contromisure mine

Marina Militare: i cacciamine Lerici e Sapri al loro ultimo ammainabandiera

_sapriOggi, giovedì 24 settembre, alle 11.00, presso il Molo Balilla della Base Navale di La Spezia, sede del Comando delle Forze di Contromisure Mine, si svolgerà la cerimonia dell’ultimo ammaina bandiera dei cacciamine Lerici e Sapri, due delle quattro unità cacciamine della Classe Lerici I^ serie, fa sapere in un comunicato la Marina Militare.

La cancellazione dai ruoli del naviglio militare dei cacciamine Lerici e Sapri rappresenta sia il continuo ridimensionamento delle navi della Marina Militare, a causa dell’invecchiamento della Squadra navale, sia l’avvio delle azioni di rimodulazione della Forza Navale che, nell’ottica della riorganizzazione dello strumento marittimo, riduce il numero dei cacciamine da 12 a 10 per svolgere le operazioni di contromisure mine lungo le rotte di accesso ai porti d’interesse e nel concorrere alla tutela dei siti archeologici sottomarini.

cacciamine Lerici_Marina MilitareI due cacciamine, progettati negli anni ‘80 a seguito della Legge Navale e consegnate alla Marina Militare nel 1985, hanno rappresentato in quegli anni la realizzazione di un progetto innovativo e di successo nell’ ambito della costruzione navale.

L’ottima riuscita della classe Lerici, infatti, ha portato non solo la Marina Militare a commissionare ai Cantieri INTERMARINE una II^ serie di cacciamine, ma grazie ai risultati ottenuti nel corso dell’impiego effettivo in mare, sia in campo operativo che tecnico, ha indotto le altre Marine, tra le quali quelle di Stati Uniti, Malesia e Nigeria, Australia, Tailandia, Finlandia e Algeria, ad acquistare diverse unità per le proprie esigenze.

Le Bandiere di combattimento delle unità navali saranno consegnate al Capo di stato maggiore della Marina, ammiraglio Giuseppe De Giorgi, per poi essere conservate a Roma all’interno dell’Altare della Patria nel Sacrario delle bandiere delle Forze Armate.

Articoli correlati:

I cacciamine della Marina Militare in Paola Casoli il Blog

Il ridimensionamento della Marina Militare in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Marina Militare

Ita Minex 2015: bonifica dei fondali in uno scenario di crisi, è l’addestramento della Marina con i ROV e i nuovi AUV

incursori_Marina Militare_Città della SpeziaFino al prossimo 22 giugno, nelle acque antistanti la zona costiera da La Spezia a Marina di Pisa, si svolge la più importante esercitazione di sminamento della Marina Militare, la Ita Minex 2015.

L’addestramento, in corso dall’8 giugno scorso, coinvolge tutto il personale e i mezzi della forza di contromisure mine con base a La Spezia e forze di Contromisure Mine Europee e NATO, tra cui Spagna, Germania, Francia, Grecia, Slovenia, Turchia, e la partecipazione di osservatori provenienti da diverse nazioni, quali Algeria, Arabia Saudita, Brasile, Croazia, Egitto, Libano, Marocco, Stati Uniti, Tunisia, Emirati Arabi Uniti e Qatar.

Lo scopo dell’esercitazione è quello di addestrare il personale, impiegato a bordo e a terra, a pianificare e condurre efficaci operazioni di bonifica dei fondali lavorando in uno scenario che riproduce, nel modo più realistico possibile, una situazione di crisi in cui la minaccia non è prevedibile. La task force sarà in grado di effettuare una completa mappatura del fondale in grado di scoprire, localizzare e identificare visivamente qualsiasi oggetto o minaccia presente sotto la superficie.

Fino al 22 giugno nelle acque del Mar Ligure fino a Marina di Carrara saranno impegnati diversi mezzi: le unità navali, gli elicotteri, i palombari, i Remotely Operated Vehicle (ROV – veicolo subacqueo pilotato da una postazione remota) e gli Autonomous Underwater Vehicle (AUV – Veicoli Subacquei Autonomi) di nuova acquisizione.

Nell’ambito dell’esercitazione un ruolo di rilievo viene assegnato alle unità ausiliarie tipo Moto Trasporto Costiero/Fari (MTC/F), che svolgeranno importanti attività di supporto.

Questo scenario d’esercitazione è focalizzato a mettere in risalto le spinte capacità duali delle unità cacciamine e ausiliarie nazionali che vedranno operare – da bordo – il Corpo Militare della Croce Rossa Italiana e svolgeranno anche attività in supporto a organizzazioni ed enti esterni alla Forza Armata, quali i Vigili del Fuoco e le Forze di polizia locali.

Quest’anno prendono parte all’esercitazione anche università e istituti di ricerca provenienti da Firenze, Pisa, Genova e Ancona, che potranno sperimentare alcuni veicoli subacquei di loro realizzazione.

L’hashtag per parlarne: #ItaMinex2015

Articoli correlati:

La Ita-Minex in Paola Casoli il Blog

La Marina Militare in Paola Casoli il Blog

Fonte: Marina Militare

Foto: Marina Militare via Città della Spezia