alzabandiera

COMFOTER SPT: con l’Alzabandiera a Palazzo Carli si apre il 33° congresso della Federazione Internazionale dei Soldati della Montagna

“Con la cerimonia dell’alzabandiera, svoltasi per la prima volta, nel cortile di Palazzo Carli, sede del Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto (COMFOTER SPT), è stato ufficialmente aperto l’annuale congresso della Federazione Internazionale dei Soldati della Montagna – IFMS, giunto quest’anno alla 33^ edizione”, ha fatto sapere con un comunicato stampa del 26 settembre lo stesso comando veronese COMFOTER SPT.

All’evento erano presenti il Generale di Corpo d’Armata Giuseppenicola Tota, Comandante delle Forze Operative Terrestri di Supporto, il Sindaco di Verona, avv Federico Sboarina, il presidente della Sezione Alpini di Verona, sig Luciano Bertagnoli, il Presidente dell’Associazione Nazionale Alpini, ing Sebastiano Favero, e il Segretario generale della Federazione Internazionale soldati della montagna, Generale di Brigata Renato Genovese.

La Federazione Internazionale dei Soldati della Montagna è una federazione tra associazioni nazionali di soldati, in armi, congedati, di riserva o a riposo, con specifico addestramento alpino, spiega il comunicato.

Alla Federazione può aderire una sola associazione per nazione, si apprende: ne fanno parte Austria, Bulgaria, Francia, Germania, Italia, Montenegro, Polonia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti d’America e Svizzera.

L’Italia è rappresentata dall’Associazione Nazionale Alpini (ANA).

“Questa associazione internazionale – scrive il COMFOTER SPT – impegna le associazioni liberamente federatesi a:

  • promuovere collettivamente una cultura di pace, di libertà e di tutela dei diritti dell’uomo, fornendo un esempio positivo alle future generazioni
  • onorare la memoria dei Caduti delle Truppe da Montagna d’ogni Nazione, affinché, affinché il loro sacrificio sia di stimolo a costruire un mondo di pace durevole, di fratellanza e di giustizia;
  • perseguire attivamente la conoscenza, la comprensione e l’amicizia tra tutti i Soldati da Montagna;
  • dare un esempio alle future generazioni e favorire il riconoscimento, il rispetto e la comprensione reciproca;
  • contribuire alla comprensione tra le Associazioni aderenti, tra i loro soci, tra le generazioni future. 

Fonte e foto: COMFOTER SPT

Esercito: il CME Puglia fa sventolare il Tricolore in piazza, Alzabandiera sul lungomare monumentale di Bari

Sul suggestivo sfondo del lungomare monumentale di Bari, si è svolta lo scorso 6 febbraio la rituale cerimonia dell’Alzabandiera, alla presenza del generale Mauro Prezioso, Comandante territoriale dell’Esercito in Puglia, del vicesindaco di Bari, dott Vincenzo Brandi, delle Associazioni combattentistiche e d’Arma e di circa 300 studenti delle scuole di ogni ordine e grado della zona.

Le note del “Canto degli italiani” sono state intonate dalla Banda della brigata meccanizzata Pinerolo e accompagnate dalla voce tonante del tenore maestro Antonio Stragapede e della soprano Catia Barile, mentre un plotone in armi del Presidio Militare Interforze di Bari ha reso gli onori al Tricolore, al cui fianco una rappresentanza della Polizia locale di Bari ha issato il vessillo cittadino dai tradizionali colori bianco e rosso.

Il gen Prezioso ha evidenziato come il senso di appartenenza alla Patria si costruisca attraverso valori e rituali. “Valori come dovere, sacrificio, amor Patrio, e rituali come quello dell’Alzabandiera”, scrive il Comando Militare Esercito (CME) Puglia nel comunicato stampa con cui dà notizia dell’evento.

E sottolinea: “L’Esercito condensa queste peculiarità, tant’è che nell’immaginario collettivo si identifica con la stessa idea di Patria”.

Al termine della cerimonia, dopo un breve concerto della Banda della brigata Pinerolo, sono stati consegnati degli attestati di riconoscimento a personalità che nel corso del 2016 si sono distinte per aver partecipato attivamente ad attività organizzate dal CME Puglia.

Successivamente, nella Caserma “D. Picca” sede del CME Puglia, è stata tenuta una conferenza di orientamento agli studenti intervenuti alla attività provenienti dagli Istituti superiori Vivante e Cirillo di Bari.

La cerimonia barese viene di volta in volta organizzata da una Forza Armata o Corpo Armato diverso, si apprende, sotto il coordinamento del Comando Scuole/3 Regione Aerea.

Articoli correlati:

Il CME Puglia in Paola Casoli il Blog

La brigata Pinerolo in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Puglia

COMFODI-NORD: alzabandiera in memoria delle vittime del terremoto

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (9)Si è svolta questa mattina, 1° settembre, nella caserma Oreste Salomone, sede del Comando Forze di Difesa Interregionale Nord (COMFODI-NORD) di Padova, la cerimonia mensile di Alzabandiera.

Oggi l’evento ha rappresentato un particolare momento di raccoglimento, in quanto ha richiamato alla memoria il recente sisma che ha colpito il centro Italia.

Nel corso dell’Alzabandiera di stamane sono state infatti ricordate le vittime del terremoto che ha colpito le regioni del Lazio e delle Marche, fa sapere il COMFODI-NORD in un comunicato stampa odierno.

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (10)Alla presenza del comandante dell’ente, generale Bruno Stano, e delle principali autorità civili e militari cittadine, è stata ricordata la figura del caporal maggiore Antonio Turrin, partito per la Grande Guerra proprio dalla caserma padovana, con l’incarico di trombettiere e deceduto nel 1917 nel Goriziano.

Presenti alla cerimonia e premiati dal gen Stano numerosi e illustri ospiti, tra i quali i campioni sportivi Rossano Galtarossa, Andrea Facchin e Manuela Levorato.

In particolare, sono stati premiati dal Comandante la dott Chiara Stefani, assessore alla Cultura del Comune di Asiago; la dott Serafina Mascia, presidente della Federazione associazioni sarde in Italia, e il sig Walter Pilo, presidente dell’Associazione storico-culturale “Ta-Pum”, che hanno collaborato con il COMFODI-NORD alla buona riuscita di vari eventi connessi alle commemorazioni del Centenario della Grande Guerra tra maggio e luglio.

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (8)È stato inoltre premiato il capitano di fregata della riserva (corpo sanitario) dott Giorgio Martini, per la consulenza tecnico-sanitaria fornita a favore degli atleti olimpionici nazionali appartenenti alle Forze Armate, che hanno così ben figurato nelle recenti Olimpiadi di Rio di Janeiro, fa sapere il comunicato stampa.

Infine, sono state consegnate le tessere di socio onorario del Centro Sportivo Militare di Padova a Rossano Galtarossa, canottiere della Nazionale Italiana che vanta due medaglie di bronzo, una d’argento e una d’oro ai Giochi Olimpici di Sidney e 4 titoli mondiali e 14 nazionali; ad Andrea Facchin, canoista, medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Pechino, medaglia di bronzo agli Europei e due medaglie di bronzo ai Giochi del Mediterraneo, e a Manuela Levorato, velocista, vincitrice di 17 titoli italiani assoluti, due volte medaglia di bronzo agli Europei e medaglia d’argento e di bronzo ai Giochi del Mediterraneo.

Artico20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (7)li correlati:

Il COMFODI-NORD in Paola Casoli il Blog

Il Centenario Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

Gli atleti militari a Rio 2016 in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFODI-NORD

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (6)

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (5)

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (4)

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (3)

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (2)

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (1)

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (11)

20160901_COMFODI-NORD_Alzabandiera (12)

COMFODI-NORD: alzabandiera nel 357° anniversario dei Granatieri e ricordo di Agostino Setti

20160401_COMFODINORD_Alzabandiera_anniv Granatieri_commemoraz Soldato Setti (2)Questa mattina, 1° aprile, alla caserma Oreste Salomone di Padova, sede del Comando Forze di Difesa Interregionale Nord (COMFODI – NORD) della Città del Santo, si è svolta la tradizionale cerimonia di alzabandiera, alla presenza del comandante dell’ente, generale Bruno Stano, e delle principali autorità civili e militari cittadine, fa sapere con una nota stampa odierna lo stesso COMFODI-NORD.

La cerimonia ha ricordato il 357° anniversario della costituzione di una delle specialità più antiche della Fanteria, i Granatieri, e, in particolare, la figura del soldato Agostino Setti, effettivo al 1° reggimento Granatieri di Sardegna, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare durante la Prima Guerra Mondiale.

Presenti all’evento anche una rappresentanza di studenti provenienti dall’istituto professionale statale Ruzza di Padova.

“Il soldato Agostino Setti, classe 1894, impegnato con il proprio reggimento negli aspri combattimenti sull’Altipiano di Asiago, in provincia di Vicenza, con l’incarico di ciclista porta-ordini, il 19 agosto 1917 fu mandato a consegnare un importante ordine per il proprio battaglione, e, per farlo, dovette attraversare una zona “scoperta” battuta dal tiro nemico dell’Esercito Austriaco”, ricorda la nota.

“Sprezzante del pericolo, Setti si lanciò sul campo di battaglia dove venne ferito a morte e, stringendo la lettera tra i denti, strisciò fino alla postazione del Comando Italiano: portò a termine il suo compito ma là spirò subito dopo, contribuendo con l’eroico sacrificio al buon esito del combattimento.”

Durante la cerimonia il generale Stano ha ricordato la figura del dottor Angelo Ferro, Presidente dell’Opera Immacolata Concezione (OIC) di Padova, recentemente scomparso.

20160401_COMFODINORD_Alzabandiera_anniv Granatieri_commemoraz Soldato Setti (3)Grazie al dottor Ferro è stato riordinato il progetto denominato “Educati al bene comune”, che vede il COMFODI-NORD, l’OIC e l’ONLUS Giotto impegnati in un programma socio-educativo rivolto agli studenti padovani che, in concomitanza di ogni alzabandiera mensile nella caserma Salomone, assistono a un ciclo di lezioni su temi quali la Costituzione, l’educazione civica e il primo soccorso.

Articoli correlati:

Il COMFODI-NORD in Paola Casoli il Blog

Cerimonie di alzabandiera in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFODI-NORD

20160401_COMFODINORD_Alzabandiera_anniv Granatieri_commemoraz Soldato Setti (1)

Alpini: all’Aquila l’88^ adunata nazionale. Cittadella, Centenario Grande Guerra e riproduzione avamposto Afghanistan

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

Con l’Alzabandiera e l’inaugurazione della Cittadella degli Alpini al Parco del Castello è iniziata questa mattina, 15 maggio, la tre giorni dell’ 88^ Adunata Nazionale degli Alpini nella città de L’Aquila.

È stata infatti aperta oggi ufficialmente al pubblico la Cittadella degli Alpini, lo spazio all’interno del Parco del Castello, all’Aquila, che le Truppe Alpine dell’Esercito hanno allestito per presentare al pubblico dell’Adunata mezzi, armi ed equipaggiamenti di ultima generazione.

Dopo l’alzabandiera, a cui hanno partecipato centinaia di persone e molti bambini, fa sapere il Comando Truppe Alpine (COMALP), il generale Federico Bonato, comandante COMALP, ha tagliato il nastro inaugurale insieme al Presidente dell’Associazione Nazionale Alpini (ANA), Sebastiano Favero, e a Massimo Cialente, sindaco della città abruzzese.

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

Molto frequentati già nella prima giornata di apertura gli stand della Cittadella, dedicati alle diverse specialità delle Truppe Alpine e illustrati da militari delle brigate Julia e Taurinense e del Centro Addestramento Alpino.

Di particolare interesse sono risultati gli stand del genio, con la simulazione della bonifica di un campo minato, l’esposizione dei blindati Lince e la riproduzione di un avamposto del 9° reggimento Alpini in Afghanistan.

La rievocazione del centenario della Grande Guerra ha attirato molte persone presso l’area del Museo degli Alpini di Trento, dove viene proposta un’originale mostra sulle battaglie in quota.

Uno spazio importante sarà infatti dedicato alla missione in Afghanistan, con la riproduzione dettagliata di un avamposto che consentirà ai visitatori di conoscere da vicino la realtà quotidiana dei militari italiani che operano nel paese asiatico.

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

Appassionati e curiosi potranno salire a bordo dei modernissimi automezzi Lince e dell’autoblindo Centauro (realizzazioni made in Italy!), oltre che dei cingolati da neve BV206, potranno imbracciare il fucile Beretta ARX recentemente adottato dall’Esercito, osservare le manovre di puntamento dei mortai Thomson da 120 in dotazione alla fanteria e all’artiglieria e provare gli apparati radio che metteranno in collegamento l’Adunata aquilana con tutto il mondo, grazie alla collaborazione con l’Associazione Radioamatori.

Anche quest’anno gli alpini paracadutisti metteranno in scena la liberazione di un ostaggio, un’esperienza che verrà proposta a chi vorrà provare un’esperienza forte.

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

Insieme ai genieri alpini si potrà bonificare un campo minato (rigorosamente simulato!) e conoscere da vicino le tecniche con cui vengono disinnescate le centinaia di residuati bellici che ogni anno l’Esercito viene chiamato a neutralizzare in tutta Italia.

Sempre nell’area del Genio sarà presentata la missione europea nella Repubblica Centrafricana, recentemente conclusasi con successo anche grazie al contributo italiano.

L’aviazione dell’Esercito (AVES), che collabora sistematicamente con le Truppe Alpine in operazione e in esercitazione, sarà presente con un proprio stand dove saranno esposti materiali a elevato contenuto tecnologico.

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

Al centro della Cittadella sarà inoltre disponibile un Info-Point dove chi aspira alla carriera militare nell’Esercito potrà ricevere da un team specializzato tutte le informazioni sul reclutamento.

Ai più giovani sarà rivolta l’area incentrata sulla montagna, gestita dal Centro Addestramento Alpino di Aosta insieme all’Associazione Nazionale Alpini, dove si troveranno un muro di arrampicata, un ponte tibetano e una pista artificiale da sci di fondo a disposizione di bambini e ragazzi con la supervisione di istruttori di sci e di alpinismo. Sempre in tema di montagna non mancherà la tenda del servizio meteorologico METEOMONT, che grazie a rilevamenti quotidiani su tutto l’arco alpino fornisce quotidianamente le previsioni sul rischio valanghe, in collaborazione col Corpo Forestale dello Stato e l’Aeronautica Militare.

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

L’88^ Adunata coincide con il centenario dell’ingresso italiano nella Grande Guerra: per l’occasione il Museo Nazionale degli Alpini di Trento ha preparato un’originale mostra fotografica sulle battaglie che hanno visto alpini e fanti combattere in quota nel ’15-’18, oltre a esporre una ricca selezione di cimeli che rievocheranno la storia del Corpo, fondato nel 1872.

Sempre in tema di 100° anniversario, il gruppo storico ‘Militaria’ allestirà uno spazio in cui sarà fedelmente riprodotta l’atmosfera di una trincea italiana della Prima Guerra Mondiale, grazie a figuranti in uniformi d’epoca che presenteranno al pubblico una serie di scenette di vita militare di un secolo fa.

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

I soccorsi alla popolazione colpita dal sisma del 2009 – e più in generale tutti gli interventi degli alpini in armi e in congedo per salvare e ricostruire – saranno oggetto di una mostra fotografica organizzata presso la Cittadella dall’Associazione Nazionale Alpini in collaborazione con le Truppe Alpine. Intitolata ‘Gli Alpini ci sono sempre’, la galleria di immagini di archivio testimonierà l’impegno solidale delle Penne Nere in Italia e all’estero: Vajont, Friuli, Irpinia, Abruzzo, Liguria, ma anche Afghanistan e Centrafrica, sempre in prima linea dove c’è bisogno.

Al battaglione L’Aquila del 9° reggimento, di stanza nella cittadina abruzzese, sarà dedicato uno spazio speciale, con l’esposizione di fotografie, oggetti e memorabilia che raccontano la storia passata e recente di una delle unità alpine più decorate dell’Esercito.

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

Due alpini del 9° presenteranno infine all’interno della Cittadella la serie di scatti da loro realizzati nel centro storico dell’Aquila cinque anni dopo il terremoto: la mostra si intitola ‘Lavori in corso’ ed è l’omaggio di due penne nere alla città che dal 1975 ospita il reggimento e quest’anno, per la prima volta, l’Adunata Nazionale.

La Bandiera di Guerra del 9° reggimento Alpini ha sfilato stamane per le vie dell’Aquila, partendo dalla basilica di Collemaggio per giungere in piazza del Duomo, salutata da decine di migliaia di Alpini e di cittadini aquilani.

La sfilata del vessillo di un reggimento di Alpini in armi è uno degli appuntamenti tradizionali di ciascuna Adunata Nazionale Alpini, apertasi con la cerimonia dell’alzabandiera sulle note dell’inno di Mameli, eseguito dalla Fanfara della brigata alpina Taurinense.

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

La cittadina abruzzese che ospita l’88^ Adunata è dal 1975 la sede del 9° reggimento alpini, che inquadra il celebre battaglione L’Aquila, il cui motto “D’Aquila Penne, ugne di Leonessa” fu coniato da Gabriele D’Annunzio a partire da tre località considerate bacino di reclutamento degli Alpini d’Abruzzo.

Articoli correlati:

Le precedenti edizioni delle adunate nazionali degli Alpini in Paola Casoli il Blog

Gli Alpini in Paola Casoli il Blog

Il Centenario Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

CMC Paolo MASSARDI

COMFODI-NORD: alzabandiera nel 154° anniversario dell’Esercito e nel Centenario Grande Guerra

COMFODI-NORD_gen Bruno Stano_PadovaDomani mattina, lunedì 4 maggio, alle 8.30, alla presenza delle Autorità civili e militari di Padova si svolgerà la tradizionale cerimonia di Alzabandiera presso la caserma Piave, sede del Comando Forze di Difesa Interregionale Nord (COMFODI – NORD) comandato dal generale Bruno Stano.

Il tradizionale appuntamento assume quest’anno un valore aggiunto sia in ragione del 154° Anniversario della costituzione dell’Esercito Italiano, sia perché inserito nelle commemorazioni del Centenario della Grande Guerra, come sottolinea lo stesso comando nel suo comunicato stampa.

Articoli correlati:

Il 154° anniversario dell’Esercito Italiano in Paola Casoli il Blog

Il Centenario Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto (d’archivio): COMFODI-NORD

COMFODI-NORD, coordinatore sicurezza Expo 2015: alzabandiera con il Petrarca Rugby e i ragazzi del Camerini-Rossi di Padova

20150401_COMFODI-NORD_alzabandiera_gen Bruno Stano_Petrarca Rugby_caserma Piave_Padova (4)Ieri mattina, 1° aprile, nel chiostro trecentesco della caserma Piave, sede del Comando Forze di Difesa Interregionale Nord (COMFODI – NORD), si è svolta la tradizionale cerimonia di Alzabandiera alla presenza del generale Bruno Stano, comandante dell’ente, delle principali autorità civili e militari di Padova e di una rappresentanza di studenti provenienti dall’istituto Camerini – Rossi.

Gli studenti hanno partecipato con l’occasione a un ciclo di lezioni di carattere storico e socio-educativo, tenute da personale del comando, delle onlus Giotto e Opera Immacolata Concezione di Padova.

20150401_COMFODI-NORD_alzabandiera_gen Bruno Stano_Petrarca Rugby_caserma Piave_Padova (2)L’evento, che ha visto la partecipazione della squadra Petrarca Rugby di Padova, è proseguito con la visita degli ospiti alle nuove strutture di controllo operativo del Comando, che coronano un ampio programma di ammodernamento dei locali voluto dal generale Stano.

I sistemi tecnologici e informatici di ultima generazione recentemente acquisiti consentono a tutti gli operatori di monitorare, 24 ore su 24, i principali settori di intervento del Comando nell’Italia centro-settentrionale, quali la bonifica di ordigni bellici inesplosi, il concorso alle forze di Polizia nell’operazione Strade Sicure o l’impiego dei reparti dell’Esercito in caso di calamità naturali.

20150401_COMFODI-NORD_alzabandiera_gen Bruno Stano_Petrarca Rugby_caserma Piave_Padova (3)L’alto Comando di Padova, sottolinea la nota stampa del COMFODI-NORD, sarà l’ente deputato dagli organi centrali a coordinare gli oltre 600 uomini che l’Esercito fornirà in concorso alle forze di polizia per implementare la cornice di sicurezza in occasione di EXPO 2015 a Milano.

Al termine della cerimonia il generale Stano, unitamente a una rappresentanza di militari del comando e della squadra del Petrarca Rugby e a personale dell’Associazione di promozione sociale Team for Children, si sono recati presso la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova per “donare un sorriso” ai bambini ricoverati, regalando le uova pasquali.

Articoli correlati:

20150401_COMFODI-NORD_alzabandiera_gen Bruno Stano_Petrarca Rugby_caserma Piave_Padova (1)COMFODI-NORD in Paola Casoli il Blog

Le cerimonie dell’Alzabandiera in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFODI-NORD

CME Puglia: Alzabandiera sul lungomare. Militari, cittadini e studenti alla cerimonia mensile

20150203_Comando Militare Puglia_Esercito Italiano_alzabandiera_un momento della cerimonia (4)Nella mattinata del 2 febbraio scorso, a Bari, in Largo Giannella sul lungomare monumentale, si è svolta la cerimonia dell’alzabandiera a cura del Comando Militare Esercito (CME) Puglia. All’evento hanno preso parte il generale Natalino Madeddu, comandante militare regionale, Vincenzo Brandi, vicesindaco, e Mario Volpe, prefetto vicario, un reparto interforze in armi del Presidio militare di Bari, la Banda del distaccamento della brigata meccanizzata Pinerolo, rappresentanze dell’Esercito e delle associazioni combattentistiche.

Particolarmente sentita è stata la partecipazione di alcune scolaresche dell’Istituto tecnico commerciale Vivante e della Scuola secondaria di I grado Imbriani di Bari. Dopo l’esecuzione del Canto degli Italiani il generale Madeddu ha sottolineato alcuni concetti volti a chiarire agli studenti e ai cittadini intervenuti il significato dell’Alzabandiera.

La cerimonia condensa nella sua austerità uno degli atti più sacri nel rituale di ogni esercito. Infatti, l’Alzabandiera si svolge 365 giorni all’anno sia in Italia che all’estero, nelle caserme e nelle basi militari come a bordo delle navi.

20150203_Comando Militare Puglia_Esercito Italiano_alzabandiera_un momento della cerimonia (5)“Come tutte le cose, però, c’è da considerare che anche l’Alzabandiera – ha affermato il comandante – si è arricchita di nuovi significati. Oggi il Tricolore è sempre issato insieme alla bandiera dell’Unione Europea per rammentarci la vocazione europeista e internazionale del nostro Paese”.

La cerimonia barese si svolge con cadenza mensile il primo lunedì del mese sotto la responsabilità di una Forza Armata o Corpo Armato diverso per volontà dell’amministrazione comunale, al fine di accrescere le virtù civiche dei cittadini e stimolare il connubio tra Forze Armate e la popolazione.

Articoli correlati:

L’Alzabandiera in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando Militare Puglia

20150203_Comando Militare Puglia_Esercito Italiano_alzabandiera_un momento della cerimonia (3)

20150203_Comando Militare Puglia_Esercito Italiano_alzabandiera_un momento della cerimonia (2)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

COMFODI-NORD: alzabandiera e ricordo di Matteo Vanzan

20150203_COMFODI-NORD_alzabandiera_Padova (2)Si è svolta ieri mattina, 3 febbraio, a Padova, nella caserma Piave sede del Comando Forze di Difesa Interregionale Nord (COMFODI-NORD), la tradizionale cerimonia di Alzabandiera, evento che ogni primo giorno feriale del mese vede le principali autorità civili e militari della città e rappresentanze degli studenti rendere omaggio alla Bandiera.

Alla cerimonia era presente una classe dell’Istituto professionale Enrico Bernardi di Padova.

Dopo l’Alzabandiera è stata data lettura della motivazione della Medaglia d’Oro al Valore 20150203_COMFODI-NORD_alzabandiera_Padova (5)dell’Esercito concessa al 1° caporal maggiore Matteo Vanzan, giovane militare del reggimento Lagunari Serenissima caduto nell’adempimento del proprio servizio a Nassiriya, in Iraq, il 17 maggio 2004.

Successivamente, il comandante delle Forze di difesa interregionale Nord, generale Bruno Stano, nel corso del suo intervento ha evidenziato la figura di Matteo Vanzan quale esempio di giovane italiano dotato di coraggio e animato da assoluta dedizione al servizio, caduto nell’adempimento del proprio dovere.

20150203_COMFODI-NORD_alzabandiera_Padova (3)Al termine, gli studenti hanno partecipato a un ciclo di lezioni tenute da personale della Cooperativa Giotto e dell’alto comando di Padova afferenti a diverse e importanti tematiche di carattere socio-educativo, quali la storia del Tricolore e dell’inno nazionale, la Costituzione italiana, il senso civico della giustizia, il significato della pena e nozioni basiche di primo soccorso sanitario.

Articoli correlati:

Il COMFODI-NORD in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFODI-NORD

20150203_COMFODI-NORD_alzabandiera_Padova (1)

COMFOTER: celebrazione della Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera

Venerdì 17 marzo scorso, in Piazza Brà a Verona, il Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Roberto Bernardini, ha presieduto la celebrazione della Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera.

La cerimonia, alla quale hanno partecipato numerosi cittadini e alcune scolaresche, si è svolta alla presenza delle autorità civili e militari della città scaligera e di una folta rappresentanza di ufficiali, sottufficiali, graduati e personale civile delle Forze Armate e Corpi armati dello Stato, associazioni combattentistiche e d’arma, e della Croce Rossa Italiana.

Nel corso dell’evento, è stato effettuato l’Alzabandiera con esecuzione del Canto degli italiani.

Articoli correlati:

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER