Mar 1, 2024
46 Views
0 0

Crisi mediorientale: il CaSMD incontra gli omologhi di Francia, Germania, Libano, UK e Spagna

Written by

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone ha incontrato i suoi omologhi: il Generale Thierry Burkhard (Francia), il Generale Carsten Breuer (Germania), il Generale Joseph Aoun (Libano), l’Ammiraglio Tony Radakin (Regno Unito) e l’Ammiraglio Teodoro López Calderón (Spagna), si apprende da un comunicato stampa della stessa Difesa.

Il tema della tavola rotonda, tenutasi a Roma presso lo Stato Maggiore della Difesa, verteva sulla crisi in atto nell’area mediorientale e il delicato ruolo delle Forze Armate Libanesi, assetto strategico essenziale nelle dinamiche di sicurezza dell’area.

In particolare, si apprende, sono state valutate possibili soluzioni per supportare lo sviluppo delle Forze Armate Libanesi, prevedendo un rafforzamento delle forme di cooperazione e possibili progetti coordinati di assistenza militare.

L’iniziativa, chiarisce il comunicato, mira a consentire alle Forze Armate Libanesi di migliorare le proprie capacità operative, incluse le attività di presenza e sorveglianza nel sud del Paese, a ridurre le tensioni, prevenendo un’ulteriore escalation della crisi e ad agevolare la piena implementazione della Risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

L’Italia è presente nella regione con circa 1.100 militari della missione UNIFIL, nella quale al momento opera un contingente su base Brigata Taurinense dell’Esercito, che ha la responsabilità del settore ovest dell’Area di Operazione e con la missione bilaterale di addestramento (MIBIL), nata dall’esigenza di incrementare le capacità complessive delle Forze Armate e di Sicurezza libanesi, con programmi di formazione e addestramento specifici.

Fonte e foto: SMD

 

Article Tags:
· ·
Article Categories:
Forze Armate