CESIVA: sito militare di interesse storico-culturale che riceve visite di studenti e bibliotecari

Il Centro Simulazione e Validazione dell’esercito (Ce.Si.Va.) di Civitavecchia, in provincia di Roma, ha ricevuto 60 alunni dell’Istituto cittadino Cesare Laurenti all’interno della propria struttura per una visita didattica al museo storico, alla biblioteca e alle cisterne romane presenti nel sito militare, che si sta sempre più rivelando anche sito di interesse storico e culturale di indubbio valore.

Nella visita, avvenuta il 6 aprile scorso, i ragazzi erano accompagnati dalle loro maestre, mentre sono stati presenti per l’evento anche due funzionari della Biblioteca Angelica di Roma, ha fatto sapere il CeSiVa con un comunicato stampa del 6 aprile.

Per gli alunni della Laurenti la giornata di visita è iniziata con la cerimonia dell’Alzabandiera, durante la quale i bambini, schierati insieme al personale militare, hanno intonato l’Inno nazionale, ricevendo alla fine i complimenti e i ringraziamenti da parte del gen Maurizio Boni, Comandante del Centro, per la serietà e il rispetto dimostrati e per l’emozione trasmessa agli stessi militari con il loro canto e la loro presenza.

La biblioteca, il museo e le cisterne romane hanno aperto poi le porte alla curiosità della scolaresca che ha ascoltato con grande attenzione le informazioni date di volta in volta dal personale civile e militare del Centro.

La biblioteca è il vero fiore all’occhiello del CeSiVa: ad oggi si contano oltre 100.000 volumi di storia, letteratura, scienze naturali e applicate, geografia, lingue straniere, materie prettamente militari e libri attinenti anche ad altre discipline.

Tra i volumi di particolare pregio ci sono quattro Incunaboli del 1400, cinquantatré volumi del 1500 e 95 del 1600.

Nel 2003 ha preso il via una grande opera di restauro che ha fatto sì che la biblioteca fosse davvero nel suo stato migliore per aprirsi anche al pubblico esterno.

Grazie a un protocollo d’intesa con il Comune di Civitavecchia, infatti, tale ingente patrimonio librario è a disposizione di tutti coloro che a vario titolo e per esigenze diverse, hanno interesse a consultarlo.

Durante la visita delle tre classi quinte elementari alla biblioteca, erano presenti anche due funzionari della biblioteca Angelica di Roma, intervenuti proprio per vedere come si svolge questo tipo attività per poi organizzarne di simili presso i locali dell’Angelica.

“Un bel riconoscimento per il CeSiVa – sottolinea il comunicato – che nella gestione delle sue risorse storiche propone una pedagogia efficace da emulare”.

Il gruppo si è poi diretto al museo storico dove i ragazzi hanno potuto vedere il Sacrario e le tre sale dove sono custoditi la memoria e i documenti di oltre 140 anni di storia.

La visita si è conclusa con l’ingresso dei ragazzi nelle cisterne romane, scoperte nel 1987 dall’archeologo civitavecchiese Ennio Brunori. 

Articoli correlati:

Il CeSiVa in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CeSiVa