cambio comando

Scuola di Fanteria, cambio comando: venerdì 29 il gen Mingiardi passa le consegne al gen Faraglia, sarà COS al COMFORDOT

“Venerdì 29 marzo 2019, con inizio alle ore 11:00, presso la Caserma ‘S.Ten. M.O.V.M. U. Bartolomei’ [a Cesano di Roma], avrà luogo la cerimonia di cambio del Comandante della Scuola di Fanteria, fa sapere oggi la stessa Scuola.

Alla cerimonia, presieduta dal Comandante del Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito (COMFORDOT), Generale di Corpo d’Armata Giovanni Fungo, è annunciata la partecipazione delle più alte autorità civili e religiose della XV Circoscrizione del Comune di Roma Capitale, dei Gonfaloni del Comune e della Provincia, delle rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, a testimonianza del solido legame tra la Scuola e il territorio.

Al cospetto della Bandiera di Guerra dell’Arma di Fanteria, decorata di due Ordini Militari d’Italia, di una medaglia d’oro al Valor Civile e di una medaglia d’oro al Valore dell’Esercito, dopo oltre tre anni alla guida dell’Istituto, il Generale di Divisione Massimo Mingiardi lascerà il comando della Scuola per un nuovo prestigioso incarico: sarà il nuovo capo di stato maggiore al COMFORDOT. Al suo posto si insedierà il Generale di Brigata Giuseppe Faraglia.

Nato a Firenze, Ufficiale Paracadutista, il Generale di Divisione Mingiardi ha frequentato il 164° Corso dell’Accademia Militare, la Scuola d’Applicazione, il 121° Corso di Stato Maggiore e successivamente il 1° Corso ISSMI e il Royal College Defence Studies in Londra. Ha prestato servizio presso il 186° Reggimento Paracadutisti Folgore, il II Reparto SIOS dello Stato Maggiore Esercito e al Comando Operativo di vertice Interforze. Ha comandato il 183° Reggimento Paracadutisti Nembo e la Brigata paracadutisti Folgore, ricorda la Scuola nel suo comunicato.

Nel corso della carriera, il gen Mingiardi ha partecipato alle operazioni Restore Hope e UNSOM 2 in Somalia, Joint Guardian in Albania – Kosovo ed è stato Comandante della Missione di Addestramento delle Forze Armate somale (European Training Mission Somalia EUTM Somalia).

Articoli correlati:

Il gen Mingiardi in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola di Fanteria

Esercito, cambio al 9° rgt Fanteria Bari: al col De Pasquale subentra il col Bencivenga

Il colonnello Fabrizio De Pasquale ha ceduto il comando del 9° Reggimento Fanteria Bari al colonnello Claudio Bencivenga, si apprende. La cerimonia si è svolta nei giorni scorsi nella caserma Lolli Ghetti, a Trani.

Alla cerimonia, presieduta dal Comandante della Brigata Pinerolo, Generale di Brigata Francesco Bruno, hanno partecipato le più alte cariche civili e militari della città di Trani e le Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

Nel suo intervento di commiato il col De Pasquale ha riassunto le principali attività che hanno visto impegnati gli uomini e le donne del Reggimento, evidenziando in maniera particolare l’impegno profuso nell’Operazione Strade Sicure nelle città di Bari, Roma e Napoli.

Ha inoltre ricordato e rivolto un commosso saluto al personale del Reggimento attualmente dislocato nel teatro operativo del Kurdistan Iracheno e ha ringraziato tutto il personale per averlo supportato nel corso della sua attività di comando, rimarcando l’orgoglio di essere stato per due anni al comando di uno dei più gloriosi Reggimenti dell’Esercito Italiano.

Il col De Pasquale continuerà il suo servizio al Comando Brigata Aosta, dove ricoprirà il prestigioso incarico di Capo di Stato Maggiore.

Il col Claudio Bencivenga proveniente dal Comando Brigata Granatieri di Sardegna, dove ha svolto l’incarico di Capo di Stato Maggiore, ha ricevuto in custodia la Bandiera di Guerra del 9° Reggimento Fanteria Bari decorata di un Ordine Militare d’Italia, due Medaglie d’Oro, una Medaglia d’Argento e una Medaglia di Bronzo al Valor Militare e una Medaglia d’Argento di Benemerenza.

Fonte e foto: Esercito

COMLOG, cambio del Comandante di Commissariato dell’Esercito: al gen Aiuti subentra il gen Pascali

Venerdì scorso, 11 gennaio, il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, alla presenza della Bandiera del Corpo di Commissariato dell’Esercito, ha presieduto la cerimonia di avvicendamento nell’incarico di Comandante di Commissariato tra il Maggior Generale Marco Aiuti, cedente, e il Brigadier Generale Rodolfo Pascali, subentrante.

Alla cerimonia, svoltasi presso la Caserma Emilio Bianchi, sede del Comando Logistico dell’Esercito, sono intervenuti il Comandante dei Trasporti e Materiali, il Comandante di Sanità e Veterinaria, il Comandante Tecnico, il Direttore del Policlinico Militare di Roma e il Capo Nucleo Ispettivo Centrale unitamente ad alcune autorità civili e militari e rappresentanti dell’Associazione Nazionale Commissariato Militare con il rispettivo Medagliere, ha fatto sapere il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con una nota stampa dell’11 gennaio.

Nel suo discorso il gen Figliuolo ha espresso gratitudine al gen Aiuti, rimarcando le altissime qualità morali che, accompagnate alla competenza e alla capacità professionale, hanno caratterizzato il suo operato durante il mandato.

L’autorità ha poi rivolto gli auguri per il nuovo incarico al gen Pascali esortandolo a continuare, con condotta fervida e determinata, a potenziare l’azione del Comando di Commissariato affinché sia sempre più un’organizzazione solida e coesa, efficiente e innovativa, in quell’indispensabile e vitale funzione di sostegno alla Forza Armata.

Il Comando di Commissariato è un comando intermedio dell’area del Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG), con alle dipendenze gli Enti esecutivi dello specifico settore deputati alla gestione dei rifornimenti e del mantenimento; concorre, inoltre, all’elaborazione delle esigenze di approvvigionamento, allo sviluppo delle attività di ricerca e sperimentazione, di certificazione e controllo di qualità nei processi di acquisizione dei materiali di Forza Armata.

Fonte e foto: COMLOG

Brigata Ariete: venerdì il gen Ristuccia lascia il comando al collega Barduani e va a NRDC-ITA

Venerdì 11 gennaio prossimo il Gen. B. Angelo Michele Ristuccia cederà il comando della 132^ Brigata corazzata Ariete al Gen. B. Enrico Barduani: la cerimonia militare avrà luogo nella caserma Pietro Mittica di Pordenone a partire dalle 10.30, ha fatto sapere la stessa Brigata.

Il gen Ristuccia, 59° comandante della Ariete, andrà a ricoprire l’incarico di Capo di stato maggiore del NATO Rapid Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA) di Solbiate Olona, in provincia di Varese.

“La cerimonia, cui parteciperanno i rappresentanti delle autorità locali e delle associazioni combattentistiche e d’arma, sarà presieduta dal Comandante della Divisione Friuli, generale di divisione Carlo Lamanna“, aggiorna la Brigata.

Fonte: brigata Ariete

Foto d’archivio: brigata Ariete

 

 

CME Emilia-Romagna: cambio al vertice, via il gen Alimenti arriva il col Ghiretti

Oggi, 14 dicembre, alle 10.30, a Palazzo Grassi a Bologna, sede della Sala Convegno Unificata dell’Esercito, si terrà la cerimonia di avvicendamento nella carica di Comandante Militare Esercito (CME) per l’Emilia-Romagna tra il Gen. B. Cesare Alimenti e il Col. Fabrizio Ghiretti, ha fatto sapere lo stesso Comando.

Il gen Alimenti, che lascia il servizio attivo dopo aver trascorso l’intera carriera presso Unità e Comandi dell’area operativa della Forza Armata, ha ispirato la sua azione di comando avendo a costante riferimento lo stretto legame tra l’Esercito Italiano e le Amministrazioni locali emiliano – romagnole.

Per il col Ghiretti, scrive il CME Emilia-Romagna, “il nuovo incarico ha il sapore di una conferma per il lavoro svolto, avendo in precedenza ricoperto la funzione di Capo di Stato Maggiore del Comando Militare Esercito”.

Il CME Emilia-Romagna è, a livello locale, il Comando preposto ad interfacciarsi con i principali “attori” del mondo istituzionale, politico, economico e accademico della Regione, allo scopo di mettere a disposizione del cittadino i servizi migliori offerti dalla Forza Armata.

Fonte e foto: CME Emilia-Romagna

Capo di SMD: cerimonia di cambio al vertice tra il gen Graziano e il gen Vecciarelli il 5 novembre

Il prossimo 5 novembre, alle 11.00, alla presenza delle massime Autorità civili e militari, avrà luogo la cerimonia di cambio del Capo di Stato Maggiore della Difesa (CaSMD) tra il Generale Claudio Graziano e il subentrante Generale Enzo Vecciarelli, presso l’Aeroporto militare di Ciampino, sede del 31° Stormo, in Via Appia Nuova 1651, ha fatto sapere lo stato maggiore della Difesa lo scorso 26 ottobre.

Fonte: PI SMD

Foto: nella combo immagini della Difesa e di osservatorelibero.it

Multinational Cimic Group, cambio comando: il col Vitali è subentrato al col Greco. Foto

Venerdì 12 ottobre, nella caserma Mario Fiore di Motta di Livenza, in provincia di Treviso, alla presenza del Comandante della Brigata Genio, Generale di Brigata Francesco Bindi, del Prefetto della città di Treviso, Maria Rosaria Laganà e dei sindaci di 16 Comuni della Marca Trevigiana, si è svolta la Cerimonia di cambio del Comandante del Multinational CIMIC Group (MCG) tra il Colonnello Francesco Greco e il Colonnello Luca Vitali, proveniente dallo Stato Maggiore dell’Esercito – Ufficio Attività Internazionali, ha reso noto lo stesso MCG con un comunicato stampa del 12 ottobre scorso.

Il col Greco lascia il Multinational CIMIC Group, unità multinazionale e interforze specializzata nella cooperazione civile-militare, dopo oltre un anno di comando, durante il quale il reparto è stato impegnato in diverse e intense attività, operative e addestrative, in contesti nazionali ed esteri.

Alle attività svolte in campo internazionale dagli operatori del reparto, a oggi presenti in tutte le aree di crisi dove l’Esercito Italiano é chiamato a operare (Afghanistan, Gibuti, Kosovo, Libano e Somalia), si aggiungono, infatti, quelle prestate, nel Mediterraneo, a supporto della missione europea, EUNAVFOR Med, e, in campo nazionale, a supporto dell’Operazione Strade Sicure, ricorda il comunicato.

Nel suo discorso di commiato il col Greco ha evidenziato il felice sodalizio tra il personale militare e il territorio, rimarcando il profondo connubio che lega la realtà del reparto con le istituzioni e le amministrazioni locali.

Il gen Bindi, ringraziando il Comandante cedente per l’entusiasmo e la passione profusa nel suo quotidiano lavoro, ha sottolineato gli eccezionali traguardi raggiunti dall’unità, i cui effettivi sono oggi presenti in tutte le aree di crisi dove l’Esercito Italiano é chiamato a operare.

Il Multinational CIMIC Group, che annovera tra le nazioni contributrici, oltre all’Italia, la Grecia, il Portogallo, la Romania, la Slovenia e l’Ungheria, rappresenta un vero e proprio polo di eccellenza per la formazione degli operatori che lavorano nel delicato settore della cooperazione civile-militare, sottolinea lo stesso MCG.

A oggi, piú di 1.600 frequentatori, civili e militari, italiani e stranieri, sono passati tra i banchi della caserma Mario Fiore, a testimonianza di un’offerta didattica di livello, rispondente alle esigenze di coloro che devono fronteggiare le mutevoli sfide degli odierni scenari operativi.

Articoli correlati:

Multinational CIMIC Group, cambio al vertice: venerdì il col Greco cede il comando al col Vitali (10 ottobre 2018)

Fonte e foto: MCG

Brigata Friuli, cambio all’RCST: via il ten col Di Bisceglie, arriva il ten col Romano

Ieri, martedì 18 settembre, nella Caserma Mameli di Bologna si è celebrata la cerimonia di avvicendamento del Comandante del Reparto Comando e Supporti Tattici (RCST) Friuli, ha fatto sapere la brigata Friuli con un comunicato stampa di ieri.

Alla presenza del Comandante della Brigata Aeromobile Friuli, Generale di Brigata Salvatore Annigliato, il Tenente Colonnello Pasquale Di Bisceglie ha ceduto il comando al parigrado Mauro Romano, per assumere l’incarico di Capo Sezione Pubblica Informazione presso la stessa brigata Aeromobile, si apprende.

“Militari del Reparto Comando e Supporti Tattici Friuli, con voi ho passato i due anni e mezzo più intensi della mia vita professionale. Alla vostra giuda ho effettuato il periodo di comando più bello, perché solo il comando di uomini che lavorano incessantemente e soprattutto in silenzio e senza pretesa di riconoscimento, dà quel senso di appartenenza a una compagine professionale genuina e ricca di valori”: sono queste le parole con cui il ten col Di Bisceglie ha voluto salutare gli uomini e le donne del suo Reparto.

ll gen Annigliato ha rivolto al Comandante uscente parole di grande stima, elogiandone l’impegno quotidiano, l’estrema dedizione e l’onestà intellettuale ed esortato il personale del Reparto a mettere a disposizione del Comandante subentrante la stessa lealtà, abnegazione e intelligente partecipazione.

Articoli correlati:

La brigata Friuli in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: brigata aeromobile Friuli