CaSTA 2017: plotoni in gara dopo una notte di bivacco

Partiti dopo una notte trascorsa in attendamento a Villabassa, i plotoni in gara ai CaSTA stanno affrontando la loro seconda impegnativa giornata di gara – più di 1.100 metri di dislivello per uno sviluppo di circa 20 chilometri – nella zona del lago di Misurina, dove dovranno affrontare anche prove di BLS (trattamento di primo soccorso), di precisione nel lancio della bomba a mano, una discesa in slalom gigante e una prova a cronometro, fa sapere un comunicato stampa odierno del Comando Truppe Alpine (COMALP) a proposito dei Campionati Sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) 2017 in svolgimento in Val Pusteria.

La classifica provvisoria vede i reggimenti della brigata Julia – rispettivamente il 7° di Belluno, l’8° di Venzone e il reggimento Logistico di Merano –al comando della gara, con il plotone svizzero e il 3° reggimento Alpini di Pinerolo all’inseguimento.

Ieri sera, 14 marzo, a Dobbiaco le esibizioni prima di pattinaggio artistico di Charlene Guignard con Marco Fabbri e di Valentina Marchei con Ondrej Hotarek (sintesi su RAI Sport poco dopo la mezzanotte) e poi della Fanfara della brigata Alpina Julia, che tra i vari brani ha suonato “Vette d’Abruzzo” rivolgendo un pensiero particolare alle vittime dei recenti eventi sismici e della successiva ondata di maltempo che hanno colpito le popolazioni del Centro Italia.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP