Set 23, 2014
46 Views
0 0

Software per applicazioni militari: in corso a Roma la SEDA, conferenza organizzata da Esercito e Libera Università di Bolzano

Written by

Si conclude oggi, a Roma, la 3^ edizione della conferenza internazionale sul “Software Engineering for Defence Applications” (SEDA) presso il Circolo unificato delle Forze Armate.

Indetta dal Reparto logistico dello stato maggiore dell’Esercito, in collaborazione con la Facoltà di Informatica della Libera università di Bolzano, la conferenza propone ai dirigenti della Difesa e della comunità scientifica e industriale le potenzialità dell’impiego di nuove e innovative metodologie nello sviluppo di software per applicazioni militari.

Tali metodologie, denominate “agili”, hanno la caratteristica di coinvolgere direttamente il cliente nelle attività di sviluppo, in aderenza alle esigenze operative della Forza Armata e a supporto della funzione operativa di comando e controllo.

Ad aprire i lavori della prima giornata di ieri, 22 settembre, è stato il generale Angelo Messina, vice capo reparto logistico dell’Area Communication Information System dello stato maggiore dell’ Esercito, che ha sottolineato l’importanza di ricercare maggiori opportunità per l’evoluzione delle capacità militari, attraverso nuove e maggiori sinergie con le università. È questo il caso della Libera università di Bolzano, il cui Centro per l’ingegneria Applicata del Software, fondato dal professor Giancarlo Succi, ha come missione quello di eccellere nella ricerca dell’ingegneria del software applicata, collegando il mondo accademico a quello industriale.

L’evento, rivolto ai rappresentanti della Difesa, del mondo Accademico e industriale, ha stimolato un confronto di alto livello scientifico, mediante la discussione di lavori di ricerca presentati da studiosi italiani e stranieri (A. Benedetti, A. Veroli, C. Sibilia, F. Bovino, V. Taquette, E. Mendes, F. Murades).

Alla conferenza hanno partecipato i rappresentanti delle più grandi multinazionali di elettronica specializzata nei settori dell’aerospazio, difesa, e information technology  quali Thales Italia e Selex ES. Numerose le rappresentanze delle Facoltà di Ingegneria di sette università italiane, tra le quali l’Università degli Studi di Padova, di Genova e La Sapienza di Roma.

Articoli correlati:

Il software engineering per il settore militare in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Esercito Italiano

Article Categories:
Forze Armate