Nov 21, 2012
60 Views
0 0

Giubbotti antiproiettile più leggeri, ma altrettanto sicuri, grazie alla nanotecnologia

Written by

Sarà la nanotecnologia a risolvere l’eterno problema dei pesi da portarsi addosso in ogni missione combat in teatro operativo. I chili di piastre di protezione aggiunte al giubbotto antiproiettile, a cui si sommano i pesi dell’intero equipaggiamento combat, saranno presto un ricordo per i soldati al fronte.

Un recente studio del MIT e della Rice University ha evidenziato come dei materiali più leggeri possano garantire la stessa efficienza degli attuali giubbotti antiproiettile, spessi due centimetri e mezzo e pesanti circa tre chili.

Gli studiosi hanno pensato a una specie di torta a strati, dello spessore di pochi nanometri, per confezionare un tessuto antiproiettile confortevole e sicuro. “Un polimero autoassemblante con una struttura a strati – ha spiegato David Chandler del MIT News Office – che garantisce resistenza, alternato a strati vitrei, che danno robustezza”.

Lo studio è stato pubblicato sul giornale online Nature Communications. Gli scienziati che hanno ideato il nuovo materiale sono Jae-Hwang Lee, Markus Retsch, Thomas Pezeril, Edwin Thomas, Gagan Saini, David Veysset, Jonathan Singer e Keith Nelson.

Articoli correlati:

I giubbotti antiproiettile in Paola Casoli il Blog

Fonte: Armed Forces International

Foto: Nature Communications

Article Categories:
Forze Armate · Sicurezza