raduno bersaglieri

Bersaglieri, il SSSD Angelo Tofalo al 67° raduno nazionale: “Orgoglio del Paese e cuore pulsante del Sistema Difesa italiano”

Il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) Angelo Tofalo, sfilando oggi a Matera con i Bersaglieri al 67° raduno nazionale, ha affermato: “I nostri bersaglieri e come loro tutte le donne e gli uomini in uniforme hanno giurato di servire le Istituzioni e difendere la bandiera anche fino all’estremo sacrificio”.

“Questo – ha poi proseguito il Sottosegretario, così come riporta il comunicato del suo addetto stampa – li rende speciali ed è molto importante che tutti lo sappiano e ne comprendano il significato. Io sento forte il dovere di rappresentarli pro tempore e farmi portavoce dell’impegno quotidiano all’estero e sul territorio nazionale. Sono l’orgoglio del Paese e il cuore pulsante del Sistema Difesa italiano”.

Fonte: Capitano Massimiliano Rizzo Addetto alla Comunicazione del Sottosegretario di Stato alla Difesa On. Angelo Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

Bersaglieri: a Pescara il 65° raduno nazionale, i Fanti piumati sfilano a 180 passi al minuto come da regolamento del 1836

Si è concluso ieri, 21 maggio, a Pescara, il 65° Raduno Nazionale dei Bersaglieri, iniziato mercoledì scorso, alla presenza del Sottosegretario di Stato alla Difesa, on Domenico Rossi, del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME) e decano in servizio del corpo dei Bersaglieri, gen Danilo Errico, del Prefetto di Pescara, dott Francesco Provolo, e di molte autorità civili, religiose e militari.

A salutare le decine di migliaia di bersaglieri in servizio e in congedo e le migliaia di famiglie che hanno assistito al raduno, fa sapere il comunicato stampa dell’Esercito, erano presenti il vice presidente dell’Associazione Nazionale Bersaglieri (ANB), Daniele Carozzi, il sindaco di Pescara, Marco Alessandrini, e il sindaco di San Donà di Piave, Andrea Cereser, dove si svolgerà il raduno il prossimo anno.

Il Sottosegretario alla Difesa, nel corso del suo intervento ha ricordato come “nella società i bersaglieri di tutte le età sono portatori sani di valori, che tutti noi abbiamo il dovere di trasmettere alle nuove generazioni perché sono il futuro del nostro Paese”.

Il gen Errico ha evidenziato nel suo discorso l’impegno dei bersaglieri nelle operazioni di stabilizzazione all’estero, al quale “si aggiungono, in Patria, gli innumerevoli interventi di pubblica utilità in occasione di calamità naturali e quelli in concorso alle Forze dell’Ordine, che, anche in questo momento, vedono le fiamme cremisi schierate a presidio delle vie e delle piazze delle nostre città nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure, a testimonianza, ancora una volta, dell’alto profilo di efficienza e prontezza raggiunto”.

Nel corso del suo intervento, il gen Errico ha espresso inoltre “il più caloroso augurio per una rapida guarigione e un pronto rientro nei ranghi del proprio reparto” ai militari e all’agente che “che giovedì scorso, nel corso di un controllo presso la stazione ferroviaria di Milano, sono stati aggrediti e feriti.” (link articolo in calce)

Sono stati migliaia i cappelli piumati che hanno invaso le strade di Pescara: più di 60 fanfare si sono esibite per giorni nelle piazze della città suonando e cantando brani storici del corpo: la Ricciolina, Il reggimento di papà, Arrivederci Roma, La corsa di resistenza e molte altre.

Presenti le sezioni dell’ANB provenienti da ogni regione d’Italia che domenica mattina hanno sfilato di corsa – 180 passi al minuto come ancora vuole il regolamento del 1836 – partendo dallo Stadio Adriatico e arrivando in piazza della Rinascita tra le grida e gli applausi della gente.

Nello sfilamento una compagnia del 7° reggimento Bersaglieri di Altamura, la fanfara d’ordinanza e la bandiera di guerra dell’unità, da pochi mesi rientrata dalla missione Resolute Support in Afghanistan.

Il Raduno, interamente organizzato dall’Associazione Nazionale Bersaglieri, riveste quest’anno un duplice significato, sottolinea il comunicato dell’Esercito: da un lato è un momento di festa per tutti gli appartenenti alla specialità, dall’altro lato esso consolida quel profondo legame che, soprattutto nell’ultimo decennio, si è venuto a creare tra l’Esercito Italiano e le popolazioni d’Abruzzo.

La Forza Armata, presente nella regione sin dal terremoto de L’Aquila del 2009, ha di recente concluso l’Operazione “Sabina”.

Gli uomini e le donne dell’Esercito sono stati i primi a intervenire in Centro Italia dopo la scossa del 24 agosto e da allora sono stati mediamente impiegati sul terreno 1.500 militari al giorno, con un picco massimo di 2.500 unità e 950 mezzi, gran parte dei quali appartenenti ai reparti del Genio per attività quali: ricerca e soccorso di superstiti, rimozione macerie, ripristino della viabilità stradale, costruzione di ponti, interventi di urbanizzazione per la costruzione di scuole e moduli abitativi e, per finire, impiego di due Task Force, inquadrate nell’ambito dell’Operazione “Strade Sicure”, per il controllo degli accessi alle zone rosse dei comuni terremotati, attività di soccorso ai superstiti dell’hotel di Rigopiano.

Per il sacrificio e l’impegno profusi da migliaia di professionisti della Forza Armata che con il loro operato hanno contribuito a salvare vite umane e a ripristinare la sicurezza in quelle aree dell’Italia centrale, compreso l’Abruzzo, colpite da questi tragici eventi, lo scorso 4 maggio, per il 156° anniversario della costituzione dell’Esercito, il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, ha conferito la Medaglia d’Oro al Valor Civile alla Bandiera di Guerra dell’Esercito.

Sono 181 anni gli di storia per uno dei corpi dell’Esercito più antichi e più amati dagli Italiani.

La sua fondazione, ricorda il comunicato stampa, risale al 18 giugno 1836 quando, per Regio Viglietto di re Carlo Alberto di Savoia, su proposta dell’allora Capitano delle Guardie Alessandro La Marmora, venne istituita a Torino la 1^ Compagnia Bersaglieri, truppe scelte, addestrate a un combattimento dinamico e a un tiro veloce e preciso.

Da allora, i Fanti piumati hanno scritto le pagine più importanti del Risorgimento e della storia d’Italia: dalle Guerre di indipendenza, ai primi interventi in aiuto alla popolazione, come l’intervento a Reggio Calabria e Messina per il terremoto del 1908; dalle due guerre mondiali alle operazioni di peacekeeping, sino all’attuale impiego all’estero e all’interno dei nostri confini, in supporto alle Forze dell’Ordine o per casi di pubblica calamità.

Attualmente sono circa 4.000 gli uomini e le donne dell’Esercito impiegati all’estero in 14 diversi paesi: 800 di loro sono bersaglieri in forza alla brigata Garibaldi, schierati in Afghanistan e in Iraq. Delle 7.050 unità impiegate in concorso alle Forze dell’Ordine per l’Operazione “Strade Sicure”, circa 460 sono bersaglieri appartenenti al 1° reggimento di Cosenza, al 3° reggimento di Capo Teulada, al 6° reggimento di Trapani e all’8° reggimento di Caserta. 400 bersaglieri del 7° reggimento di Altamura sono impiegati nell’ambito del contingente di 2.400 militari dell’Esercito che, per tutto il mese di maggio, contribuirà, unitamente alle Forze di Polizia, a formare il dispositivo di sicurezza per il vertice internazionale del G7.

E intanto, a Orcenico Superiore, in provincia di Pordenone, un battaglione di 500 bersaglieri dell’11° reggimento costituisce la cosiddetta Very High Readiness Task Force, un’aliquota della Forza di Reazione Rapida della NATO.

Articoli correlati:

I Bersaglieri in Paola Casoli il Blog

Strade Sicure: telefonata personale del CaSME gen Errico ai militari feriti (19 maggio 2017)

Fonte e foto: stato maggiore Esercito

Bersaglieri: al 62° raduno 80mila i fanti piumati. Asti passa il testimone a Rimini per il 2015. Il CaSME: “Non manchino risorse per addestramento”

Il 62° raduno nazionale dei bersaglieri – che ha visto oltre 80mila fanti piumati, con le rispettive famiglie, raggiungere nei giorni scorsi la città piemontese di Asti – si è concluso ieri, domenica 8 giugno, alla presenza del Capo di stato maggiore dell’Esercito (CaSME), generale Claudio Graziano, del sottosegretario di stato alla Difesa, Domenico Rossi, e del Capo di stato maggiore della Difesa (CaSMD), ammiraglio Luigi Binelli Mantelli.

Il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito nel corso del suo intervento ha ricordato quanto “i bersaglieri abbiano contribuito alla storia del Paese e quanto tutt’oggi sia importante il loro apporto professionale nelle operazioni in Italia e all’estero”.

“A questi soldati – ha sottolineato il generale Graziano – non devono mancare le risorse essenziali per l’addestramento, che è la condizione necessaria per garantire la loro sicurezza”.

Dichiarazione particolarmente importante, questa del CaSME, alla luce delle “oltre 60.000 domande di reclutamento all’anno, che testimoniano quanto sia forte tra i giovani il desiderio di entrare nell’Esercito Italiano”.

Il Presidente dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, generale Marcello Cataldi, salutando i tutti i presenti,  ha ricordato l’ultimo caduto dei bersaglieri in una missione all’estero: esattamente un anno fa, l’8 giugno 2013, il maggiore Giuseppe La Rosa ha perso la vita in Afghanistan  per proteggere i commilitoni dall’esplosione di un ordigno facendo scudo con il suo corpo.

Al maggiore La Rosa è stata conferita la Medaglia d’Oro al Valor Militare il 7 maggio scorso. Il fratello di Giuseppe La Rosa ha preso parte allo sfilamento di corsa, che si è tenuto ieri dalle 9 alle 14.

La sfilata è stata aperta dalla fanfara e da una compagnia in armi dell’11° reggimento Bersaglieri di Orcenico, preceduta dalla Bandiera di Guerra del reparto.

Erano presenti al raduno anche molti bersaglieri famosi, tra cui il generale Angioni, comandante della missione in Libano del 1982, il generale Mauro del Vecchio, comandante della brigata Bersaglieri Garibaldi che entrò in Kosovo nel 1999, e che è stato l’unico ufficiale italiano ad aver comandato la missione NATO ISAF ( International Security and Assistance Force in Afghanistan) dal 2005 al 2006.

Nel corso della giornata di ieri è stata rievocata la storica battaglia di Ponte di Goito, avvenuta nel 1848 tra truppe sabaude e austriache, prima battaglia che ha visto i bersaglieri  vittoriosi protagonisti: la rievocazione ha coinvolto oltre 300 comparse teatrali.

Fin dal 18 giugno 1836, data della loro fondazione a opera del generale La Marmora, i bersaglieri hanno preso parte alle tappe salienti della storia d’Italia, uno tra tutti la Breccia di Porta Pia, e hanno partecipato a tutte le missioni all’estero e in patria che si sono svolte fino a oggi.

Sul territorio nazionale i bersaglieri partecipano all’operazione Strade Sicure, in concorso alle forze dell’ordine, operando anche con pattuglie e presidi fissi nella capitale e  svolgendo pattuglie e servizi di vigilanza nella cosiddetta Terra dei Fuochi.

Il 63° raduno dei bersaglieri si terrà a Rimini dal 5 al 10 maggio 2015.

Articoli correlati:

Bersaglieri, specialità militare unicamente italiana: al 62° raduno nazionale ad Asti è presente l’Esercito con i reparti in armi (7 giugno 2014)

Il 61° raduno nazionale (2013) Bersaglieri a Salerno in Paola Casoli il Blog

I Bersaglieri in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Esercito

A Milano bersaglieri anche da Toronto e Melbourne per il 58° raduno nazionale

Un raduno nazionale che in realtà ha riunito anche gli internazionali, attirando nel capoluogo meneghino ben due sezioni bersaglieri estere. E’ così che a Milano per il 58° Raduno dei Bersaglieri si sono ritrovate anche le sezioni canadese e australiana, provenienti rispettivamente da Toronto e da Melbourne.

In tutto questo raduno nazionale dei bersaglieri, che ha colorato di cremisi la città di Milano da mercoledì 12 maggio a domenica 16, ha visto la partecipazione di 72 fanfare di bersaglieri in congedo e 12 pattuglie ciclisti. Le sezioni bersaglieri in Italia sono circa 650, mentre all’estero ce ne sono quattro.

Sotto la Madonnina del Duomo hanno sfilato circa 100mila persone tra bersaglieri in congedo, in armi e simpatizzanti, stando a  quanto riferiscono gli organizzatori che riportano una stima di Federcommercio secondo cui l’introito turistico apportato dall’evento è stato pari a circa 5 milioni di euro.

L’innovazione introdotta dall’evento milanese ha riguardato l’allestimento di punti di contatto suddivisi per reggimento e contrassegnati dal rispettivo motto. I cosiddetti Punti Cremisi sono stati dislocati in dodici bar del centro, rendendo concreta la possibilità di ritrovare i commilitoni e gli amici con cui si è trascorso il periodo della “naja piumata”.

Fonte: Daniele Carozzi/Comitato organizzatore Raduno Nazionale Bersaglieri

Foto: Giovanni Castelli/www.bersaglierimilano2010.it