Multinational Cimic Group, cambio comando: il col Vitali è subentrato al col Greco. Foto

Venerdì 12 ottobre, nella caserma Mario Fiore di Motta di Livenza, in provincia di Treviso, alla presenza del Comandante della Brigata Genio, Generale di Brigata Francesco Bindi, del Prefetto della città di Treviso, Maria Rosaria Laganà e dei sindaci di 16 Comuni della Marca Trevigiana, si è svolta la Cerimonia di cambio del Comandante del Multinational CIMIC Group (MCG) tra il Colonnello Francesco Greco e il Colonnello Luca Vitali, proveniente dallo Stato Maggiore dell’Esercito – Ufficio Attività Internazionali, ha reso noto lo stesso MCG con un comunicato stampa del 12 ottobre scorso.

Il col Greco lascia il Multinational CIMIC Group, unità multinazionale e interforze specializzata nella cooperazione civile-militare, dopo oltre un anno di comando, durante il quale il reparto è stato impegnato in diverse e intense attività, operative e addestrative, in contesti nazionali ed esteri.

Alle attività svolte in campo internazionale dagli operatori del reparto, a oggi presenti in tutte le aree di crisi dove l’Esercito Italiano é chiamato a operare (Afghanistan, Gibuti, Kosovo, Libano e Somalia), si aggiungono, infatti, quelle prestate, nel Mediterraneo, a supporto della missione europea, EUNAVFOR Med, e, in campo nazionale, a supporto dell’Operazione Strade Sicure, ricorda il comunicato.

Nel suo discorso di commiato il col Greco ha evidenziato il felice sodalizio tra il personale militare e il territorio, rimarcando il profondo connubio che lega la realtà del reparto con le istituzioni e le amministrazioni locali.

Il gen Bindi, ringraziando il Comandante cedente per l’entusiasmo e la passione profusa nel suo quotidiano lavoro, ha sottolineato gli eccezionali traguardi raggiunti dall’unità, i cui effettivi sono oggi presenti in tutte le aree di crisi dove l’Esercito Italiano é chiamato a operare.

Il Multinational CIMIC Group, che annovera tra le nazioni contributrici, oltre all’Italia, la Grecia, il Portogallo, la Romania, la Slovenia e l’Ungheria, rappresenta un vero e proprio polo di eccellenza per la formazione degli operatori che lavorano nel delicato settore della cooperazione civile-militare, sottolinea lo stesso MCG.

A oggi, piú di 1.600 frequentatori, civili e militari, italiani e stranieri, sono passati tra i banchi della caserma Mario Fiore, a testimonianza di un’offerta didattica di livello, rispondente alle esigenze di coloro che devono fronteggiare le mutevoli sfide degli odierni scenari operativi.

Articoli correlati:

Multinational CIMIC Group, cambio al vertice: venerdì il col Greco cede il comando al col Vitali (10 ottobre 2018)

Fonte e foto: MCG