L’Esercito resiste

Centenario Grande Guerra: flash mob di fanfare e bande militari alle 19 del 24 ottobre in 17 città

Alle 19 di oggi, 24 ottobre, le fanfare e le bande militari dell’Esercito Italiano si esibiranno contemporaneamente in 17 città italiane, per ricordare, sulle note del “Silenzio d’ordinanza”, il centenario della Battaglia di Caporetto.

Il flash mob, organizzato dallo Stato Maggiore dell’Esercito (SME), è legato alle commemorazioni del centenario della Grande Guerra per l’anno 2017 e intende “ricordare il legame profondo tra i militari di oggi e le generazioni di soldati italiani che cento anni fa si sono immolati per la Patria e nel segno del quale hanno creduto e combattuto”, spiega lo stesso SME nel suo comunicato stampa.

Il 2017 è il terzo anno dedicato alle commemorazioni per il centenario della Grande Guerra.

Così come avvenuto negli anni scorsi con “L’Esercito marciava…” e “L’Esercito combatte”, la Forza Armata ha voluto realizzare una serie di attività ed eventi su tutto il territorio nazionale volti a favorire, sia nelle giovani generazioni che nella cittadinanza in generale, la conoscenza dell’evento bellico che ha segnato l’Italia e ha contribuito alla costruzione dell’identità nazionale.

“Il 1917 fu l’anno della ritirata di Caporetto, della crisi economica, il periodo più duro della guerra – ricorda il comunicato stampa – ma fu anche l’anno in cui l’Esercito Italiano dimostrò una grande capacità di resistenza, l’anno in cui fu costituita la linea di difesa lungo il Piave, punto di partenza e chiave di volta della successiva vittoria della guerra”.

Da qui, si apprende, l’idea di chiamare il progetto generale delle attività legate alla commemorazione della Grande Guerra per il 2017 “L’Esercito rESISTE”, perché “oggi come ieri, l’Esercito ‘esiste’, ‘resiste’ nel tempo e ‘continua’ la sua opera di difesa della Patria e per la sicurezza dei cittadini”.

Articoli correlati:

Il Centenario della Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

“L’Esercito marciava” e “L’Esercito combatte” in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Esercito