Maurizio Boni

CESIVA: il gen D’Alessandro ha assunto il comando del Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito

Ha avuto luogo ieri, lunedì 26 marzo, la cerimonia di assunzione del comando del Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA) da parte del generale di divisione Roberto D’Alessandro, ha fatto sapere con un comunicato stampa lo stesso CESIVA.

La cerimonia di avvicendamento ha avuto luogo nella sede del Centro, a Civitavecchia, alla presenza del Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito (COMFORDOT), gen Pietro Serino, e di tutto il personale militare e civile del CESIVA.

Il gen D’Alessandro assume l’incarico dopo un breve periodo in cui la carica di Comandante del Centro è stata ricoperta ad interim dal generale di brigata Manlio Scopigno.

Il nuovo comandante giunge al CESIVA dopo aver lasciato la sede di Innsworth, dove ha ricoperto per più di tre anni le funzioni di Vice Comandante dell’Allied Rapid Reaction Corps UK (ARRC UK), il Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO a guida britannica.

Il CESIVA di Civitavecchia costituisce il principale riferimento dell’Esercito per l’applicazione della simulazione addestrativa nell’approntamento dei posti comando, degli staff e delle unità destinate all’impiego fuori del territorio nazionale.

L’attività del Centro è focalizzata soprattutto sull’organizzazione di esercitazioni volte ad attestare il raggiungimento delle capacità operative individuate come “fondamentali” per l’assolvimento della missione, utilizzando sistemi informatici tecnologicamente avanzati.

Al CESIVA è stata anche assegnata la responsabilità di sperimentare i sistemi integrati per l’addestramento terrestre, di simulazione e di comando e controllo, in funzione dell’ammodernamento di settore, nonché i sistemi per la digitalizzazione delle piattaforme operative dell’Esercito, nel contesto del più ampio programma della Difesa denominato “Forza NEC” (Network Enabled Capability).

Articoli correlati:

CESIVA: il gen Boni cede il comando e va ad ARRC, subentra ad interim il gen Scopigno (8 marzo 2018)

Difesa, cambio vicecomandante ARRC UK: il gen Boni avvicenda il gen D’Alessandro (23 marzo 2018)

Fonte e foto: CESIVA

 

Difesa, cambio vicecomandante ARRC UK: il gen Boni avvicenda il gen D’Alessandro

“Alla presenza del Comandante dell’Allied Rapid Reaction Corps (ARRC) UK, LT. Gen. Tim Radford, si è svolta la cerimonia di avvicendamento nella carica di Vice Comandante tra il cedente Gen. D. Roberto D’Alessandro e il subentrante Gen. D. Maurizio Boni, fa sapere lo stato maggiore della Difesa dal suo sito web istituzionale.

Il gen D’Alessandro a breve prenderà l’incarico di Comandante del Centro di Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA), da poco lasciato dallo stesso gen Boni (link articolo qui e in calce) che ha nel suo bagaglio professionale diverse esperienze operative all’estero e in Italia, dove ha ricoperto prestigiosi incarichi di staff e comando in unità interforze anche in contesti multinazionali, ricorda la Difesa.

Nel suo discorso di commiato, il gen D’Alessandro ha ricordato le eccellenti capacità degli uomini e donne dello staff con cui ha collaborato dal 2014, anno in cui ha assunto l’incarico presso ARRC, inoltre ha voluto ringraziare lo stesso gen Radford, sottolinea lo stato maggiore Difesa dal suo sito, per averlo sempre messo nelle migliori condizioni per operare al meglio.

L’Allied Rapid Reaction Corps UK (ARRC UK) è un comando multinazionale NATO di livello corpo d’armata a framework britannico costituito nel 1992 in Germania e, dal 2010, con sede a Innsworth (Gloucestershire, UK).

Riconosciuto quale International Military Headquarters nel 2002, ARRC è impiegabile per tutto lo spettro delle operazioni previste nel level of ambition dell’Alleanza.

Articoli correlati:

CESIVA: il gen Boni cede il comando e va ad ARRC, subentra ad interim il gen Scopigno (8 marzo 2018)

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Il gen Boni in Paola Casoli il Blog

Il gen D’Alessandro in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Difesa

CESIVA: il gen Boni cede il comando e va ad ARRC, subentra ad interim il gen Scopigno

“Oggi, giovedì 8 marzo, alla presenza del Comandante per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino – scrive il CESIVA nel comunicato stampa odierno – si è svolta nella Caserma ‘Giorgi’ in Civitavecchia, la cerimonia di avvicendamento del vertice del Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (Ce.Si.Va.)”.

“Il Generale di Divisione Maurizio Boni, dopo oltre due anni, ha lasciato il comando per assumere l’incarico di Vice Comandante dell’Allied Rapid Reaction Corps UK (ARRC UK), il Corpo d’Armata di Reazione Rapida della NATO a guida inglese con sede a Innsworth nel Regno Unito”, specifica il CESIVA.

È subentrato, ad interim, il Generale di Brigata Manlio Scopigno, già Vice Comandante del Centro.

Il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito di Civitavecchia costituisce il principale riferimento dell’Esercito per l’applicazione della simulazione addestrativa nell’approntamento dei posti comando, degli staff e delle unità destinate all’impiego fuori del territorio nazionale.

L’attività del Centro è focalizzata soprattutto sull’organizzazione di esercitazioni volte ad attestare il raggiungimento delle capacità operative individuate come fondamentali per l’assolvimento della missione, utilizzando sistemi informatici tecnologicamente avanzati.

Al CESIVA è stata assegnata anche la responsabilità di sperimentare i sistemi integrati per l’addestramento terrestre, di simulazione e di comando e controllo, in funzione dell’ammodernamento di settore, nonché i sistemi per la digitalizzazione delle piattaforme operative dell’Esercito, nel contesto del più ampio programma della Difesa denominato “Forza NEC” (Network Enabled Capability).

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Il progetto Forza NEC in Paola Casoli il Blog

ARRC in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

CESIVA: Precetto natalizio interforze celebrato a Civitavecchia dall’Ordinario Militare Mons Marcianò

Il Precetto natalizio interforze del Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA) è stato celebrato presso la Cattedrale di Civitavecchia, fa sapere lo stesso Centro con un comunicato stampa del 20 dicembre.

Alla presenza del Comandante del CESIVA., gen Maurizio  Boni, delle massime autorità militari di stanza a Civitavecchia e a Monte Romano, dei Corpi dello Stato, dell’Associazione per l’Assistenza Spirituale delle Forze Armate e di quelle Combattentistiche e d’Arma di Civitavecchia, l’Ordinario Militare per l’Italia, S.E.R. Mons Santo Marcianò, ha officiato la Santa Messa insieme ai Cappellani Militari del Centro, Don Massimo Carlino, dell’Arma dei Carabinieri, Don Donato Palminteri, e della Guardia di Finanza, Don Francesco Chiantera, si apprende dal comunicato.

Nell’omelia, l’Ordinario Militare ha ringraziato le Forze Armate per la loro preziosa e professionale opera sia in Patria che all’estero, sottolineando come in una società in continuo cambiamento “la comunità militare rimanga portatrice di valori universali e punto di riferimento per la collettività”.

Prima del termine della Santa Messa, il gen Boni, a nome dei presenti, ha ringraziato l’Ordinario Militare per aver presenziato la celebrazione eucaristica in preparazione al Santo Natale e “ha evidenziato l’importante ruolo dei Cappellani Militari all’interno delle Forze Armate, infine ha formulato gli auguri di buone feste a tutti gli intervenuti”, conclude il CESIVA.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

CESIVA: conclusa la 2^ SIO in ambito Steel Barrier e la 2^ Sessione per personale non inquadrato in unità organiche definite

La 2^ Sessione Integrazione Operativa 2017 (S.I.O.) si è conclusa il 1° dicembre scorso nel poligono di Tor di Nebbia, Bari, ha fatto sapere il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA) con un comunicato stampa.

L’attività, inserita nel contesto dell’esercitazione Steel Barrier, si è articolata su tre fasi ben distinte, si legge dal comunicato.

La prima, avviata il 16 ottobre dal CESIVA, prevedeva la configurazione dei sistemi digitalizzati di C2; la seconda, di previsto svolgimento sempre al CESIVA dal 30 ottobre al 17 novembre, è stata finalizzata al Test Scenario; l’ultima infine, iniziata il 20 novembre, è stata interamente dedicata alla Fase Condotta.

A presenziare l’impegno addestrativo, il Comandante del CESIVA, il gen Maurizio Boni, e il Comandante della Divisione Acqui, il gen Antonio Vittiglio.

Sempre il 1° dicembre, presso il CESIVA, si è conclusa la 2^ Sessione formativa-addestrativa riservata al personale non inquadrato in unità organiche definite che, singolarmente o in aliquote, sarà destinato a operare nell’ambito di missioni internazionali, organismi internazionali in Italia e all’estero nei Comandi multinazionali o di contingenza.

Il corso, della durata complessiva di due settimane, ha visto lo svolgimento di due moduli: il primo, presso il CESIVA dal 20 al 24 novembre, il secondo invece, presso la Scuola di Fanteria di Cesano (SCUF) dal 27 novembre al 1° dicembre.

Molteplici gli obiettivi che la 2^ Sessione formativa-addestrativa si è prefissata di conseguire, sottolinea il comunicato del CESIVA.

In particolare, si è evidenziato come integrare la formazione del personale da proiettare in contesti operativi peculiari, laddove non sia possibile procedere all’approntamento con unità organicamente definite come brigate, reggimenti, battaglioni, ecc.; far conoscere gli elementi salienti dello scenario operativo, come gli aspetti culturali, ambientali, diplomatici, normativi, operativi, e infine trasmettere i principi di base per operare adeguatamente nelle molteplici attività di interazione/mediazione in cooperazione con militari e personale civile di altra nazionalità.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

La Steel Barrier in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

Santa Barbara: il CESIVA la festeggia con la Guardia Costiera di Civitavecchia

Il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA), insieme con la Guardia Costiera di Civitavecchia, ha festeggiato ieri, 4 dicembre, la ricorrenza di Santa Barbara, patrona degli Artiglieri, dei Genieri, della Marina Militare e dei Vigili del Fuoco.

Per questa ricorrenza, il CESIVA, di concerto con il Comando della Guardia Costiera di Civitavecchia, ha organizzato presso la Cattedrale della città la Santa Messa, presieduta dal Vescovo della Diocesi di Civitavecchia e Tarquinia, S.E. Monsignor Luigi Marucci.

Alla celebrazione, ha fatto sapere il CESIVA con un comunicato stampa odierno, erano presenti le massime autorità militari del comprensorio, il Comandante del Centro, gen Maurizio Boni, e il capitano di vascello Vincenzo Leone.

Era presente inoltre una rappresentanza di militari in servizio presso gli enti di stanza in Civitavecchia e le Associazioni Combattentistiche e d’Arma della città, specifica il CESIVA.

Per il Centro, oltre al Comandante, ha partecipato anche una folta delegazione di Ufficiali, Sottufficiali, Graduati e personale civile.

In qualità di Santa patrona dell’Arma di Artiglieria e del Genio, i voti augurali sono stati formulati dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, gen Danilo Errico, e dal Comandante del Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, gen Pietro Serino.

“Santa Barbara è una martire cristiana – ricorda il CESIVA nel suo comunicato – Il luogo e l’epoca in cui è vissuta, a causa delle numerose leggende sorte intorno al suo nome, non sono chiaramente identificabili, ma il suo culto è attestato presso le comunità cristiane d’Oriente (Egitto, Costantinopoli) e Occidente (Roma, Francia) sin dal VI-VII secolo e conobbe una grande popolarità nel Medioevo grazie alla Legenda Aurea; rimossa dal calendario romano generale nel 1969 a causa dei dubbi sulla sua storicità, rimane una santa molto popolare grazie al numero dei suoi patronati (vigili del fuoco, marina militare, artificieri, artiglieri, genieri, minatori)”.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

 

CESIVA: cambio al Reparto Supporti, il ten col Luise cede il comando al collega Carunchio

Il 25 ottobre scorso, presso il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (Ce.Si.Va.), si è tenuta la cerimonia del cambio del Comandante del Reparto Supporti, ha fatto sapere lo stesso Centro con un comunicato stampa.

Alla presenza del Comandante del CESIVA., gen Maurizio Boni, il ten col Tito Luise, dopo un anno di comando, ha ceduto al ten col Paolo Franklin Carunchio la guida del Reparto Supporti.

La cerimonia, che si è svolta nel cortile d’onore della caserma Giorgi di Civitavecchia, ha visto la presenza di uno schieramento di volontari in armi, e di una folta rappresentanza di ufficiali, sottufficiali e personale civile del CESIVA.

Il ten col Paolo Franklin Carunchio è nato a Termoli il 24 agosto 1976; ha frequentato il 177° corso per Ufficiali presso l’Accademia Militare di Modena nel 1995 e, prima di assumere il comando del Reparto Supporti, ha ricoperto l’incarico di Capo Sezione Training Integrato presso il Multinational Joint HQ di Ulm, in Germania.

Il ten col Tito Luise andrà a ricoprire l’incarico di Capo Ufficio Sicurezza e Informazioni del CESIVA.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

 

 

CESIVA: la nave scuola indonesiana Kri Bima Suci in visita al Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito

“A poche settimane dalla visita del Capitano di Vascello Gustavo Calero Garriga Piras, Comandante della nave scuola brasiliana Brasil – ricorda con un comunicato stampa il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (Ce.Si.Va.) di Civitavecchia – una Delegazione di Ufficiali e Cadetti della Marina Militare indonesiana ha incontrato lo scorso 28 settembre il Comandante del Centro, gen Maurizio Boni”.

La visita, finalizzata a porgere i saluti alla massima autorità militare del Presidio di Civitavecchia, ha visto la presenza del Comandante della nave scuola Kri Bima Suci, il C.F. Widiyalmoko Baruno Aji, accompagnato dall’Addetto Militare, il C.V. Bambang Dharmawan, dall’Ufficiale accompagnatore degli allievi dell’Accademia indonesiana, il C.F. Tony Sundah, e di due allievi.

Nel corso dell’incontro, il gen Boni ha illustrato le potenzialità del Centro nel campo della simulazione addestrativa, evidenziando il ruolo fondamentale che il Ce.Si.Va. riveste nell’ambito della Forza Armata nel campo nell’approntamento dei posti comando, degli staff e delle unità destinate all’impiego fuori del territorio nazionale.

Nello stesso contesto, il Comandante della nave scuola Kri Bima Suci, il C.F. Widiyalmoko Baruno Aji, ha evidenziato i dettagli del viaggio d’istruzione dei 120 cadetti e 17 istruttori, quindi consegnato, al termine dell’incontro, un dono ricordo.

L’unità navale Kri Bima Suci, giunta nel porto di Civitavecchia il giorno 27 e lì rimasta sino a sabato 30 settembre, prosegue ora il suo viaggio di ritorno verso Surabaya, in Indonesia, dove l’arrivo è previsto per il prossimo 24 novembre.

Articoli correlati:

CESIVA: il comandante brasiliano della nave scuola Brasil in visita al Centro simulazione e validazione dell’Esercito (11 settembre 2017)

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

CESIVA: il comandante brasiliano della nave scuola Brasil in visita al Centro simulazione e validazione dell’Esercito

Il Capitano di Vascello, Gustavo Calero Garriga Piras, Comandante della nave scuola Brasil, ha fatto visita al Centro di Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA), che ha sede a Civitavecchia.

La visita, fa sapere un comunicato stampa del CESIVA, si è svolta venerdì 1° settembre scorso.

Nel dettaglio, si apprende, il capitano di vascello Gustavo Calero Garriga Piras, comandante della nave scuola brasiliana Brasil, nel porto di Civitavecchia per un viaggio d’istruzione, accompagnato dall’addetto navale, il capitano di vascello Bruno De Moraes Bittencourt Neto, è stato accolto dal comandante del CESIVA, il gen Maurizio Boni, in qualità di massima autorità del Presidio di Civitavecchia.

Nel corso dell’incontro, il gen Boni ha illustrato i compiti istituzionali del Centro, evidenziando il ruolo fondamentale che il CESIVA riveste nell’ambito della Forza Armata nel campo della simulazione addestrativa e nell’approntamento dei posti comando, degli staff e delle unità destinate all’impiego fuori del territorio nazionale, mentre il capitano di vascello Gustavo Calero Garriga Piras ha illustrato i dettagli del viaggio d’istruzione.

La nave, partita il 5 giugno scorso da Rio de Janeiro, Brasile, toccherà 22 porti in tutto il mondo, prima di rientrare in patria a novembre.

Obiettivo principale della Brasil – il cui equipaggio è composto da 32 ufficiali, 95 sottufficiali e 122 marinai, oltre al comandante Augusto Viana Rocha, spiega il comunicato stampa –  è formare i suoi allievi con particolare attenzione all’esperienza pratica delle conoscenze teoriche acquisite in accademia assolvendo, al contempo, funzioni diplomatiche mirate a rafforzare i legami con le nazioni amiche.

La fitta agenda dei guardiamarina di nave Brasil, che sosterà fino al 19 ottobre, prevede gite culturali, oltre che a Civitavecchia, anche al parco naturalistico delle saline di Tarquinia e nella Capitale.

La visita in argomento, spiega il CESIVA, fa seguito a quella dello scorso 4 maggio del capitano di vascello C.G. DEM Rafael Antonio Lagunes Arteaga, comandante della nave scuola Cuauhtémoc del Ministero di Marina dell’Armata del Messico; a quella del 3 agosto del colonnello Abderrezak Mohammed, comandante della nave scuola tunisina Soummam, e infine a quella dell’11 luglio, del comandante dell’unità navale cinese Task Group 150, Radm Shean Hao.

Nelle foto l’incontro con la delegazione brasiliana.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

CESIVA: la direttrice della Biblioteca Angelica visita il patrimonio librario del centro militare di Civitavecchia

La direttrice della storica Biblioteca Angelica, dottoressa Fiammetta Terlizzi, ha visitato per la prima volta la biblioteca custodita all’interno del Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA) di Civitavecchia lo scorso 30 maggio, fa sapere un comunicato stampa dello stesso CESIVA.

La dottoressa Terlizzi, giunta al Centro per scoprire de visu i tesori custoditi all’interno della biblioteca, è stata accolta dal Comandante del CESIVA, gen Maurizio Boni, che si è detto molto felice per l’incontro, finalizzato alla possibilità di un’eventuale sinergia tra i vertici delle due realtà.

“Palpabile l’entusiasmo del direttore della storica biblioteca romana – si legge nel comunicato stampa –  affascinata, in particolare, dalla bellezza dei testi seicenteschi e settecenteschi provenienti dalle biblioteche reali di Casa Savoia, dalla Description de l’Egypt del 1820 con le sue meravigliose acqueforti, prime immagini scientifiche che l’occidente ha dell’Egitto, e dalla sezione cartografica con la mappa russa della battaglia di Plevna del 1877, con le traduzioni manoscritte e i commenti degli ufficiali di Stato Maggiore italiani dell’epoca”. 

“Imponente”, sottolinea il CESIVA, il confronto tra le due biblioteche: l’Angelica, fondata nel 1604 dal vescovo agostiniano Angelo Rocca, raccoglie circa 120.000 volumi relativi al pensiero agostiniano e alla storia della Riforma e Controriforma.

Dal 1940 è sede dell’Accademia Letteraria dell’Arcadia e dal 1975 fa parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT).

Lo scrigno del CESIVA, da parte sua, custodisce oltre 100.000 volumi tra cui 8 Incunaboli del 1400, 53 volumi del 1500 e 271 del 1600, 48 manoscritti e circa 7000 settecenteschi: “un vero monumento di storia e bellezza”.

L’entusiasmo dimostrato dalla studiosa conferma il valore del patrimonio librario custodito nella Biblioteca, un patrimonio che, già da tempo, è a disposizione anche dei visitatori esterni che ne fanno richiesta, ricorda il CESIVA nel suo comunicato.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

La Biblitoeca Angelica in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA