CME Puglia

CME Puglia, cambio al vertice: il gen Rainò ha avvicendato il gen Prezioso

Nella suggestiva cornice del Cortile d’Onore della storica caserma Damiano Picca si è svolta la cerimonia di avvicendamento del Comandante territoriale dell’Esercito in Puglia, ha fatto sapere lo stesso Comando Militare Esercito (CME) Puglia con un comunicato stampa del 16 novembre.

Alla presenza del Vice Comandante per il Territorio del Comando delle Forze Operative Sud, Generale di Divisione Gualtiero Mario De Cicco, il Generale di Brigata Mauro Prezioso, che andrà a ricoprire incarichi presso gli organi di vertice della Forza Armata, ha ceduto il comando al Generale di Brigata Giorgio Rainò, proveniente dall’Ambasciata italiana in Pakistan.

Durante il discorso di commiato il gen Prezioso ha evidenziato come il CME Puglia, durante il triennio della sua permanenza, ha cercato di essere tra la gente, nel territorio e a fianco delle istituzioni locali, al fine di creare sinergie e far conoscere le realtà della Forza Armata.

A conferma di tale attività, sottolinea il CME Puglia, le oltre 100 iniziative svolte nel territorio, nelle scuole, nei musei, nelle piazze, al fine di promuovere la cultura della Difesa e suggellare l’indissolubile rapporto tra l’Esercito, le Istituzioni e la società.

Il gen Prezioso nel ringraziare le autorità presenti, e in particolare i Sindaci ha voluto, ancora una volta, salutare i suoi uomini e donne esprimendo tutto l’orgoglio di essere stato il loro Comandante.

Alla cerimonia erano presenti numerose autorità che hanno voluto manifestare, in un momento così solenne, un’affettuosa e sentita vicinanza al CME Puglia.

Il Comandante subentrante, Generale di Brigata Giorgio Rainò, di origini salentine, ha frequentato il 166° Corso Dignità dell’Accademia Militare, il 3° Corso ISSMI presso il Centro Alti Studi della Difesa e ha una lunga esperienza maturata in Patria e all’estero, in incarichi operativi, dirigenziali e diplomatici.

È Laureato in Scienze Strategiche e in Scienze Internazionali e Diplomatiche e ha conseguito i master in Studi Internazionali Strategico-Militari, Scienze Strategiche e Peace Bulding Management.

Fonte e foto: CME Puglia

Il CME Puglia al Festival della Public History di Lecce – Tricase, presentato il volume Non chiamatelo fiume

È iniziata con le note della Banda della brigata Pinerolo la seconda giornata del Festival Internazionale della Public History, dedicato alla Grande Guerra in terra d’Otranto, ha fatto sapere da Lecce il Comando Militare Esercito (CME) Puglia.

L’evento, organizzato dalla Prefettura di Lecce in collaborazione con il Centro Studi Relazioni Atlantico Mediterranee (CESRAM), ha visto tra i componenti del comitato scientifico l’Università del Salento e il CME Puglia.

Dopo l’esibizione della banda, il CME Puglia ha presentato, nella Sala Degli Specchi del Palazzo dei Celestini, il volume grafico, edito dallo Stato Maggiore dell’Esercito, “Non chiamatelo fiume – dal Grappa al Piave, storia di un monumento d’Italia”.

L’opera, realizzata da Federica dal Forno (curatrice) e da GianVinGenzo Beccia, spiega il CME Puglia, è costituita da due volumi e ha la particolarità di essere completamente fumettata.

Essa racconta in maniera nuova e avvincente le vicende del primo conflitto mondiale relative agli ultimi due anni di guerra.

Uno dei due volumi è un unico fumetto che, aperto a fisarmonica, diviene un’opera grafica lunga 7 metri, in cui sono rappresentati i principali conflitti divampati sul fronte italiano tra il 1917 ed il 1918.

A presentare il volume il professor Nicola Neri, docente dell’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, e il magg Mauro Lastella, Capo Sezione Pubblica Informazione del CME Puglia, alla presenza degli studenti e di numerose autorità civili e militari tra le quali il Comandante della Scuola di Cavalleria di Lecce, gen Angelo Milelli.

La dottoressa Maria Teresa Cucinotta, Prefetto di Lecce, nell’accogliere i relatori, ha evidenziato l’importanza di aver istituito, proprio nella città di Lecce, il primo festival internazionale della Pubblic History, ringraziando la Forza Armata per l’impegno profuso a favore dell’iniziativa.

A margine della presentazione il conduttore televisivo Gianni Ippoliti ha evidenziato come, la romana via Veneto, sia in realtà via Vittorio Veneto, città nella quale il Generale Diaz diede l’ultima spallata all’impero austro-ungarico.

Al termine della presentazione gli studenti del corso alberghiero dell’Istituto Columella-Presta di Lecce hanno proposto il rancio in trincea, e quelli del corso chimico dell’Istituto De Pace hanno analizzato dei cibi consumati durante il conflitto mondiale.

Nella serata della stessa giornata la presentazione si è ripetuta a Tricase nella sala del trono di Palazzo Gallone.

Grande soddisfazione per la riuscita dell’evento è stata espressa dal gen Mauro Prezioso, Comandante territoriale dell’Esercito in Puglia, che ha affermato che “oggi come ieri è importante trasmettere, soprattutto ai più giovani, i valori di libertà e di democrazia che caratterizzarono quel momento storico e che tutt’oggi rappresentano i valori fondanti della nostra Italia”.

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: ricordati a Casamassima i 429 commilitoni polacchi Caduti nella Seconda Guerra Mondiale

Come da tradizione, ricorda il Comando Militare Esercito (CME) Puglia, anche quest’anno nel Cimitero militare polacco di Casamassima (Bari) sono state celebrate ieri, 2 novembre, le funzioni religiose per commemorare i 429 soldati polacchi caduti nei combattimenti lungo la Linea Gustav, sul fiume Sangro, o deceduti negli ospedali militari di Casamassima, Bari e Napoli, a seguito delle ferite riportate nelle battaglie della campagna d’Italia.

Per l’occasione il Generale di Brigata Mauro Prezioso, Comandante Militare territoriale dell’Esercito in Puglia, su delega del Comandante del Presidio Militare Interforze, ha deposto una corona d’alloro in onore di quei soldati che pugnarono per la nostra libertà.

Alla deposizione è seguita la Santa Messa, celebrata in due lingue, vista la larga presenza anche di studenti e cittadini polacchi.

Oltre al gen Prezioso hanno preso parte all’evento il Presidente del Consiglio Comunale di Bari, Michelangelo Cavone, il Sindaco di Casamassima, avv Giuseppe Nitti, il Consigliere dell’Ambasciata della Repubblica di Polonia in Roma, Anna Wòjcik-Laskowska, numerosi sindaci delle città limitrofe, le Associazioni Combattentistiche e d’Arma e una folta rappresentanza di studenti delle scuole di Casamassima.

Il cimitero militare polacco di Casamassima fu edificato nel 1944, a seguito della installazione del più importante ospedale militare del sud Italia.

Un elemento caratteristico di questo importante luogo sacro è l’ingresso, con i simboli del 2º Corpo e una citazione in latino tratta dalla seconda lettera di San Paolo a Timoteo: Bonum certamen certavi, fidem conservavi – ideo reposita est mihi corona iustitiae (Ho combattuto la buona battaglia, ho conservato la fede. Ora mi resta la corona della giustizia).

Casamassima ebbe un ruolo rilevante durante la permanenza del Corpo Militare Polacco, e il cimitero è la testimonianza tangibile di quel periodo, conclude il comunicato stampa del CME Puglia.

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: l’Esercito incontra gli studenti

Personale specializzato del Comando Militare Esercito (CME) Puglia, agli ordini del Generale di Brigata Mauro Prezioso, è stato accolto dal sindaco di Latiano, dott Cosimo Maiorano, presso il salone dei congressi del Palazzo di Città a Latiano (Brindisi), per un incontro con gli studenti delle classi terze dell’Istituto Comprensivo Latiano, ha fatto saepre con un comunicato stampa di ieri, 4 ottobre, lo stesso CME Puglia.

Nel corso di tale incontro sono stati illustrati compiti e funzioni delle Forze Armate e le varie prospettive di carriera offerte dall’Esercito: arruolamenti per volontario in ferma prefissata di 1 anno (VFP1), Scuola Allievi Marescialli Accademia Militare di Modena, nonché le modalità di accesso alle scuole militari Nunziatella e Teuliè.

Durante la conferenza, organizzata in sinergia con l’Associazione ex Allievi della Nunziatella, vivo interesse hanno suscitato gli interventi del gen Paolo Fabiano, Presidente regionale dell’associazione, che ha raccontato la sua esperienza di ex allievo, e del magg Mauro Lastella, Capo Sezione Pubblica Informazione del CME, che ha promosso la conoscenza della cultura della Difesa, evidenziando come l’Esercito si riveli una preziosa risorsa per il Paese.

La conferenza di orientamento professionale, tenutasi a Latiano con lo scopo di far conoscere il ruolo svolto dall’Esercito in ambito nazionale e internazionale e, allo stesso tempo, fornire agli studenti le informazioni relative alle opportunità professionali offerte, risulta essere una novità per il territorio, spiega il CME Puglia, in quanto nell’intera provincia non sono presenti Reparti della Forza Armata.

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: l’Esercito alla 82^ Fiera del Levante di Bari, bilancio di un successo

“Successo di pubblico agli stand dell’Esercito allestiti nella campionaria barese”, scrive il Comando Militare Esercito (CME) Puglia in un comunicato stampa del 18 settembre.

L’Esercito, come da tradizione consolidata, ha partecipato al più importante evento espositivo del sud Italia: la Fiera del Levante, giunta alla sua 82^ edizione.

Una presenza davvero consistente nell’area espositiva dell’Esercito che ha visto avvicendarsi, negli otto giorni di fiera, oltre 200.000 visitatori, tra cui oltre 2.000 hanno sfidato la parete di roccia per l’arrampicata sportiva e altrettanti hanno voluto cimentarsi con il military fitness.

Una partecipazione alle attività interattive che spesso ha visto coinvolti insieme bambini, nonni e genitori, si apprende.

Tra gli ospiti illustri che hanno onorato la Forza Armata per la loro presenza, il comunicato cita i vicepremier, on Luigi Di Maio e on Matteo Salvini, che hanno iniziato la visita in fiera proprio dallo stand dell’Esercito; il Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha ricordato ai miliari presenti di essere figlio di un militare; il Sindaco di Bari e Presidente dell’ANCI Antonio Decaro, l’Assessore allo sviluppo economico di Bari, Carla Palone e altri.

Durante le loro visite, tutte le autorità hanno espresso parole di stima e di ringraziamento per l’attività che l’Esercito svolge a tutto campo, apprezzando sia i materiali in mostra statica che la parte interattiva dedicata allo sport.

Come dichiarato dal Generale Mauro Prezioso, Comandante Militare Territoriale dell’Esercito in Puglia, il numero di visitatori presso lo stand ci fa comprendere come l’Esercito è percepito come un’organizzazione compatta, coesa e pronta, in grado di assicurare uno strumento sempre efficiente, caratterizzato dalla certezza che qualunque cosa succeda, in qualunque situazione, “noi ci siamo sempre”.

Lo stand è stato realizzato grazie alla sinergia creata dal CME Puglia tra la brigata Meccanizzata Pinerolo, la brigata Alpina Taurinense, la brigata Paracadutisti Folgore e il Comando dei Supporti Logistici.

Articoli correlati:

Il CME Puglia in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: il gen Castellano, COMFOP SUD, visita la Pinerolo alla Fiera del Levante, il Comando regionale e il CARA di Bari

Nei giorni scorsi il Comandante delle Forze Operative Sud (COMFOP SUD), Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, si è recato in visita ai reparti dipendenti di stanza a Bari, al C.A.R.A e al personale militare impegnato presso la 82^ edizione della Fiera del Levante, ha fatto sapere ieri lo stato maggiore Esercito.

Prima tappa il Distaccamento della brigata Pinerolo, attualmente impiegata fuori area, dove il gen Castellano è stato ricevuto dal col Antonio Camerino, Comandante del Distaccamento, che nel corso di briefing ha illustrato le attività in corso e quelle programmate da parte dela Brigata e dei reparti dipendenti.

Al termine della visita, il gen Castellano ha ringraziato il personale presente “per quello che fate e per come lo fate per la Brigata, per il COMFOP SUD e per l’Esercito Italiano. Avete dimostrato di sapervi adattare al cambiamento che la Brigata Pinerolo ha subito nell’ambito del processo di trasformazione”.

Successivamente, il Comandante del COMFOP SUD si è recato al C.A.R.A. di Bari dove è stato ricevuto dal col Giancarlo Coretto, Comandante del Raggruppamento Puglia che opera nell’ambito dell’operazione Strade Sicure, ha salutato i militari in servizio al centro e ha effettuato una visita alla struttura.

La visita è proseguita al Comando Militare Esercito (CME) Puglia, dove, dopo un office call con il Generale di Brigata Mauro Prezioso, il Generale di Corpo d’Armata Castellano ha salutato tutto il personale del comando territoriale al quale ha rivolto parole di plauso per il loro operato.

Al termine, il gen Castellano ha colto l’occasione per far visita ai militari dell’Esercito presenti alla Fiera Campionaria del Levante.

Il percorso all’interno dello spazio espositivo è iniziato con la visita ai mezzi e ai materiali in mostra statica ed è proseguito nell’area interattiva, dove sono state allestite una parete artificiale di roccia e il percorso di Military Fitness.

Fonte: Stato Maggiore Esercito

CME Puglia: commemorati la liberazione della città di Bari e il contributo dei baresi alla Resistenza

“È stata commemorata con una toccante cerimonia svoltasi in Corso Cavour a Bari, dinanzi al monumento dedicato al 51° Battaglione Bersaglieri AUC, la liberazione della città avvenuta il 9 settembre del 1943, grazie al contributo di militari, tra i quali quelli 51° Battaglione Bersaglieri AUC, della milizia volontaria e degli abitanti del borgo storico barese, coordinati dal Generale Nicola Bellomo intervenuto, in assenza di ordini, di sua iniziativa”, riferisce con un comunicato stampa del 7 settembre il Comando Militare Esercito (CME) Puglia.

Per l’occasione, fa sapere il CME Puglia, il Comandante Territoriale dell’Esercito in Puglia, Generale di Brigata Mauro Prezioso, su delega del Comandante del Presidio militare Interforze, Generale di Squadra Aerea Umberto Baldi, ha deposto una corona d’alloro presso il monumento eretto a Bari a memoria della liberazione.

Alla cerimonia, promossa dall’Associazione Nazionale Bersaglieri e patrocinata dalla Regione Puglia e dal Comune di Bari, erano presenti il viceprefetto, dottoressa Paola Marino, il vicesindaco di Bari, Pierluigi Introna, e numerose altre autorità civili e militari oltre a una folta rappresentanza di militari e associazioni combattentistiche e d’Arma.

“Nel giorno in cui si celebra la liberazione di Bari dall’occupazione nazifascista – scrive il CME Puglia – si commemorano le gesta e il sacrificio di quanti, tra militari e civili, diedero il loro contributo, talvolta estremo, dimostrando l’attaccamento alla città e alla Patria”.

A suggello di tale sacrificio, ricorda il comunicato, nel 2006 l’allora Presidente della Repubblica conferì alla città di Bari la Medaglia d’oro al Merito civile per la Resistenza, per l’eroico coraggio con cui si è distinta la popolazione.

A premessa della cerimonia, il gen Prezioso ha sancito il cambio di comando del Poliambulatorio di aderenza dell’Esercito, uno degli enti dipendenti dal CME Puglia, tra il col Vincenzo Giacobbe (uscente) e il col Ninì Mazzotta (subentrante).

Articoli correlati:

Il CME Puglia in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: il CaSME gen Farina firma la Carta di Leuca. Il testo del documento, per un Mediterraneo di pace e convivialità

Si è svolta oggi, 10 agosto, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, del Vescovo di Ugento- Santa Maria di Leuca, Mons Vito Angiuli, e delle massime autorità civili e interreligiose, la firma della “Carta di Leuca”, una lettera d’intenti nella quale i giovani, appartenenti a diversi paesi del Mediterraneo, proclamano il loro impegno verso la pace e la costruzione di percorsi di convivialità.

È il Comando Militare Esercito (CME) Puglia a darne notizia con un comunicato stampa di oggi, 10 agosto.

I giovani pellegrini hanno stilato la carta durante un percorso durato cinque giorni che si è articolato in tutto il Salento, sostando nelle città di Brindisi, Lecce, Copertino, Otranto, Alessano e Leuca, si apprende.

Per rendere più agevole il cammino, i militari del Reparto Comando e Supporti Tattici Pinerolo hanno allestito bagni, docce, lavabi e hanno coadiuvato in maniera fattiva a tutte le predisposizioni logistiche utili all’accoglienza dei pellegrini, impiegando oltre 50 uomini, e 20 mezzi.

Nella fase conclusiva del cammino, 12 tedofori dell’Esercito, con in testa il gen Farina, affiancato dal Generale di Brigata Mauro Prezioso – coordinatore delle attività condotte per l’occasione dall’Esercito – hanno portato la Fiamma della Pace, accesa dal braciere posto sul sacello di Don Tonino Bello, fino al sagrato della Basilica di Santa Maria Finibus Terrae: “un gesto che vuole simbolicamente sottolineare il ruolo del soldato quale portatore di pace, sottolinea il comunicato stampa.

Il gen Farina, nel salutare i presenti, italiani e stranieri, ha ricordato che quella che si conclude oggi è un’occasione utile a promuovere la pace e la civile convivenza, temi molto cari all’Esercito e alle Forze Armate Italiane.

Ringraziamenti al puntuale e fattivo contributo dell’Esercito sono pervenuti, a nome di tutta la metropolia di Lecce, da Mons Angiuli per il fondamentale supporto logistico e per il gesto altamente simbolico compiuto nel portare la fiamma perpetua della pace, del Servo di Dio, Don Tonino Bello, conclude il CME Puglia.

Il testo della Carta di Leuca (fonte CME Puglia):

#cartadileuca.2

Mediterraneo è convivialità

Step by step, face to face siamo giunti a De finibus terrae per guardare insieme il Mar Mediterraneo e ascoltare la sua fame di Pace!

Abbiamo camminato gli uni accanto agli altri condividendo la fatica della strada. Ci siamo guardati in volto riconoscendoci amici. E oggi vogliamo condividere con il mondo ciò che abbiamo toccato: la gioia della convivialità! Per questo, facendoci interpreti dei desideri e delle speranze di ogni amico e di ogni amica che vive nei Paesi bagnati da questo mare vogliamo dichiarare che il Mediterraneo è convivialità!

Per noi il Mediterraneo è convivialità del creato!

In questi giorni abbiamo contemplato la bellezza di tutto ciò che ci circonda: l’allegria della terra, la profondità del cielo, la danza del mare. Vogliamo dichiarare con forza che il creato va custodito con responsabilità e le risorse della terra, in particolare l’acqua, vanno condivise nella logica della convivialità.

Per noi il Mediterraneo è convivialità dei volti!

In questi giorni abbiamo sperimentato la bellezza del vivere insieme: la preziosità dei volti, la forza incoraggiante delle mani, il suono armonioso delle voci. Vogliamo dichiarare con forza che ogni persona è un dono e deve avere il diritto di esprimere i suoi talenti per il bene di tutti e senza limitazioni né di spazio né di cultura.

Per noi il Mediterraneo è convivialità economica!

In questi giorni abbiamo sperimentato la bellezza del condividere ogni cosa: dal cibo alla casa, dalle storie alla strada. Vogliamo dichiarare con forza che la felicità e il benessere non nascono da un’economia del consumo orientata alla moltiplicazione del profitto nel breve termine, ma da un’economia civica, orientata innanzitutto al bene comune, dove lo scambio ed il profitto sono vincolati al rispetto dei diritti umani e alla cura della casa comune.

Per noi il Mediterraneo è convivialità partecipativa!

In questi giorni abbiamo vissuto la bellezza del costruire un’esperienza insieme, sperimentando una vera e propria svolta di civiltà. Vogliamo dichiarare con forza che non possiamo più subire le scelte di pochi, ma vogliamo realizzare una democrazia collaborativa, in cui diventare protagonisti attivi alla res publica incominciando dal comprendere l’istanza di riconoscimento espressa da ogni persona.

Da De finibus terrae vogliamo far giungere su ogni sponda del Mediterraneo la bellezza del vivere la convivialità delle differenze in un mondo in cui oltre al tempo condividiamo lo spazio: un’unica terra bagnata da un unico mare e abitata da un’unica umanità!

Articoli correlati:

CME Puglia: l’Esercito tra i giovani alla Carta di Leuca per un futuro migliore (6 agosto 2018)

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: l’Esercito tra i giovani alla Carta di Leuca per un futuro migliore

È partito ieri, 5 agosto, dalla cattedrale di Brindisi La Carta di Leuca, un meeting internazionale che, attraverso un cammino lungo le antiche vie di storia, di cultura e di pellegrinaggio, si propone come grande occasione per sollecitare un maggiore impegno di tutti verso la Pace, ha fatto sapere il Comando Militare Esercito (CME) Puglia con un comunicato stampa del 5 agosto.

A dare il via all’attività, che gode tra gli altri del patrocinio dell’Esercito, il Vescovo di Brindisi, Mons Domenico Caliandro, con il Vescovo di Ugento -Santa Maria di Leuca, Mons Vito Angiuli, alla presenza delle massime autorità religiose, civili e militari locali e di oltre 300 giovani provenienti dalle diocesi salentine e da molti paesi appartenenti alla fascia mediterranea, si apprende.

Il Generale di Brigata Mauro Prezioso, Comandante Territoriale dell’Esercito in Puglia, intervenuto alla partenza, ha affermato che “l’Esercito aderisce con entusiasmo alle attività che riguardano i giovani e il sociale, soprattutto quando esse sono veicolo per la diffusione di valori etici e di solidarietà”.

La Forza Armata, oltre a patrocinare l’evento, ha messo a disposizione dei partecipanti vari assetti logistici: dai trasporti, alle docce, ai bagni. Il tutto per rendere più confortevole il cammino dei pellegrini che partendo da Brindisi raggiungeranno Santa Maria di Leuca.

“L’Esercito – conclude il comunicato – non poteva mancare a un appuntamento così importante: un laboratorio interculturale e interreligioso rivolto ai giovani che vivono nelle diverse sponde del Mediterraneo e che si impegnano vicendevolmente nella realizzazione di un futuro migliore attraverso la costruzione di percorsi di Convivialità”.

Articoli correlati:

Il CME Puglia in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: al via il Tour promozionale estivo dell’Esercito nelle località balneari. Tutti gli appuntamenti

Ha preso il via, lungo le spiagge del litorale pugliese, il “Tour promozionale estivo” dell’Esercito, ha fatto sapere il Comando Militare Esercito (CME) Puglia con un comunicato stampa del 3 luglio scorso.

Il Tour vedrà personale dell’Esercito illustrare le opportunità professionali e gli sviluppi di carriera offerti dalla Forza Armata.

L’iniziativa, organizzata dal CME Puglia, con al vertice il gen Mauro Prezioso, è condotta in sinergica collaborazione con i reggimenti della brigata Pinerolo e della Scuola di Cavalleria di Lecce.

In particolare, spiega il CME Puglia, in ogni tappa del tour sarà allestito un Infopoint, con personale riconoscibile dall’abbigliamento con marchio “Esercito” disponibile a fornire tutte le informazioni necessarie su come accedere al “mestiere del soldato”, e a raccontare le esperienze e la crescita professionale degli appartenenti alla Forza Armata, siano essi Ufficiali, Sottufficiali o Graduati.

Il tour, iniziato lo scorso 19 giugno dal litorale barese e da Porto Cesareo (Lecce), proseguirà verso il Lido di Siponto (Foggia) e sul litorale Salentino, per poi toccare le altre spiagge della Capitanata e il Tarantino.

Le prossime tappe del tour promozionale estivo dell’Esercito in Puglia saranno: a Barletta, Litoranea di Levante e a Sant’Isidoro, Marina di Nardò (LE) l’11 luglio, il 18 luglio a Santa Maria al Bagno, Nardò (LE), il 26 luglio a Bari, lungomare Perotti – spiaggia “Pane e Pomodoro” e Lido di Porto Cesareo (LE), l’8 e il 22 agosto, a Castellaneta Marina Lido (TA), il 4 settembre Lido di Gallipoli (LE) e l’11 settembre al  Lido di Otranto (LE).

“Un’occasione unica e divertente – conclude il comunicato – per poter acquisire informazioni su una nuova e avvincente prospettiva professionale e di vita”.

Articoli correlati:

Il Tour promozionale dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Il CME Puglia in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Puglia