casta

Esercito: nove alloggi di servizio consegnati oggi a Cesana Torinese nel progetto di aumento dell’offerta alloggiativa

Il Reparto Operativo del Genio Infrastrutturale dell’Esercito ha riconsegnato oggi, 12 settembre, nove alloggi di servizio riqualificati e ammobiliati che saranno assegnati al personale del Reparto Comando e Supporti Tattici della brigata alpina Taurinense, di stanza presso la Caserma Monginevro della base logistico-addestrativa di Bousson, e agli alpini della 34^ compagnia del 3° reggimento Alpini, di stanza a Ulzio, presso la Caserma Assietta.

È l’Esercito a darne comunicazione con una nota stampa oggi stesso.

I lavori erano stati decisi a seguito della visita all’infrastruttura di Cesana Torinese svolta dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, durante gli ultimi Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) a Sestriere, nell’ambito delle verifiche dello stato delle caserme e degli alloggi del personale condotte su tutto il territorio.

La palazzina, di proprietà del demanio militare e parzialmente deteriorata, è stata riqualificata e resa disponibile all’uso attraverso una serie di interventi manutentivi coordinati dal Reparto Operativo del Genio Infrastrutturale in stretta sinergia con la brigata alpina Taurinense, al fine di poter offrire nuove opportunità alloggiative al personale in servizio nella Val di Susa.

Il comprensorio, denominato “Alloggetti montani di Cesana”, si compone di sei alloggi doppi e tre singoli, spiega la nota stampa, e darà ospitalità a quindici militari.

Gli alloggi sono dotati di cucina, bagni e televisione. Iniziati e conclusi nell’arco di un mese, i lavori hanno consentito di rendere nuovamente disponibile una struttura che contribuirà a migliorare il benessere del personale impiegato nella zona.

“È motivo di orgoglio e soddisfazione consegnare questi alloggi ai nostri Graduati che, ogni giorno, si addestrano e operano nelle nostre vallate, mantenendo vivo il legame con la montagna e con tutti coloro che ci abitano”, ha detto il gen Massimo Biagini, comandante della brigata Alpina Taurinense e rappresentante per l’Esercito nel suo breve discorso durante la riconsegna.

“Ogni qualvolta l’Esercito riesce ad andare incontro alle esigenze del proprio personale, viene rinforzato e ribadito quello spirito di corpo che anima tutti i militari, gli Alpini in particolare”, ha chiosato il Comandante.

“Il progetto portato a termine – si legge nella nota – unitamente agli alloggi realizzati precedentemente a Ulzio e Roma, rientra in una serie di iniziative che l’Esercito, nel suo complesso, ha avviato recentemente per migliorare la qualità della vita del proprio personale, aumentando in questo caso la capacità ricettiva nelle vicinanze delle installazioni militari, dando segno tangibile di attenzione e riguardo verso chi quotidianamente opera in contesti operativi e addestrativi a elevata intensità, contribuendo così anche alla valorizzazione del territorio”.

“L’aumento dell’offerta alloggiativa conferma la centralità che l’Esercito attribuisce al proprio personale e al benessere delle rispettive famiglie”, conclude la nota stampa.

Fonte e foto: PI SME

CaSTA 2018: conclusa la 70^ edizione dei Campionati sciistici delle Truppe Alpine

“Una kermesse di addestramento e sport” dai numeri significativi: 40 km di movimento scialpinistico, oltre 2.000 metri di dislivello in 3 giorni, 1.500 militari in gara, 11 nazioni partecipanti, decine di gare disputate, migliaia di ore passate a sfidarsi e a esercitarsi sulle nevi del Piemonte.

Questi i Campionati sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) che il 10 marzo, alla presenza del Ministro della Difesa, senatrice Roberta Pinotti, e del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), gen Salvatore Farina, si sono conclusi al Sestriere, fa sapere con un comunicato stampa il Comando Truppe Alpine (COMALP).

Il soccorso in ambiente montano è stato il cardine della 70^ edizione della manifestazione, che ha visto la partecipazione del Ministro anche all’esercitazione mattutina in cui hanno operato in sinergia diversi corpi dello Stato, squadre di soccorso militare dell’Esercito, squadre di soccorso del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico, Guardia di Finanza e unità cinofile e personale dei Carabinieri.

“Professionalità diverse e integrabili per assicurare capacità d’intervento tempestivo in caso di emergenza. Un vero esempio di Sistema Paese, dove la Difesa contribuisce in maniera importante con le proprie eccellenze (donne e uomini) formate da costante addestramento”: così ha commentato il Ministro della Difesa, sen Roberta Pinotti, assistendo all’esercitazione “Chaberton 2018”, riporta il comunicato.

Il gen Farina, nel salutare i militari presenti, italiani e stranieri, ha ricordato che “quelle che si concludono oggi non sono state solamente giornate di sport ma, soprattutto, un’occasione addestrativa che ha concorso a promuovere lo scambio, la cooperazione e l’interoperabilità tra unità d’élite di eserciti alleati e amici, creando, al contempo, solidi legami tra gli uomini e le donne che ne fanno parte”.

I 1.500 militari dei CaSTA sono stati salutati dal Comandante delle Truppe Alpine, gen Claudio Berto, con queste parole: “Sono state giornate intense ed entusiasmanti con i ritmi serrati e impegnativi della montagna, giornate che hanno sicuramente contribuito ad accrescere il vostro addestramento e la vostra capacità alpina”.

I CaSTA costituiscono un appuntamento addestrativo che nasce nel 1931 per valutare la preparazione dei reparti alpini e che oggi, giunto alla 70^ edizione, è ormai considerato una sorta di olimpiade per reparti militari, spiega il COMALP nel suo comunicato stampa.

Negli anni si è superata la specificità alpina e i Campionati sono stati dapprima aperti alla partecipazione di militari di altri Corpi dell’Esercito e poi, dal 1979, di delegazioni straniere avvicinate dal comune addestramento montano.

Molte le competizioni che hanno visto cimentarsi atleti di diverse categorie, specifica il Comando Truppe Alpine, con una gara su tutte, che testa la capacità di un plotone militare ad operare in montagna: slalom con equipaggiamento militare, prove topografiche e massacranti trasferimenti a tempo, con un pernottamento in alta quota, hanno fatto selezione in questa gara vinta dal plotone del 7° reggimento Alpini.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CaSTA 2018: Tridentina ancora podio con il biathlon; prima vittoria per il 4° ALPIPAR e plotoni in movimento di altri 20 chilometri

Nella seconda giornata di gare dei CaSTA 2018 è ancora il Reparto Comando e Supporti Tattici Tridentina a salire sul gradino più alto del podio, fa sapere con un comunicato stampa del 7 marzo il Comando Truppe Alpine (COMALP) di Bolzano.

Questa volta nel biathlon militare, si apprende in dettaglio, con il caporalmaggiore scelto Michela Andreola che, al termine di 10 avvincenti chilometri, ha preceduto sul traguardo il caporalmaggiore capo Dominique Vallet e il primo caporalmaggiore Vanessa Primon.

In campo maschile (15 km) si è registrata la prima vittoria in quest’edizione del 4° reggimento Alpini Paracadutisti (ALPIPAR), con il caporalmaggiore scelto Marco Corradin davanti al collega di reparto primo caporalmaggiore Daniele Scopel e al maresciallo ordinario Marco Recchioni, effettivo al 2° reggimento Trasmissioni Alpino.

Seconda giornata di gare anche per i plotoni, che dopo il pernotto esterno si sono cimentati in altri 20 chilometri di movimento scialpinistico, superando un dislivello complessivo (positivo e negativo) di circa 1.600 metri con prove a cronometro, di trasmissioni e di lancio di bomba a mano.

Appuntamento importante oggi, 8 marzo, al cinema di Sestriere, ricorda il COMALP, dove esperti militari e civili si confronteranno in un interessante dibattito in materia di sicurezza in montagna, tema principale di questa edizione dei Campionati.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CaSTA 2018: i primi Campioni italiani dell’Esercito sono della Tridentina; tutto il podio del fondo maschile al Centro Addestramento Alpino

I primi caporalmaggiori Stephan Miribung e Marta Benzoni del Reparto Comando e Supporti Tattici Tridentina si sono aggiudicati ieri mattina, 6 marzo, a Sestriere, il titolo di Campione italiano dell’Esercito nella specialità dello slalom gigante nell’ambito della 70^ edizione dei Campionati sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA), ha fatto sapere con un comunicato stampa del 6 marzo il Comando Truppe Alpine (COMALP) di Bolzano.

Sempre in giornata, sulla pista Loris di Pragelato, si è disputata una gara di sci di fondo (15 km maschile e 10 km femminile) valevole per l’assegnazione dei Trofei dell’Amicizia e Interforze che ha visto, in campo maschile, il dominio degli atleti del Centro Addestramento Alpino, capaci di salire su tutti e tre i gradini del podio con il caporalmaggiore capo scelto Fabio Pasini, il primo caporalmaggiore Enrico Nizzi e il caporalmaggiore Mikael Abram.

In campo femminile le atlete del Centro Addestramento Alpino si sono dovute invece arrendere all’Agente della Polizia di Stato Giulia Stuerz, capace di tagliare il traguardo davanti al caporale Ilenia Defrancesco e al primo caporalmaggiore Alice Canclini.

Da Pragelato è partita anche la prima giornata di gare per i 26 plotoni in lotta per aggiudicarsi, venerdì sera, i Trofei Buffa e International Federation of Mountain Soldiers, terminata nel pomeriggio dopo una marcia scialpinistica di circa 20 km di sviluppo e un dislivello complessivo (positivo e negativo) di oltre 2.000 metri, intervallato da prove di tiro con l’arma in dotazione, movimento a cronometro e di ricerca di travolti da valanga.

Tante le gare in programma anche oggi, 7 marzo, con l’assegnazione, in serata, di ulteriori due titoli nazionali nello sci alpinismo al termine di una spettacolare gara in notturna, che verrà trasmessa in diretta streaming dalle 20.00 sui siti www.ana.it e www.meteomont.org, conclude il comunicato stampa.

L’edizione dei CaSTA 2018 è stata aperta ufficicalmente ieri, 6 marzo, con l’accensione del braciere a Sestriere da parte del campione di scialpinismo del Centro Sportivo Esercito, 1°Caporalmaggiore Robert Antonioli (link articolo qui e in calce).

La 70^ edizione dei Campionati sciistici delle Truppe Alpine si concluderà il prossimo 10 marzo.

Articoli correlati:

CaSTA 2018: al via al Sestriere la 70^ edizione dei Campionati sciistici delle Truppe Alpine (6 marzo 2018)

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CaSTA 2018: al via al Sestriere la 70^ edizione dei Campionati sciistici delle Truppe Alpine

Sono appena iniziati in Piemonte i Campionati sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) 2018, ha fatto sapere con un comunicato stampa di ieri, 5 marzo, il Comando Truppe Alpine (COMALP).

Saranno oltre 1.500 i soldati provenienti da 11 Nazioni che si sfideranno per conquistare i Trofei in palio, si apprende.

“È stato il campione di scialpinismo del Centro Sportivo Esercito, 1°Caporalmaggiore Robert Antonioli – si legge dal comunicato – ad accendere oggi [ieri, ndr] a Sestriere il braciere dei CaSTA 2018, la cui fiamma arderà in Piazza Brigata Alpina Taurinense fino a sabato 10 marzo, quando calerà il sipario sulla 70^ edizione dei Campionati sciistici delle Truppe Alpine e verranno ammainate le Bandiere degli 11 Paesi in gara”.

Rivolgendosi alle autorità presenti in tribuna, al numeroso pubblico intervenuto e agli atleti schierati davanti a lui il Capo di Stato Maggiore della Difesa (CaSMD), gen Claudio Graziano, ha sottolineato: “Questi Campionati, giunti alla loro 70° Edizione, rappresentano pertanto un momento di verifica del livello addestrativo raggiunto, combinando una perfetta sintesi tra sana competizione sportiva ed espressione di peculiari capacità militari.”

“Questi Campionati – ha sottolineato il gen Graziano nel dare ufficiale apertura alle competizioni – esaltano i valori di fondo dell’’alpinità’, della capacità di vivere, muovere e combattere in un difficilissimo ambiente operativo. Una capacità che si basa su qualità morali e di carattere solide e incorruttibili, che hanno sempre contraddistinto le truppe alpine quando impiegate in Patria e all’estero, al punto da meritare, oltre che il riconoscimento di Paesi alleati e amici, anche l’apprezzamento e la stima della popolazione locale”.

L’attuale edizione dei Campionati è caratterizzata dal tema della “sicurezza in montagna”, fa sapere il COMALP.

Un meeting dedicato specificamente all’argomento si terrà l’8 marzo al cinema di Sestriere.

Verrà inoltre condotta un’esercitazione, in programma il prossimo 10 marzo con trasmissione in streaming sui siti www.ana.it e www.meteomont.org, in cui le Squadre Soccorso Alpino Militare delle Truppe Alpine opereranno congiuntamente a personale e velivoli dell’Aviazione dell’Esercito (AVES), del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico e della Guardia di Finanza, evidenziando ancora una volta le spiccate capacità duali della Forza Armata in grado di intervenire tempestivamente con i propri assetti – addestrati e formati per l’impiego nei teatri operativi internazionali – anche in Patria in caso di necessità.

Al riguardo il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), gen Salvatore Farina, ha sottolineato come “i CaSTA richiedano grande impegno, fatica, condivisione di valori quali l’umiltà, il coraggio, la lealtà e il rispetto, valori universali che sono alla base dell’esistenza di ogni uomo ma che nel soldato sanciscono l’intima adesione spirituale alla propria condizione di militare”.

Nel suo intervento il Comandante delle Truppe Alpine, gen Claudio Berto, ha ringraziato tutti coloro, militari e civili, che con il loro lavoro hanno consentito l’organizzazione della manifestazione, di cui ha ricordato lo scopo principale di leale sfida e confronto tra soldati di Paesi diversi.

Le prime gare iniziano questa mattina, 6 marzo, con l’assegnazione del primo titolo di “Campione Italiano dell’Esercito” di Slalom Gigante e i Plotoni impegnati nella prima giornata di gare.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

Nel corso dei CaSTA 2017 siglato un importante accordo sulla sicurezza in montagna tra Aineva e Meteomont

Durante lo svolgimento della 69^ edizione dei Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA), è stato siglato un protocollo d’intesa, concepito nell’ambito del “Gruppo Tecnico Settore neve e Valanghe”, tra l’Associazione interregionale di coordinamento e documentazione per i problemi inerenti la neve e le valanghe (AINEVA) e Meteomont.

Il protocollo è stato firmato lo scorso 16 marzo a San Candido, ha fatto sapere il Comando Truppe Alpine (COMALP) con un comunicato stampa. Firmatari del documento il Comandante delle Truppe Alpine, generale Federico Bonato, e il Presidente dell’AINEVA, dottor Cristiano Shaurli.

L’intesa, sottolinea il comunicato, “rappresenta un importante tassello nell’ambito del complesso mosaico della sicurezza in montagna e va a incrementare la collaborazione già esistente tra il Servizio Meteomont dell’Esercito e l’AINEVA”.

Obiettivo del testo, condiviso da tutti i Servizi Valanghe dell’arco alpino e della Regione Marche e dall’Esercito, è quello di implementare – attraverso lo scambio di dati ed esperienze e la condivisione di valutazioni specifiche – il servizio di previsione finalizzato alla prevenzione degli incidenti provocati da valanghe.

Il Servizio Meteomont dell’Esercito, nato nel 1972 allo scopo di fornire ai reparti delle Truppe Alpine impegnati in attività addestrative e operative in montagna il necessario supporto informativo meteonivologico, costituisce oggi il “focal point” di Forza Armata per le questioni meteorologiche in Patria e all’estero e fa parte dei Servizi Valanghe Europei  (European Avalanche Warning Service – EAWS) in un quadro di integrazione europea dei servizi valanghe e dei loro utenti, spiega il COMALP.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Il COMALP in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CaSTA: si concludono le gare militari della 69^ edizione, vince il Centro Addestramento Alpino di Aosta

Si è conclusa oggi pomeriggio, 17 marzo, la settimana dei Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) 2017, quest’anno alla 69^ edizione.

Durante la cerimonia di chiusura, in Piazza del Magistrato a San Candido, sono stati assegnati i Trofei in palio e ammainate le bandiere degli 11 paesi partecipanti alla manifestazione, fa sapere il Comando Truppe Alpine (COMALP) con un comunicato stampa odierno.

Alla cerimonia era presente il Sotto Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, gen Claudio Mora, che nel suo intervento ha sottolineato come “i Campionati e, in particolar modo la gara dei plotoni – momento di reale verifica del livello addestrativo raggiunto – trascendono la semplice competizione sportiva: costituiscono un’importante occasione addestrativa in un ambiente duro come quello montano che, con la sua austerità, esige soldati di solide e comprovate qualità fisiche e morali”.

Per il gen Mora “Sono proprio queste doti e questa familiarità nei confronti di un ambiente così difficile che hanno contribuito a forgiare la leggenda delle Penne Nere”.

Ricordando poi i recenti impieghi in Centro Italia, il gen Mora ha rimarcato come,  proprio in situazioni estreme, le truppe da montagna abbiano saputo dimostrare di essere una pedina operativa flessibile e idonea ad agire non solo nelle diverse operazioni militari ma anche in situazioni emergenziali e nelle attività a supporto della popolazione, dando prova di indiscussa professionalità e umanità.

La vittoria finale va ai ragazzi del Centro Addestramento Alpino di Aosta che si aggiudicano il Trofeo Medaglie d’Oro Alpine, davanti al Reparto Comando e Supporti Tattici Tridentina ed al 4° reggimento Alpini paracadutisti.

Per quanto riguarda i Plotoni, successo della brigata Alpina Julia, capace di mettere ben tre reggimenti sul podio in entrambe le classifiche, nazionale e internazionale; al termine di una combattutissima staffetta scialpinistica: l’8° reggimento Alpini di Venzone e il 7° di Belluno si sono infatti spartiti i Trofei Buffa e “International Federation of Mountain Soldiers”, con il reggimento Logistico di Merano terzo in entrambi.

Nella classifica per l’assegnazione del Trofeo dell’Amicizia, l’Italia, rappresentata dal Centro Sportivo Esercito, si impone nettamente su Romania e Svizzera, con l’Esercito che ha la meglio anche sui colleghi dei Carabinieri per quanto riguarda il Trofeo Interforze, fa sapere il comunicato.

“Sono stati giorni intensi, segnati da sfide con ritmi serrati e da esaltanti incontri sportivi sui campi di gara – ha dichiarato il Comandante delle Truppe Alpine, generale Federico BonatoQueste gare hanno consentito un reciproco arricchimento professionale e hanno rafforzato i vincoli di amicizia e collaborazione tra Nazioni, importantissimi tra Forze Armate amiche e Alleate”.

Il gen Bonato si è poi soffermato su altri due aspetti importanti della manifestazione, quello della solidarietà – che ha visto le Truppe Alpine impegnate a favore dell’Associazione San Vincenzo de Paoli di Dobbiaco, a cui al termine della cerimonia sono stati consegnati 4.700 euro frutto di una raccolta fondi promossa durante tutta la settimana – e quello del ricordo di chi è caduto nell’adempimento del proprio dovere.

Concluse le gare militari, l’attenzione si sposta a Versciaco dove sono in corso di svolgimento le finali delle discipline tecniche della Coppa Europa di sci alpino, la cui organizzazione è stata assegnata dalla FISI alle Truppe Alpine dell’Esercito nell’ambito dei CaSTA.

In tale contesto è stata assegnata già questa mattina la prima Coppa di Cristallo, al termine del Gigante femminile vinto dall’atleta austriaca Elisabeth Kappaurer, che ha incoronato regina l’atleta norvegese Kristin Lysdahl.

L’appuntamento con le altre finali è per domani e domenica, con diretta RAI Sport rispettivamente alle 12 (Gigante maschile) e dalle 13.45 (Slalom maschile e femminile), fa sapere il COMALP.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CaSTA 2017: plotoni in gara dopo una notte di bivacco

Partiti dopo una notte trascorsa in attendamento a Villabassa, i plotoni in gara ai CaSTA stanno affrontando la loro seconda impegnativa giornata di gara – più di 1.100 metri di dislivello per uno sviluppo di circa 20 chilometri – nella zona del lago di Misurina, dove dovranno affrontare anche prove di BLS (trattamento di primo soccorso), di precisione nel lancio della bomba a mano, una discesa in slalom gigante e una prova a cronometro, fa sapere un comunicato stampa odierno del Comando Truppe Alpine (COMALP) a proposito dei Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) 2017 in svolgimento in Val Pusteria.

La classifica provvisoria vede i reggimenti della brigata Julia – rispettivamente il 7° di Belluno, l’8° di Venzone e il reggimento Logistico di Merano –al comando della gara, con il plotone svizzero e il 3° reggimento Alpini di Pinerolo all’inseguimento.

Ieri sera, 14 marzo, a Dobbiaco le esibizioni prima di pattinaggio artistico di Charlene Guignard con Marco Fabbri e di Valentina Marchei con Ondrej Hotarek (sintesi su RAI Sport poco dopo la mezzanotte) e poi della Fanfara della brigata Alpina Julia, che tra i vari brani ha suonato “Vette d’Abruzzo” rivolgendo un pensiero particolare alle vittime dei recenti eventi sismici e della successiva ondata di maltempo che hanno colpito le popolazioni del Centro Italia.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CaSTA 2017: oro nel biathlon per gli alpini Danne e Andreola. Stasera sci alpinismo in notturna

È stato assegnato oggi il secondo titolo di Campione Italiano dell’Esercito ai Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) 2017, fa sapere il comunicato stampa del Comando Truppe Alpine (COMALP).

In particolare, si tratta del secondo titolo per il Reparto Comando e Supporti Tattici Tridentina, con l’oro che arriva nel biathlon femminile.

Sulla pista “Saskia” di Dobbiaco sono stati il Caporalmaggiore Capo Daniele Danne, del Centro Addestramento Alpino di Aosta, e il Caporalmaggiore Scelto Michela Andreola, effettiva al Reparto Comando e Supporti Tattici Tridentina di Bolzano, ad avere la meglio nella gara di biathlon su un nutrito numero di partenti.

Per i ragazzi di Bolzano si tratta del secondo alloro in due giorni di gare e, questa sera, guardano con ottimismo alla gara di sci alpinismo in notturna, dove il Caporalmaggiore Capo Daniele Cappelletti e il 1° Caporalmaggiore Anna Moraschetti – campioni in carica – partono da favoriti.

Numerosi gli atleti del Centro Sportivo Esercito iscritti alla gara, valida anche per l’assegnazione del Trofeo dell’Amicizia, tra cui il Caporalmaggiore Capo Manfred Reichegger e il Caporal Maggiore Alba De Silvestro, nomi di primissimo piano dello sci alpinismo mondiale.

Sempre nell’ambito del Trofeo dell’Amicizia, si è disputato oggi in Croda Rossa uno slalom gigante che ha visto salire sul gradino più alto del podio il 1°Caporalmaggiore Giulio Bosca e il Caporalmaggiore Jasmine Fiorano, entrambi effettivi al Centro Addestramento Alpino.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CaSTA 2017 aperti con una amichevole di Para Ice Hockey: Italia-Slovacchia 4-0, ben oltre un migliaio i fondi raccolti a scopi benefici

“Italia – Slovacchia 4 a 0, ma a vincere è la solidarietà”, sottolinea il comunicato odierno dell’ufficio stampa dei CaSTA, i Campionati sciistici delle Truppe Alpine quest’anno alla loro 69^ edizione.

È stato il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), gen Danilo Errico, a premiare la nazionale italiana di Para Ice Hockey (hockey praticato da atleti con disabilità) che ha affrontato la corrispettiva nazionale slovacca ieri, 13 marzo.

L’iniziativa, inserita nelle varie attività programmate in occasione della 69^ edizione dei Ca.STA, aveva lo scopo di raccogliere fondi per sostenere il Para Ice Hockey a testimonianza della tradizionale attenzione degli Alpini nel campo della solidarietà.

L’inizio dell’incontro, che si è svolto presso il Palaghiaccio di Dobbiaco, è stato aperto dagli inni nazionali suonati dalla Fanfara della brigata Alpina Julia.

Per la cronaca, si apprende nel dettaglio, la nazionale italiana parte bene chiudendo il primo tempo già con due gol all’attivo, riuscendo alla fine a primeggiare con il punteggio di 4 a 0, dopo una partita giocata con sano agonismo e forte partecipazione.

Al termine della gara il sindaco di Dobbiaco, Guido Bocher, ha premiato tutti gli atleti slovacchi, mentre il CaSME ha premiato gli atleti italiani.

Il premio del miglior giocatore italiano, eletto dagli allenatori delle due squadre, è stato consegnato dal Comandante delle Truppe Alpine, il gen Federico Bonato.

I fondi raccolti, pari a 1.450 euro, sono stati consegnati al dott Luigi Albera’, consigliere del settore Paralimpico della FISG (Federazione Italiana Sport sul Ghiaccio).

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Ufficio Stampa CaSTA 2017