contingente italiano

Sector West, UNIFIL: una sala operativa per le LAF per la gestione emergenze

È stata inaugurata il 23 gennaio scorso a Tiro, nel Libano del sud, la sala operativa per la gestione delle emergenze del Comando del South Litani Sector delle Forze Armate libanesi (LAF), fa sapere un comunicato stampa del Sector West (SW) di UNIFIL.

La struttura è stata realizzata grazie all’interessamento del contingente italiano del Sector West di UNIFIL nel quadro delle iniziative di cooperazione civile e militare (CIMIC) a supporto delle LAF.

La cerimonia di consegna è avvenuta al quartier generale del Comando LAF alla presenza del generale Ugo Cillo, comandante del Sector West e del contingente italiano in Libano, e del generale Khalil Joumayel, comandante del South Litani Sector.

Le LAF, grazie al supporto dei caschi blu di UNIFIL, hanno potenziato lo schieramento nel Libano del Sud, contribuendo al rispetto e applicazione della Risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

I militari libanesi, infatti, contribuiscono a garantire che l’area di operazioni sia libera da personale armato.

La missione italiana in Libano è affidata alla brigata di Cavalleria Pozzuolo del Friuli, al suo quinto mandato nella Terra dei Cedri, che detiene, oltre al comando del contingente nazionale, quello del Settore Ovest di UNIFIL.

Articoli correlati:

Il SW UNIFIL in Paola Casoli il Blog

La brigata Pozzuolo del Friuli in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: SW UNIFIL

 

UNIFIL, Sector West: donazione di sangue dei peacekeeper italiani alla Croce Rossa di Tiro

20160728_SW UNIFIL_donaizone sangue Croce Rossa Tiro_check up (2)“Un gesto di nobile gratuità sociale, espressione di generosa e spontanea solidarietà”, lo ha definito Mouzaiyan Siklawi Ajami, presidente della Croce Rossa di Tiro, al termine di una importante donazione di sangue effettuata dai caschi blu del contingente italiano di UNIFIL, il Sector West (SW), a favore della popolazione libanese.

Ne ha dato notizia con un comunicato stampa del 28 luglio scorso lo stesso contingente dispiegato nel Libano del sud, attulamente su base brigata Sassari al comando del gen Arturo Nitti.

Un’analoga iniziativa era stata svolta nei giorni del Ramadan, ricorda il comunicato, nono mese lunare del calendario islamico consacrato alla preghiera e al digiuno, si apprende, durante il quale le donazioni avevano subito una battuta d’arresto, provocando una carenza di sangue e di emoderivati presso le strutture sanitarie locali.

20160728_SW UNIFIL_donaizone sangue Croce Rossa Tiro_check up (1)Per il col Enrico Rosa, primo tra i donatori e comandante di Italbatt, l’unità di manovra del contingente italiano su base 151° reggimento Fanteria Sassari, si è trattato di “un gesto particolarmente apprezzato dal personale dell’associazione e dalle autorità locali”.

Il col Rosa ha poi sottolineato come la donazione rappresenti “una delle tante espressioni di vicinanza dei baschi blu italiani nei confronti degli abitanti del distretto di Tiro”.

Medici e infermieri della Croce Rossa di Tiro saranno presto ospiti della vicina base di Al Mansouri, dove i peacekeepeer italiani effettueranno altre donazioni volontarie di sangue.

L’assistenza alla popolazione libanese, insieme al monitoraggio della cessazione delle ostilità e al supporto alle Forze Armate Libanesi, è uno dei compiti assegnati al contingente italiano di UNIFIL nel rispetto della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza dell’Onu.

20160728_SW UNIFIL_consenso donaizone sangueArticoli correlati:

Il SW UNIFIL in Paola Casoli il Blog

La brigata Sassari in Paola Casoli il Blog

Il 151° reggimento Fanteria Sassari in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: SW UNIFIL

La presidente della Croce Rossa di Tiro con il colonnello Rosa

UNIFIL, Sector West: diritto al gioco per i bimbi libanesi grazie a Inter Campus e ai caschi blu italiani

20160311 Progetto INTERCAMPUS alla scuola di Al Mansouri-146Ha avuto luogo a metà marzo la settimana di formazione sportiva condotta da rappresentanti di Inter Campus, progetto sociale di Football Club Internazionale Milano, a favore delle scuole nella provincia di Tiro, Al Mansouri ed Hannawiyah, nell’area di responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL.

La presenza dei tecnici sportivi di Inter Campus in occasione del 108° anniversario di fondazione del club ha, tra l’altro, consentito alla componente di cooperazione civile e militare (CIMIC) del contingente italiano, attualmente su base brigata alpina Taurinense, di coinvolgere per cinque giorni bambini e bambine libanesi in attività formative e ludiche nell’ambito del progetto continuativo che coinvolge bimbi e istruttori durante tutto l’anno.

20160311 Progetto INTERCAMPUS alla scuola di Al Mansouri-090Inter Campus, infatti, realizza dal 1997 interventi sociali e di cooperazione flessibili e a lungo termine in 29 paesi del mondo con il supporto di 200 operatori locali, utilizzando il gioco del calcio come strumento educativo per restituire ogni anno a bambine e bambini bisognosi tra i 6 e i 13 anni di età il diritto al gioco.

L’attività svolta da Inter Campus con il sostegno dei caschi blu italiani sottolinea la sempre crescente e proficua interazione tra le associazioni civili e il contingente nazionale volta a incrementare la qualità e la quantità degli interventi in supporto alla popolazione libanese.

20160311 Progetto INTERCAMPUS alla scuola di Al Mansouri-012Articoli correlati:

Libano, Sector West UNIFIL: diritto al gioco per i bimbi libanesi supportato da caschi blu italiani e Inter Campus (4 aprile 2015)

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

La brigata Taurinense in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Sector West UNIFIL

20160309 INTERCAMPUS a Tiro-233

20160309 INTERCAMPUS a Tiro-156-Modifica

20160309 INTERCAMPUS a Tiro-114

20160309 INTERCAMPUS a Tiro-089

20160309 INTERCAMPUS a Tiro-025

20160309 INTERCAMPUS a Tiro-275

L’Unità d’Italia in Libano: una mostra del contingente italiano ricorda il 17 marzo 1861 a Tiro

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-293 Nel 155° anniversario della proclamazione dell’Unità d’Italia, avvenuta il 17 marzo 1861, una mostra fotografica è stata inaugurata presso il centro culturale di Tiro, Unita’lia, per iniziativa del contingente italiano di UNIFIL e in collaborazione con l’Istituto italiano di cultura dell’ambasciata d’Italia, fa sapere lo stesso contingente con un comunicato stampa datato 17 marzo.

“L’evento culturale ha inteso promuovere attraverso le immagini l’impegno italiano in Libano, con un percorso visivo all’insegna di quei valori universali che hanno contraddistinto il nostro Paese nei suoi 155 anni d’Unità”, sottolinea il comunicato stampa.

Presenti all’evento numerosissime autorità civili, militari e religiose che, insieme con l’ambasciatore italiano in Libano, Massimo Marotti, hanno potuto apprezzare l’esibizione di una rappresentativa della fanfara della brigata alpina Taurinense, che per un giorno ha imbracciato i propri strumenti musicali suonando brani della tradizione italiana e brani contemporanei, davanti a un teatro colmo di cittadini libanesi entusiasti.

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-645La signora Randa Berri, presidentessa del Festival internazionale di Tiro, in qualità di madrina di Unita’lia ha voluto ringraziare l’Italia e il contingente italiano per l’amicizia e l’impegno mostrato da sempre verso il suo Paese, portando tra l’altro un messaggio di stima scritto da Nabih Berri, presidente del parlamento libanese.

Articoli correlati:

Il contingente italiano in Libano in Paola Casoli il Blog

La brigata Taurinense in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Sector West UNIFIL

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-627

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-583

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-505

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-476

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-445

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-401

20160316 UNITA'LIA Italia Cultural Event-536

UNIFIL: il Com gen Portolano accoglie il premier italiano Renzi in visita prenatalizia al contingente

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-197Nella tarda mattinata di oggi, 22 dicembre, fa sapere il comunicato stampa del Sector West di UNIFIL, il Presidente del Consiglio on Matteo Renzi è giunto nella base Millevoi di Shama, sede del comando del Settore Ovest (SW) di UNIFIL, accompagnato dal Capo di stato maggiore della Difesa (CaSMD), generale Claudio Graziano, per una visita al contingente italiano in Libano.

Lo ha accolto l’Head of Mission e Force Commander della missione UNIFIL, generale Luciano Portolano, unitamente al comandante del contingente nazionale, generale Franco Federici.

La visita ha rappresentato l’occasione per fare un punto di situazione sull’intera area di operazione di UNIFIL e sul lavoro delle truppe italiane nel sud del Libano.

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-234-ModificaIl presidente Renzi, parlando al contingente italiano, ha avuto parole di elogio per gli uomini e le donne delle Forze Armate impegnati nelle operazioni di pace e, riferendosi ai caschi blu della Taurinense impegnati in Libano, ha ribadito: “Siete soldati altamente professionali che con grande umanità svolgete il vostro prezioso lavoro a servizio delle istituzioni italiane e della pace lontano dalle vostre famiglie”.

Al termine del suo discorso, il premier ha così concluso: “Ci rendete orgogliosi di essere italiani”.

Prima di lasciare Shama, il Presidente del Consiglio ha voluto incontrare gli uomini e le donne del contingente nazionale in un informale abbraccio, per trasmettere la vicinanza del Governo Italiano a loro e alle loro famiglie in occasione delle imminenti festività natalizie.

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-173Il contingente italiano, attualmente su base brigata alpina Taurinense, opera nel pieno rispetto dei compiti assegnati dalla risoluzione 1701 delle Nazioni Unite al fine di monitorare la cessazione delle ostilità, supportare le Forze Armate Libanesi e garantire l’opportuno sostegno alla popolazione locale.

Articoli correlati:

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

La brigata Taurinense in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: SW UNIFIL

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-098

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-082

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-062

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-044

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-041

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-015-2

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-012

20151222 Visita del Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo RENZI-197

UNIFIL, Sector West: il reggimento Logistico Taurinense accende le luci dell’albero di Natale

8 - Lo striscione augurale della città di ShamaNon è un albero di Natale qualsiasi quello che il Combat Service Support Battalion, su base reggimento Logistico Taurinense, ha allestito nella base Millevoi di Shama, nel Libano meridionale, dove opera nell’ambito del Sector West (SW) della missione UNIFIL con Leonte 19.

Realizzato con 16 container e ricoperto con reti di mascheramento militari e fili di luci, l’albero di Natale allestito dal contingente italiano è addobbato con una stella cometa posta a 15 metri di altezza, realizzata nel 2008 dallo stesso reggimento nel corso del suo primo impegno in Libano.

Alla breve cerimonia di accensione delle luci, seguito dal consueto scambio di auguri, fa sapere il comunicato stampa del Sector West, ha partecipato insieme ai caschi blu italiani anche una nutrita rappresentanza di cittadini di Shama, la piccola municipalità libanese che ospita sul suo territorio la base italiana.

4 - Alcune fasi del montaggio dell'albero APERTURAIl reggimento Logistico Taurinense costituisce in Libano il Combat Service Support Battalion, ed è l’unità che garantisce il supporto logistico a tutto il contingente italiano schierato nel territorio libanese a sostegno della risoluzione 1701 del 2006 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Articoli correlati:

Il reggimento Logistico Taurinense in Paola Casoli il Blog

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: SW UNIFIL

3 - Alcune fasi del montaggio dell'albero

2 - Alcune fasi del montaggio dell'albero

1 - Alcune fasi del montaggio dell'albero

5 - L'accensione dell'albero di Natale

7 - L'accensione dell'albero di Natale

KFOR, MNBG-W: uniformi nuove per i vigili del fuoco dal contingente italiano

20151023_KFOR_MNBG-W_Il Col Forte con il rappresentante della municipalità di DragasIl contingente militare italiano inquadrato nel Multinational Battle Group West (MNBG-W) della Kosovo Force (KFOR), di stanza a Camp Villaggio Italia, ha effettuato il 23 ottobre scorso una donazione di nuove uniformi a favore dei Vigili del Fuoco di Dragas, la municipalità più a sud del Kosovo contraddistinta dalla presenza di diverse minoranze etniche.

Il potenziamento delle capacità delle istituzioni locali impegnate nel soccorso e nella sicurezza rientra tra le priorità della componente di cooperazione civile – militare (CIMIC) dell’unità multinazionale, sottolinea il MNBG-W nel comunicato stampa in cui dà notizia dell’attività svolta.

L’impegno in questo specifico settore segue altre attività similari condotte negli scorsi mesi nell’ovest del Kosovo, come la donazione di attrezzature tecniche alle stazioni di Istog/Istok e Klina/Kline e il materiale fornito alla brigata di Gjakova/Dakovica per l’eventuale allestimento di un campo di accoglienza per sfollati.

20151023_KFOR_MNBG-W_Il nucleo CIMIC dell'unità multinazionale dona le uniformiAlla cerimonia erano presenti, oltre al comandante dell’MNBG-W, colonnello Ciro Forte, rappresentanti della Municipalità e un team del JRD-S (Joint Regional Detachment South), l’elemento chiave di KFOR che ha il compito di mantenere un continuo monitoraggio del territorio e il necessario collegamento con le istituzioni locali.

La donazione è stata possibile grazie all’impegno della Protezione Civile della Bassa Romagna che, oltre ad aver condotto nel mese di maggio in Kosovo un seminario informativo sulla prevenzione degli incidenti e sulla gestione delle emergenze, ha curato in Italia la raccolta del materiale donato ai pompieri.

20151023_KFOR_MNBG-W_vigile del fuoco kosovaro e rappr CIMIC italianoQuesta recente attività segue di qualche giorno altre due donazioni effettuate dal contingente italiano a favore di altrettante organizzazioni operanti nella municipalità di Malishevo, nel Kosovo occidentale: materiale di cancelleria per i bambini dell’asilo Rifaj Berisha, giunto direttamente dall’Italia grazie all’Associazione Nazionale Alpini – Sezione di Cordenons (Pordenone), e abiti e giocattoli consegnati alla Croce Rossa, sempre grazie alla raccolta solidale per il Kosovo organizzata dalle Penne Nere friulane.

Articoli correlati:

20151023_KFOR_MNBG-W_Donazione all'Asilo di MalishevoIl MNBG-W di KFOR in Paola Casoli il Blog

L’attività CIMIC in KFOR in Paola Casoli il Blog

KFOR in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: MNBG-W

20151023_KFOR_MNBG-W_Donazione ai vigili del fuoco di Dragas

KFOR, MNBG-W: donazioni degli alpini a Mitrovica

20151011_Incontro tra Padre Rafael e il rappresentante del  Contingente Italiano Il contingente militare italiano inquadrato nel Multinational Battle Group West (MNBG-W) di KFOR (Kosovo Force), ha effettuato nel fine settimana una donazione di abiti, giocattoli e materiale di cancelleria destinata a famiglie in difficoltà e a persone bisognose di aiuto tramite la Croce Rossa Internazionale di Leposavic e la Chiesa Cattolica di Mitrovica Sud, che operano nel nord del Kosovo, si apprende dallo stesso contingente.

Il materiale distribuito è stato raccolto in Italia grazie all’Associazione Nazionale Alpini – Sezione di Cordenons, che ha promosso e curato la raccolta benefica per il Kosovo.

Alla donazione ha partecipato, oltre alla componente CIMIC (Cooperazione civile-militare) dell’unità, anche personale della compagnia operativa italiana, schierata in questo periodo nella zona settentrionale del Kosovo.

20151011_KFOR MNBG-W_donazione alla chiesa cattolica di MitrovicaI militari italiani rimarranno per circa un mese nelle municipalità del nord a maggioranza serba monitorando, in supporto alle forze di polizia locali, le aree più sensibili e contribuendo a mantenere un clima generale di sicurezza e la libertà di movimento.

Articoli correlati:

Il MNBG-W di KFOR in Paola Casoli il Blog

KFOR in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: contingente italiano KFOR

UNIFIL, Sector West: cambio alla TF Italair, l’unità italiana in Libano dal 1979

20151007_UNIFIL SW_cambio Italair_col Luperto-col Salvatore (3)Alla presenza dell’Head of Mission e Force Commander di UNIFIL, generale Luciano Portolano, e dei rappresentanti dei vari contingenti della missione, il colonnello Andrea Salvatore è subentrato al colonnello Claudio Luperto nel comando della Task Force ITALAIR reparto di volo schierato nel sud del Libano, fa sapere un comunicato stampa datato 7 ottobre del Sector West di UNIFIL.

Nel suo discorso di commiato, il colonnello Luperto ha espresso la soddisfazione di aver comandato un reparto così prestigioso nella fase conclusiva della sua carriera e ha ringraziato gli uomini e donne della Task Force e del contingente per i significativi risultati raggiunti. Nel corso del suo mandato gli equipaggi italiani hanno effettuato oltre 1.000 ore di volo, portando a termine con successo 30 missioni di evacuazione sanitaria.

20151007_UNIFIL SW_cambio Italair_col Luperto-col Salvatore (2)Il colonnello Salvatore è il 45° Comandante della Task Force ITALAIR e del Contingente Nazionale a Naqoura. Il reparto di volo, composto dagli equipaggi di volo dell’Aviazione dell’Esercito (AVES), da un equipaggio della Marina Militare e da uno dell’Aeronautica Militare, opera nel sud del Libano dal 1979, risultando così l’unità italiana da maggior tempo impiegata nell’ ambito della missione UNIFIL, sottolinea il comunicato stampa.

Articoli correlati:

La Task Force Italair di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Sector West UNIFIL

20151007_UNIFIL SW_cambio Italair_col Luperto-col Salvatore (1)

UNIFIL, Sector West: i progetti per le scuole del Cimic italiano

20151007_UNIFIL SW_CIMIC scuole sud Libano (2)Nell’ambito delle attività di cooperazione civile-militare del contingente italiano di UNIFIL, la Task Force ITALBATT, attualmente su base reggimento Genova Cavalleria (4º), ha visitato numerosi villaggi del Sector West, area di responsabilità dei militari italiani, donando materiale di cancelleria e ausili didattici ai giovani studenti libanesi.

Oltre alle donazioni, sono stati realizzati alcuni progetti nelle scuole di Majdal Zoun e Dair Qanun: nel primo caso sono stati forniti i materiali per la realizzazione di un giardino dedicato alle attività ricreative dell’asilo nido, mentre nel secondo caso, grazie al contributo dell’Istituto Bearzi di Udine, sono stati donati dei computer a beneficio degli studenti delle classi secondarie.

20151007_UNIFIL SW_CIMIC scuole sud Libano (1)La Task Force Genova in questi mesi ha orientato il proprio operato al rafforzamento delle strutture scolastiche e delle loro capacità educative per giovani studenti, sostenendo così la cultura nell’area a sud del fiume Litani.

L’assistenza alla popolazione locale è una delle varie attività che il contingente italiano in UNIFIL, comandato dal generale Salvatore Cuoci, svolge unitamente al monitoraggio della cessazione delle ostilità e al supporto alle Forze Armate Libanesi, come previsto dalla risoluzione 1701 delle Nazioni Unite.

20151007_UNIFIL SW_CIMIC scuole sud Libano (5)Articoli correlati:

La Task Force ITALBATT di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Il reggimento Genova cavalleria (4°) in Paola Casoli il Blog

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Il CIMIC in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Sector West UNIFIL

20151007_UNIFIL SW_CIMIC scuole sud Libano (7)

20151007_UNIFIL SW_CIMIC scuole sud Libano (6)

20151007_UNIFIL SW_CIMIC scuole sud Libano (3)

20151007_UNIFIL SW_CIMIC scuole sud Libano (4)