COMLOG

COMLOG, cambio del Comandante di Commissariato dell’Esercito: al gen Aiuti subentra il gen Pascali

Venerdì scorso, 11 gennaio, il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, alla presenza della Bandiera del Corpo di Commissariato dell’Esercito, ha presieduto la cerimonia di avvicendamento nell’incarico di Comandante di Commissariato tra il Maggior Generale Marco Aiuti, cedente, e il Brigadier Generale Rodolfo Pascali, subentrante.

Alla cerimonia, svoltasi presso la Caserma Emilio Bianchi, sede del Comando Logistico dell’Esercito, sono intervenuti il Comandante dei Trasporti e Materiali, il Comandante di Sanità e Veterinaria, il Comandante Tecnico, il Direttore del Policlinico Militare di Roma e il Capo Nucleo Ispettivo Centrale unitamente ad alcune autorità civili e militari e rappresentanti dell’Associazione Nazionale Commissariato Militare con il rispettivo Medagliere, ha fatto sapere il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con una nota stampa dell’11 gennaio.

Nel suo discorso il gen Figliuolo ha espresso gratitudine al gen Aiuti, rimarcando le altissime qualità morali che, accompagnate alla competenza e alla capacità professionale, hanno caratterizzato il suo operato durante il mandato.

L’autorità ha poi rivolto gli auguri per il nuovo incarico al gen Pascali esortandolo a continuare, con condotta fervida e determinata, a potenziare l’azione del Comando di Commissariato affinché sia sempre più un’organizzazione solida e coesa, efficiente e innovativa, in quell’indispensabile e vitale funzione di sostegno alla Forza Armata.

Il Comando di Commissariato è un comando intermedio dell’area del Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG), con alle dipendenze gli Enti esecutivi dello specifico settore deputati alla gestione dei rifornimenti e del mantenimento; concorre, inoltre, all’elaborazione delle esigenze di approvvigionamento, allo sviluppo delle attività di ricerca e sperimentazione, di certificazione e controllo di qualità nei processi di acquisizione dei materiali di Forza Armata.

Fonte e foto: COMLOG

COMLOG: il gen Figliuolo in visita al Policlinico Celio, “fulcro per il personale militare e riferimento internazionale e interagenzia”

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, si è recato in visita al Policlinico Militare di Roma Celio lo scorso 20 novembre, fa sapere con una nota stampa il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Il Comandante Logistico, accolto dal Direttore del Policlinico Militare, Generale di Divisione Francesco Diella, dopo gli onori di rito e dopo aver visitato alcuni reparti specialistici, ha rivolto a tutto il personale del nosocomio un sentito ringraziamento unitamente ai complimenti per il lavoro svolto e la professionalità dimostrata in ogni circostanza.

Il gen Figliuolo, nel corso dell’attività, ha sottolineato l’importanza del Policlinico Militare quale fulcro dell’assistenza sanitaria per il personale militare sul territorio nazionale e per i teatri operativi e imprescindibile riferimento per la dimensione internazionale e interagenzia assunta dalla Forza Armata, riferisce la nota stampa.

Nella circostanza, il Comandante Logistico dell’Esercito ha voluto soffermarsi sull’importanza del lavoro di squadra per il perseguimento degli obiettivi prefissati e per l’avvio di numerose attività volte a valorizzare le competenze di tutto il personale medico-sanitario del Policlinico attraverso proficue intese e sinergie con il Servizio Sanitario Nazionale e le Università.

Il Policlinico Militare di Roma è la struttura sanitaria per il ricovero e la cura del personale delle Forze Armate in servizio in Patria e all’estero che, oltre a svolgere attività clinico-assistenziali, espleta anche attività di formazione del personale medico, infermieristico e tecnico-sanitario, nonché fornisce personale altamente qualificato per tutte le esigenze sanitarie nelle operazioni internazionali, conclude il COMLOG.

Fonte e foto: COMLOG

COMLOG e COMFORDOT cambiano i vertici: il gen Figliuolo e il gen Fungo subentrano ai colleghi De Leverano e Serino

Doppio cambio a due dei vertici dell’Esercito: ieri mattina, 7 novembre, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, ha presieduto la cerimonia di avvicendamento alla guida del Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) e del Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito (COMFORDOT), ha fatto sapere con una nota stampa il COMLOG.

Svoltasi all’interno dell’aula magna del Comando dei Supporti Logistici della Cecchignola, la cerimonia ha sancito il passaggio di consegne tra il Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano e il parigrado Francesco Paolo Figliuolo (già Capo Ufficio Generale del Capo di Stato Maggiore della Difesa) per il COMLOG e, tra il Generale di Corpo d’Armata Pietro Serino e il collega Giovanni Fungo (ad interim) per il COMFORDOT.

Il gen Farina, nel salutare tutti i convenuti alla cerimonia, ha ringraziato i due Generali cedenti (De Leverano e Serino) per l’impegno e i risultati ottenuti nel periodo i cui sono stati alla guida dei rispettivi comandi e ha augurato, ai subentranti (Figliuolo e Fungo), di proseguire nella scia dei positivi obiettivi raggiunti dai predecessori con altrettanti ottimi traguardi.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, nella sua allocuzione, si è soffermato sull’importanza della logistica unitamente alla essenzialità della formazione e preparazione militare sin dai primi giorni di arruolamento di ogni militare.

Il gen Farina ha poi evidenziato come la cerimonia abbia racchiuso due delle aree fondamentali della Forza Armata: la componente logistica e la formazione.

L’Esercito è una componente importantissima del Sistema Paese che basa la propria capacità operativa sulla componente umana: vero fulcro della Forza Armata.

Agli uomini in uniforme, devono essere indirizzati tutti gli sforzi possibili per garantire un adeguato sostegno logistico e una corretta preparazione e formazione professionale per poter essere, in futuro, sempre più pronto, con capacità di operare in ambito interforze, internazionale e aderente alle esigenze del Paese anche in caso di pubbliche calamità.

Il gen De Leverano, nel suo intervento, ha ringraziato per il supporto fornito tutto il personale dell’area logistica dell’Esercito, “ricca di pregiate professionalità militari e civili”, che nel corso del suo mandato ha “imparato a conoscere e apprezzare”.

Il gen Serino, che si appresta a ricoprire l’incarico di Capo del Gabinetto del Ministro della Difesa, nel suo discorso di commiato, dopo aver ringraziato il personale, i Comandanti dipendenti ed il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, si è soffermato nel rimarcare brevemente le tappe percorse nei 21 mesi che lo hanno visto al Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, concludendo con un sincero augurio di buon lavoro al Comandante subentrante.

Fonte e foto: COMLOG

COMLOG: cambio del Comandante di Commissariato dell’Esercito, al gen Gadaleta subentra il collega Aiuti

Ieri, 31 ottobre, il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano, alla presenza della Bandiera del Corpo di Commissariato dell’Esercito, ha presieduto la cerimonia di avvicendamento nell’incarico di Comandante di Commissariato tra il Brigadier Generale Lorenzo Donato Gadaleta, cedente, e il Brigadier Generale Marco Aiuti, subentrante, ha fatto sapere lo stesso Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con una nota stampa del 31 ottobre.

Alla cerimonia, che si è svolta nella Caserma Emilio Bianchi a Roma, sono intervenuti il Comandante dei Trasporti e Materiali, il Comandante di Sanità e Veterinaria, il Comandante Tecnico, il Direttore del Policlinico Militare di Roma e il Capo Nucleo Ispettivo Centrale, unitamente ad alcune autorità civili e militari e rappresentanti dell’Associazione Nazionale Commissariato Militare con il rispettivo Medagliere, si apprende.

Nel suo discorso il gen De Leverano ha espresso gratitudine al gen Gadaleta, rimarcando le altissime qualità morali che, accompagnate alla competenza e alla capacità professionale, hanno caratterizzato il suo operato durante il mandato.

L’autorità ha poi rivolto gli auguri per il nuovo incarico al gen Aiuti, che ha appena lasciato quello di Capo Reparto di Commissariato, esortandolo a “continuare, con condotta fervida e determinata, a potenziare l’azione del Comando di Commissariato affinché sia sempre più un’organizzazione solida, coesa, efficiente, efficace in quell’indispensabile e vitale funzione di sostegno alla Forza Armata”.

Il Comando di Commissariato è un comando intermedio dell’area del Comando Logistico dell’Esercito, con alle dipendenze gli enti esecutivi dello specifico settore deputati alla gestione dei rifornimenti e del mantenimento; concorre, inoltre, all’elaborazione delle esigenze di approvvigionamento, allo sviluppo delle attività di ricerca e sperimentazione, di certificazione e controllo di qualità nei processi di acquisizione dei materiali di Forza Armata.

Fonte e foto: COMLOG

Medicina legale: a Messina la 4^ Giornata di aggiornamento con l’obiettivo di eventi futuri nella formazione ECM

Si è svolto oggi, 25 ottobre, nei locali del Dipartimento Militare di Medicina Legale (DMML) di Messina, l’ormai tradizionale appuntamento formativo sulla medicina legale che, quest’anno giunto alla sua 4^ edizione, ha trattato i temi inerenti il ruolo delle Commissioni Mediche di Verifica nelle idoneità al pubblico impiego, i nuovi protocolli sulla idoneità al Servizio Militare Incondizionato nell’Esercito, la valutazione medico-legale delle cardiopatie nell’invalidità civile e il contenzioso medico legale, sempre sulla invalidità civile.

Ne ha dato notizia oggi stesso il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

A moderare i lavori erano presenti il Capo Reparto Sanità del Comando Logistico dell’Esercito, Brigadier Generale Massimo Barozzi, e il Direttore dell’Ente ospitante, Colonnello Francesco Rizzo.

Tra i relatori, nomi di spicco della Medicina Legale, militare e civile, tra cui i Direttori dei nosocomi militari di Roma e Padova, il Col Maurizio Lupardini e il Col Sergio Gafofalo, nonché il Col Gianfranco Cosentino, neopresidente della CMO di Messina e membro della Commissione Medica di Verifica di Catanzaro.

Tra i professionisti civili il dott Corrado De Luca e il dott Giulio Putortì, Dirigenti Medici presso il Centro Medico Legale INPS di Messina, oltre ai Tenenti Colonnelli Santo Sorrenti, Francesco D’Arrigo, Francesco Famà e il Maggiore Francesco Rugolo, Capi Servizio e membri delle CMO al DMML di Messina.

Lo scopo dell’evento scientifico, ampiamente raggiunto, era aprire un tavolo di confronto e una discussione sulle tematiche discusse non soltanto tra le diverse componenti sanitarie delle Forze Armate, ma anche con i professionisti civili, nell’ottica di migliorare sempre più la sinergia, già esistente, tra la sanità militare e il servizio sanitario nazionale.

Numerosi i partecipanti provenienti dagli ambienti sanitari civili e militari di Sicilia e Calabria che, grazie all’elevato livello dei relatori, hanno potuto acquisire specifiche conoscenze e approfondire gli aspetti medico-legali.

Soddisfatti sia i partecipanti che gli organizzatori e, in tale sede, è stata avanzata la proposta, raccolta a più livelli e richiesta da più parti, di promuovere e organizzare una serie di successivi eventi negli anni a seguire, nell’ambito della formazione ECM (Educazione Continua Medicina) indirizzata alle predette tematiche, conclude il comunicato stampa.

Fonte e foto: COMLOG

COMLOG: al Celio la tecnologia robotica a comando vocale per interventi mini-invasivi

L’équipe chirurgica multidisciplinare del Policlinico Militare di Roma “Celio” ha eseguito i primi interventi di chirurgia laparoscopica addominale con supporto robotico a comando vocale, ha fatto sapere con una nota stampa del 2 ottobre il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

Il team chirurgico composto da personale medico e infermieristico dell’Esercito, guidato dal Direttore Ospedaliero del Celio, ha riscontrato eccellenti risultati operatori e la grande soddisfazione dei pazienti, si apprende.

Questo tipo di nuova tecnica chirurgica all’avanguardia consente di effettuare gli interventi sfruttando la presenza un braccio meccanico che, rispondendo ai comandi vocali dell’operatore, garantisce sia un’elevata precisione che una minore invasività dell’atto chirurgico.

“L’introduzione e la sperimentazione di nuove tecnologie biomediche al passo con l’evoluzione scientifica – scrive il COMLOG nella nota stampa – testimonia ancora una volta come il Policlinico Militare di Roma, principale ente che fornisce il personale sanitario agli ospedali da campo nei teatri operativi, rappresenti un centro di eccellenza nel panorama sanitario italiano e internazionale e di formazione per i giovani Ufficiali medici”.

Articoli correlati:

Il Policlinico militare del Celio in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: i cento anni del POLMANTEO

“Dall’antesignana Officina di costruzioni radiotelegrafiche, passando attraverso il 21° Stabilimento Trasmissioni, il Polo di mantenimento dei mezzi di comunicazione, elettronici e optoelettronici, ha celebrato il suo centenario”, ha fatto sapere con una nota stampa di ieri, 24 settembre, il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano, ha presenziato a Roma alle celebrazioni del centenario della costituzione del Polo di mantenimento dei mezzi di comunicazione, elettronici e optoelettronici dell’Esercito (POLMANTEO).

Alla cerimonia, che ha avuto luogo all’interno del POLMANTEO alla presenza della Bandiera di Guerra del 44° Battaglione di Sostegno Telecomunicazioni Penne di Roma, sono intervenuti l’Ordinario militare per l’Italia, Monsignor Santo Marcianò, e alte autorità militari e civili. Presenti anche i Labari dell’Associazione Nazionale Genieri e Trasmettitori e dell’Associazione Nazionale Ufficiali Tecnici dell’Esercito Italiano.

Il Comandante Logistico dell’Esercito, nell’ambito del suo discorso, ha evidenziato come “all’interno del Polo siano presenti eccellenze che costituiscono un complesso di maestranze tra le più qualificate d’Europa in campo elettronico e optoelettronico” e che, come tutti i logisti, “non operano sotto le luci della ribalta, non cercano visibilità e onori ma garantiscono alle unità dell’intera Forza Armata l’assolvimento al meglio del compito, in patria e all’estero”.

Il gen De Leverano ha poi ringraziato “gli uomini e le donne di ogni ordine, ruolo grado e qualifica effettivi al Polo per il fondamentale supporto fornito alle operazioni militari che vedono coinvolta tutta la Forza Armata, vista la strategica importanza dei materiali delle telecomunicazioni, elettronici e optoelettronici e in generale dei sistemi di comando e controllo. Supporto che non viene meno neanche per le operazioni all’estero, grazie alla flessibilità e alla elevata capacità di proiezione possedute”.

L’eventodi ieri si è concluso con lo scoprimento di una targa commemorativa e la visita ai reparti e ai laboratori del POLMANTEO.

Il Polo di mantenimento dei mezzi di telecomunicazione, elettronici e optoelettronici, già Officina di costruzioni radiotelegrafiche ed elettroniche del Genio militare, è stato costituito in Roma nel comprensorio di Viale Angelico nel periodo finale della Grande Guerra, di cui quest’anno ricorre il centenario della vittoria.

L’Ente, posto alle dipendenze del Comando dei Trasporti e Materiali dell’Esercito, spiega il COMLOG, assicura l’efficienza dei materiali di telecomunicazione, elettronici e optoelettronici delle unità dell’Esercito sia in territorio nazionale che fuori area. Fornisce inoltre contributi per la progettazione e realizzazione di soluzioni per esigenze operative successive all’entrata in servizio di mezzi e di materiali in uso alle Forze Armate.

Articoli correlati:

Il POLMANTEO in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: al Servizio Sanitario Militare l’esclusiva competenza di verifica e controllo sugli IAA

È stata attribuita dal Ministero della Salute al Servizio Sanitario Militare l’esclusiva competenza per la verifica del possesso dei requisiti e il controllo del mantenimento degli standard operativi nell’ambito delle attività degli Interventi Assistiti con gli Animali (IAA) presso le strutture militari.

Lo ha comunicato il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito con una nota stampa del 22 agosto.

In ambito Esercito, spiega il COMLOG, sono sede di riabilitazione equestre i Centri Ippici Militari di Lecce, Cagliari, Grosseto, Roma, Torino, Montelibretti e Milano; programmi di Pet Therapy con i cani sono invece condotti presso l’Organizzazione Penitenziaria Militare di Santa Maria Capua Vetere.

Gli interventi assistiti con gli animali sono attività con valenza terapeutica, riabilitativa, educativa e ludico-ricreativa che prevedono l’impiego di animali come protagonisti fondamentali del processo di miglioramento del paziente.

La corretta applicazione degli IAA richiede il coinvolgimento di una équipe multidisciplinare composta, a seconda del tipo di intervento, da figure sanitarie, pedagogiche e tecniche con diversi compiti e responsabilità.

Il Servizio Veterinario dell’Esercito coordina e incoraggia le attività di IAA, cooperando con molteplici enti morali e onlus per sostenere i cittadini in difficoltà o con disabilità, offrendo loro un apporto umano e professionale che li aiuti nel loro percorso di riabilitazione e guarigione.

“La relazione con l’animale riaccende l’interesse verso gli altri, creando un’empatia che induce anche pazienti depressi e in isolamento sociale a reagire e a sentirsi utili. (…) L’impiego degli animali determina, non solo una migliore risposta del paziente, ma spesso concorre alla riduzione dell’uso dei farmaci, con ulteriori vantaggi sia per la qualità della vita, che in termini di costi per la collettività”, ha dichiarato l’On Vito De Filippo, già Sottosegretario di Stato alla Salute, nella prefazione alle vigenti Linee Guida Nazionali IAA, approvate nel 2015 dall’Accordo Stato-Regioni.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: più di 30 bombe a mano della Seconda Guerra bonificate a Pistoia dagli artificieri dell’Esercito

Un team di artificieri del 10° Centro Rifornimenti e Mantenimento (CERIMANT) di Napoli, su richiesta della Prefettura di Pistoia, è intervenuto prima di Ferragosto in concorso al 2° reggimento Genio Pontieri di Piacenza, per la bonifica di 25 bombe a mano M36 ad alto esplosivo e di 10 bombe a mano MK2 risalenti alla Seconda Guerra Mondiale rinvenute in località San Marcello Pistoiese-Piteglio, in provincia di Pistoia.

Ne ha dato notizia il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito con una nota stampa del 14 agosto scorso.

Per lo svolgimento in sicurezza delle operazioni di bonifica, la Prefettura di Pistoia non ha disposto lo sgombero della popolazione residente in quanto il luogo del ritrovamento era isolato e distante da abitazioni civili, si apprende.

Gli artificieri, dopo aver effettuato alcuni accertamenti sugli ordigni, hanno provveduto al loro spostamento presso Tana Termini, in provincia di Pistoia, dove hanno eseguito il brillamento in sicurezza.

Solo nell’ultimo mese, ricorda la nota stampa, il 10° CERIMANT di Napoli, ente dipendente dal Comando Logistico dell’Esercito, ha eseguito in un’ottica dual use ben 21 interventi specialistici di bonifica del territorio in concorso ai Reggimenti Genio della Forza Armata, per un totale di 173 ordigni disinnescati o distrutti.

Articoli correlati:

La bonifica ordigni in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: rientra dal Libano la squadra a contatto del 44° Battaglione di Sostegno TLC Penne di Roma

È rientrata nei giorni scorsi dal Libano la squadra a contatto composta da personale del 44° Battaglione di Sostegno TLC Penne di Roma, ha fatto sapere con una nota stampa di ieri, 10 agosto, il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

In particolare, si apprende, la squadra di tecnici del Battaglione, formata da sottufficiali specializzati del ruolo sergenti e da graduati esperti, è intervenuta sui materiali campali delle trasmissioni in dotazione al contingente: sulle stazioni radio di tipo AN-PRC152 e su tutte le versioni delle SINCGARS, oltre a ponti radio e centrali necessari ai collegamenti tra i vari siti.

“Il 44° Battaglione Sostegno TLC è un organo esecutivo dipendente dal Comando Logistico dell’Esercito e provvede allo sgombero, rifornimento, mantenimento e alienazione degli apparati delle telecomunicazioni sia in Patria che a favore delle unità operative impegnate nelle operazioni fuori area”, conclude la nota stampa.

Fonte e foto: COMLOG Esercito