Forze Armate

Le donne nelle Forze Armate: “presenza essenziale”. Così il SSSD Tofalo nel ventennale del servizio femminile

“Buon lavoro a tutte le donne delle Forze Armate” scrive in una nota il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) Angelo Tofalo, ricordando “il ventennale dall’approvazione della Legge delega 380/1999 che ha istituito il servizio militare volontario femminile”.

“Da quel momento – afferma il Sottosegretario, secondo quanto riportato dal suo addetto stampa – le donne hanno iniziato a farsi strada in un mondo fino ad allora precluso, riuscendo a incidere da un lato in un processo di trasformazione del mondo militare e dall’altro in un cambiamento epocale nella considerazione della donna all’interno della società”.

Fu poi l’allora Ministro della Difesa Sergio Mattarella, ricorda il comunicato stampa, a inaugurare il primo corso di allieve.

“In occasione di questi vent’anni trascorsi voglio ringraziare tutte le donne dell’Esercito Italiano, della Marina Militare, dell’Aeronautica Militare e dei Carabinieri che sono una presenza essenziale per la difesa delle istituzioni e per la sicurezza collettiva”, conclude il Sottosegretario nel ricordare l’anniversario.

Fonte: Magg Rizzo Addetto stampa On Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

Difesa: le Forze Armate al Tennis and friends con l’Area Salute Interforze dell’IGESAN

Dall’11 al 13 ottobre prossimo le Forze Armate saranno presenti al Foro Italico nell’ambito della 9^ edizione dell’evento “Tennis and Friends – Salute e Sport … Sport è Salute”, il weekend interamente dedicato alla salute, con lo scopo di promuovere un corretto stile di vita, una diagnosi precoce e permettere a tutti i cittadini di effettuare check-up gratuiti e visite specialistiche.

Lo si apprende da un comunicato stampa odierno dello Stato Maggiore della Difesa.

Per la manifestazione sono stati allestiti il Villaggio della Salute e un rinnovato Villaggio dello Sport, con la presenza di personaggi del mondo della cultura, dello sport e dello spettacolo impegnati nel Torneo Tennis Celebrity. Elementi che, insieme ai tanti testimonial invitati, intratterranno il pubblico nell’attesa di effettuare il proprio check-up gratuito, spiega il comunicato.

Le Forze Armate, per dare un fattivo contributo all’iniziativa e per far conoscere la molteplicità delle attività svolte da tutte le componenti della Difesa per la sicurezza del Paese e a favore della collettività, parteciperanno all’evento con assetti sanitari, bande musicali, testimonial sportivi e stand espositivi.

In particolare, al Villaggio della Salute verrà allestita un’Area Salute Interforze, promossa dall’Ispettorato Generale della Sanità Militare (IGESAN), che, insieme ad altri dicasteri, sosterrà la prevenzione per un corretto stile di vita con visite specialistiche nelle giornate dell’12 e 13 ottobre.

“Il tema ‘Sport e Salute’ – scrive lo Stato Maggiore della Difesa – sposa appieno i principi ispiratori delle attività delle Forze Armate, da sempre impegnate, nell’ambito dei compiti istituzionali di Difesa e Sicurezza a favore del Paese e della comunità internazionale, a promuovere il benessere del personale mediante un’attenta prevenzione sanitaria, che si consegue anche con una sana attività fisica”.

In dettaglio si apprende, nelle giornate dell’11 ottobre dalle 14.30 alle 19.00 e del 12 ottobre dalle 9.00 alle 11.00, si terrà il convegno “Salute e Sport: promozione dell’attività fisica nelle Forze Armate e nei luoghi di lavoro”, presso l’Aula Magna del Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” all’Acqua Acetosa.

L’evento si articolerà su due sessioni dal titolo “Attività fisica nei luoghi di lavoro” e “Forze Armate e stili di vita”, e una tavola rotonda dal titolo “Attività fisica in condizioni estreme”.

Approfondimenti (fonte SMD):

Le Forze Armate saranno presenti presso il “Villaggio dello Sport” con la parete di roccia ed un VTLM Lince dell’Esercito, con il simulatore di vela e centro mobile informativo della Marina Militare, con il simulatore di volo e cockpit dell’AMX l’Aeronautica e con un’autovettura Giulia, n.1 moto BMW e team antifalsificazione monetaria dei Carabinieri.

Inoltre presso il “Villaggio della Salute”, saranno resi disponibili i seguenti assetti medici: uno stand informativo e assetto medico dedicato alla rianimazione BLS, a cura di istruttori della Marina Militare, Specialisti in oculistica e in cardiologia, a cura della Marina Militare; Unità mobile odontoiatrica, a cura della Aeronautica Militare; Specialisti in senologia, cardiologia, medicina interna e dermatologia a cura dell’Esercito Italiano; Unità mobile otorinolaringoiatrica, a cura dell’Arma dei Carabinieri.

Orari:

Venerdì 11 ottobre 2019: dalle ore 09.00 alle 13.30 – giornata dedicata alle scolaresche;

Sabato 12 ottobre 2019: dalle ore 10.00 alle 20.00;

Domenica 13 ottobre 2019: dalle ore 10.00 alle 18.00.

Le fanfare delle Forze Armate si esibiranno con il seguente programma:

Esercito Italiano venerdì 11 ottobre 2019 dalle 11.30 alle 12.00;

Marina Militare sabato 12 ottobre 2019 dalle 17.00 alle 17.30;

Aeronautica Militare domenica 13 ottobre 2019 dalle 16.00 alle 16.30;

Arma dei Carabinieri domenica 13 ottobre 2019 dalle 13.00 alle 13.30.

Fonte e foto: SMD

Campagna antincendi (AIB): le Forze Armate impegnate in Calabria e in Sicilia

Durante lo scorso fine settimana sono stati numerosi gli interventi in Calabria e Sicilia delle Forze Armate nella lotta agli incendi boschivi, si apprende dallo Stato Maggiore della Difesa.

Nel dettaglio, le giornate del 2 e 3 agosto in Calabria in località Caulonia (RC) e Sant’Elia – Monte San Biagio (RC) hanno visto impegnato nelle attività di spegnimento un elicottero AB412 appartenente al 2° Reggimento Sirio dell’Esercito Italiano che ha effettuato oltre 4 ore di volo e 25 sganci, rilasciando circa 25 tonnellate di acqua.

In Sicilia sono intervenuti elicotteri della Marina Militare e dell’Aeronautica Militare e dell’Arma dei Carabinieri in diverse zone dell’isola colpiti da vasti incendi.

Nel pomeriggio di domenica 3 agosto, in particolare, un elicottero AB 212 della Marina Militare, appartenente alla Stazione Elicotteri di Catania Maristaeli Catania, è intervenuto nella zona di Centuripe (EN).

L’elicottero ha effettuato due diverse sortite per un totale di circa 2 ore di volo  ffettuando  omplessivamente 10 lanci con il “Bambi Bucket”, apparecchiatura in dotazione per il trasporto e il rilascio di acqua nelle zone colpite da incendi.

Gli interventi dell’Aeronautica Militare nella giornata del 3 agosto con l’impiego di un elicottero HH-139A, appartenente all82° Centro C.S.A.R.  (Combat Search and Rescue) di Trapani Birgi, hanno interessato le aree di Borghetto e Giardinello in provincia di Palermo e alcune zone del comune di Termini Imerese (PA).

L’intervento è durato circa 4 ore di volo durante i quali sono stati effettuati 19 sganci per un totale di 13.5 tonnellate di acqua, spiega in dettaglio la Difesa.

Un elicottero NH500 del Raggruppamento Mobile dell’Arma dei Carabinieri è intervenuto nei comuni di Altofunte e Baia Chiaranda nella provincia di Palermo nelle giornate del 1° e del 2 agosto, effettuando 6 ore di volo e 68 sganci per un totale di 34 tonnellate di acqua.

Gli elicotteri intervenuti fanno parte degli assetti delle Forze Armate che il Ministero della Difesa ha messo a disposizione per la campagna antincendi boschivi (AIB) di quest’anno, iniziata lo scorso 15 giugno, che consolida la collaborazione, in atto già da diversi anni, tra Forze Armate, Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e Protezione Civile (PROCIV) per rendere più efficace e incisiva la lotta agli incendi boschivi.

Per la stagione estiva 2019, la flotta nazionale nel periodo di massimo impegno potrà contare su 31 mezzi aerei, di cui 22 del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e 9 delle Forze Armate.

L’impegno delle Forze Armate rientra nell’accordo stipulato tra Ministero della Difesa e Dipartimento della Protezione Civile nell’ambito della campagna AIB, che prevede la costituzione del Centro Operativo Aereo Unificato (COAU), come ente coordinatore degli interventi in caso di emergenza.

L’hashtag per parlarne sui social è #UnaForzaPerilPaese

Fonte e foto: PI SMD

Diritto Penale Militare: nasce un nuovo organo, la Camera Penale Militare. I firmatari dell’iniziativa

È stata costituita una nuova associazione il cui statuto è stato depositato ieri, 9 luglio: si tratta della Camera Penale Militare, apprende Paola Casoli il Blog da fonti proprie, il cui logo è rappresentato da una bilancia con tre stelle.

Questo nuovo organo, che ha sede nei locali del Tribunale Militare di Roma, si prefigge lo scopo di tutelare la figura del difensore e l’indipendenza dell’avvocatura penale militare in conformità alle norme costituzionali, comunitarie, internazionali e alla dichiarazione universale dei diritti umani, senza eccezione alle condizioni di genere; di rafforzare i collegamenti tra gli avvocati penalisti militari, favorendone la formazione; di promuovere le politiche volte alla riforma della giustizia penale militare, con uno sguardo all’introduzione della mediazione dei conflitti e della costruzione di un modello organizzativo delle Forze Armate come esimente penale; di sorvegliare, infine, che la legge penale militare in pace e guerra, nella sua interpretazione e applicazione, sia ispirata alla tutela dei diritti e della dignità dei cittadini e di chi è sottoposto a giurisdizione militare, tutelando il genere.

L’associazione rappresenta una novità assoluta nell’avvocatura. Firmatari dell’iniziativa gli avvocati Saveria Mobrici, Eduardo Boursier Niutta, Alberto Polini, Fabio Federico, Alessandro Diotallevi, Giorgio Carta, Gianfranco Ceoletta, Elvira Ciancio, Antonio Ferdinando De Simone, Anita Mangialetto, Claudio Maria Polidori, Pierpaolo Rivello, Angelo Fiore Tartaglia.

Fonte proprie

Difesa delle coste nazionali: il CaSMD Gen Vecciarelli conferma il pieno impegno delle Forze Armate con radar, aerei e navi

“Su indicazione del Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli, ha partecipato all’odierna riunione del Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza, si apprende da un comunicato stampa di oggi, 8 luglio, dello Stato Maggiore della Difesa (SMD).

“Durante il Comitato il Capo di Stato Maggiore – nell’ambito delle proprie responsabilità di pianificazione, predisposizione e impiego delle Forze Armate nel loro complesso – ha confermato il pieno impegno della Difesa per la sorveglianza e la protezione delle coste, con gli assetti all’uopo destinati (radar, mezzi aerei e mezzi navali)”, si legge dal comunicato stampa.

Fonte: PI SMD

Foto d’archivio da Il Messaggero

Difesa: le Forze Armate supportano la popolazione del Mozambico. Foto

Due aerei dell’Aeronautica Militare trasportano un ospedale e un team di esperti nell’ambito dell’operazione umanitaria decisa per far fronte alle alluvioni in Mozambico (link articolo).

Più in dettaglio, lo stato maggiore della Difesa precisa che sono partiti alla volta del Mozambico un aereo C-130J della 46a Brigata Aerea di Pisa dell’Aeronautica Militare e un aereo KC-767A del 14° Stormo di Pratica di Mare. Il decollo è avvenuto dalla base del 3° Stormo di Villafranca (VR).

Il C-130J trasferisce personale del Dipartimento della Protezione Civile in Mozambico, colpito dagli effetti del ciclone Idai. Il velivolo rimarrà a disposizione per assicurare i trasporti aerei che saranno necessari all’interno dell’area del disastro.

Il KC-767A trasporta nel Paese africano un Posto Medico Avanzato (PMA) di secondo livello, messo a disposizione dalla Regione Piemonte, e un ulteriore team di sanitari e tecnici.

L’intera attività – disposta dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli, su indicazione del Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta – rientra nell’ambito dell’operazione umanitaria decisa allo scopo di contribuire all’assistenza delle popolazioni del Mozambico colpite da catastrofiche alluvioni.

L’intervento umanitario è stato deciso, su richiesta della Commissione Europea agli Stati membri, dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

“Questa operazione testimonia, ancora una volta, la capacità dual use della Difesa, la grande versatilità e capacità di integrarsi in chiave internazionale, interforze e interministeriale delle Forze Armate che sono in grado di rispondere con prontezza alle diverse richieste di intervento in Italia e all’estero”, conclude la Difesa.

L’hashtag per parlarne sui social è: #UnaForzaPerilPaese

Fonte e foto: PI SMD

 

Forze Armate e di Polizia: una conferenza su previdenza e diritto per personale in quiescenza e in servizio attivo

Si terrà venerdì 11 gennaio a Pordenone, a partire dalle 15.30 nella ex Sala consiliare della Provincia, la conferenza “Previdenza e diritto” in favore del personale delle Forze Armate e di Polizia sia in servizio attivo che in quiescenza.

La conferenza è una iniziativa di UNUCI (Unione Nazionale Ufficiali in Congedo d’Italia) Pordenone, in collaborazione con le sezioni locali di ANUPSA (Associazione Nazionale Ufficiali Provenienti dal Servizio Attivo), UNSI (Unione Nazionale Sottufficiali Italiani), ANFP (Associazione Nazionale Funzionari di Polizia).

Relatore il Brigadier Generale (ris) Alessandro Monaco, moderatore il Cav Mario Biscotti, presidente di UNUCI Pordenone.

La conferenza sarà introdotta dal Gen C.A. EI (ris) Vincenzo Santo.

Fonti proprie

Difesa: 4 novembre, le cerimonie militari a Roma, Redipuglia e Trieste

Il prossimo 4 novembre, ricorda lo stato maggiore della Difesa, verranno celebrate le ricorrenze “Giorno dell’Unità Nazionale” e “Giornata delle Forze Armate” con una serie di cerimonie militari.

In particolare, alle 8.30, a Roma, all’Altare della Patria in Piazza Venezia, il Presidente della Repubblica, On. Prof. Sergio Mattarella, accompagnato dalle alte Cariche dello Stato e dalle Autorità militari di vertice, deporrà una corona d’alloro al Sacello del Milite Ignoto.

Non mancherà il tradizionale passaggio delle Frecce Tricolori, che coloreranno di verde, bianco e rosso i cieli di Roma, e il sorvolo in formazione di 5 elicotteri (uno per ciascuna Forza Armata – Esercito, Marina Militare, Aeronautica Militare e Arma dei Carabinieri – e della Guardia di Finanza).

A seguire, alle 10.40, presso il Sacrario Militare dei Caduti della Prima Guerra Mondiale di Redipuglia (Gorizia), il Presidente della Repubblica, On. Prof. Sergio Mattarella, accompagnato dal Ministro della Difesa, dottoressa Elisabetta Trenta, e dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, deporrà una corona di alloro in ricordo dei Caduti.

Alle 11.45, nella Piazza Unità d’Italia a Trieste, si svolgerà alla presenza del Presidente della Repubblica, accompagnato dal Ministro della Difesa e dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, la cerimonia militare commemorativa che suggellerà anche il termine del ciclo di ricorrenze per il Centenario della Prima Guerra Mondiale.

In piazza sarà schierato un Reparto di formazione interforze, a premessa di un momento rievocativo dell’ingresso, nel 1918, delle truppe italiane a Trieste.

A coronamento della cerimonia, il lancio di un paracadutista militare che porterà in volo la Bandiera italiana e il passaggio delle Frecce Tricolori.

Fonte e foto: PI SMD

CME Emilia-Romagna: le celebrazioni del 2 e del 4 novembre, Commemorazione dei Caduti, Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate

Le Forze Armate commemorano il 4 novembre, Giorno dell’Unità Nazionale, Giornata delle Forze Armate, scrive in un comunicato stampa il Comando Militare Esercito (CME) Emilia-Romagna, che ricorda la ricorrenza, legata alla firma dell’armistizio, a Padova, con gli emissari dell’Impero austro-ungarico.

Quest’anno l’evento cade a cento anni esatti dal proclama con cui il Generale Armando Diaz, alle 12 del 4 novembre 1918, annunciò la fine della guerra combattuta per 41 mesi dall’Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, contro l’Austria-Ungheria.

“Una vittoria – prosegue il comunicato – che costò immani sacrifici, ma che sul Piave, sull’Isonzo, nelle trincee del Monte Grappa, nei nostri cieli e mari, vide soldati, marinai, aviatori, carabinieri e finanzieri, scrivere pagine di altissimo valore, consolidando quel sentimento di identità nazionale che avrebbe portato gli italiani a sentirsi, per la prima volta, parte di un unico Popolo”.

Questo il calendario delle attività in programma (fonte CME Emilia-Romagna):

2 novembre: solenne commemorazione dei defunti, con il seguente programma:

8.30: deposizione di una corona d’alloro all’interno del chiostro della Basilica di Santo Stefano, lapidario dei Caduti bolognesi della Prima Guerra Mondiale;

9.00: Santa Messa di suffragio in ricordo di tutti i Caduti nella Basilica di San Petronio;

10.30: deposizione di corone d’alloro alla Cripta Ossario della Certosa – lapidario dei Caduti bolognesi nella Prima Guerra Mondiale.

4 novembre: con inizio alle ore 10.30, si svolgerà in Piazza Maggiore la tradizionale cerimonia militare con lo schieramento di una Compagnia d’onore composta da unità delle Forze Armate, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e dei Corpi armati e non dello Stato, alla presenza del Prefetto di Bologna, dottoressa Patrizia Impresa, e con l’allocuzione del Comandante Militare Esercito Emilia-Romagna, Generale di Brigata Cesare Alimenti.

Al termine della cerimonia, una rappresentanza di studenti del Liceo Scientifico Enrico Fermi di Bologna, dell’ITCS Gaetano Salvemini di Casalecchio di Reno (BO) e dell’Istituto Comprensivo di Zola Predosa (BO) riceverà un Tricolore.

Nel corso della giornata, dalle 9.00 alle 17.00, sarà allestita in Piazza del Nettuno a Bologna un’area espositiva con mezzi e cimeli della Grande Guerra.

In contemporanea, sarà esposta al Circolo Unificato dell’Esercito in via Marsala 12 a Bologna, con accesso libero, la rassegna dell’Assemblea Legislativa Regionale “Emilia Romagna al fronte”.

Si potrà infine visitare, dalle 9.00 alle 13.00, la Caserma L. Manara, sede del Comando Legione Carabinieri Emilia-Romagna.

Fonte: CME Emilia-Romagna

Foto: difesa.it

Difesa: al Festival della Scienza di Genova i laboratori delle Forze Armate e Nave Italia

Riparte oggi il Festival della Scienza di Genova, edizione che vede ancora la partecipazione del personale del Ministero della Difesa.

Quest’anno, fa sapere lo stato maggiore della Difesa (SMD) con un comunicato stampa di ieri, 24 ottobre, “il claim della manifestazione è dedicato ai cambiamenti con cui le Forze Armate, tramite l’utilizzo delle nuove tecnologie, riescono continuamente ad adeguarsi per essere sempre al passo con i tempi”.

Fino al 4 novembre, si apprende, “si potranno toccare con mano e sperimentare i mezzi e i materiali in dotazione ai militari italiani, entrando direttamente a contatto con gli uomini e le donne con le stellette e con le molteplici attività che quotidianamente svolgono con passione al servizio della collettività”.

A Piazza delle Feste saranno allestiti laboratori, attività didattiche, scientifiche e tecnologiche che attraverso installazioni inedite proietteranno tutti gli interessati e curiosi nel mondo delle tecnologie militari.

Sarà possibile vivere l’emozione di lavorare all’interno di una vera e propria sala operativa, per comprendere come gestire le calamità naturali con un’importante azione coordinata e con l’impiego di specifiche strumentazioni.

Rappresentanti dell’Esercito Italiano, della Marina Militare, dell’Aeronautica Militare e dell’Arma dei Carabinieri guideranno i visitatori nel processo di attivazione dell’emergenza e delle attività da compiere fino alla sua risoluzione. Saranno esposti un mezzo militare VTLM Lince, un velivolo-drone Predator e un’automobile dell’Arma dei Carabinieri, dotati di tecnologie speciali d’avanguardia al servizio dei cittadini.

Infine, alla Calata Molo Vecchio, nell’Area Porto Antico, si potrà visitare Nave Italia, il più grande brigantino a vela del mondo di 61 metri, che dal 19 marzo 2007 è di proprietà della Fondazione Tender to Nave Italia, una Onlus costituita dalla Marina Militare Italiana e dallo Yacht Club Italiano, che utilizza la navigazione a vela per migliorare la qualità della vita di persone affette da disabilità fisiche, cognitive e problematiche di inserimento sociale.

Presente anche il Segretariato Generale della Difesa con alcuni importanti progetti scientifico tecnologico, per far comprendere i cambiamenti delle nuove tecnologie e far conoscere la duplice utilità della ricerca con le stellette.

Fonte: PI SMD

Foto: @FDellaScienza