanza, avrebbe potuto compromettere i rapporti con Mosca.

Il fallimento del Summit di Bucarest avrebbe avuto conseguenze dannose sia per la Georgia, che per gli Stati Uniti: un processo di cooperazione economica e militare durato più di un decennio subiva una brusca battuta d’arresto che rischiava di rovinare le relazioni tra i due stati e di lasciare esposta la Georgia, ormai considerata alleato statunitense,a dure ripercussioni russe.

E’ importante considerare che il cambiamento della politica estera russa con Putin rendeva la Georgia un bersaglio vulnerabile: Saakashvili aveva resistito alle pressioni e alle minacce di Mosca dal giorno del sua nomina a presidente, convinto che gli sforzi fatti sarebbero stati premiati con accesso alla NATO come membro e non come partner. Tale accesso avrebbe permesso alla Georgia un intervento deciso contro le repubbliche di Abcasia e Ossezia meridionale volto a tutelare l’integrità della Nazione.

Forte di una protezione dalla NATO, non avrebbe dovuto temere un attacco da parte russa, protettrice dell’indipendenza delle due repubbliche autonome.

Il fallimento di Bucarest creò una doppia complicazione: il mancato intervento contro le repubbliche abcase e sud ossete avrebbe potuto creare una crisi interna e aumentare il dissenso popolare e, al tempo stesso, un intervento avrebbe potuto portare ad un attacco russo volto a difendere le due repubbliche alleate.

Marco Antollovich

Seguirà La questione energetica. L’Azerbaigian: una nuova speranza

Il post precedente è al link  Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente, M.Antollovich/12

Foto: George W.Bush è di Wikipedia

Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente, M.Antollovich/12

By Marco Antollovich

Cap 2: Gli Stati Uniti in Georgia. Il “soft power” statunitense

Il messaggio della politica statunitense era chiaro: nelle zone in cui risulta impossibile un intervento militare in difesa dei propri alleati e dei propri interessi, l’aiuto economico non deve essere considerato meno efficace.

Il “soft power” risultava uno strumento estremamente potente in tutte le ex-Repubbliche sovietiche, forse più desiderose di benessere economico che di tutela militare in un periodo di pace. La Georgia quindi, il cui obiettivo principale era quello di cercare uno sviluppo economico fuori dall’ombra di Mosca, si sarebbe avvicinata sempre più all’Occidente, diventandone partner, ma anche pedina.

La nuova Repubblica Georgiana post-Rivoluzione delle Rose veniva considerata un baluardo di democrazia e libertà in una regione poco conosciuta dal pubblico occidentale. Forte delle sua democraticità, concreta o presunta che fosse, la Georgia vide aumentare l’interesse degli investitori internazionali: un esempio significativo è rappresentato dal fatto che in un anno (dal 2004 al 2005) gli aiuti statunitensi passarono da 84 milioni a 108 milioni di dollari.

Come testimoniato infatti dal segretario di stato Jones al  Congresso nel marzo del 2004 “le rapide riforme democratiche in Georgia meritavano [corsivo dell’autore] un incremento degli aiuti economici statunitensi”.

L’impegno economico dell’Occidente andò a colpire ogni settore della nuova Georgia. Si giunse persino a pagarne interamente lo stipendio del nuovo parlamento: l’argomentazione addotta a giustificare questo bizzarro intervento nella politica interna era ancora una volta la difesa dell’ideale democratico.

Un ministro georgiano durante l’ultimo governo Shevardnadze riceveva infatti uno stipendio mensile di 200 lari (circa 80 euro); tale cifra, considerata troppo bassa per la carica ricoperta, spingeva i parlamentari ad “arrotondare” le entrate intascando ingenti somme di denaro da “businessman” locali sottoforma di mazzette.

Per garantire gli interessi occidentali e contrastare la dilagante corruzione dei funzionari pubblici, la fondazione del multimilionario George Soros (multimilionario statunitense di origine ungherese; attualmente presidente del Soros Fund Management e dell’Open Society Institute ed è anche ex membro del Consiglio di amministrazione del Council on Foreign Relations. Dopo aver sostenuto il movimento polacco “Solidarnosc” e quello cecoslovacco “Charta 77”, ha finanziato, più recentemente, i movimenti rivoluzionari in Ucraina e in Georgia e dei gruppi di opposizione in Bielorussia) si occupò personalmente di retribuire il nuovo parlamento georgiano in modo adeguato: lo stipendio venne alzato a 2.000 lari (800 euro) più 1.000 dollari al mese.

Come constatato da Peter Gahrton: “Tale cifra era più che sufficiente per vivere ad un “livello ministeriale” in un paese dove lo stipendio mensile di un professore universitario non superava i 100 lari (40 euro)”.

Ormai la Georgia era di fatto un’economia di libero mercato e continuava a stimolare gli investitori stranieri: la repubblica Caucasica passò dal 21° al 15° posto sotto la voce “facilità di fare affari” nel 2009 e poté vantare una crescita degli investimenti diretti stranieri del 492,4% dal 2003 al 2007.

Marco Antollovich

Seguirà Gli Stati Uniti in Georgia.Una democrazia di comodo

Il post precedente è al link Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente, M.Antollovich/11

Foto George Soros è di georgesoros.com

Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente, M.Antollovich/11

By Marco Antollovich

Capitolo Secondo: Georgia, Pedina Di Un Nuovo Grande Gioco. L’allargamento oltre il Mar Nero: gli Stati Uniti in Georgia.

Dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica gli Stati Uniti cominciarono a intravedere nel caos che caratterizzò i primi anni ’90 nel Caucaso e nelle neonate Repubbliche Centro-asiatiche la possibilità di creare un nuovo ordine, rimescolando le carte del “Grande gioco”.

La politica di penetrazione statunitense nell’area fu un processo progressivo e calcolato: partendo dal riconoscimento delle repubbliche indipendenti, si passò a una cooperazione economica, politica e infine militare.

Considerando l’iniziale debolezza russa, impegnata in una ridefinizione della propria politica interna, gli Stati Uniti non ebbero difficoltà a ergersi come salvatori delle traballanti economie caucasiche.

Già sotto la presidenza Bush, nel 1992 vennero firmati la “Joint Declaration Relation” e l’“Agreement on Promotion of Invesments” tra Stati Uniti e Georgia.

Durante l’anno seguente, tuttavia, quando il testimone passò a Bill Clinton, il Caucaso cominciò ad acquistare per Washington un peso sempre maggiore.

Bisogna riconoscere, in parte, che le scelte statunitensi si adattarono complessivamente alle scelte già effettuate da Mosca nei rapporti con le Repubbliche Caucasiche: come già analizzato precedentemente, la Federazione Russa aveva garantito un appoggio maggiore all’Armenia durante il conflitto con il vicino Azerbaigian e aveva sostenuto le mire secessionistiche di Abcasia e Ossezia del sud per contrastare il nazionalismo georgiano. Ciò detto, risultò facile per l’amministrazione Clinton creare legami più saldi con l’Azerbaigian e soprattutto con la Georgia, “salvandole” da un isolamento pericoloso.

Pertanto, nel dicembre del 1993 venne ratificato l’“Agreement Concerning the Provision of Training Under the United State International Military education and Training” che diede inizio a una serie di accordi volti a fornire al partner georgiano un aiuto sempre più tecnico e meno umanitario.

L’aiuto statunitense alla democrazia georgiana

La nuova dottrina Clinton, detta anche dell’“Allargamento democratico”, prevedeva il rafforzamento di istituzioni democratiche in stati in processo di formazione, creando conseguentemente le condizioni per la nascita di un sistema di libero mercato su modello occidentale; in questo caso inoltre “la promozione della democrazia” si unisce qui a una volontà affermata di ingrandire la sfera NATO e inglobarvi i paesi provenienti dall’ex blocco comunista”.

A ciò va aggiunta una dichiarazione ancora più esaustiva della posizione statunitense nelle Repubbliche Caucasiche: come affermò Strobe Talbott i punti cardine della nuova dottrina consistevano nel:

sostenere le riforme politiche ed economiche […], operare nell’interesse della sicurezza energetica e favorire l’accesso delle imprese americane ai mercati del Sud Caucaso

La stabilità del Caucaso appare dunque strumentale all’instaurazione di aziende americane in loco e volta a rassicurare gli investitori internazionali della fondatezza dei loro investimenti.

[Va detto che] L’ utilizzo del “soft power” statunitense in Georgia prevedeva un considerevole impegno economico nell’area, anche tramite investitori privati. In questo capitolo, analizzando la tipologia di intervento da parte russa e da parte statunitense, vi è una certa eterogeneità nella descrizione dei metodi utilizzati dalle due potenze. Tale eterogeneità dell’ analisi è dovuta sia a una scelta nella selezione del materiale reperito, sia a un’ effettiva diversità nella metodologia di intervento. Grazie alla trasparenza delle pubblicazioni statunitensi, è stato possibile inserire maggiori dati (prevalentemente di carattere economico) rispetto al paragrafo dedicato alla Russia. Nel suddetto paragrafo le informazioni sono più generiche e meno “statistiche” a causa delle differente modalità d’ azione da parte russa, di carattere politico-militare, piuttosto che economica.

Dopo la Rivoluzione delle Rose, non a caso, gli investimenti stranieri in Georgia aumenteranno considerevolmente, consentendo a Tbilisi di raggiungere tassi di crescita fino al 12% annuo.

La logica che sta alla base di tutto ciò è complessivamente semplice e lineare: gli USA stanziano prima dei fondi con scopi umanitari, poi ne stanziano degli altri volti a un miglioramento dell’economia locale; a questi si aggiungono dei contributi per la difesa e la riforma dell’esercito.

Un investitore occidentale può presumere che, considerando l’ampia portata delle riforme statunitensi in Georgia, sia conveniente investire nel paese. Il fatto che dal 2003 un presidente democraticamente eletto considerasse l’avvicinamento alla NATO e all’Occidente e la lotta alla corruzione obiettivi primari della propria politica in una regione che veniva considerata ancora all’interno dall’Unione Sovietica dall’investitore medio, faceva presumere una potenziale stabilità interna.

Gli investimenti ottenuti consentirono la realizzazione di progetti faraonici (vedi BTC, BTS, BTE) volti a risollevare ulteriormente l’economia georgiana e a favorire gli interessi di Stati Uniti e Unione Europea nell’area. Considerando la mancanza di giacimenti di idrocarburi o di risorse naturali rilevanti, la Georgia poteva offrirsi ai mercati occidentali in due modi: come “corridoio” e come “cuscinetto”.

Entrambe le alternative destavano l’interesse statunitense: come “corridoio”, poiché passaggio forzato del petrolio del Caspio in Europa via Turchia, e come “cuscinetto”, per contenere il neo-espansionismo russo e l’altrettanto pericoloso espansionismo (principalmente economico e culturale) iraniano.

Considerate queste premesse, tra la fine degli anni ’90 e i primi anni del 2000 il contributo economico statunitense alla Georgia avrebbe raggiunto i 180 milioni di dollari all’anno, per un totale di 3,37 miliardi di dollari. Tali fondi venivano stanziati attraverso l’USAID, tutelato dal Freedom Support Act del 1992, e poi grazie alla Millennium Challenge Corporation. La MCC, nata durante l’amministrazione Bush, aveva come obiettivo principale quello di ridurre la povertà attraverso interventi mirati in quei paesi che “già avevano avviato delle politiche volte a favorire la crescita e che rendessero pertanto l’assistenza efficace”.

La Georgia, che aveva dato il via a molte riforme in campo economico e aveva precedentemente ottenuto fondi da altri istituti di credito americani, ricevette dunque un pacchetto “compatto” di 395 milioni di dollari per il miglioramento del sistema stradale, la riabilitazione del gasdotto Nord-Sud, la redistribuzione delle risorse idriche nel territorio e l’agricoltura. Tali fondi saranno accompagnati nel corso degli anni a ulteriori contributi per le spese militari al fine di una possibile candidatura Georgiana alla NATO.

Non si deve inoltre trascurare il fatto che la Georgia assumerà un ruolo sempre più importante per la politica statunitense nel post-11 settembre. La repubblica caucasica avrebbe potuto costituire una vera e propria testa di ponte per la missione ISAF (International Security Assistance Force) fornendo basi militari, piste di atterraggio e porti sul mar Nero.

Tbilisi costituirà, durante la presidenza Saakashvili, il più valido e fedele alleato statunitense nel Caucaso, grazie a un’intensa cooperazione, sia per quanto concerne le tematiche di sicurezza energetica che per quanto concerne la partecipazione militare in Iraq e Afghanistan.

Significativo il fatto che gli Stati Uniti, i quali non vollero o non poterono intervenire durante la “guerra dei cinque giorni” tra Georgia e Russia, stanziarono l’esorbitante cifra di un miliardo di dollari dilazionato in soli due anni alla repubblica caucasica indirizzato alla ricostruzione nelle zone distrutte dall’attacco russo.

Marco Antollovich

Seguirà : Il “soft power” statunitense

Il post precedente è al link  Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente, M.Antollovich/10

Foto: Bill Clinton (foto d’archivio) è di The Fab Empire

Esercito Italiano: Legion of Merit al gen Portolano. Gen Allen: “fiducia nella capacità di comando degli italiani, Portolano grande comandante”. Gen Graziano: “decorato per i risultati sul campo”

Il generale Luciano Portolano è stato insignito oggi della “Legion of Merit” per il suo operato quale Comandante del Regional Command West (RC-W) della missione ISAF da settembre 2011 a marzo 2012, fa sapere il comunicato stampa odierno dello stato maggiore Esercito.

L’alta onorificenza è stata consegnata, a nome del Presidente degli Stati Uniti d’America, dal generale John R. Allen, già comandante di ISAF e attuale rappresentante del Governo degli Stati Uniti per il Medio Oriente alla presenza del Capo di stato maggiore dell’Esercito, generale Claudio Graziano.

“Vi posso assicurare – ha dichiarato il generale Allen nel suo intervento – che non ho mai avuto timore di quello che stava accadendo nel Regional Command West perché ho piena fiducia nella capacità di comando, nel coraggio e nella forza dei soldati italiani”.

“Il generale Portolano – ha continuato il generale Allen – ha meritato questa onorificenza perché ponendosi alla testa dei propri uomini ha saputo guidarli con l’esempio, con competenza e con intelligenza, come deve fare un grande Comandante”.

Il Generale Graziano ha sottolineato il valore della Legion of Merit, “massima onorificenza che può essere concessa a un ufficiale non americano”. Valore che “nel caso del Generale Portolano è ancora maggiore, perché essa gli è stata concessa per quanto ottenuto sul campo”.

“Il servizio eccezionalmente meritorio e la superba leadership del Generale Portolano – si legge nella motivazione – hanno avuto un impatto estremamente positivo sulla missione della coalizione e sulla popolazione afgana. Le operazioni pianificate ed eseguite sotto il suo Comando hanno contribuito ad accrescere sensibilmente la sicurezza e a incrementare il numero degli ex insorti reintegrati nelle istituzioni locali della Repubblica Islamica dell’Afghanistan. Lo stile di Comando del Generale Portolano, inoltre, ha facilitato la creazione di uno stretto rapporto di collaborazione con le Forze di Sicurezza Afgane. L’eccezionale capacità di Comando e l’iniziativa, dimostrate dal Generale Portolano, testimoniano la sua grande autorevolezza e contribuiscono a rafforzare il prestigio dell’Esercito Italiano e dell’intero Paese”.

La Legion of Merit classe Ufficiale è un’onorificenza istituita dal presidente Roosevelt nel 1942 e può essere concessa ai membri dell’Esercito americano e delle Nazioni alleate.

Articoli correlati:

Il generale Luciano Portolano in Paola Casoli il Blog

La Legion of Merit in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Esercito

Ukraine: USA war machine is heating up its motors, 1600 Marines are headed for Kogalniceanu AFB

Giovanni Pallotta in Bucharest

With the southern area of Eastern Europe  causing worry and trepidation for many Chancellor’s offices around the world, and the whispering of so-called political encounters and negotiations (both public and private) have not helped to ease tensions, USA and its Allied war machine are heating up its motors.

If worldwide opinion is fully aware of Russia’s military exercises causing worry and fears, the manoeuvres and exercises by the Allied forces are a well-kept secret. Since the middle of March, in the areas situated near Ukraine, military and air force exercises has been regularly conducted by American, Romanian, Polish and Bulgarian military forces.

The first important military exercise took place in the Black Sea area on March 12th and involved the destroyer USS Truxtun, the warship Queen Mary, escorted by Romanian corvettes, Vice Admiral Eugeiu Rosca and Second Admiral Eustatiu Sebastian, and by the Bulgarian battleship Darzki.

This line-up may appear modest, if we take into consideration the forces that Russia can count upon in its naval base in Sebastopol; where Russia boasts a submarine, a cruiser, two destroyers, two battleships and an air float of 22 Sukhoi 24M and the famous Soviet Sukhoi 24 attack aircraft.

Regardless of this fact, the presence of four naval units from three different nations has evoked upsetting feelings for various reasons. First of all, the Romanian naval base of Constanta, situated 220 nautical miles from Sebastopol has become the departure port of operations. Furthermore and above all, the presence of a task force which includes the American air-craft carrier, George Bush, escorted by destroyers, Roosevelt and Philippine Sea, with 1700 marines and 90 Hornet and Superhornet all placed near the River Bosforo has evoked tension and worries.

Taking into consideration all these factors, one can understand the feelings of extreme anxiety and worry in Russian military and information sectors. These feelings can be summarized in the English foreign affairs journal Russian Global Affairs Director, Mr Fyodor Lukyaov. In a statement to Reuters, Mr Lukyav affirmed that concerning  American provocations, Mr Putin has every reason to be concerned about the Russian float in Sebastopol.

The exercises terminated at the end of March, however the tense situation in the Black Sea area has not been placated. On Sunday, April 13th, Romanian President, Mr Traian Basescu, visited the American destroyer, Donald Cook (which had been patrolling Romanian waters in the Black Sea since April 1st) and declared that he and his country opposed Putin’s political stance. During his visit on board, a Russian attack aircraft, the Sukhoi 24M, circled twelve times at a low altitude causing tension to the personnel on board while counter measures in case of an air raid were activated. Subsequently, this act was condemned harshly by the Pentagon that defined the action as a provocation without precedence and against all military protocol.

If the Black Sea area has been a hot spot during these last few weeks, the situation in the Eastern European skies is not much better. Meanwhile, during the last two weeks of March, American and Polish aviation have been carrying out joint operation actions. If, at the beginning of the crisis in the Crimean area joint operations had been foreseen only for the bombers, the Polish command has now asked for twelve F16s to be sent over. These aircrafts are not only able to respond to air fire, but they can also be used as fighter-bombers and reconnaissance aircraft. Simultaneously, with the end of the operations, the Commander of the American Air Force in Europe has received orders to set up patrols along the borders of Polish, Romanian and Ukrainian air space using planes equipped with Airborne Warning and Control Systems. The decision was confirmed by US Defense Secretary Chuck Hagel during a press conference on 18th April.

The picture that is emerging seems to be quite evident. Some NATO nations and the United States are gearing up to react to whatever scenario may appear on the horizon. On one hand, diplomacy is being used, thus taking on the role of Protectorate of regional order, while on the other the forces are getting ready to show Moscow that in case the stakes get higher, they are ready to take counter measures regarding the whole  area and in a very vast arena. In this “match”, Washington will be aided by its Eastern European allies, in particular Romania and Poland that have realized that they will have the opportunity to play an active role as real regional powers. It is important to remember that the Romanian authorities, in particular, are pressuring the American military forces to maintain a stable and constant presence of NATO forces in Romania, in particular it is important to consider the political efforts made by the former Romanian minister of Foreign Affairs, Mircea Geoana (he was minister in 2004 when Romania joined the NATO).

This pressure received tangible results on March 27th when the American government formally pointed out the need to reinforce American presence in the Air Force base of Kogalniceanu near Constanta. By the end of April, 1600 Marines airborne trained will be sent to the Romanian military base. With this increase of this contingent, an increase in logistic support, particularly, amphibious operation ships are also foreseen. These are all signs that let the reader understand that the game in Eastern Europe is still a long way from being over.

Giovanni Pallotta

See also:

Operativo in Romania l’hub di ingresso e uscita dall’Afghanistan per i militari americani. Sostituisce Manas in Kirgizistan (4 marzo 2014)

Photo credits novinite.com

Operativo in Romania l’hub di ingresso e uscita dall’Afghanistan per i militari americani. Sostituisce Manas in Kirgizistan

Da venerdì scorso è operativa in Romania la base militare che ospiterà i militari americani in ingresso e uscita dall’Afghanistan. È la Mihail Kogalniceanu Air Base, a circa 4mila chilometri a nordovest dell’Afghanistan.

Situata a circa 40 chilometri a nordovest della città di Costanza, sul Mar Nero, rappresenta l’hub di ingresso e di uscita prioritario dal Paese delle montagne. Dal 2 febbraio scorso ha già ospitato 6mila militari in transito, fa sapere Stars and Stripes.

All’interno della base erano già stati costruiti dagli americani 85 edifici per l’accantonamento di circa 1.500 persone, ora le infrastrutture vengono aumentate ed è già possibile ospitare fino a 2mila persone in transito più 400 militari a supporto delle operazioni.

La Mihail Kogalniceanu Air Base sostituisce il centro di transito di Manas, in Kirgizistan, che ha rappresentato un punto di riferimento per centinaia di migliaia di militari in viaggio per e dall’Afghanistan dalle prime settimane dopo l’11 settembre 2001.

Il governo kirgizo, fa sapere l’articolo di Stars and Stripes, aveva rifiutato lo scorso anno di allargare la base di Manas, spingendo così gli Stati Uniti a cercare un’altra sistemazione.

Il traffico nella nuova base sarà molto intenso, sono previsti infatti fino a quattro aerei da trasporto C-17 e altrettanti aerei commerciali ogni giorno. La priorità dell’hub è al momento la movimentazione del personale, ma non si esclude il trasporto di materiali in caso di chiusura delle vie di terra, come quelle tra Afghanistan e Pakistan.

Fonte e foto: Stars and Stripes

La Corea Nord chiede a Corea Sud e USA di sospendere esercitazioni militari

La Corea del Nord ha indirizzato una precisa richiesta a Stati Uniti e Corea del Sud di sospendere le esercitazioni militari che si svolgono ogni anno tra febbraio e marzo, fa sapere Reuters oggi 16 gennaio.

Il motivo di tale richiesta starebbe nella percezione che tali attività costituiscano una provocazione.

La Corea del Nord non è nuova a queste richieste. Nell’agosto 2011, in occasione dell’esercitazione Ulchi Freedom Guardian (UFG11), condotta tra le marine militari di USA e Corea del Sud, la Corea del Nord chiedeva l’immediata sospensione delle attività in atto per scongiurare il rischio di una guerra nucleare (link articolo in calce).

Nella notizia riportata oggi da Reuters, inoltre, vengono ricordate anche le più recenti tensioni tra le due Coree.

Nel 2013, si ricorda infatti, la Corea del Nord ha detto che avrebbe reagito contro ogni atto ostile colpendo gli Stati Uniti, il Giappone e la Corea del Sud, acuendo così le tensioni militari nella penisola coreana.

Tra le due Coree esiste una tregua che ha sospeso il conflitto civile dei primi Anni ’50.

Articoli correlati:

Ex UFG11: o Seul e Washington sospendono esercitazione, o guerra nucleare da parte di Pyongyang (18 agosto 2011)

Le esercitazioni militari della Corea in Paola Casoli il Blog

Fonte: Reuters Italia

Foto d’archivio

Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO, L.Susic/10

By Luca Susic

Capitolo 2.3 della tesi “Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO” (L.Susic)

Cap 2.3: 2005-2008, gli USA arretrano

Convenzionalmente l’inizio della crisi diplomatica che portò gli Stati Uniti a indietreggiare è individuata nel cosiddetto Massacro di Andijan, fatto accaduto in una località dell’Uzbekistan orientale.

Tutto iniziò nel maggio 2004 con l’arresto del governatore Kabiljan Ubidov, per opera della sua Assemblea Regionale che, spinta da Karimov, lo accusò di essere coinvolto in una serie di scandali politico-commerciali.

Il suo successore, Saidulla Bagaliyev, fece imprigionare ventitré uomini di affari vicini allo stesso Ubidov e ordinò che venissero messi nella stessa cella riservata ad alcuni membri di un’organizzazione terroristica islamica. Nell’imminenza del verdetto, nel maggio 2005, i parenti degli accusati cominciarono a riunirsi davanti alla corte e l’11 maggio erano presenti circa quattromila manifestanti.

Il giudice pospose la sentenza e il giorno dopo la polizia iniziò ad arrestare tutti i presunti leader delle dimostrazioni. Nella notte un gruppo armato assaltò la prigione e liberò gli accusati e altri compagni di prigionia, ma non si limitò a questo. Vennero presi in ostaggio venti ufficiali governativi e Karimov fu invitato a dimettersi.

All’alba del 13 maggio, migliaia di persone si riunirono nella piazza centrale della città, scandendo slogan contro la povertà e la corruzione governativa, invano. Circa dodicimila uomini dell’esercito, del Ministero degli Interni e della SNB (l’erede locale del KGB) nel frattempo chiusero le vie d’uscita dallo spiazzo e, verso sera, aprirono il fuoco. La televisione nazionale controllata dallo Stato riferì che le vittime appartenevano a gruppi criminali armati e Karimov incolpò direttamente i gruppi terroristici islamici. I corpi delle vittime furono fatti sparire dalle autorità, motivo per cui tutt’ora non ci sono certezze circa il numero di morti.

Di fronte a questi eventi, l’Amministrazione Bush non agì immediatamente, tanto che il White House Press Secretary Scott McClellan si rifiutò di condannare immediatamente l’accaduto, mentre il Pentagono e il CENTCOM rimasero in silenzio.

Alcune settimane dopo, comunque, il Segretario di Stato Condoleezza Rice appoggiò pubblicamente l’avvio di un’inchiesta internazionale, mentre alcuni senatori richiesero di verificare se durante la repressione le forze di sicurezza Uzbeke avessero usato materiale militare fornito dagli USA. Nonostante i fatti, il Pentagono continuò a negoziare un accordo a lungo termine per ottenere i diritti sulla base K2, risultando il vincitore dello scontro con il Dipartimento di Stato, più propenso ad azioni nette di condanna.

La situazione cambiò con l’intervento del Congresso, contrario a lasciare immutate le relazioni bilaterali USA – Uzbekistan dopo quanto avvenuto. La reazione uzbeka non si fece attendere, come dimostrano l’assenza dell’esercito di Karimov durante un’esercitazione congiunta in Asia Centrale e, soprattutto, la visita del Presidente Uzbeko a Mosca e Pechino.

In maniera apparentemente improvvisa, poi, il 5 luglio la SCO, organizzazione di cui faceva parte anche Tashkent, incitò pubblicamente Washington a decidere una data per il ritiro delle proprie truppe.

Pochi giorni dopo, il 30 luglio, il governo Uzbeko richiese l’evacuazione, entro sei mesi, della base K2, da cui le ultime truppe USA partirono in novembre.

Il repentino mutamento della posizione Statunitense in Asia Centrale, con quest’ultima indebolita anche dai difficili negoziati con Bishkek in seguito alla Rivoluzione che portò alla caduta di Akayev (la rivoluzione dei Tulipani in Kyrgyzistan iniziò nel Marzo 2005 e portò alla cacciata del Presidente Akayev, più volte accusato da Human Rights Watch di non rispettare le libertà democratiche), è stato oggetto di numerose riflessioni da parte degli esperti in materia.

I principali filoni di analisi sono due: secondo Blank, gli USA vennero cacciati dall’Uzbekistan a causa della loro incapacità di rispondere ai bisogni di quel paese e, soprattutto, di accettare l’idea che fosse necessario arrivare ad un accomodamento economico con Karimov, il suo Governo e la sua famiglia, come era già stato fatto in Kyrgyzistan. Egli ritiene anche che Washington fallì nel tentativo di instaurare buoni rapporti con importanti esponenti politici del Paese, dato che spesso quelli con simpatie filo-americane cadevano in disgrazia. L’elemento chiave della critica, però, verte sul fallimento delle operazioni antiterrorismo portate avanti dalle forze Statunitensi che, nonostante il loro impegno, non poterono evitare che a partire dal 2004 gli attacchi dell’integralismo islamico aumentassero.

Davis, invece, mette l’accento sulla perenne indecisione dell’Amministrazione Americana se dare la precedenza in Asia Centrale alla difesa dei diritti umani o, venendo incontro alle esigenze delle repubbliche del luogo, alla sicurezza. Tale stallo fece in modo che il Dipartimento di Stato e quello della Difesa potessero addirittura portare avanti due politiche quasi autonome in materia di relazioni con Tashkent. La maggiore critica, però, riguarda l’errata valutazione fatta dai collaboratori di Bush circa la reale importanza che avessero gli USA per Karimov, considerata decisamente superiore quanto non fosse in realtà, e l’entità degli aiuti forniti all’Uzbekistan, evidentemente non sufficienti a favorire un cambiamento sostanziale in una politica del quid pro quo.

Per quanto esaurienti, le spiegazioni appena citate non sono, a mio avviso, sufficienti a chiarire come Washington si sia trovata impreparata all’espulsione da una zona così importante per la sua missione in Afghanistan.

E’ necessario, infatti, considerare altri elementi, come, ad esempio, la paura di Karimov di essere detronizzato dalle forze islamiste radicali. Il leader Uzbeko si rese conto che la presenza Statunitense in loco stava diventando una minaccia per la stabilità della sua Repubblica a causa dell’aumento degli attentati contro gli Americani e i loro alleati. Egli si avvicinò quindi sempre di più a Mosca e Pechino, che gli fornivano costante aiuto per preservare la leadership. Lo strappo fu aggravato dal fallimento della condanna morale espressa da Washington per i fatti di Andijan, che non solo venne vista come un’inopportuna interferenza negli affari interni del paese, ma finì per legare ulteriormente SCO e Uzbekistan.

E’ anche importante sottolineare che gli Stati Uniti persero un’importante guerra mediatica con la Russia e la Cina, che li accusavano di essere i veri artefici delle rivoluzioni colorate (quella serie di movimenti di contestazione civile che si diffusero in Georgia, Ucraina e Kyrgyzistan) che stavano sconvolgendo alcuni paesi dello spazio ex-sovietico, Kyrgyzistan incluso.

L’insieme di tutte queste motivazioni, rende più chiaro il motivo del repentino cambio di rotta dell’Amministrazione Uzbeka e la sottovalutazione del problema da parte di quella Statunitense. La situazione sarebbe potuta essere disastrosa per gli USA, però, se non fossero riusciti almeno a trovare un accordo con il nuovo presidente Kyrgyzo Bakiyev (Kurmanbek Salijevic Bakiyev fu presidente dal 2005 al 2010. La sua gestione del potere venne criticata dalla BBC in seguito all’uso della forza ordinato per disperdere alcune manifestazioni a Bishkek nel 2007 e dall’OSCE a causa dei brogli organizzati in occasione delle elezioni presidenziali del luglio 2009) circa la rinegoziazione del canone d’affitto per la base di Manas.

Il problema sorse una settimana dopo il comunicato ufficiale della SCO in cui si chiedevano tempi certi per il ritiro delle forze Americane dall’Asia Centrale:

“Considering the completion of the active military stage of antiterrorist operation in Afghanistan, the member states of the Shanghai Cooperation Organization consider it necessary, that respective members of the antiterrorist coalition set a final timeline for their temporary use of the above-mentioned objects of infrastructure[concesse da stati membri della SCO] and stay of their military contingents on the territories of the SCO member states.” ( Dichiarazione dei Capi di Stato dei Paesi membri della SCO, Astana, 05/07/2005, riportata dall’Edizione Online del The China Daily, 12/06/2006, http://www.chinadaily.com.cn/china/2006-06/12/content_614632.htm, ult. consultaz. 01/07/2013).

Il leader Kyrgyzo era messo sotto pressione sia da Mosca sia dal Parlamento ancora fedele ad Akayev. Egli ebbe pertanto la necessità di dimostrarsi indipendente dall’influenza degli USA e del suo predecessore loro sostenitore, quindi iniziò a richiedere che l’accordo in fieri divenisse più vantaggioso per il suo paese. La cifra che si aspettava di ricevere era vicina ai duecento milioni di dollari, un importo cento volte superiore a quello precedentemente pattuito. Gli Statunitensi, vedendo il bluff, dichiararono che potevano trovare sistemazioni alternative (159 Si riferivano al Tajikistan e alla Mongolia ) per cifre inferiori e che quindi non avrebbero risposto positivamente entro il termine stabilito dal Governo Kyrgyzo (1° giugno 2005). E’ chiaro, però, che si trattò di un puro gioco delle parti, poiché entrambi i contendenti avevano interesse a stipulare l’accordo, come avvenne effettivamente in luglio.

A metà del 2005, quindi, gli USA si trovarono in una situazione critica che non erano pronti a gestire, avendo sottovalutato il ruolo e l’influenza che la SCO era in grado di esercitare in quella parte di globo. La simbiosi fra Russia e Cina per liberarsi della scomoda presenza Statunitense era difficilmente controbilanciabile da Washington, soprattutto in un momento in cui non era in grado di mantenere inalterato il livello di finanziamenti per l’Asia Centrale.

Per mantenere lo status quo, l’Amministrazione americana avrebbe dovuto cedere sulla tematica che stava più a cuore ai leader locali, la sicurezza. La mancanza di un chiaro ordine di priorità fra diritti umani e lotta al terrorismo fece sì che gli USA venissero visti come non sufficientemente interessati alla sopravvivenza dei regimi che detenevano il potere e che erano spaventati dalla minaccia integralista. Addirittura un moderato come Nazarbayev ebbe a lamentarsi, nel novembre 2006, dell’insistenza con cui gli USA propagandavano la democrazia in paesi in cui questo concetto non era assolutamente di casa anziché preoccuparsi dei fallimenti della NATO nel gestire l’Afghanistan. (altro…)