Mar 22, 2020
61 Views
0 0

TAAC-W, RS: la JMOU conduce una massiccia movimentazione di mezzi e materiali

Written by

La Joint Multimodal Operation Unit (JMOU) di Herat ha completato la movimentazione di un grosso carico di mezzi e materiali per il contingente italiano della missione in Afghanistan, fa sapere con un comunicato stampa del 20 marzo il Train Advise Assist Command West (TAAC-W) che opera nell’ovest dell’Afghanistan nell’ambito della missione NATO Resolute Support (RS).

Più in dettaglio, il comunicato spiega che nel contingente italiano della missione in Afghanistan Resolute Support, attualmente su base 132^ Brigata corazzata Ariete al comando del generale di brigata Enrico Barduani, opera la JMOU, unità formata da personale dell’Aeronautica Militare e dell’Esercito, con il compito di gestire il movimento di passeggeri e materiali in transito dallo scalo aeroportuale di Herat e di svolgere operazioni di Reception Staging Onward Movement (RSOM).

Nelle scorse settimane, la JMOU ha finalizzato, con successo, la movimentazione di un ingente quantitativo di mezzi e materiali impiegati dai contingenti in avvicendamento in teatro, gestendo un ponte aereo con vettori Antonov e Ilyushin IL-76.

In particolare, il personale dell’unità, supportato dalle componenti operativa e logistica della Task Force Arena, presso cui la JMOU è inquadrata nell’ambito del TAAC-W, ha condotto, nell’arco temporale di circa un mese, le operazioni di pianificazione, preparazione, caricamento e messa in sicurezza di 13 container ISO 20, 3 shelter TLM e 20 tra mezzi tattici ed elicotteri, per un totale di 210 tonnellate di carico e 1.200 metri cubi di volume, utilizzando complessivamente 12 voli. 

Costituita nel 2008, la JMOU di Herat assicura, con continuità, la gestione aeroportuale di passeggeri e merci, in aderenza ai principi e agli standard di Safety and Security stabiliti dai codici e dalle normative internazionali del settore aereo.

La missione NATO Resolute Support è composta da militari di 39 nazioni, con l’obiettivo di contribuire all’addestramento, all’assistenza e alla consulenza a favore delle istituzioni e delle Forze di Sicurezza afgane al fine di renderle autosufficienti e in grado di garantire autonomamente la sicurezza del paese e dei propri cittadini.

Il contributo italiano, espresso con personale e mezzi di Esercito, Aeronautica, Marina e Carabinieri, ha consentito finora alla regione ovest dell’Afghanistan di raggiungere standard di sicurezza e sviluppo tra i più elevati nel paese, conclude il comunicato stampa del TAAC-W.

Fonte e foto: TAAC-W RS

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate