COMLOG

TRAMAT: il Comandante Logistico gen De Leverano al 102° della Battaglia degli Altipiani e Festa dell’Arma Trasporti e Materiali

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano, ha presenziato venerdì mattina, 18 maggio, a Terni, in Piazza della Repubblica, alla celebrazione del 102° anniversario della Battaglia degli Altipiani e Festa dell’Arma dei Trasporti e Materiali (TRAMAT), Arma logistica per eccellenza dell’Esercito.

È il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) a renderlo noto con una nota stampa del 18 maggio stesso.

“Una storia lunga più di cento anni quella degli Autieri dell’Esercito, – scrive il COMLOG – protagonisti del supporto logistico, presenti in tutte le operazioni militari, in Patria e all’estero”.

La cerimonia ha avuto luogo alla presenza delle Bandiere di Guerra dell’Arma dei Trasporti e Materiali e dell’11° reggimento Trasporti Flaminia, che nell’occasione è stata decorata con la Croce d’Argento al Valor Militare.

Presenti anche i Gonfaloni della Regione Umbria, della Città e della Provincia di Terni e dei Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.

All’evento sono intervenuti, oltre alle più alte cariche civili, militari e religiose di Terni, il Maggior Generale Gerardo Restaino, Decano dell’Arma TRAMAT, e il Maggior Generale Arnaldo Della Sala, Comandante TRAMAT.

Presenti, inoltre, tutte le maestranze del Polo di Mantenimento delle Armi Leggere, accompagnate dai propri familiari e alcune classi elementari di istituti scolastici ternani, si apprende dalla nota stampa.

Durante il suo intervento, il Comandante Logistico dell’Esercito ha sottolineato l’importanza dell’Arma dei Trasporti e Materiali, che assicura il sostegno alle unità della Forza Armata sul territorio nazionale e nei teatri operativi esteri.

“A nome del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, che mi ha formalmente delegato, e che mi ha fatto giungere un messaggio augurale per l’odierna ricorrenza, e mio personale, rivolgo oggi un sentito ringraziamento agli uomini e alle donne, di ogni ordine e grado, con le mostrine nere e azzurre. Uomini e donne che non sono sotto le luci della ribalta, che non cercano visibilità e onori ma che garantiscono all’intera Forza Armata l’assolvimento al meglio del compito, in Patria e all’Estero”, ha evidenziato il gen De Leverano.

“Esattamente come fa il Polo di mantenimento delle armi leggere di Terni, ha poi sottolineato il Comandante Logistico – dove sono presenti eccellenze che costituiscono figure di primissimo piano in campo nazionale: il personale di questo Polo, già durante gli anni della Grande Guerra (1915-1918), fu chiamato a far fronte alla incessante richiesta di produzione di armamenti imposta dalla Prima Guerra Mondiale. Il personale impiegato toccò il picco storico di 7.320 unità e la produzione raggiunse un massimo di 2.500 fucili al giorno. I legami che uniscono Terni alla fabbrica d’armi e all’acciaieria sono fortissimi, perché sono alla base dello sviluppo che determinò la crescita economica e sociale della città e la formazione di un complesso di maestranze tra le più qualificate d’Europa in campo meccanico e siderurgico: oggi la fabbrica di Terni fa rivivere questi momenti storici, ma anche le moderne attrezzature, agli studenti con visite all’infrastruttura militare, come sta accadendo in queste settimane con i giovani che si apprestano a conseguire la maturità”, ha concluso il gen De Leverano.

L’Arma dei Trasporti e Materiali dell’Esercito Italiano, responsabile del sostegno logistico alle unità della Forza Armata, settore nevralgico, critico e trasversale a tutte le attività operative e addestrative della Forza Armata, ha in Terni una realtà d’eccellenza di rilievo nazionale: il Polo di Mantenimento delle Armi Leggere, fin dal 1875 responsabile del mantenimento in efficienza dell’armamento leggero in dotazione alle Forze Armate Italiane, conlcude la nota stampa del COMLOG.

Articoli correlati:

Il TRAMAT in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: l’Esercito in prima linea alla Race for the Cure dà il via alla gara podistica benefica

Ha avuto luogo oggi, 20 maggio, nella splendida cornice del Circo Massimo, nel cuore di Roma, la tradizionale gara podistica a scopo benefico Race for the Cure per il sostegno alla lotta contro il tumore al seno.

Anche quest’anno, sottolinea il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con un comunicato stampa con cui dà notizia dell’evento, l’Esercito Italiano è stato in prima linea per sostenere l’iniziativa, fornendo supporto logistico e sanitario attraverso il Genio e i medici militari del Celio.

Per l’Esercito era presente il Brigadier Generale Carlo Catalano, Capo Dipartimento Medicina del Policlinico Militare Celio, che, insieme alle numerose autorità ha dato il via alla gara.

Il punto di primo soccorso, le ambulanze militari e le pattuglie appiedate impiegate durante le quattro giornate dell’evento hanno effettuato numerosi interventi di soccorso in favore di cittadini colpiti da malore.

“L’Esercito – conclude il comunicato stampa – da sempre è attento alla tutela della salute delle proprie donne e dei propri uomini. Anche per la lotta contro il tumore al seno ‘noi ci siamo sempre’”.

Articoli correlati:

La Race for the Cure in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

COMLOG Esercito: alla Race for the Cure l’assistenza sanitaria è dei medici del Celio e le tribune del Comando Genio (8 maggio 2018)

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: ordigno al fosforo neutralizzato dal 21° rgt Guastatori e dal CETLI NBC ad Aprilia

Gli artificieri del 21° reggimento Genio Guastatori, in collaborazione con il personale del Centro Tecnico Logistico Interforze (CETLI) NBC di Civitavecchia, hanno disinnescato, la scorsa domenica, un ordigno esplosivo a presunto caricamento chimico, risalente al secondo conflitto mondiale, rinvenuto in località “Giannottola”, ad Aprilia (LT), nel corso di lavori in un terreno agricolo, spiega con una nota stampa odierna il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

“La bomba, una granata d’artiglieria da 75 mm di fabbricazione americana rivelatasi poi caricata con fosforo, è stata rinvenuta in buone condizioni e ancora attiva e micidiale, scrive il COMLOG.

Grazie alla sinergia tra gli artificieri dei due Reparti dell’Esercito, l’ordigno è stato dapprima neutralizzato mediante una particolare tecnica in basso ordine, Low Order, e poi distrutto mediante brillamento con cariche esplosive.

La delicata operazione di disinnesco, per ragioni di sicurezza, ha richiesto un’area di sgombero di 500 metri e l’evacuazione di diverse famiglie.

Questa è stata la cinquantesima bonifica effettuata dagli artificieri specialisti nella disattivazione di ordigni esplosivi regolamentari e di circostanza del 21° reggimento Genio Guastatori di Caserta, coordinati dal Comando Forze Operative Sud (COMFOP SUD) di Napoli. Dall’inizio dell’anno sono stati oltre 120 gli ordigni neutralizzati, tra cui 2 bombe d’aereo da 500 e 1000 libbre.

L’Esercito, grazie alla capacità “dual-use” dei Reparti dell’Arma del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire in ogni momento, ricorda il COMLOG, in tutto il territorio italiano a supporto della comunità nazionale, in interventi di pubblica utilità confermandosi, in qualsiasi circostanza, una risorsa per il Paese.

L’Esercito Italiano, inoltre, è l’unica Forza Armata preposta alla formazione degli artificieri di tutte le Forze di Polizia, Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.

Articoli correlati:

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: alla Race for the Cure l’assistenza sanitaria è dei medici del Celio e le tribune del Comando Genio

Il Capo Dipartimento Medicina del Policlinico Militare di Roma Celio, Brigadier Generale Carlo Catalano, è intervenuto nella mattinata del 7 maggio scorso, presso il Salone d’Onore del CONI, a Roma, alla conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2018 della “Race for the cure”, evento benefico che si svolgerà dal 17 al 20 maggio nella splendida cornice del Circo Massimo e che, anche quest’anno, vedrà la presenza della Forza Armata.

Ne dà notizia il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con una nota stampa del 7 maggio stesso.

La Race for the cure, giunta quest’anno alla 19^ edizione, è una manifestazione di solidarietà che ha lo scopo di promuovere la salute delle donne e di raccogliere fondi per l’avvio di nuovi progetti nella lotta ai tumori al seno.

L’Esercito, che partecipa a questa iniziativa fin dalla seconda edizione dell’evento, anche quest’anno fornirà assetti logistici e sanitari.

In particolare, si apprende, la Forza Armata renderà disponibili le tribune, a cura del Comando Genio, un Posto di Medicazione Avanzato e alcune ambulanze dotate di defibrillatori, a cura del Policlinico Militare di Roma, per concorrere a garantire l’assistenza sanitaria per l’intero svolgimento della manifestazione.

Articoli correlati:

Race for the Cure in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Il Policlinico Militare Celio in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: il Comandante Logistico gen De Leverano in visita all’8° reggimento Trasporti Casilina

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano, ha visitato il 16 aprile scorso l’8° reggimento Trasporti Casilina di Roma, ha fatto sapere il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con una nota stampa del 17 aprile.

“Il Comandante Logistico, accompagnato dal Comandante dei Trasporti e Materiali, Maggior Generale Arnaldo Della Sala, e dal Capo Reparto Trasporti, Brigadier Generale Salvatore Loria, è stato accolto dal Comandante del Reggimento, Colonnello Giuseppe Gaetani, si apprende in dettaglio.

La visita, dopo un incontro con il personale dell’ente, è proseguita con un briefing tenuto dal Comandante dell’8° Casilina, che ha illustrato le peculiarità e le funzionalità del reparto.

Il gen De Leverano ha visitato l’officina leggera e le attrezzature delle squadre a contatto incaricate della bonifica e della verifica periodica delle cisterne fisse e mobili in uso nei vari teatri operativi e in territorio nazionale.

La visita è proseguita presso una mostra statica al Battaglione Trasporti, dove sono stati descritti i principali mezzi in dotazione e le peculiari capacità di trasporto eccezionale del Reggimento.

All’atto della firma dell’Albo d’Onore, il Comandante Logistico ha espresso l’”apprezzamento per il livello organizzativo e funzionale raggiunto dall’8° reggimento Trasporti Casilina grazie all’apporto professionale profuso da tutto il personale, conclude la nota stampa del COMLOG.

Articoli correlati:

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: il Comandante gen De Leverano in visita al Centro Militare Veterinario di Grosseto

“Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano, accompagnato dal Capo Reparto Veterinaria del Comando di Sanità e Veterinaria dell’Esercito, Colonnello Giovanni Rucco, ha visitato ieri [4 aprile, ndr] il Centro Militare Veterinario (CEMIVET) di Grosseto”, ha fatto sapere con una nota stampa del 5 aprile il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Il Comandante Logistico, dopo essere stato accolto dal Comandante del CEMIVET, col Simone Siena, ha inteso salutare tutto il personale civile e militare dell’Ente.

Il col Siena ha poi illustrato, in un briefing, le peculiari capacità espresse dal Centro tra le quali il Gruppo Cinofilo, il Reparto Ippico e la storica Scuola di Mascalcia.

Il gen De Leverano ha proseguito la visita nelle varie articolazioni del CEMIVET, soffermandosi in particolare presso le scuderie dedicate all’allevamento dei cavalli e presso le strutture del Plotone Riproduzione e Allevamento del Gruppo Cinofilo, si apprende, dove ha potuto vedere alcuni cuccioli in addestramento destinati a diventare unità cinofile operative dell’Esercito.

“Il Comandante Logistico ha espresso al termine della visita il suo vivo apprezzamento per i lusinghieri risultati raggiunti dal Centro Militare Veterinario e ha rivolto a tutto il personale parole di plauso per la motivazione e la professionalità dimostrate, esortandolo a conseguire sempre maggiori risultati”, conclude la nota stampa del COMLOG.

Articoli correlati:

Il COMLOG Esercito in Paola Casoli il Blog

Il CEMIVET in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG, mostra sulla Medicina veterinaria nella Grande Guerra: i pannelli esposti

Pubblichiamo qui di seguito i pannelli esposti nella mostra itinerante La Medicina veterinaria nella Prima Guerra Mondiale, attualmente in esposizione nell’Atrio delle Colonne dell’Università degli Studi di Parma.

La mostra itinerante, che rientra nel programma ufficiale delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra, nasce dalla collaborazione tra il Servizio Veterinario dell’Esercito, la Società Italiana delle Scienze Veterinarie, l’Associazione Italiana di Storia della Medicina Veterinaria e della Mascalcia e il Museo di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino.

Le illustrazioni dei pannelli qui pubblicate sono state rese disponibili per cortesia del Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) a Paola Casoli il Blog, in risposta a una richiesta via Facebook di un lettore.

Le prossime tappe della mostra, ha fatto sapere il COMLOG, saranno Milano, Torino, Bari, Messina, Padova, Sassari e Teramo.

Foto: COMLOG

COMLOG: il DMML di Padova aperto per le Giornate di Primavera del FAI, successo di affluenza

In occasione delle Giornate FAI di Primavera del 24 e 25 marzo scorsi, ha fatto sapere con una nota stampa del 26 marzo il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG), la caserma Carlo De Bertolini, sede del Dipartimento Militare di Medicina Legale (DMML) di Padova, ha aperto i propri cancelli alla popolazione civile iscritta al Fondo Ambiente Italiano (FAI).

L’evento, oltre agli organizzatori del FAI, ha visto coinvolti studenti del Padovano che hanno aderito al progetto “Apprendisti Ciceroni”, rientrante nelle attività di Alternanza Scuola Lavoro dei propri istituti scolastici.

Oltre alla storia, che ha caratterizzato il Monastero a decorrere dalla sua fondazione risalente al XII secolo, i “giovani ciceroni” hanno illustrato nel dettaglio i due chiostri e le peculiarità che li caratterizzano, la Sala del Capitolo (oggi Salone Rapporto) e la Biblioteca (oggi Aula Magna), raro esempio di fine ‘400 ricca di affreschi e decori ornamentali dell’epoca.

L’affluenza all’antico monastero di San Giovanni di Verdara ha riscosso grande successo, spiega il COMLOG, registrando un totale di 742 visitatori nelle due giornate e l’apprezzamento di quanti hanno potuto usufruire di questa opportunità.

Il DMML di Padova è l’unico Ente sanitario militare dell’area nord-est a fornire attività di supporto e aderenza alle unità di tutte le Forze Armate e di tutte le Forze dell’Ordine in ambito medico-legale e clinico.

Presso il Dipartimento, inoltre, viene svolta attività formativa di aggiornamento professionale per il personale sanitario e corsi di tecniche di pronto soccorso a favore del personale militare dei vari Enti della Forza Armata.

Articoli correlati:

Il DMML di Padova in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

Sanità e Veterinaria, cambio al comando: il gen Battistini avvicenda il gen Germani, prossimo consigliere del CaSMD per la Sanità interforze

Ieri mattina, 27 marzo, il Comandante Logistico dell’Esercito, gen Luigi Francesco De Leverano, ha presieduto la cerimonia di avvicendamento nell’incarico di Comandante di Sanità e Veterinaria tra il Maggior Generale Mario Alberto Germani, cedente, e il Maggior Generale Antonio Battistini, subentrante, ha fatto sapere con una nota stampa di ieri lo stesso Comando Logistico (COMLOG).

La cerimonia si è svolta nella Caserma Bianchi, sede del COMLOG dell’Esercito: vi sono intervenuti, alla presenza del Medagliere Nazionale e del Labaro della Sezione di Roma dell’Associazione Nazionale della Sanità Militare, i Comandanti d’Arma e Servizi del Comando Logistico dell’Esercito, il Capo Nucleo Ispettivo Centrale e il Direttore interinale del Policlinico Militare di Roma.

Nel suo discorso il gen De Leverano ha espresso gratitudine al gen Germani, ufficiale più anziano del Corpo sanitario dell’Esercito e prossimo Consigliere del Capo di Stato Maggiore della Difesa per la sanità militare interforze, rimarcando le altissime qualità morali che, accompagnate alla competenza e alla capacità professionale, hanno caratterizzato il suo operato durante il mandato.

Il Comandante Logistico ha poi rivolto gli auguri per il nuovo incarico al gen Battistini che ha appena lasciato quello di Capo Dipartimento Scientifico del Policlinico Militare di Roma Celio.

Il Comando di Sanità e Veterinaria dell’Esercito è oggi articolato nel Reparto Sanità e nel Reparto Veterinaria e ha alle dipendenze il Centro Ospedaliero Militare di Milano e quattro Dipartimenti Militari di Medicina Legale (Roma, Padova, Messina e Cagliari), la Commissione Medica Interforze di II Istanza, il Centro Militare Veterinario di Grosseto e l’Ospedale Veterinario Militare di Montelibretti.

Articoli correlati:

Sanità e Veterinaria in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: 6^ tappa a Parma per la mostra ‘La medicina veterinaria nella Prima Guerra’

È stata da poco inaugurata, nell’Atrio delle Colonne dell’Università degli Studi di Parma, la mostra itinerante “La Medicina Veterinaria nella Prima Guerra Mondiale”, giunta alla sua sesta tappa, ha fatto sapere il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con una nota stampa del 23 marzo scorso.

La mostra, sottolinea il COMLOG, ha già riscontrato grande interesse negli atenei di Napoli, Camerino, Perugia, Pisa e Bologna.

All’evento dell’inaugurazione hanno partecipato numerose autorità civili e militari, tra cui il Magnifico Rettore e il Direttore del Dipartimento di Scienze Medico-Veterinarie dell’Università di Parma, l’Assessore alla Partecipazione e ai Diritti dei Cittadini con delega al Benessere Animale del Comune di Parma e il Presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Parma.

Alla cerimonia inaugurale sono seguiti gli interventi del col Giovanni Rucco, Capo Reparto Veterinaria del Comando Logistico dell’Esercito, del col Mario Piero Marchisio, Vice Comandante del Centro Militare Veterinario, che ha presentato l’evento, e quelli del col Donato Carlucci, Presidente di ASSOARMA Parma, e del gen Giuliano Ferrari, già Comandante della Scuola di Guerra dell’Esercito.

La mostra itinerante, che rientra nel programma ufficiale delle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra, nasce dalla collaborazione tra il Servizio Veterinario dell’Esercito, la Società Italiana delle Scienze Veterinarie, l’Associazione Italiana di Storia della Medicina Veterinaria e della Mascalcia e il Museo di Scienze Veterinarie dell’Università di Torino.

Le prossime tappe della mostra, fa sapere il COMLOG, saranno Milano, Torino, Bari, Messina, Padova, Sassari e Teramo.

Articoli correlati:

Medicina Veterinaria: nel Centenario della Prima Guerra una mostra itinerante, 4° tappa a Pisa (13 dicembre 2017)

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito