Nov 18, 2013
142 Views
0 0

Mi scindo o mi fondo, quindi sono!

Written by

Ovvero l’insostenibile leggerezza della politica italiana

By Cybergeppetto

Nel ’21 nacque a Livorno il Partito Comunista Italiano  (PCI) per scissione dal Partito Socialista Italiano (PSI), su iniziativa di Amedeo Bordiga e Antonio Gramsci.

Il PCI si scisse nel ’91 nel Partito della Sinistra (PdS) e nel Partito della Rifondazione Comunista (RC). Da RC nel ’98 si è scisso il Partito dei Comunisti Italiani (PdCI).

Nel ’43 il PSI assunse la denominazione di Partito Socialista di Unità Proletaria (PSIUP) a seguito della fusione con il Movimento di Unità Proletaria per la Repubblica Socialista (MUP) e l’Unione Popolare Italiana (UPI).

Il partito mantenne questa denominazione sino al ’47, quando riacquistò il nome PSI per evitare che se ne appropriasse il nuovo partito fondato da Giuseppe Saragat, il Partito Socialista dei Lavoratori Italiani (PSLI), che si era scisso dal PSIUP. Ma Saragat si scisse lo stesso nel ‘47 e fondò il Partito Socialista Democratico Italiano (PSDI).

Il Partito di Unità Proletaria (PdUP) era un partito politico di estrema sinistra, ma extra parlamentare, che operò tra il ’72 ed il ’74 quando si sciolse e insieme al gruppo del Manifesto confluì nel “PdUP per il Comunismo”.

Democrazia Proletaria (DP) è stato un partito politico italiano di estrema sinistra nato nel ’75 come coalizione elettorale e scioltosi nel ’91.

Il Movimento Sociale Italiano (MSI), fondato nel ’46 dai reduci del Partito Fascista Repubblicano (PFR ) della Repubblica Sociale Italiana (RSI), si unì al Partito Democratico di Unità Monarchica (PDUM) nel ’72, acquisendo la denominazione di Destra Nazionale (MSI – DN).

Nel 1977 una corrente dell’MSI-DN fondò “Democrazia Nazionale – Costituente di Destra” (DN-CD) che si sciolse nel ’79.

L’MSI-DN si sciolse nel ’95 generando “Alleanza nazionale” (AN), ma da cui si scisse il Movimento Sociale – Fiamma Tricolore. AN si sciolse nel 2009 per confluire nel Partito della Libertà (PdL) insieme a “Forza Italia” (FI), ma una corrente si scisse e fondò “La Destra” .

La Democrazia Cristiana (DC), nata nel ’42, si scisse nel ’94 in Partito Popolare Italiano (PPI) e Centro Cristiano Democratico (CCD).

Il CCD si alleò con “Forza Italia”, AN e la “Lega Nord”, mentre il PPI, scissosi in una lunga serie di partitini che alla fine si chiamarono “La Margherita”, confluì nell’Ulivo insieme ai  Democratici di Sinistra (DS) che nel frattempo avevano soppiantato il PdS.

In questi giorni abbiamo visto che dalle ceneri del PdL sono nati “Fratelli d’Italia” (FdI), “Forza Italia” (FI)  e “Nuovo Centrodestra” (NC). Il Partito Democratico viaggia in acque agitate perchè Epifani vuole che il PD aderisca al gruppo socialista europeo, ma gli “Ex Margherita” hanno detto che in quel caso loro si scinderebbero.

Avrei potuto continuare per decine e decine di pagine, anche perché la politica italiana genera partiti che sono come i fazzoletti di carta, a ogni elezione successiva gli elettori si puliscono il naso e li buttano via.

Naturalmente ho avuto pietà di voi, oltre che di me stesso…

Cybergeppetto

p.s. Subito dopo la scissione del PdL in FI, FdI ed NC, numerose dichiarazioni di politici annunciano che questi partiti formeranno una nuova grande coalizione  per unire gli elettori di centrodestra …

Article Categories:
Inchiostro antipatico