aeroporto Baracca

4 novembre: Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, videoteleconferenza con i teatri operativi

Il prossimo 4 novembre 2014, Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, presso il Comando Operativo di vertice Interforze (COI), avrà luogo il tradizionale collegamento in videoteleconferenza per il saluto del Ministro della Difesa e del Capo di stato maggiore della Difesa ai contingenti militari italiani impegnati nelle operazioni internazionali.

Per i media accreditati (stampa@smd.difesa.it) sarà possibile assistere all’evento, fa sapere lo stato maggiore della Difesa, con accesso dalle ore 14,00 alle ore 14,30 (orario ultimo per l’accesso) del 4 novembre all’ingresso dell’Aeroporto Militare Francesco Baracca, via di Centocelle 301 – Roma (Metro Linea A – fermata Numidio Quadrato).

Articoli correlati:

Il 4 novembre in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Difesa

Messaggio di auguri del Presidente della Repubblica Napolitano ai militari. Videoconferenza oggi al COI

Oggi, 20 dicembre 2013, a partire dalle 11, presso il Comando Operativo di vertice Interforze (COI) di Via di Centocelle a Roma, all’interno dell’ex aeroporto militare di Centocelle Francesco Baracca, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, accompagnato dal Ministro della Difesa, Mario Mauro, rivolgerà in videoconferenza il tradizionale messaggio augurale per le prossime festività ai militari italiani impegnati nei teatri di operazioni internazionali.

Articolo correlato:

Auguri di Natale in videoconferenza ai militari dispiegati dal Presidente Napolitano e dal Minsitro Di Paola (20 dicembre 2012)

Fonte: stato maggiore della Difesa

Foto d’archivio: stato maggiore della Difesa

4 novembre 2013, Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate. Collegamento con i teatri operativi al COI

Domani, 4 novembre 2013, Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, presso il Comando Operativo di vertice Interforze (COI) avrà luogo il tradizionale collegamento in videoteleconferenza per il saluto del ministro della Difesa e del Capo di stato maggiore della Difesa ai contingenti militari impegnati nelle operazioni internazionali.

Per i soli operatori dei media preventivamente accreditati, fa sapere la nota stampa dello stato maggiore della Difesa, sarà possibile assistere all’evento con registrazione dalle ore 13.30 alle ore 14,30 (orario ultimo per l’accesso) del 4 novembre all’ingresso dell’Aeroporto Militare Francesco Baracca, via di Centocelle 301 – Roma (Metro Linea A – fermata Numidio Quadrato – a 500 mt.).

Accredito con richiesta via e-mail, all’Ufficio Pubblica Informazione di SMD, entro le 9 di lunedì 4 novembre 2013.

Articoli correlati:

Il 4 novembre – Giornata delle Forze Armate in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore della Difesa

Visita al COI e al COFS del neo-CaSMD ammiraglio Binelli Mantelli

Lo scorso 1° febbraio, il giorno dopo aver assunto l’incarico di Capo di stato maggiore della Difesa (CaSMD), l’ammiraglio Luigi Binelli Mantelli ha visitato il Comando operativo di vertice interforze (COI) e il Comando interforze per le operazioni delle Forze speciali (COFS), ubicati a Roma nell’aeroporto Francesco Baracca di Centocelle, per un aggiornamento sulla situazione operativa.

Nel corso di un briefing, il comandante del COI, generale Marco Bertolini, ha illustrato all’ammiraglio Binelli Mantelli le attività svolte attualmente dal COI in Italia e all’estero, soffermandosi anche sulle esercitazioni interforze e multinazionali. “Siamo orgogliosi di essere lo strumento operativo nelle mani del Capo di stato maggiore della Difesa”, ha dichiarato il comandante del COI.

L’ammiraglio Binelli Mantelli ha ringraziato il generale Marco Bertolini e il suo comando “per quanto il COI ha fatto e sta facendo nel pianificare, predisporre e dirigere le operazioni, le esercitazioni interforze e multinazionali e tutte le attività connesse”.

Il Capo di stato maggiore della Difesa ha successivamente incontrato il comandante del COFS, generale Maurizio Fioravanti, e il personale del comando, proferendo parole di apprezzamento “per quello che fate e, soprattutto, per come lo fate”, assicurando da parte sua “sempre il pieno supporto”.

Il comandante del COFS ha illustrato i compiti, le capacità e le attività delle Forze speciali, sottolineandone gli “ottimi risultati raggiunti grazie all’elevata professionalità, all’addestramento e allo spirito di abnegazione del personale”.

Prima di lasciare l’aeroporto Baracca di Centocelle, il CaSMD si è collegato in videoconferenza con i comandanti italiani dei contingenti impiegati nelle operazioni all’estero.

Articolo correlato:

Stato maggiore della Difesa: dimani la cerimonia di cambio al vertice, il generale Abrate lascia l’incarico all’ammiraglio Binelli Mantelli (30 gennaio 2013)

Fonte: stato maggiore della Difesa

Foto: stato maggiore della Difesa

Il saluto del CaSMD generale Abrate al COI

In prossimità della fine del suo servizio attivo, prevista per il 31 gennaio, il Capo di stato maggiore della Difesa (CaSMD), generale Biagio Abrate, giovedì 24 gennaio scorso si è recato in visita di saluto al Comando Operativo di Vertice Interforze (COI), ubicato a Roma nell’aeroporto Francesco Baracca di Centocelle.

Dopo essere stato accolto dal comandante del COI, il generale Marco Bertolini, il CaSMD ha incontrato il personale del comando al quale ha rivolto parole di “sincero apprezzamento per il notevole supporto avuto dal comandante del COI e dal suo staff nel pianificare, predisporre e dirigere le operazioni, le esercitazioni interforze e multinazionali e tutte le attività connesse. Il vostro contributo – ha proseguito il generale Abrate – è stato particolarmente apprezzato non solo in Italia ma anche in ambito NATO”.

Il comandante del COI ha ringraziato il generale Abrate per “aver avuto l’onore di avere delegata da Lei la responsabilità dell’impiego dei militari italiani nelle operazioni in Patria e all’estero. E’ motivo di grande soddisfazione e orgoglio – ha proseguito il generale Bertolini – essere stati alle Sue dipendenze. Tutti noi La ringraziamo per quello che ci ha insegnato e per la serenità con cui ci ha consentito di lavorare e di gestire anche le situazioni più delicate”.

La visita è terminata con la firma dell’Albo d’Onore da parte del Capo di stato maggiore della Difesa.

Il COI è il Comando attraverso il quale il Capo di stato maggiore della Difesa pianifica, predispone e dirige le operazioni, le esercitazioni interforze e multinazionali e le attività connesse.

Articoli correlati:

Il CaSMD generale Biagio Abrate in Paola Casoli il Blog

Fonte: stato maggiore Difesa

Foto: stato maggiore Difesa

“Vi chiamate forze speciali perché svolgete compiti speciali”. Così il CaSMD gen Abrate agli uomini del COFS

Ieri, 14 gennaio 2013, il Capo di stato maggiore della Difesa (CaSMD), generale Biagio Abrate, si è recato in visita al Comando interforze per le Operazioni delle Forze Speciali (COFS), con sede a Roma nell’aeroporto Francesco Baracca di Centocelle.

Dopo essere stato accolto dal comandante del COFS, generale Maurizio Fioravanti, il Capo di stato maggiore della Difesa ha incontrato il personale del comando al quale ha rivolto parole di “sincero apprezzamento per il delicato lavoro svolto sempre con spirito di abnegazione e altissima professionalità. Voi – ha proseguito il generale Abrate – avete sempre operato con impegno e determinazione, sostenuti da validi Comandanti i quali vi hanno addestrato e guidato nelle situazioni più delicate. Siete chiamati Forze Speciali in quanto venite chiamati a svolgere compiti speciali”.

Il comandante del COFS ha ringraziato il generale Abrate per “il supporto ricevuto durante il suo mandato. In questi ultimi anni abbiamo svolto numerose esercitazioni in Italia e all’estero, attività che ci hanno consentito di accrescere la nostra professionalità, adattandola sempre meglio agli attuali scenari operativi”.

La visita è terminata con la firma dell’Albo d’Onore da parte del Capo di stato maggiore della Difesa.

Il COFS, costituito il 1° dicembre 2004 alle dirette dipendenze del CaSMD, è competente per la condotta delle operazioni interforze alle quali sono chiamate a partecipare le Forze Speciali in organico alle singole Forze Armate.

Articoli correlati:

Il COFS in Paola Casoli il Blog

Fonte: stato maggiore della Difesa

Foto: stato maggiore della Difesa

Gli auguri del Presidente della Repubblica Napolitano ai militari impegnati nei teatri operativi

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano farà gli auguri di Natale ai militari impegnati all’estero nei teatri operativi nella mattinata di oggi 21 dicembre dal Comando Operativo di vertice Interforze (COI) di Roma.

Il tradizionale messaggio di auguri ai contingenti militari italiani impegnati nei teatri di operazioni internazionali verrà trasmesso in videoconferenza dall’Aeroporto Baracca, sede del COI.

Fonte: stato maggiore della Difesa

Foto: il collegamento per il tradizionale messaggio di auguri del 2010/stato maggiore della Difesa

COFS, cambio al vertice del comando operativo delle forze speciali

Si è svolta oggi 10 ottobre, all’aeroporto Francesco Baracca di Centocelle a Roma, la cerimonia del cambio al vertice del Comando Operativo delle Forze Speciali (COFS) tra l’ammiraglio Donato Marzano, cedente, e il collega subentrante generale Maurizio Fioravanti.

All’evento, che è stato presieduto dal sottosegretario di Stato alla Difesa onorevole Guido Crosetto, hanno partecipato il Capo di stato maggiore della Difesa, generale Biagio Abrate, e alte autorità civili e militari.

La cerimonia è stata l’occasione per sottolineare, da parte del generale Abrate, che il COFS rappresenta “una realtà preziosa per la Difesa e per il Paese stesso”. Mentre l’onorevole Crosetto ha evidenziato “il valore degli uomini e la capacità di operare in tutti gli ambienti ed elementi: terra, mare e cielo”, prendendo spunto proprio dalla simbologia dello stemma araldico del COFS: la mano del Padre con le tre spade, come riferisce il comunicato stampa della Pubblica Informazione dello stato maggiore della Difesa.

Il COFS è stato costituito il 1° dicembre 2004, in linea con l’orientamento degli altri principali Paesi dell’Alleanza Atlantica.

E’ alle dirette dipendenze del Capo di stato maggiore della Difesa quale strumento specifico per la condotta delle operazioni speciali, ovvero di tutte le attività realizzate in contesti ostili o non permissivi, e per questo caratterizzate da basso profilo, aventi ad oggetto un obiettivo di elevato valore operativo.

Il COFS è un comando proiettabile, validato dalla NATO quale comando di componente per le operazioni speciali nel quadro della NATO Response Force (NRF).

Fonte: PI SMD

Foto: PI SMD