COMLOG

COMLOG Esercito: rientra dal Libano la squadra a contatto del 44° Battaglione di Sostegno TLC Penne di Roma

È rientrata nei giorni scorsi dal Libano la squadra a contatto composta da personale del 44° Battaglione di Sostegno TLC Penne di Roma, ha fatto sapere con una nota stampa di ieri, 10 agosto, il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

In particolare, si apprende, la squadra di tecnici del Battaglione, formata da sottufficiali specializzati del ruolo sergenti e da graduati esperti, è intervenuta sui materiali campali delle trasmissioni in dotazione al contingente: sulle stazioni radio di tipo AN-PRC152 e su tutte le versioni delle SINCGARS, oltre a ponti radio e centrali necessari ai collegamenti tra i vari siti.

“Il 44° Battaglione Sostegno TLC è un organo esecutivo dipendente dal Comando Logistico dell’Esercito e provvede allo sgombero, rifornimento, mantenimento e alienazione degli apparati delle telecomunicazioni sia in Patria che a favore delle unità operative impegnate nelle operazioni fuori area”, conclude la nota stampa.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: il Policlinico Militare del Celio al 4° ESTROT illustra i vantaggi del gel piastrinico in medicina rigenerativa

Ha avuto luogo dal 16 al 19 luglio a Heidelberg, in Germania, il 4° Congresso internazionale della Società Europea di Rigenerazione Tissutale in Ortopedia e Traumatologia (ESTROT), che ha visto la partecipazione dei più importanti e qualificati esperti internazionali della medicina e chirurgia rigenerativa.

Lo comunica il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con una nota stampa del 20 luglio.

Per il Policlinico Militare di Roma Celio, si apprende, ha partecipato il gen medico Marco Liccardo, specialista in Ortopedia e Traumatologia, membro della Faculty congressuale, che ha presentato una relazione dal titolo “Regenerative medicine e surgery: PRP management” in cui ha illustrato le ricerche sulle cellule staminali e sul gel piastrinico (PRP) effettuate presso il nosocomio militare.

Al congresso ha partecipato inoltre il col medico Vincenzo Piccinni, specialista in Ortopedia e Traumatologia, che ha presentato un poster scientifico dal titolo “PRP in knee osteoarthritis: preliminary results looking for stadardization in orthopaedic practice”, illustrando i dati relativi al trattamento della artrosi al ginocchio con gel piastrinico e i promettenti sviluppi dei trattamenti di medicina rigenerativa in tale contesto.

L’evento ha visto inoltre la partecipazione del ten col medico Vincenzo Pipitone, specialista in Radiologia, che ha presentato un poster illustrando i risultati preliminari relativi a una nuova tecnica ecoguidata di infiltrazione con PRP a livello dell’anca per il trattamento della coxartrosi, tecnica che garantisce una notevole precisione nel raggiungere il sito di patologia con l’uso degli ultrasuoni.

La presenza di tre ufficiali medici del Celio, tra i pochi relatori italiani invitati a un così importante evento scientifico internazionale, conferma ancora una volta che il Policlinico Militare di Roma e la sanità militare dell’Esercito sono una realtà di assoluta eccellenza nel panorama della medicina sperimentale e scientifica internazionale.

Articoli correlati:

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: il CaSME gen Farina conclude gli Stati generali della logistica militare

Alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, si sono conclusi i lavori degli Stati Generali della Logistica Militare, organizzati dal Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito, che hanno visto impegnati per due giorni, a Napoli, nell’Aula Magna della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, i rappresentanti delle Forze Armate e dell’industria, ha fatto sapere lo stesso COMLOG con un comunicato stampa del 22 giugno.

Obiettivo dell’attività delineare i possibili sviluppi evolutivi dell’attuale organizzazione logistica militare, al fine di renderla più aderente alla propria missione sia in contesti operativi sia in guarnigione, ricercando anche ogni possibile sinergia con le altre Forze Armate e il mondo industriale della Difesa, nell’ottica di una maggiore integrazione, economicità, dinamicità, ed efficacia.

“Un appuntamento fondato sulla necessità di avviare un coordinamento dell’architettura logistica del Comparto Difesa – afferma il COMLOG – concretamente propositivo per il potenziamento e lo sviluppo del Sistema Paese”.

I lavori dell’ultima giornata sono stati aperti dal Sindaco di Napoli, dott Luigi de Magistris, e dal Comandante Logistico dell’Esercito, gen Luigi Francesco De Leverano, e sono stati caratterizzati da interessanti presentazioni delle aziende che hanno preso parte alla due giorni nella città partenopea.

Unanimi le considerazioni delle aziende sulla necessità del “fare rete” e “fare sistema” con tutti i principali attori che si occupano di logistica, e non solo, nel Paese.

L’interazione tra le Forze Armate, gli altri Dicasteri, le agenzie e industrie della Difesa rappresentano uno straordinario vantaggio competitivo per l’assolvimento dei compiti istituzionali.

L’evento è stato vissuto come grande opportunità di conoscenza, confronto reciproco e condivisione delle “best practices”.

La logistica, ha evidenziato il Comandante Logistico dell’Esercito, gen De Leverano, “deve orientarsi ai concetti tipici dell’industria 4.0 con l’infologistica quale strumento indispensabile per la gestione delle informazioni, il monitoraggio e l’analisi dei processi logistici”.

A concludere i lavori il CaSME, gen Farina, che ha sottolineato quanto sia fondamentale portare avanti nuove tecnologie che diano un ritorno importante al Sistema Paese e indicando la logistica quale componente imprescindibile, senza la quale non c’è comandante che possa esprimere la sua capacità operativa.

Articoli correlati:

Gli Stati generali della logistica militare in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito, Stati generali della logistica militare: oggi il confronto tra Forze Armate e industria

Dopo la prima delle due giornate di lavori dei primi Stati Generali della Logistica Militare, conclusasi ieri, 20 giugno, proseguono oggi i lavori nell’Aula Magna della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, fa sapere il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Nella seconda della due giornate si confronteranno Forze Armate e industria, a partire dalle 9.00, per fare un punto di situazione sugli attuali assetti logistici dell’Esercito, analizzare tutte le capacità esprimibili per ottimizzare le risorse a disposizione, definire responsabilità e competenze e individuare possibili sinergie tra le Forze Armate, con un approccio leale, costruttivo e condiviso.

Un appuntamento, spiega il COMLOG, fondato sulla necessità di avviare un coordinamento dell’architettura logistica del Comparto Difesa concretamente propositivo per il potenziamento e lo sviluppo del “Sistema Paese”.

Ad aprire i lavori della prima giornata il Comandante Logistico dell’Esercito, gen Luigi Francesco De Leverano, che, dopo aver salutato e ringraziato i presenti – in particolare il padrone di casa, il Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia, Prof. Luigi Califano – ha evidenziato di aver voluto creare gli Stati Generali come “una piattaforma di idee, dialogo, studio, ricerca e sviluppo sul tema della logistica nella sua più ampia accezione, partendo da quella di Forza Armata ma con una visione interforze”.

“L’attività – ha proseguito il gen De Leverano – vuole costituire un continuum con i due seminari organizzati in precedenza dal Comando Logistico dell’Esercito, “Logistica 2.0″ e “Diapason Log 2017”, da cui sono scaturite due importanti pubblicazioni riguardanti il sostegno logistico alle operazioni terrestri”.

Articoli correlati:

Logistica 2.0 in Paola Casoli il blog

Diapason Log 2017 in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG Esercito: gli “Stati generali della logistica militare” alla Federico II di Napoli il 20 e 21 giugno

Domani e dopodomani, 20 e 21 giugno, all’Università degli Studi di Napoli Federico II, si svolgerà il seminario dal titolo “Stati generali della logistica militare”, organizzato dal Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Obiettivo dell’attività, spiega il COMLOG con un comunicato stampa del 18 giugno, sarà quello di “delineare i possibili sviluppi evolutivi dell’attuale organizzazione logistica militare per renderla più aderente alla propria missione sia in contesti operativi sia in guarnigione, ricercando anche ogni possibile sinergia con le altre Forze Armate e il mondo industriale della Difesa, nell’ottica di una maggiore integrazione, economicità, dinamicità, ed efficacia”.

“Un appuntamento fondato sulla necessità di avviare un coordinamento dell’architettura logistica del Comparto Difesa concretamente propositivo per il potenziamento e lo sviluppo del Sistema Paese, sottolinea il COMLOG.

L’attività si terrà nell’Aula Magna della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, sita in via Pansini n. 5 – Napoli.

Articoli correlati:

La logistica militare in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG; il logo COMLOG è di esercito.difesa.it

Comando Logistico dell’Esercito

Corpo Sanitario Esercito: 185 anni in prima linea

È stato celebrato ieri, 7 giugno, nell’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma Sapienza, il 185° anniversario del Corpo Sanitario dell’Esercito, istituito con Regio Decreto nel 1833, fa sapere con una nota stampa il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

A dar lustro alla commemorazione, alla presenza della Bandiera di Guerra del Corpo Sanitario dell’Esercito e del Gonfalone di Roma Capitale, decorato di medaglia d’oro al valore militare, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina.

Durante la cerimonia, fa sapere il COMLOG, sono state consegnate due croci di bronzo al merito dell’Esercito a medici militari che si sono particolarmente distinti nelle attività svolte in contesti operativi all’estero.

Al suo arrivo all’Ateneo, il Capo di SME è stato accolto dal Magnifico Rettore dell’Università Sapienza, Professor Eugenio Gaudio, dal Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Luigi Francesco De Leverano, e dal Comandante di Sanità e Veterinaria dell’Esercito, Maggior Generale Antonio Battistini, oltre che da numerose autorità militari civili e religiose accorse per l’evento.

Il gen Farina, nel suo intervento a chiusura della celebrazione, ha ringraziato tutti gli appartenenti alla sanità militare per il loro operato in Italia e all’estero; lavoro basato su principi e valori racchiusi nei due impegni che ogni medico militare assume nei confronti della Patria e della professione medica con il giuramento d’Ippocrate.

Ha poi sottolineato come la sanità militare stia vivendo un processo di integrazione con il Sistema Paese in chiave interforze e come l’Esercito Italiano sia in prima linea in questo processo. Infine ha ricordato i tanti progetti già realizzati e quelli in via di realizzazione grazie agli sforzi sinergici e concreti da parte di tutti i soggetti istituzionali, “per fare sempre di più insieme”.

La sinergia con la sanità pubblica e il mondo accademico è stato un tema affrontato anche nell’intervento del gen Battistini, che ha evidenziato inoltre come le esperienze vissute dal personale della sanità militare, in Italia e nelle missioni all’estero, siano occasioni formative uniche.

Il Magnifico Rettore, durante la sua lectio magistralis, dopo aver ringraziato il gen Farina per aver deciso di celebrare questa ricorrenza presso il prestigioso ateneo, ha voluto evidenziare quanto la collaborazione tra Esercito e università sia fondamentale per affrontare le nuove sfide a cui la sanità dovrà rispondere: “passare dall’insegnare la medicina a insegnare come si fa il medico nel rispetto del motto ‘sapere, saper fare saper essere!’”.

L’evento si è concluso con la conferenza sul tema “Le sfide internazionali della Sanità Militare”.

Articoli correlati:

COMLOG: 185° anniversario del Corpo Sanitario dell’Esercito, eccellenza in ambito Esercito e Difesa (5 giugno 2018)

Il Corpo Sanitario dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG

COMLOG: 185° anniversario del Corpo Sanitario dell’Esercito, eccellenza in ambito Esercito e Difesa

Verrà celebrato il prossimo 7 giugno il 185° anniversario della costituzione del Corpo Sanitario dell’Esercito, istituito con Regio Decreto nel 1833.

Ne dà notizia il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito, nel ricordare che “sempre, in ogni epoca e luogo, il personale medico, gli infermieri e gli aiutanti di sanità militari hanno affrontato rischi e dimostrato sprezzo del pericolo operando anche in prima linea a supporto e assistenza dei Soldati italiani in battaglia”.

Il personale sanitario dell’Esercito, continuamente impiegato sia in Patria sia nell’ambito di numerose missioni internazionali, dà costante prova di indiscusse qualità professionali, competenza e altissimo senso del dovere, sottolinea il COMLOG, e si proietta verso nuovi ambiziosi traguardi in stretta sinergia con le altre Forze Armate e con il Sistema Sanitario Nazionale, pronti a confermare, anche nel futuro, il Corpo Sanitario quale assoluta eccellenza in ambito Esercito e del comparto della Difesa.

Tenuto conto dell’importanza della ricorrenza, il Comando di Sanità e Veterinaria dell’Esercito, guidato dal Maggior Generale Antonio Battistini, ha organizzato la cerimonia che avrà luogo alla presenza di alte autorità accademiche, civili e militari, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza con inizio alle 9.30 di dopodomani, giovedì 7 giugno.

Il programma prevede, dopo gli Onori alla Bandiera di Guerra della Sanità militare a alla Massima Autorità, l’intervento del Comandante di Sanità e Veterinaria, dell’Ispettore Generale della Sanità militare, una lectio magistralis del Magnifico Rettore, prof Eugenio Gaudio, l’intervento del Massima Autorità, la consegna delle onorificenze e, a conclusione, una conferenza dal titolo “Le sfide internazionali della Sanità militare”.

Articoli correlati:

Il Corpo Sanitario dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: l’Ordinario Militare al Dipartimento di Lungodegenza di Anzio benedice la nuova cappella

Sua Eccellenza Monsignor Santo Marcianò, Arcivescovo Ordinario Militare per l’Italia, si è recato in visita al Dipartimento di Lungodegenza di Anzio nella mattinata del 1° giugno scorso, ha fatto sapere con una nota stampa dello stesso giorno il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

“Ad accoglierlo, in rappresentanza del Direttore del Policlinico Militare di Roma Celio, Generale di Divisione Francesco Diella, il Brigadier Generale Carlo Catalano, Capo Dipartimento Medicina del Celio, da cui dipende il nosocomio militare di Anzio, e il Colonnello Francesco Maglia, Capo Dipartimento di Lungodegenza”, riferisce in dettaglio il COMLOG.

Nel corso della visita, Monsignor Marcianò ha benedetto la nuova cappella del Dipartimento di Lungodegenza, dove ha celebrato la Santa Messa alla presenza dei degenti e del personale militare e civile.

L’Ordinario Militare, durante la cerimonia, ha rivolto parole di apprezzamento per la sensibilità e la professionalità degli uomini e delle donne del Dipartimento nei confronti dei pazienti ricoverati nella struttura sanitaria.

“La presenza dell’Arcivescovo Marcianò – ha affermato il gen Catalanoè un segno di una vicinanza particolarmente sentita a tutta la Sanità Militare, ai pazienti, ai medici, agli infermieri e a tutti coloro che si adoperano giornalmente nelle corsie”.

Successivamente, Monsignor Marcianò si è recato in visita nel reparto di cura e si è intrattenuto singolarmente con i degenti, rivolgendo a loro parole di conforto e vicinanza.

Prima del commiato, al termine della visita, ha avuto luogo uno scambio di doni simbolici e la tradizionale firma dell’Albo d’Onore.

Articoli correlati:

L’Ordinario Militare Mons Marcianò in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

 

COMLOG Esercito: il CETLI NBC con il 3° Guastatori a Musile di Piave per due ordigni della Grande Guerra

Un team di artificieri del Centro Tecnico Logistico Interforze (CETLI) NBC di Civitavecchia è intervenuto a Musile di Piave (VE), oggi, 30 maggio, in concorso al 3° reggimento Genio Guastatori di Udine, per la neutralizzazione di due granate da 100 mm risalenti alla Prima Guerra Mondiale, ha fatto sapere con una nota stampa odierna il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG).

I due ordigni, uno di fabbricazione austriaca e l’altro di fabbricazione italiana, presentavano delle caratteristiche strutturali compatibili con il possibile caricamento chimico, utilizzato dai belligeranti durante la Grande Guerra.

Le operazioni di brillamento, resesi necessarie poiché le granate presentavano componenti esplosive ancora attive che non ne consentivano il trasporto presso la sede del CETLI NBC, sono state condotte in località Caposile nel Comune di San Donà di Piave, si apprende, in un’area specificatamente identificata dalla Prefettura di Venezia.

Al termine delle operazioni di bonifica, che si sono svolte senza alcun inconveniente e in una cornice di sicurezza, la granata di fabbricazione austriaca è risultata essere caricata con un liquido nebbiogeno, mentre quella italiana con esplosivo convenzionale.

I residuati bellici, spiega il COMLOG nella nota, sono stati neutralizzati con una particolare tecnica in “basso ordine” mediante la quale è possibile accedere all’ordigno in modo preciso e mirato evitando la dispersione delle eventuali sostanze contenute all’interno.

L’intervento di bonifica effettuato oggi dal CETLI si aggiunge agli altri tredici effettuati nel 2018 su munizionamento a presunto caricamento speciale.

Il CETLI è un Ente alle dipendenze del Comando Logistico dell’Esercito ed è l’unico dell’Esercito che ha la competenza per la bonifica sul territorio nazionale di ordigni a presunto caricamento chimico.

Articoli correlati:

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Il CETLI NBC in Paola Casoli il Blog

Il 3° rgt Genio Guastatori in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito

COMLOG: interventi del CETLI NBC a Bolzano, Belluno e Vicenza per disinnesco ordigni a presunto caricamento chimico

Gli artificieri del Centro Tecnico Logistico Interforze NBC (CETLI NBC) di Civitavecchia sono intervenuti dal 21 al 24 maggio in concorso al 2° reggimento Genio guastatori di Trento per la neutralizzazione di una bombola e di tre ordigni a presunto caricamento chimico rinvenuti in località Sesto Pusteria (BZ), Lastebasse (VI), Lugo di Vicenza (VI) e Fonzaso (BL) e risalenti alla Prima Guerra Mondiale.

Lo ha comunicato il Comando Logistico dell’Esercito (COMLOG) con una nota stampa del 25 maggio.

Le tre granate, di calibro compreso tra 100 mm e 149 mm, benché presentassero caratteristiche strutturali compatibili con il caricamento chimico, al termine delle operazioni di bonifica si sono rivelate essere cariche con esplosivo convenzionale, un liquido nebbiogeno e una sostanza lacrimogena.

Anche all’interno della bombola, di fabbricazione austro-ungarica, non era presente nessun aggressivo chimico. Tutti i residuati bellici sono stati neutralizzati con una particolare tecnica in “basso ordine” mediante la quale è possibile accedere all’ordigno in modo preciso e mirato evitando la dispersione delle sostanze contenute all’interno.

I quattro interventi di bonifica di questa settimana, effettuati dal CETLI in concorso al 2° reggimento Genio Guastatori e coordinati dal Comando Forze Operative Nord (COMFOPNORD) di Padova, si aggiungono ad altri sei effettuati dal Centro nel 2018 su munizionamento a presunto caricamento speciale.

Il CETLI è un Ente alle dipendenze del Comando Logistico dell’Esercito ed è l’unico della Forza Armata che ha la competenza per la bonifica sul territorio nazionale di ordigni a presunto caricamento chimico.

Articoli correlati:

La bonifica ordigni in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito