COMFOP SUD

COMFOP SUD: Il Ministro della Difesa on Trenta in visita ai reparti della Garibaldi

Oggi, 8 ottobre, il Ministro della Difesa, on Elisabetta Trenta, accompagnata dal Comandante delle Forze Operative Sud (COMFOP SUD), Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, ha visitato i reparti della brigata Garibaldi di stanza a Persano, scrive lo stesso Comando in una nota stampa odierna.

Tra i comandi visitati dal Ministro, l’8° reggimento Artiglieria e il 4° reggimento Carri, unità operative della Brigata, il reggimento Logistico Garibaldi che fornisce il supporto logistico alle attività addestrative e operative, sia in Patria che all’estero, a tutti i reparti della Grande Unità e il Comando Comprensorio di Persano, che gestisce l’area demaniale e coordina le attività addestrative e l’utilizzo dei moderni sistemi di simulazione utilizzati dall’Esercito e presenti nel comprensorio militare.

Il ministro Trenta e il gen Castellano sono stati ricevuti dal Comandante della brigata Bersaglieri Garibaldi, Generale di Brigata Diodato Abagnara, che in un breve office call ha illustrato le potenzialità del cmprensorio militare di Persano e le attività in corso e future della Brigata.

Dopo aver salutato le Bandiere e gli Stendardi di Guerra dei reparti, il Ministro ha incontrato il personale schierato in Piazza d’armi, circa 1.000 tra personale militare e civile: “Vi ringrazio per quello che fate sia in Patria che all’estero con professionalità e competenza, dimostrandovi sempre all’altezza del compito. Il contributo che fornite da anni nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure è prezioso e grandemente apprezzato dai cittadini per il senso di rassicurazione sociale e solidarietà che la vostra presenza trasmette. Oggi, desidero ringraziarvi a nome di tutti gli italiani per la determinazione e la dedizione con cui assolvete i vostri compiti, per il servizio che prestate per il bene del Paese e della collettività internazionale”.

Fonte e foto: COMFOP SUD

 

COMFOP SUD: sinergia di Esercito e istituzioni contro la dispersione scolastica

Il 20 settembre scorso, nei saloni del Circolo Unificato di Palazzo Salerno, a Napoli, è stato firmato l’accordo quadro tra il Comando delle Forze Operative Sud (COMFOP SUD), la Regione Campania, l’Arcidiocesi di Napoli e la Fondazione Pontificia Scholas Occurrentes, per promuovere sinergie volte al contrasto della dispersione scolastica e favorire l’integrazione e l’inclusione sociale.

Lo ha reso noto con un comunicato stampa lo stesso COMFOP SUD.

La conferenza di presentazione, moderata da Gianfranco Coppola, vicepresidente Nazionale Unione Stampa Sportiva Italiana, ha visto gli interventi del Comandante delle Forze Operative Sud, Generale Corpo d’Armata Rosario Castellano, del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, di Mons Sanchez de Toga, Sottosegretario al Pontificio Consiglio della Cultura del Vaticano, del Direttore dell’Ufficio per la Pastorale Scolastica dell’Arcidiocesi di Napoli, Don Francesco Rinaldi, che ha portato il saluto e la benedizione dell’Arcivescovo di Napoli Cardinale Crescenzio Sepe, del Presidente di Scholas Occurrentes, Josè Maria Del Corral.

Gli ambiziosi obiettivi saranno perseguiti attraverso varie azioni coordinate tra i partner del protocollo, nelle quali ciascuno contribuirà secondo le proprie possibilità e risorse. Con la facilitazione e l’assistenza della Regione Campania e della Curia, la fondazione Scholas elaborerà metodologie e programmi e fornirà il suo background culturale, mentre l’Esercito metterà a disposizione le proprie strutture, i mezzi e i materiali e, soprattutto, le migliori professionalità scelte tra le proprie risorse umane ed eccellenze sportive.

L’accordo prevede lo sviluppo di servizi socioeducativi, attività di orientamento, continuità e sostegno alle scelte dei percorsi formativi e l’implementazione di progetti sportivi, compresa l’attivazione di nuove strutture in aree depresse e densamente popolate.

I partner si attiveranno, inoltre, per diffondere sicurezza e legalità, favorendo la formazione di una coscienza civile, finalizzata al contrasto di ogni forma di discriminazione, marginalizzazione e disagio sociale, oltre che elaborare strategie per prevenire il fenomeno del bullismo e del cyberbullismo.

Erano presenti alla conferenza numerose autorità locali civili e militari, tra le quali il Prefetto di Napoli, dottoressa Carmela Pagano, il Questore Antonio De Iesu, oltre a una rappresentanza di dirigenti scolastici e studenti e di alcuni istituti scolastici della città di Napoli.

Fonte e foto: COMFOP SUD

CME Puglia: il gen Castellano, COMFOP SUD, visita la Pinerolo alla Fiera del Levante, il Comando regionale e il CARA di Bari

Nei giorni scorsi il Comandante delle Forze Operative Sud (COMFOP SUD), Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, si è recato in visita ai reparti dipendenti di stanza a Bari, al C.A.R.A e al personale militare impegnato presso la 82^ edizione della Fiera del Levante, ha fatto sapere ieri lo stato maggiore Esercito.

Prima tappa il Distaccamento della brigata Pinerolo, attualmente impiegata fuori area, dove il gen Castellano è stato ricevuto dal col Antonio Camerino, Comandante del Distaccamento, che nel corso di briefing ha illustrato le attività in corso e quelle programmate da parte dela Brigata e dei reparti dipendenti.

Al termine della visita, il gen Castellano ha ringraziato il personale presente “per quello che fate e per come lo fate per la Brigata, per il COMFOP SUD e per l’Esercito Italiano. Avete dimostrato di sapervi adattare al cambiamento che la Brigata Pinerolo ha subito nell’ambito del processo di trasformazione”.

Successivamente, il Comandante del COMFOP SUD si è recato al C.A.R.A. di Bari dove è stato ricevuto dal col Giancarlo Coretto, Comandante del Raggruppamento Puglia che opera nell’ambito dell’operazione Strade Sicure, ha salutato i militari in servizio al centro e ha effettuato una visita alla struttura.

La visita è proseguita al Comando Militare Esercito (CME) Puglia, dove, dopo un office call con il Generale di Brigata Mauro Prezioso, il Generale di Corpo d’Armata Castellano ha salutato tutto il personale del comando territoriale al quale ha rivolto parole di plauso per il loro operato.

Al termine, il gen Castellano ha colto l’occasione per far visita ai militari dell’Esercito presenti alla Fiera Campionaria del Levante.

Il percorso all’interno dello spazio espositivo è iniziato con la visita ai mezzi e ai materiali in mostra statica ed è proseguito nell’area interattiva, dove sono state allestite una parete artificiale di roccia e il percorso di Military Fitness.

Fonte: Stato Maggiore Esercito

COMLOG: ordigno al fosforo neutralizzato dal 21° rgt Guastatori e dal CETLI NBC ad Aprilia

Gli artificieri del 21° reggimento Genio Guastatori, in collaborazione con il personale del Centro Tecnico Logistico Interforze (CETLI) NBC di Civitavecchia, hanno disinnescato, la scorsa domenica, un ordigno esplosivo a presunto caricamento chimico, risalente al secondo conflitto mondiale, rinvenuto in località “Giannottola”, ad Aprilia (LT), nel corso di lavori in un terreno agricolo, spiega con una nota stampa odierna il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

“La bomba, una granata d’artiglieria da 75 mm di fabbricazione americana rivelatasi poi caricata con fosforo, è stata rinvenuta in buone condizioni e ancora attiva e micidiale, scrive il COMLOG.

Grazie alla sinergia tra gli artificieri dei due Reparti dell’Esercito, l’ordigno è stato dapprima neutralizzato mediante una particolare tecnica in basso ordine, Low Order, e poi distrutto mediante brillamento con cariche esplosive.

La delicata operazione di disinnesco, per ragioni di sicurezza, ha richiesto un’area di sgombero di 500 metri e l’evacuazione di diverse famiglie.

Questa è stata la cinquantesima bonifica effettuata dagli artificieri specialisti nella disattivazione di ordigni esplosivi regolamentari e di circostanza del 21° reggimento Genio Guastatori di Caserta, coordinati dal Comando Forze Operative Sud (COMFOP SUD) di Napoli. Dall’inizio dell’anno sono stati oltre 120 gli ordigni neutralizzati, tra cui 2 bombe d’aereo da 500 e 1000 libbre.

L’Esercito, grazie alla capacità “dual-use” dei Reparti dell’Arma del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire in ogni momento, ricorda il COMLOG, in tutto il territorio italiano a supporto della comunità nazionale, in interventi di pubblica utilità confermandosi, in qualsiasi circostanza, una risorsa per il Paese.

L’Esercito Italiano, inoltre, è l’unica Forza Armata preposta alla formazione degli artificieri di tutte le Forze di Polizia, Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.

Articoli correlati:

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMFOP SUD: presentato dagli autori ‘Cefalonia. Il processo, la storia, i documenti’; gen Castellano: “valoroso esempio di identità italiana”

È stato presentato il 3 maggio scorso, presso il Comando delle Forze Operative Sud (COMFOP SUD), a Napoli, il libro “Cefalonia. Il processo, la storia, i documenti” del dottor Marco De Paolis, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale Militare di Roma, e della professoressa Isabella Insolvibile.

Terzo dei volumi della collana “I processi per i crimini di guerra tedeschi in Italia”, editi da Viella Editrice, il libro è dedicato ai tragici eventi di Cefalonia, spiega il COMFOPSUD nella nota stampa del 4 maggio con cui dà notizia dell’evento.

A introdurre il volume, il Comandante delle Forze Operative Sud, Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, che ha sottolineato come “Cefalonia rappresenti uno dei più valorosi esempi di Identità Italiana dimostrata dai nostri soldati che, dopo l’8 settembre, piuttosto che arrendersi preferirono resistere morendo in combattimento o trucidati”.

Durante la presentazione, moderata dalla giornalista Daniela Volpecina, sono intervenuti, oltre agli autori, il prof Francesco De Simone, già Vice Presidente del Consiglio della Magistratura Militare e Professore Ordinario all’Università di Napoli, il prof Giovanni Cerchia, Professore di Storia Contemporanea all’Università del Molise.

Nel corso del suo intervento, il dott De Paolis ha evidenziato che “il recupero dei documenti nella fase giudiziaria ha contribuito a migliorare la conoscenza della storia grazie all’acquisizione di fonti inedite. Dalle sofferenze dei familiari delle persone coinvolte nel tragico eccidio nasce lo sviluppo della cultura della pace che può contribuire anche alla nostra sicurezza”.

In occasione della presentazione del libro è stato possibile visitare la mostra storica della Divisione Acqui, con cimeli, uniformi e documenti dell’epoca.

Articoli correlati:

“Cefalonia: il processo, la storia, i documenti” in Paola Casoli il Blog

Il COMFOP SUD in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOP SUD

 

CESIVA: conclusa la Pegaso 2 per Posti Comando e le livex in preparazione del Kosovo e dell’Afghanistan

Si è conclusa nei giorni scorsi, presso il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CE.SI.VA) di Civitavecchia, l’esercitazione per Posti Comando (CPX-CAX) “Pegaso 2018/2”, fa sapere lo stesso CESIVA con un comunicato stampa odierno.

L’esercitazione ha impegnato il Comando brigata Pinerolo, il Posto Comando del 9° reggimento Fanteria Bari, una cellula di risposta su base 5° reggimento Aviazione dell’Esercito (AVES) Rigel e personale specializzato delle unità della brigata Pinerolo.

La Pegaso 2 è stata condotta con l’ausilio di sistemi informatici tecnologicamente avanzati, si apprende, allo scopo di affinare e consolidare le procedure inerenti l’impiego del Processo Decisionale di Pianificazione (PDP) e di valutare le capacità generali dello staff del Comando della brigata Pinerolo e del Posto Comando del 9° reggimento nella gestione di situazioni operative complesse.

Lo scenario è stato improntato al massimo realismo con situazioni che le unità si trovano ad affrontare in occasione di impiego negli scenari operativi fuori dal territorio nazionale.

Il Comandante delle Forze Operative Sud (COMFOP SUD), gen Rosario Castellano, ha visitato le unità dipendenti impegnate nell’esercitazione e ha evidenziato “l’importanza della condotta di attività di simulazione, improntata al massimo realismo, grazie ai moderni sistemi informatici e alla expertise del personale del CESIVA, volta a consentire alle unità di prossimo impiego in teatro operativo una preparazione tecnico professionale aderente alla realtà”. 

La brigata Pinerolo è affiliata al CESIVA, a cui è stata anche assegnata la responsabilità di sperimentare i sistemi integrati per l’addestramento terrestre, di simulazione e di comando e controllo, nonché di sistemi di digitalizzazione delle piattaforme operative dell’Esercito nel contesto del programma della Difesa denominato Forza NEC (Network Enabled Capability).

Durante l’esercitazione era presente anche una delegazione della brigata dell’Esercito Spagnolo, Aragon I, per una visita che si inquadra nelle attività scaturite dalla lettera di intenti, per il gemellaggio con la brigata Pinerolo, siglata tra Esercito Italiano ed Ejercito de Tierra.

“Il gemellaggio tra le due brigate – spiega il CESIVA nel comunicato – è volto a sviluppare nuove opportunità addestrative/operative, a rafforzare l’interoperabilità nonché a condividere i risultati ottenuti dall’Italia nel campo della digitalizzazione della manovra, settore di fondamentale importanza per il comparto terrestre della Difesa nazionale”.

Nel contempo, presso i Centri Addestramento Tattici (CAT) di Brunico e Lecce, si sono concluse, rispettivamente, le esercitazioni “Aquila 2/2018” e “Centauro 1/2018”.

La prima attività, finalizzata all’approntamento di unità per il teatro operativo del Kosovo, ha visto contrapposte unità amiche (BLUFOR), formate da 2 plotoni del 5° reggimento Alpini, a unità nemiche (OPFOR), composte da un plotone del 6° reggimento Alpini.

L’esercitazione ha inoltre coinvolto un nucleo di Carabinieri del 7° reggimento Trentino Alto Adige di Bolzano come supporto al plotone esercitato in qualità di Military Police (MP), e un nucleo di militari del 3° reggimento Artiglieria di Remanzacco in qualità di role player inseriti nello scenario nelle vesti di abitanti del villaggio, fondamentali per creare un realismo efficace dello scenario di riferimento.

Presso il CAT di Lecce, invece, l’attività svolta in vista dell’impiego di unità per il teatro operativo afgano ha visto confrontarsi una unità BLUFOR, costituita da 2 complessi minori del 9° reggimento Fanteria Bari, a unità OPFOR/Role Players composte da un plotone del 31° reggimento Carri di Lecce.

Il CESIVA costituisce il principale riferimento della Forza Armata per l’applicazione della simulazione addestrativa nell’approntamento dei posti comando, degli staff e delle unità destinate all’impiego fuori dal territorio nazionale al fine di attestare il raggiungimento delle capacità operative individuate come fondamentali per l’assolvimento dei compiti assegnati alle unità dell’Esercito, ricorda in conclusione lo stesso Centro.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

Bonifica ordigni: gli artificieri della Sassari bonificano due granate di artiglieria nel Cagliaritano

Gli artificieri del 5° reggimento Genio Guastatori della brigata Sassari hanno concluso mercoledì scorso le operazioni di bonifica e messa in sicurezza di una granata d’artiglieria da 76 mm, ha fatto sapere con una nota stampa del 16 marzo il Comando Forze Operative Sud (COMFOP SUD).

Le operazioni si sono svolte a seguito della richiesta di intervento da parte della Prefettura di Cagliari.

Il proietto d’artiglieria, risalente alla Seconda Guerra Mondiale, caricato con alto esplosivo e ancora attivo, è stato ritrovato nei giorni precedenti ad Assemini, in località Sula Unaxi, a seguito di lavori di aratura di un terreno da parte di un contadino.

Gli artificieri dell’Esercito hanno provveduto alla messa in sicurezza e bonifica dell’ordigno, conclusa con il brillamento del residuato presso una cava di pietra, si apprende in dettaglio.

L’intervento costituisce il secondo effettuato nell’arco di una settimana, fa sapere il COMFOP SUD: i Genieri del 5° Reggimento sono intervenuti anche a Iglesias per la bonifica di una granata d’artiglieria da 90 mm, caricata con alto esplosivo e ritrovato a seguito di lavori di disboscamento.

Gli artificieri dell’Esercito, sono gli unici deputati a operare su questa tipologia di ordigni, conclude la nota stampa, e garantiscono tempestivi interventi di bonifica e messa in sicurezza.

Articoli correlati:

Il COMFOP SUD in Paola Casoli il Blog

La brigata Sassari in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOP SUD

COMFOP SUD: i Bersaglieri della Aosta in addestramento con gli US Marines Corps per una sinergia di pianificazione e condotta

È stata condotta nei giorni scorsi, presso il Lago Rubino, area addestrativa a pochi chilometri dalla città di Trapani, un’esercitazione bilaterale tra il 6° reggimento Bersaglieri congiuntamente ai militari del US Marines Corps di stanza presso la Naval Air Station di Sigonella, ha fatto sapere con una nota stampa di oggi, 16 marzo, il Comando Forze Operative Sud (COMFOP SUD).

L’esercitazione, sviluppata in più giorni, ha dato modo ai Fanti piumati dell’Esercito e ai colleghi statunitensi di sviluppare in sinergia l’attività di pianificazione e condotta di azioni operative complesse.

L’attività ha rappresentato l’occasione per affinare le capacità di interoperabilità e compatibilità delle procedure in ambito internazionale, e si è rivelata un utile momento di confronto e crescita sulle caratteristiche tecniche di mezzi e materiali in dotazione alle due Forze Armate.

In particolare, sottolinea la nota stampa, sono state illustrate le capacità tecnico-operative del nuovo Veicolo Blindato Medio (VBM) Freccia, in dotazione al 6° reggimento Bersaglieri.

Articoli correlati:

Il 6° rgt Bersaglieri in Paola Casoli il Blog

La brigata Aosta in Paola Casoli il Blog

Il COMFOP SUD in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOP SUD

 

COMFOP SUD: il gen Castellano assume il comando delle Forze Operative Sud

Questa mattina, 2 febbraio, nella Sala dei Baroni di Castel Nuovo – Maschio Angioino di Napoli, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), Generale di Corpo d’Armata Danilo Errico, ha presieduto la cerimonia di cambio al vertice del Comando Forze Operative Sud (COMFOPSUD), fa sapere lo stesso COMFOP SUD con un comunicato stampa odierno: al Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano è subentrato il parigrado Rosario Castellano.

Numerose le autorità civili, religiose e militari che hanno presenziato alla cerimonia, tra le quali il Prefetto di Napoli, dottoressa Carmela Pagano; il Sindaco della città partenopea, dott Luigi De Magistris, insieme al Gonfalone della città di Napoli decorato della Medaglia d’Oro al valor Militare, e l’Arcivescovo di Napoli, Card Crescenzio Sepe.

Il CaSME gen Errico, nel corso del suo intervento, ha salutato i convenuti e ringraziato il gen De Leverano per l’impegno dimostrato nel portare a termine la costituzione del COMFOPSUD.

Un processo iniziato nel luglio 2016, ricorda il COMFOP SUD nel suo comunicato stampa, nell’ambito della riorganizzazione degli alti comandi della Forza Armata, che ha visto la fusione del 2° Comando Forze di Difesa con il Comando Forze di Difesa Interregionale Sud.

Dal 1° ottobre 2016 ha assunto la denominazione di Comando delle Forze Operative Sud e ha accorpato tutte le funzioni operative, infrastrutturali e territoriali della Forza Armata del centro – sud Italia e isole.

Il gen Errico ci ha tenuto ad evidenziare che “il Vertice della Forza Armata ha sempre trovato nel Comando delle Forze Operative Sud un interlocutore affidabile, disponibile e propositivo, che ha garantito interventi tempestivi e altamente qualificati, a riconferma del ruolo decisivo dell’Esercito quale strumento al servizio della comunità nazionale”.

In quest’area, il COMFOPSUD sovrintende a tutti i concorsi che l’Esercito fornisce, in conformità ai propri compiti istituzionali e nel caso di pubbliche calamità, come accaduto per gli eventi sismici che hanno colpito l’Italia centrale il 24 agosto 2016 e, successivamente, il 30 ottobre, l’isola di Ischia nell’agosto del 2017 e nell’emergenza incendio sul Vesuvio nell’estate del 2017.

Il gen Rosario Castellano, originario di Castellammare di Stabia, ha recentemente lasciato la carica di Vice Comandante della missione Resolute Support della NATO in Afghanistan.

Articoli correlati:

COMFOP SUD, cambio al vertice: il gen De Leverano cede il comando al gen Castellano (1° febbraio 2018)

Fonte e foto: COMFOP SUD

COMFOP SUD, cambio al vertice: il gen De Leverano cede il comando al gen Castellano

Domani, venerdì 2 febbraio, con inizio alle 10.45, nella Sala dei Baroni del Castel Nuovo (Maschio Angioino) in Napoli, il Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano cederà il comando delle Forze operative Sud al Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, ha fatto sapere ieri lo stesso Comando delle Forze Operative Sud (COMFOP SUD).

La cerimonia si svolgerà alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Italiano (CaSME), gen Danilo Errico.

Articoli correlati:

Il COMFOP SUD in Paola Casoli il Blog

Il gen De Leverano in Paola Casoli il Blog

Il gen Castellano in Paola Casoli il Blog

Fonte: COMFOP SUD

Foto: nella combo le foto dei Generali dai siti web istituzionali di Difesa ed Esercito