Torino

Scuola di Applicazione: tre gli eventi sportivi per la “Primavera di sport a Piazza d’Armi” a Torino

Il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito organizza quest’anno tre eventi sportivi inseriti nel calendario della “Primavera di Sport a Piazza d’Armi”, ha fatto sapere con un comunicato stampa la stessa Scuola.

Domani, sabato 5 maggio, avrà luogo il tradizionale “Trofeo Sportivo Scuola di Applicazione”, giunto alla decima edizione: una vera e propria miniolimpiade che vedrà gli ufficiali della Scuola di Applicazione dell’Esercito confrontarsi in diverse discipline sportive con le rappresentative di atleti civili e di altre Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.

Pentathlon, rugby, mountain bike, scherma, judo, pallavolo, pugilato, equitazione, staffetta nuoto 12×50, torneo di pallanuoto, corsa campestre, staffetta 4×100 – 12×400, tiro sportivo, tiro alla fune e CAGSM (un percorso volto ad addestrare i militari a operare e muovere in presenza di ostacoli) sono le discipline che impegneranno gli atleti.

Le gare si svolgeranno al Centro Sportivo Militare “Cap. Porcelli” (Piazza d’Armi Corso G. Ferraris 200), con inizio alle 09.00 e termine alle 17.30, fa sapere la Scuola di Applicazione.

L’ingresso è gratuito e i più piccoli potranno trascorrere una giornata all’aria aperta nel cuore della città divertendosi con le attività e i giochi per bambini curati dalla Sezione Torinese dell’Associazione Nazionale Alpini.

Nei giorni 18-19-20 maggio avrà luogo il “Concorso Ippico Nazionale A “Memorial Federigo Caprilli”. Anche questo evento si svolgerà presso il Centro Sportivo Militare “Cap. Porcelli” (Piazza d’Armi Corso G. Ferraris 200), con inizio alle 09.00 e termine alle 17.00, fa sapere la Scuola.

L’ultimo dei tre eventi sportivi in programma avrà luogo il 27 maggio con la manifestazione podistica non competitiva “3^ Correndo nelle Caserme”.

Dieci chilometri di tracciato cittadino con partenza e arrivo presso il Centro Sportivo Militare “Capitano N. Porcelli”, percorso che apre le porte ai cittadini di sei storiche caserme torinesi: la “Morelli di Popolo”, sede del Reparto Supporti della Scuola di Applicazione dell’Esercito, il cortile dello storico Palazzo Arsenale, sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, la “Monte Grappa”, sede della gloriosa brigata Alpina Taurinense, la “Caserma Cernaia”, sede della Scuola Allievi Carabinieri, la “Caserma Emanuele Filiberto di Savoia Duca d’Aosta”, sede del Comando Regionale Piemonte della Guardia di Finanza, e la “Caserma Riberi”, sede del Polo alloggiativo del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito.

“Un mese di sana competizione sportiva con gli Ufficiali della Scuola di Applicazione dell’Esercito che, partecipando alle più significative manifestazioni sportive del territorio, consolida l’immagine di una istituzione impegnata nella divulgazione dei fondamentali valori etici e di solidarietà e assume particolare significato anche alla luce del ruolo centrale della preparazione fisica nel percorso formativo degli Ufficiali”, scrive la Scuola nel comunicato stampa.

Il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito presiede alla formazione di base e avanzata del personale appartenente ai diversi ruoli e categorie della Forza Armata.

Ha alle proprie dipendenze l’Accademia Militare di Modena, la Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo, le Scuole militari Nunziatella di Napoli e Teuliè di Milano, la Scuola Lingue Estere dell’Esercito di Perugia, l’80° Reggimento Addestramento Volontari Roma di Cassino e il Centro Studi Post Conflict Operations di Torino.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

“Correndo per le caserme” in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito

Scuola di Applicazione: successo dell’iniziativa ‘Il cinema incontra lo sport’, di Esercito, Agiscuola e Regione Piemonte

Con la proiezione di due classici della cinematografia – “Eddie the eagle – il coraggio della follia”, di Dexter Fletcher, e “Race – il colore della vittoria”, di Stephen Hopkins – e il racconto in prima persona delle esperienze umane e professionali degli atleti, si è conclusa il 13 dicembre scorso l’iniziativa “Il cinema incontra lo sport”, promossa da Agiscuola con il contributo dalla Regione Piemonte – Assessorato allo Sport in collaborazione con l’Esercito, a cui hanno partecipato oltre 800 studenti delle scuole medie e superiori del territorio piemontese, ha fatto sapere con un comunicato stampa il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito di Torino.

Ai giovani presenti all’evento si sono raccontati i protagonisti di diverse discipline sportive, tra i quali tre militari del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, che hanno parlato ai giovani spettatori delle loro esperienze umane e professionali.

La prima a salire sul palco del cinema Ambrosio, dove ha avuto luogo l’iniziativa, è stata Daniela Graglia, Caporale Maggiore Scelto che nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney, classificandosi undicesima nella staffetta 4×400.

Semifinalista ai Mondiali indoor di Lisbona, agli Europei outdoor di Monaco 2002, venti volte campionessa italiana assoluta nelle varie discipline di velocità, è tuttora record woman italiana sulla distanza degli 80 metri piani outdoor, fa sapere il comunicato.

È stata poi la volta di un veterano dello sport militare, il 1° Maresciallo Giuseppe De Venuto, insegnante aggiunto di educazione fisica, tecnico della Federazione Italiana Nuoto, allenatore di nuoto, tecnico di pallanuoto e maestro di salvamento.

Intensa la testimonianza del Colonnello Alessandro Albamonte, scrive la Scuola, rimasto ferito il 31 marzo 2012 a seguito dell’apertura di un plico esplosivo.

Nonostante le gravi conseguenze alla vista, il col Albamonte è entrato a far parte del Gruppo Sportivo Paralimpico (GSPD) e nel 2014 ha rappresentato l’Italia agli Invictus Games di Londra nella disciplina dell’indoor rowing.

A concludere l’evento Ivan Gallino, oggi lavoratore autonomo con un passato da atleta. Dal 2006 è entrato a far parte della squadra di serie A diversamente abili di Sledge Hockey, successivamente convocato e selezionato per la Nazionale Italiana.

Impegnato anche con l’handbike e prossimo a decisioni importanti dopo recenti proposte di convocazione nella Nazionale Italiana di Sci nordico, si apprende.

L’assessore regionale allo sport Giovanni Maria Ferraris, coordinatore del progetto, nel suo intervento ha ringraziato l’Esercito e Agiscuola e ha sottolineato: “Il progetto parte dal presupposto che la visione cinematografica è un’esperienza coinvolgente, che consente agli spettatori di identificarsi con i protagonisti del film proposto sul grande schermo e li stimola ad apprendere nuovi approcci e schemi di comportamento. Proiettare film che veicolino i messaggi educativi dello sport contribuisce a diffondere tra gli studenti temi importanti quali l’amicizia, la lealtà, il lavoro di squadra, l’impegno, il rispetto per sé e per gli altri, il riscatto sociale, il mettersi in gioco, rappresentando un efficace strumento di crescita di un sano protagonismo e di contrasto ai fenomeni del disagio e della devianza giovanile”.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione in Paola Casoli il Blog

Invictus Games in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito

La Scuola di Applicazione e il Centro Studi Post Conflict Operation rendono Torino capitale del peacekeeping. La consegna delle lauree

6_Prof. Bravo benemerito SALa cerimonia conclusiva del ciclo di studi, militari e universitari, svolti dagli ufficiali del 192° Corso Carattere della Scuola di Applicazione, ha visto riuniti, il 29 luglio scorso, nel cortile di Palazzo Arsenale a Torino, sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, non solamente famigliari e amici dei neolaureati, ma anche rappresentanti del corpo docente dell’Università di Torino e autorità civili e militari della città di Torino.

Erano presenti il presidente del Consiglio Comunale, dottor Giovanni Porcino, che ha portato la vicinanza del sindaco e della città alla Scuola di Applicazione; il direttore del quotidiano La Stampa, dottor Mario Calabresi, e il presidente della Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici, dottoressa Tiziana Nasi.

2_autoritaDurante la cerimonia, la professoressa Simonetta Ronchi Della Rocca , presidente della SUISS (Struttura Universitaria Interdipartimentale in Scienze Strategiche), e il generale Claudio Berto, comandante per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, hanno consegnato agli ufficiali del 192° corso Carattere e agli studenti civili (circa 200 per l’intero corso di studi) le pergamene della Laurea Magistrale in Scienze Strategiche, a conclusione delle sessioni dedicate alla discussione delle tesi di laurea del 20 e 29 luglio.

Nell’ambito dell’evento sono stati conferiti i diplomi di “eccellenza sportiva” agli ufficiali frequentatori che, nell’Anno Accademico 2014-2015, hanno conseguito il miglior risultato complessivo nelle attività ginnico-sportive svolte nell’ambito dell’Istituto.

3_premio eccellenza sportivaÈ stato infine conferito al professor Gian Mario Bravo, già Professore Ordinario di Storia delle Dottrine Politiche di UNITO, l’attestato di “Benemerito della Scuola di Applicazione”, per il costante impegno profuso in favore della formazione degli ufficiali frequentatori dell’Istituto.

La suggestiva cerimonia, oltre a suggellare gli ottimi risultati conseguiti dagli ufficiali nei due pilastri della formazione militare, universitario e sportivo, testimonia al contempo, come sottolineato dal dottor Calabresi nel suo indirizzo di saluto ai neo laureati, il forte legame esistente tra la Scuola di Applicazione dell’Esercito Italiano, l’Università di Torino e le istituzioni cittadine.

5_Laurea ufficialeIl direttore della Stampa ha inoltre evidenziato come l’istituto di formazione militare, oltre a preparare culturalmente gli ufficiali dell’Esercito Italiano, futuri dirigenti al servizio del Paese, vanti alle sue dipendenze il CSPCO (Centro Studi Post Conflict Operation), centro di eccellenza europea nella preparazione del personale alle operazioni post-conflittuali e parte integrante, con le sedi ONU presenti in città, di una Torino proiettata a essere capitale del peacekeeping.

La cerimonia si è conclusa con il saluto degli ufficiali alla Scuola di Applicazione e alla Città che con il conseguimento della Laurea Magistrale terminano il periodo formativo per svolgere il loro compito al servizio del Paese presso i Reparti dell’Esercito Italiano dislocati sull’intero territorio nazionale, come sottolineato dal comandante della Scuola, generale Berto.

Il Comandante, nel complimentarsi per i risultati conseguiti, giusto riconoscimento per l’impegno e la dedizione nel conseguimento della preparazione culturale, professionale e fisica, ha evidenziato come la cerimonia segni in ognuno anche l’assunzione di nuove responsabilità nei confronti degli uomini e delle 4_Laurea studente civiledonne affidate loro dal Paese, nonché verso l’Italia intera che rappresenteranno nelle missioni all’estero.

“Forte lo sprone a reagire alle avversità mantenendo la rotta indicata dal Giuramento prestato, dalle Leggi e dalle tradizioni dell’Esercito”, conclude il comunicato stampa della Scuola di Applicazione.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Il Centro Studi Post Conflict Operation in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola di Applicazione

1_rassegna schieramento

Industria della Difesa e formazione militare: sinergia ribadita nella visita alla Oto Melara della Scuola Applicazione Esercito

20150701_Scuola Applicazione_7° corso allievi uff ferma prefiss_visita Oto MelaraIl 7° corso allievi ufficiali in ferma prefissata, insieme con il comandante della Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, generale Claudio Berto, ha svolto una visita didattica presso lo stabilimento della società Oto Melara, di La Spezia, il 1° luglio scorso.

Gli Ufficiali, accolti dall’amministratore delegato della società, ingegner Roberto Cortesi, hanno partecipato alla presentazione dei principali programmi di ricerca e sviluppo in atto, dall’artiglieria ai veicoli blindati, dalle munizioni guidate ai sistemi navali e antiaerei; successivamente hanno potuto seguire le varie fasi del processo produttivo aziendale direttamente nel sito di produzione e nei laboratori di testing, assistendo ad alcune prove che vengono effettuate per verificare la conformità dei sistemi e materiali ai requisiti tecnico-militari.

La visita presso l’Oto Melara ha consentito di integrare la preparazione teorica degli Ufficiali frequentatori del corso facendo loro acquisire un’esperienza professionale significativa, ovvero conoscere la realtà produttiva di sistemi d’arma tecnologicamente avanzati che costituisce punto di riferimento a livello internazionale.

L’incontro è proseguito nella sala riunioni della società, dove gli Ufficiali hanno potuto dialogare con i program manager e i responsabili aziendali dei vari settori di produzione nel settore Difesa, e si è concluso con il tradizionale scambio di crest, tra il generale Berto e l’ingegner Cortesi, a testimonianza della sinergia tra la formazione militare e l’azienda italiana.

Articoli correlati:

La Scuola Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Oto Melara in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola Applicazione

La Scuola di Applicazione di Torino rivive la Battaglia di Waterloo con il professor Barbero

20150608_Scuola Applicazione_Esercito Italiano_prof Alessandro Barbero_Battaglia Waterloo_Introduzione del Generale BertoLa rievocazione della battaglia di Waterloo è il tema della conferenza tenuta l’8 giugno scorso presso il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito dallo storico e scrittore Alessandro Barbero, professore ordinario di Storia Medioevale nell’Università degli Studi del Piemonte Orientale Amedeo Avogadro, a Vercelli.

L’illustre scrittore, esperto di storia medioevale e di storia militare, non poteva scegliere una location migliore quale lo storico Palazzo Arsenale, sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, sottolinea il comunicato della stessa Scuola di Applicazione.

La Scuola è infatti il più antico Istituto militare europeo, e proprio tra le sue mura il prof Barbero ha raccontato ai numerosi ospiti le strategie e gli errori commessi dai protagonisti di una delle battaglie più famose della storia, la Battaglia di Waterloo, di cui il 18 giugno prossimo ricorrerà il bicentenario.

20150608_Scuola Applicazione_Esercito Italiano_Torino_Un momento della conferenza del prof Alessandro Barbero_Battaglia di WaterlooL’attualità del fatto storico e la competenza del relatore ha suscitato molte curiosità tra gli ufficiali frequentatori e i presenti, generando un intenso dibattito al termine dell’incontro culturale che ha avuto lo scopo di incrementare, grazie al contributo di autorevoli conferenzieri, il patrimonio di conoscenze dei giovani ufficiali frequentatori su temi di ampio respiro.

Il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito è l’Istituto che ha la responsabilità della formazione degli ufficiali e sottufficiali e dell’insegnamento linguistico di tutta la Forza Armata.

20150608_Scuola Applicazione_Esercito Italiano_prof Alessandro Barbero_gen Claudio Berto_Consegna CrestArticoli correlati:

La Scuola di Applicazione dell’Esercito Italiano in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola di Applicazione; Wikipedia; Dipartimento di Studi Umanistici – Università del Piemonte Orientale

“L’Esercito marciava…” a Torino: tappa nella Scuola di Applicazione dell’Esercito. Foto

Il Generale Berto consegna il foglio matricolare di Grattapaglia Giovanni alla pronipote Erika GrattapagliaHa fatto tappa oggi, 19 maggio, a Torino, nel cortile d’onore di Palazzo Arsenale, sede della Scuola di Applicazione dell’Esercito, la staffetta de “L’Esercito marciava…”, maratona podistica organizzata dall’Esercito Italiano per commemorare il Centenario dell’inizio della Grande Guerra.

Alle 11, l’ultimo tedoforo di quelli partiti ieri pomeriggio da Aosta, del Centro addestramento alpino, ha consegnato la bandiera italiana al collega della Scuola di Applicazione.

Ad attendere l’arrivo della staffetta, con i compagni di classe e i propri docenti, c’erano anche gli studenti degli istituti scolastici che hanno partecipato all’iniziativa dello stato maggiore dell’Esercito, chiedendo copia del foglio matricolare dei propri bis- e trisnonni che hanno combattuto nella Prima Guerra Mondiale.

Generale Bosotti premia Francesco Marletta Vincitore del Concorso fotograficoErano presenti i vincitori, per il Piemonte, del concorso fotografico “La via della Grande Guerra”, focalizzata a far scoprire alle nuove generazioni le strade cittadine intitolate a eventi e luoghi della Grande Guerra.

Sono stati premiati Francesco Marletta e gli alunni della classe 3^ B dell’Istituto Comprensivo Gianni Rodari di Caselle Torinese. Le loro fotografie, insieme alle altre 50 vincitrici del concorso, scelte da una commissione composta da personale dell’Esercito e del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR) tra le tantissime pervenute allo stato maggiore dell’Esercito, saranno pubblicate sul sito della Forza Armata.

La staffetta arriva aTorino nel Palazzo dell'ArsenaleDopo un breve saluto di benvenuto da parte del generale Paolo Bosotti, Comandante della Regione Militare Nord, e del generale Claudio Berto, Comandante della Scuola di Applicazione dell’Esercito, sono stati consegnati, agli studenti Matteo Zoppegno, dell’Istituto Marie Curie di Collegno (TO), Erika Grattapaglia, dell’Istituto I.I.S. Giovanni Dalmasso di Pianezza (TO), Alessandro Viola e Matteo Pellassa del Liceo Scienze Applicate Giulio Natta di Rivoli (TO), i fogli matricolari dei propri bis- e trisnonni Zoppegno Carlo, Grattapaglia Giovanni, Barla Domenico Michele e Pellassa Luigi.

Per l’occasione è stata allestita una mostra statica di mezzi, materiali ed equipaggiamenti della brigata alpina Taurinense, ed è stata presentata la mostra storico-fotografica itinerante dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito Fede e Valore.

Alle 17 la staffetta è ripartita per raggiungere Milano lungo un percorso che attraverserà le località di Chivasso, Settimo Torinese, Santhia’, Vercelli e Novara.

La staffetta, partita da Trapani, Lecce, Bolzano, Cagliari e Aosta, vuole ripercorrere idealmente il viaggio di avvicinamento a Trieste che tanti giovani italiani fecero nel 1915, anno di entrata in guerra dell’Italia.

Gli oltre 600 militari impegnati, correranno ininterrottamente lungo tutto l’arco delle 24 ore e si alterneranno lungo i 4.200 chilometri previsti attraversando vie, borghi paesi, sacrari e città portando, alla stregua di tedofori, una bandiera Italiana, simbolo dell’unità nazionale. Il 24 maggio a Trieste la Bandiera, emblema di condivisione e commemorazione del sacrificio di un popolo intero, verrà issata in Piazza Unità d’Italia.

Il progetto “L’Esercito marciava…” si concluderà, con un evento musicale, il 24 maggio, in Piazza Unità d’Italia a Trieste, alla presenza di autorità civili e militari. L’evento ha l’obiettivo di ricordare la Grande Guerra attraverso la musica, la prosa, la poesia e le immagini. La voce narrante del presentatore, professor Umberto Broccoli, noto artista, conduttore radiofonico e televisivo, storico e sceneggiatore, accompagnerà il pubblico in un viaggio della memoria, legando gli interventi artistici e musicali della Banda dell’Esercito, dell’attore Mario Brusa, della cantante Ivana Spagna e della soprano Carmela Maffongelli che, sole o accompagnate da un coro alpino, interpreteranno alcune popolari canzoni del periodo.

Articoli correlati:

“L’Esercito marciava…” in Paola Casoli il Blog

Le tappe della staffetta e gli eventi di “L’Esercito marciava…” in Paola Casoli il Blog

Il Centenario Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

La Scuola Applicazione Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando Regione Militare Nord

Ripensare la Grande Guerra: è il tema del seminario della Scuola di Applicazione Esercito a Torino

scuola-applicazione-militare-esercito-torinoIn occasione delle commemorazioni del centenario dell’entrata in guerra dell’Italia, il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, in collaborazione con la Struttura Universitaria Interdipartimentale in Scienze Strategiche (SUISS) dell’Università degli Studi di Torino (UniTO), ha organizzato il seminario “Ripensare la Grande Guerra. Lezioni per il Centenario”.

Il ciclo di lezioni, della durata di quattro giorni (19-22 maggio) è iniziato oggi con un intervento del Comandante per la Formazione, generale Claudio Berto.

L’attività formativa è rivolta ai 118 ufficiali frequentatori del 193° Corso e ai 44 studenti universitari dei Corsi di Laurea Triennale e Specialistica in Scienze Strategiche, che si sono iscritti al seminario, e costituisce un approfondimento degli studi storico militari peculiari del corso di laurea.

Il modulo si ripromette, attraverso il contributo di diversi specialisti nel settore , tra i quali il professore emerito Gian Enrico Rusconi, il professor Giangiacomo Migone e il dottor Sergio Toffetti, Direttore dell’Archivio Nazionale di Impresa di Ivrea, in provincia di Torino, di affrontare aspetti generali della moderna storiografia sulla Grande Guerra, mettendo in luce, anche attraverso l’esemplificazione di fonti e materiali meno noti, aspetti di rilevante interesse solitamente meno trattati nei corsi istituzionali.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Il Centenario Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

Fonte: Scuola Applicazione Esercito

Foto: Studio DiFoB

Salone Libro Torino nel Centenario Grande Guerra: Difesa “proiettata al futuro coltivando le proprie radici”

Salone Libro Torino_stand Difesa_Visitatori allo Stand 03È stata inaugurata ieri, 14 maggio, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la 28^ edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino.

Il Presidente Mattarella ha incontrato il personale militare presso lo stand Difesa, dove le Forze Armate presentano le più recenti opere editoriali per la diffusione della cultura della difesa.

Oggi, 15 maggio, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso letterario ‘La storia della Grande Guerra riletta dai giovani d’oggi – Mai più trincee’, indetto dal Ministero della Difesa in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca (MIUR). All’evento hanno partecipato il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, il Capo di stato maggiore della Difesa, gen Claudio Graziano, e il sottosegretario al MIUR, Gabriele Toccafondi.

Il concorso, aperto agli studenti italiani di ogni ordine e grado, ha riscosso un ampio consenso, con oltre 700 elaborati presentati che hanno avuto come filo conduttore la riflessione sull’esperienza della Prima Guerra Mondiale, sul significato storico della ricorrenza e sull’importanza dell’integrazione per preservare e garantire la stabilità dell’Europa.

Al termine della premiazione, il Ministro Pinotti ha visitato lo stand espositivo dell’Istituto Luce che ha realizzato il libro “Fango e Gloria”. Il volume riprende il tema dell’omonimo film sul primo conflitto mondiale, presentato il 4 novembre 2014 in tutta Italia in occasione della celebrazione del Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate, realizzato sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Ministero della Difesa.

Il Ministero della Difesa è presente alla XXVIII edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino con uno stand istituzionale ubicato presso il Padiglione 3 al Lingotto Fiere.

‘Proiettati al futuro, coltivando le proprie radici’ è il messaggio che la Difesa intende veicolare quest’anno attraverso il fitto programma di attività convegnistiche e iniziative editoriali organizzate per diffondere e valorizzare i temi legati alla storia e alla cultura delle Forze Armate.

Un messaggio testimoniato anche dalla nuova veste dello stand espositivo che, oltre ai tradizionali cinque spazi, quattro di Forza Armata e uno dedicato all’Area Storica, ospita, per la prima volta, un’area dedicata alla comunicazione digitale per illustrare le principali innovazioni intervenute nel settore della comunicazione istituzionale (Portale WEB, WEB TV e App per tablet e smartpohone).

Nella mattinata di oggi sono stati presentati il libro “Mare Nostrum”, “La scelta di Catia” e “Il mare fra le terre”, in collegamento video con Nave Grecale della Marina Militare. Nel pomeriggio sono stati ricordati i 90 anni della Rivista Aeronautica e presentati i libri “Lo spazio cibernetico tra esigenze di sicurezza nazionale e tutela delle libertà individuali”, “Pelle d’Ammiraglio”, “Mediterraneo ed oltre”, “In guerra sopra le nubi” e “I caduti dell’aviazione italiana nella Grande Guerra”. L’opera cine-televisiva “Media Combat Team History” “PALOMBiRO. Pagine dal fondo” ha concluso le attività della giornata.

Gli hashtag per parlarne: #culturadelladifesa   #SalTo15

Articoli correlati:

La Difesa al Salone del Libro di Torino nelle precedenti edizioni in Paola Casoli il Blog

Il Centenario Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Difesa/Marina Militare

Diritto dei conflitti armati: alla Scuola di Applicazione Esercito dieci conferenze e un workshop nell’ambito del Military Erasmus

20150506_Scuola Applicazione Esercito Itliano_Military Erasmus_Law of Armed ConflictÈ iniziato lo scorso 4 maggio, presso il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito Italiano, il corso Law of Armed Conflict, inserito nell’ambito del Military Erasmus.

Il corso, tenuto in lingua inglese, terminerà il giorno 8 maggio e prevede lo svolgimento di dieci conferenze e un workshop, tenute da docenti provenienti dalle università di Torino, Milano, Verona e Palermo e dal direttore del Centro Studi Post Conflict Operations, il colonnello Maurizio Sulig.

Al corso partecipano 28 studenti della Scuola di Applicazione dell’Esercito, ovvero 16 ufficiali frequentatori del 193° corso e 12 studenti civili del corso di Laurea Magistrale in Scienze Strategiche; 2 ufficiali allievi dell’Accademia Aeronautica e 9 ufficiali allievi provenienti da Cipro, Grecia, Estonia, Polonia e Germania.

Questo corso costituisce una proposta formativa di elevato spessore, il cui programma è stato elaborato in collaborazione con la Struttura Interdipartimentale in Scienze Strategiche (SUISS), tenendo conto delle indicazioni fornite dal Collegio Europeo di Sicurezza e Difesa- network degli Istituti, Accademie e Università che si occupano di formazione inerenti la Politica di Sicurezza e Difesa dell’Unione Europea.

La presenza di giovani studenti universitari e militari nazionali e stranieri testimonia una capacità formativa dell’Esercito sempre più all’avanguardia.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

L’Esercito Italiano in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola di Applicazione

Torino 2015 capitale dello sport: il programma degli eventi dell’Esercito Italiano

20150430_Torino 2015_Trofeo Scuola di Applicazione_EI corri con noi (2)È stato presentato ufficialmente giovedì scorso 30 aprile, con una conferenza stampa nel Palazzo dell’Arsenale a Torino, sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, il programma degli eventi sportivi “7° Trofeo Scuola di Applicazione” ed “EI…corri con noi”, inseriti nel calendario di “Torino 2015 capitale europea dello sport”.

Sono intervenuti il Comandante per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, generale Claudio Berto, l’Assessore allo Sport del Comune di Torino, ingegner Stefano Gallo, il Presidente Regionale del CONI, dottor Gianfranco Porqueddu, e il Capo Dipartimento di Educazione Fisica della Scuola di Applicazione, colonnello Antonio Plescia.

Ecco il programma presentato (fonte Scuola di Applicazione):

Si parte i giorni 8 e 9 maggio con l’ormai tradizionale “Trofeo Scuola di Applicazione” giunto alla settima edizione, che vedrà gli Ufficiali della Scuola di Applicazione confrontarsi con le rappresentative delle Società sportive universitarie e dei Corpi Armati dello Stato in diverse discipline:

20150430_Torino 2015_Trofeo Scuola di Applicazione_EI corri con noi (1)Triathlon (nuoto, mountain bike e corsa), Rugby Seven, Mountain Bike, Scherma, Judo, Pallavolo, Equitazione, Nuoto 16×50, Tiro Sportivo, Staffetta 25×400 e CAGSM (un percorso volto ad addestrare i militari ad operare e muovere in presenza di ostacoli diversi).

Le gare si svolgeranno presso il Centro Sportivo Militare “Cap. Porcelli” di Torino (Piazza d’Armi-Corso G. Ferraris 200), venerdì 8 maggio dalle 09:00 alle 17:00 e sabato 9 maggio dalle ore 09:00 alle ore 14:00.

L’ingresso è gratuito e i più piccoli potranno fruire di un intrattenimento a cura della Sezione Torinese dell’Associazione Nazionale Alpini.

Il 10 maggio 2015 alle ore 09:00 avrà luogo la manifestazione podistica non competitiva “EI…..corri con noi!”. Dieci chilometri di tracciato cittadino con partenza e arrivo presso il Centro Sportivo Militare “Cap. Porcelli”, che vedrà i partecipanti attraversare i cortili di tre storiche Caserme torinesi: la “Morelli di Popolo” sede del Reparto Comando della Scuola di Applicazione dell’Esercito, il cortile dello storico Palazzo Arsenale sede del Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito e la “Monte Grappa” sede della gloriosa Brigata Alpina Taurinense.

Tre giorni con l’Esercito per Torino, Capitale Europea dello Sport.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito