Esercito: il Presidente del Senato Grasso visita il Museo della Cavalleria, “dove nacque il moderno metodo di montare a cavallo”

Il Presidente del Senato, senatore Pietro Grasso, ha visitato ieri, 26 marzo, il Museo Storico dell’Arma di Cavalleria di Pinerolo, nel torinese, ha fatto sapere ieri un comunicato stampa dell’Esercito Italiano.

Il Presidente era accompagnato dal colonnello Fulvio Marangoni, Comandante del CME (Comando Militare Esercito) Piemonte, dal tenente colonnello Paolo Caratori, Direttore del Museo di Cavalleria, e dalla senatrice Magda Zanoni.

La visita si è tenuta al termine della Commemorazione dell’Eccidio del 3 aprile 1944, celebrata a Cumiana, in provincia di Torino.

Il Presidente Grasso, “nel ricordare l’importanza della Cavalleria nell’Unità d’Italia,  ha auspicato che il Museo possa consolidare e tramandare le tradizioni e i sentimenti di coloro che di questa Unità sono stati protagonisti”.

Il Museo ha sede nell’antica Caserma Principe Amedeo che ha ospitato per circa un secolo, fino all’8 settembre 1943, la Scuola di Cavalleria da dove sono transitati tutti gli ufficiali, sottufficiali e specialisti dell’Arma che hanno servito in tutti i conflitti, a partire dalle Guerre per l’Indipendenza fino alla Seconda Guerra Mondiale, sottolinea l’Esercito.

“All’interno dello storico edificio, dove a partire dai primi del ‘900 ad opera del Capitano Federigo Caprilli è stato esportato in tutto il mondo il moderno metodo di montare a cavallospiega il comunicato stampa dell’Esercito –  sono presenti numerose collezioni che descrivono la storia della Cavalleria Sabauda e Italiana dal ‘700 ai giorni nostri”.

Il Museo, inserito nel circuito “Abbonamento Musei Torino Piemonte”, ospita e organizza eventi, conferenze e mostre, oltre alle normali aperture.

Recentemente è entrato a far parte dell’accordo tra Ministero della Difesa e Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (link articolo in calce) per la valorizzazione e la promozione del patrimonio museale militare italiano.

Tutto ciò lo rende uno tra i più ricchi musei militari a livello europeo.

Il patrimonio dei musei militari italiani costituisce una preziosa raccolta di testimonianze dell’impegno e del valore di molte generazioni che hanno contribuito, fino all’estremo sacrificio, alla nascita della nazione italiana e alla sua crescita sociale, culturale e democratica, conclude il comunicato.

Articoli correlati:

La Cavalleria militare in Paola Casoli il Blog

I musei militari in Paola Casoli il Blog

Esercito, Museo del Genio: “se fosse all’estero, avrebbe 1 milione di turisti all’anno”, on Franceschini MIBACT (22 marzo 2016)

Difesa e MiBACT: musei militari oggetto di un accordo di valorizzazione e promozione. Qui l’elenco dei musei inclusi nell’accordo (13 luglio 2016)

Fonte e foto: Esercito Italiano