area responsabilità italiana

Afghanistan. Bombe da mortaio, granate, proiettili, razzi ed esplosivo pronti per un attacco IED: le task force dell’RC-W ISAF sequestrano materiale a sud di Farah

Tutto era pronto per un imminente attacco ai danni delle forze di sicurezza afgane o delle forze della coalizione impegnate in Afghanistan nella missione ISAF.

Ma le task force del Regional Command West (RC-W) di ISAF hanno sequestrato tutto, sventando così l’agguato.

Bombe da mortaio, granate, proiettili di diverso calibro,  razzi per lanciatori RPG e vari tipi di esplosivo sono stati ritrovati dalla Task Force South, su base 152° reggimento Sassari, dalla Task Force Center, su base 66° reggimento aeromobile Trieste, e  da unità di supporto del 5° reggimento genio anche con l’utilizzo delle unità cinofile, in stretto coordinamento con le forze di sicurezza afgane (ANSF) e con assetti dell’intelligence italiana a supporto del contingente.

Ed è proprio un’incessante spinta operativa delle task force dell’RC-W, su base brigata Sassari a comando del generale Luciano Portolano, che ha portato al sequestro dell’importante quantitativo di materiale d’armamento e di esplosivo nel settore meridionale dell’area di responsabilità italiana, dove da settimane le forze della coalizione si stanno confrontando con gruppi armati di ribelli per il controllo delle principali vie di comunicazione dell’area.

Il materiale recuperato è stato sottoposto a controlli con moderne tecniche di investigazione scientifica per rilevare eventuali impronte digitali o altri elementi utili a risalire ai terroristi. L’ottimo stato di conservazione, si apprende dall’RC-W, fa presupporre che fosse in corso la preparazione di un imminente attacco contro  mezzi e uomini delle forze di sicurezza afgane o di ISAF con ordigni improvvisati (IED, Improvised Explosive Devices).

Sempre nel settore sud, inoltre, proseguono le attività a favore della popolazione con la distribuzione di aiuti umanitari nei distretti più meridionali della provincia di Farah. L’operazione umanitaria ha consentito il trasporto di novemila chili di derrate alimentari ed è stata condotta dagli elicotteri multiruolo CH-47 Chinook, scortati dagli A129 Mangusta della Task Force Fenice, su base 5° reggimento Rigel, dai carabinieri del Police Operational Mentor Liaison Team (POMLT), e dal reggimento San Marco della Task Force South- East.

Articoli correlati:

Afghanistan, RC-W ISAF: in corso operazione Copperhead. Sequestro di droga e arresti (31 gennaio 2012)

RC-W ISAF, evoluzione nella transition: conclusa l’operazione Upper Hand con altri arresti e sequestri di esplosivo (19 gennaio 2012)

Afghanistan, RC-W ISAF: la continua pressione del contingente italiano nell’area porta al ritrovamento di droga e di munizioni per il confezionamento di IED (28 dicembre 2011)

Il più grande successo prima del week-end: insorti afgani cedono le armi all’RC-W di ISAF e si reintegrano (19 dicembre 2011)

L’RC-W ISAF in Paola Casoli il Blog

Fonte: RC-W ISAF

Foto: RC-W ISAF