Migranti: all’Università di Bologna un corso su storytelling e criteri di valutazione dell’attendibilità delle narrazioni biografiche

L’Università degli Studi di Bologna propone un “Corso di alta formazione in Metodi di studio e relazione con i richiedenti Protezione Internazionale con particolare riferimento all’approccio biografico e alle storie di vita”.

Si tratta di un corso di formazione permanente su storytelling e metodo biografico con un numero di posti limitato e con 75 ore di tirocinio da svolgere presso sedi della Croce Rossa o di altre organizzazioni di terzo settore.

Il corso è rivolto a chi si occupa di accoglienza e si trova a interagire con storie di vita provenienti da contesti differenti, con l’obiettivo di sviluppare capacità di comprensione e criteri con cui stabilire l’attendibilità delle narrazioni biografiche rilevate.

Iscrizioni entro il 24 settembre.

Per informazioni e costi si rimanda al Bando

La scheda del corso (fonte Università degli Studi di Bologna):

Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Scuola di Scienze Politiche, Strada Maggiore 45, Bologna

Direttore del Corso Prof. Pina Lalli

Denominazione Corso:

Metodi di studio e relazione con i richiedenti Protezione Internazionale (con riferimento all’approccio biografico e alle “storie di vita”)

Informazioni: sps.metodobiografico@unibo.it

Obiettivi

Il Corso offre competenze metodologiche e socioculturali a chi operi o voglia operare in contesti lavorativi che si relazionano con i richiedenti protezione internazionale.

In particolare, imparando ad utilizzare tecniche narrative e di storytelling si indica agli operatori non solo come conoscere ma anche in che modo interagire al meglio con persone provenienti da contesti e storie di vita differenti.

Il metodo biografico insegna ad andare oltre i luoghi comuni, gli stereotipi e le barriere culturali che influenzano negativamente la riuscita degli interventi di accoglienza e integrazione. Si acquisisce la capacità di ascoltare e osservare forme di comunicazione verbale e non verbale rilevando informazioni raccolte sia mediante intervista biografica sia in sedi informali come conversazioni e interazione in luoghi della quotidianità.

Si dotano gli operatori di competenze utili a favorire la cocostruzione di spazi comunicativi condivisi con i migranti, passando attraverso la comprensione delle traiettorie di vita e di esperienza. Ciò implica anche la facilitazione di reti di relazioni positive fra migranti e fra migranti e contesti sociale di accoglienza.

Si promuovono, inoltre, abilità volte a condividere criteri con cui stabilire l’attendibilità delle narrazioni biografiche rilevate, per non compromettere la richiesta di protezione e il percorso di accoglienza.

Contenuti:

– 60 ore di lezione ripartite in 5 macroargomenti:

1) Cultura, interazione e approccio etnografico alla comunicazione – Prof. Pina Lalli

2) Metodologia dell’approccio biografico e delle storie di vita – Prof. Leonardo Altieri

3) Flussi migratori e processi di integrazione sociale – Prof.Andrea Bassi

4) Oltre barriere e stereotipi: un approccio psico-sociale – Prof.Monica Rubini

5) Apprendere dall’esperienza: Croce Rossa e accoglienza – Guida al Tirocinio – Dott. Enza Modugno

– 75 ore di tirocinio da svolgere presso sedi della Croce Rossa o di altre organizzazioni di terzo settore.

Calendario:

Le ore di lezione si concentrano nei fine settimana:

8 ore al venerdì e 4 ore al sabato mattina.

26-27 ottobre;

9-10 novembre;

23-24 novembre (tirocinio stage fra dicembre e metà gennaio);

25-26 gennaio;

8-9 febbraio.

Requisiti di accesso:

Laurea oppure – previo giudizio positivo della Commissione nominata dal Direttore del Corso – Diploma di scuola superiore integrato da specifica attività professionale.

Per i dettagli si rimanda al Bando:

https://www.unibo.it/it/didattica/corsi-di-altaformazione/2018-2019/allegati/bando-metodidi-studio

Scadenza domanda di iscrizione: 24 settembre 2018

Fonte: Università degli Studi di Bologna

Foto: osservatoriodiritti.it